Narrativa

L’AMORE GRAFFIA IL MONDO

Riccarelli Ugo

Descrizione: È come se portasse il destino nel nome, Signorina: suo padre, capostazione in un piccolo paese di provincia, l'ha chiamata così ispirandosi al soprannome di una locomotiva di straordinaria eleganza. E creare eleganza, grazia, bellezza è il suo talento. Un giorno dal treno sbuca un omino con gli occhi a mandorla e, con pochi semplici gesti, crea un vestitino di carta per la sua bambola. L'omino scompare, ma le lascia un dono, un dono che lei scoprirà di possedere solo quando una sarta assisterà a una delle sue creazioni. Potrebbe essere l'atto di nascita di una grande stilista, ma ci sono il fascismo, la povertà e gli scontri in famiglia, le responsabilità, i divieti e poi la guerra... e Signorina poco a poco rinuncia a parti di se stessa, a desideri e aspirazioni, soffocando anche la propria femminilità, con una generosità istintiva e assoluta. E quando infine anche lei, quasi all'improvviso, si scopre donna e conosce l'amore, il sogno dura comunque troppo poco, sopraffatto da nuovi doveri e nuove fatiche, e dalla prova più difficile: un figlio nato troppo presto e nato malato, costretto a "succhiare aria" intorno a sé come un ciclista in salita. Nonostante i binari della ferrovia siano ormai lontani e la giovinezza lasci il posto a una maturità venata di nostalgia, ancora una volta Signorina sfodera il suo coraggio e la sua determinazione al bene e lotta per far nascere suo figlio una seconda volta, forte e capace di respirare da solo. Solo alla fine, nell'attimo esatto in cui la lotta cede il passo alla quiete, quel figlio nato due volte si renderà conto che l'amore coraggioso, quello di una donna e di una madre come Signorina, porta nel suo stesso corpo le ferite e i graffi del tempo... L'amore graffia il mondo è il ritratto appassionante di una donna più forte delle proprie fragilità e del vento della storia: una figura indimenticabile, unica, eppure sorella delle tante donne che ogni giorno come guerriere silenziose rinunciano a se stesse per abnegazione e per amore. Ma - come Il dolore perfetto, con cui Riccarelli ha vinto il premio Strega nel 2004 - questo romanzo è anche la saga di una grande famiglia, con una galleria di personaggi severi o meschini, inermi o tenaci che rimangono incisi nella memoria perché appartengono a un tempo perduto. È la storia dell'amore più assoluto e viscerale, quello tra madre e figlio, e della speranza più visionaria. Ed è la celebrazione della forza dell'immaginazione: quella di una donna capace di trarre un abito dalle pieghe di un foglio di carta, perché bastano pochi semplici gesti per vestire di bellezza il mondo.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Scrittori Italiani e Stranieri

Anno: 2012

ISBN: 9788804616276

Trama

Le Vostre recensioni

Quante volte, da bambini, siamo stati rapiti dalla realizzazione di una figura di carta? Si sia trattato di una barchetta, di un cappellino o di una fila di sagome umane che si aprono dopo un abile ritaglio…

Qualcosa di simile accade a Signorina, figlia di ferroviere, che in un incontro magico scopre un’abilità straordinaria nelle proprie mani. Tutto accade quando un ometto dagli occhi a mandorla le regala un abito di carta, confezionato in quattro e quattr’otto sotto gli occhi esterrefatti della bambina, che presto realizza di avere la medesima abilità intravista “giù alla stazione, sulla banchina, da un omino con gli occhi a sghimbescio.

“L’amore graffia il mondo” è la storia delle occasioni mancate di una bambina sensibile e intelligente, che poi diventa donna con il senso della modestia, del sacrificio, della rinuncia.

Signorina patisce la cultura patriarcale ove il capofamiglia è molto capobranco e poco padre (“La Maria dovette preoccuparsi di dar da mangiare ai bambini in momenti separati per poi, la sera, metterli a letto prima che il marito rincasasse…”), ove la mamma ha il senso della sottomissione (“convinta che il posto delle donne fosse ben dentro la propria casa…” ) e sottovaluta le sue fatiche (“Ma lei no, le disse che no, lei non aveva mai lavorato”), ove il ruolo della donna è quello di stare in casa, al proprio posto (“quelle parole … che non erano giunte, sancendo definitivamente la proibizione – ndr: di proseguire gli studi – con cui il padre anni prima le aveva segnato la vita”).

Nel corso della sua vita Signorina scopre, in ogni tappa, che l’amore graffia il mondo e che la vita graffia l’animo. E realizza un destino opposto a quello che avrebbe desiderato per sé, quando aveva giurato “a se stessa di voler essere diversa dalla Maria, di voler uscire dalla casa dei ferrovieri e vedere il mondo…”

Così si sposa per ripiego (“Non era esattamente quello che lei aveva sognato per la prima notte di nozze, ma quello era il suo Beppe, era quello il suo amore, e allora Signorina … si strinse alle sue braccia e si lasciò amare”), affronta scelte difficili, la malattia del figlio Ivo (“la gravità di quel boccheggiare…”), incappa lei stessa nella malattia mentale…

Tornano in questo romanzo i temi cari a Riccarelli, autore straordinario che nello scorso mese di luglio ci ha lasciato orfani della sua penna sensibile, che sa incidere in profondità l’animo di chi legge. In quest’ultima opera abbiamo modo di assaporare nuovamente il gusto per la saga familiare che si sviluppa negli anni del fascismo e del secondo conflitto mondiale, il senso della lotta contro la malattia per “Ricucire la vita” (“Scusi, professore, ma non si può sostituirgli i polmoni come ho vista che si comincia a fare con il cuore?”), l’analisi del dolore (cfr. “Il dolore perfetto”) che pervade l’esistenza, l’abilità drammatica nel plasmare personaggi forti che nulla possono contro il destino…

 Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ugo

Riccarelli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Riccarelli Ugo

Dopo la firma della Grande Pace, Chicago è suddivisa in cinque fazioni consacrate ognuna a un valore: la sapienza per gli Eruditi, il coraggio per gli Intrepidi, l'amicizia per i Pacifici, l'altruismo per gli Abneganti e l'onestà per i Candidi. Beatrice deve scegliere a quale unirsi, con il rischio di rinunciare alla propria famiglia. Prendere una decisione non è facile e il test che dovrebbe indirizzarla verso l'unica strada a lei adatta, escludendo tutte le altre, si rivela inconcludente: in lei non c'è un solo tratto dominante ma addirittura tre! Beatrice è una Divergente, e il suo segreto - se reso pubblico - le costerebbe la vita. Non sopportando più le rigide regole degli Abneganti, la ragazza sceglie gli Intrepidi: l'addestramento però si rivela duro e violento, e i posti disponibili per entrare davvero a far parte della nuova fazione bastano solo per la metà dei candidati. Come se non bastasse, Quattro, il suo tenebroso e protettivo istruttore, inizia ad avere dei sospetti sulla sua Divergenza... Età di lettura: da 12 anni.

Divergent

Roth Veronica

I bambini osservano muti le giostre dei grandi

Marotta Giuseppe

ALMENO IL CAPPELLO – di Andrea Vitali

Si dice che si vive una volta sola, ma purtroppo non sempre è così

Paul A. Valenti