Letteratura femminile

AMORI

Reyes Alina

Descrizione: Otto incontri, otto amori, otto situazioni in cui carnalità e passione erotica prendono il sopravvento su qualunque altro sentire. Otto uomini senza nome, quasi senza volto, otto racconti che si incrociano lasciando all'alternanza libera di gesti, di azioni e di accoppiamenti, il compito di rivelare il segreto di ogni avvicinamento sessuale. Un diario erotico che ricostruisce il profilo di una passione erotica e sentimentale, senza caricarla di troppi significati sottintesi, ma anzi lasciando che la fisicità pura prenda lentamente il sopravvento, celebrando la gioia della carnalità al femminile, la bellezza del corpo maschile, la magia dell'avvicinamento, della seduzione e della sessualità umana.

Categoria: Letteratura femminile

Editore: Guanda

Collana: Prosa contemporanea

Anno: 2007

ISBN: 9788882469917

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Rrosa ed i suoi amori.

Ci sono tutti, di tutti i tipi, descritti con le labbra turgide della bocca e del sesso.

E’ Rrosa l’io narrante impudico e accattivante di questo diario scandaloso. I suoi amori sono un numero caratterizzato, un pezzo di corpo, un modo di possederla, un odore riconoscibile o dello sperma schiumoso.

Rrosa è voglia di perdersi nel piacere dell’amore in tutte le sue forme: cercandolo, desiderosa, nelle pieghe più nascoste del suo e dell’altrui corpo per riempirsi tutta con esso.

Rrosa è la bocca avida che afferra lo stelo di uno dei suoi amanti, quella cosa squisita e quel giocattolo meraviglioso a cui rendere omaggio. E’ il sesso sodo da far guardare, come un teatro dai sipari che si aprono e si chiudono; è una delizia di cuor di lattuga, una fetta di pane tenero al burro salato da assaporare; è un “bordello privato dove entrano solo gli eletti“, e i meritevoli, aggiungerei; un luogo in cui solo cavalieri audaci possono penetrare con le proprie lance per goderne. “Ecco la mia rrosa. Omaggiatela con gli occhi, col naso, con la lingua e con le dita, infilateci lo stelo, affondatelo fino al suo cuore che è anche il mio cuore“.

Non sappiamo quanti uomini abbia veramente amato Rrosa – con il corpo e con la mente -, ma sappiamo che ognuno di essi è catalogato dal tempo e dal segno del piacere lasciato dentro di lei.

Ho amato un raffinato giovanotto cerebrale;[…] ho amato un dolce e piccolo mago; ho amato un grosso negro dalla risata sonora;[…] ho amato un uomo che mi amava anche con la sua macchina fotografica; […] ho amato degli scrittori; […] ho amato uomini che ho amato soltanto nella mia mente, o anche che esistevano soltanto nella mia mente; ho conosciuto col corpo uomini che non ho quasi conosciuto con la mente; ho amato me stessa quando sono sola e uso me stessa come uomo; […] ho amato, amo, amerò“.

E’ di amore erotico che Alina Reyes ci parla in queste pagine intrise di odori, sapori, calore e gemiti di piacere. Pagine che, tuttavia, possono far sorgere nel lettore meno avvezzo al linguaggio insolente e attraente dell’autrice o in chi, semplicemente, pensa che di “certe cose” non si debba parlare, il dubbio sul senso di un diario in cui sono riportate, con dovizia di particolari, le esperienze sessuali di una donna.

Chi deciderà invece – incuriosito dalla franchezza di Rrosa – di proseguire nel suo viaggio tutto interiore, rimarrà piacevolmente colpito dall’acume con cui l’io narrante – con un’analisi schietta ma indulgente – mette a nudo le fragilità e le miserie di quell’ uomo che, nascosto dietro una maschera di virilità e vanità, è incapace di donarsi con la spontaneità e la generosità proprie di una donna.

Preferisco di gran lunga gli uomini che non sono convinti della loro eccellenza […]. Mi piacciono agili di mente, pronti a comunicare i loro gusti, i loro desideri, la loro esperienza, ma anche ad accettare le mie voglie e fantasie. Senza sentirsi umiliati da certi gesti o da certe domande che li mettono […] in una situazione più femminile che virile. Mi piacciono capaci di autorevolezza ma anche di abbandono. Li amo, li amo profondamente così come venuti al mondo, nella loro brutale innocenza“.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alina

Reyes

Libri dallo stesso autore

Intervista a Reyes Alina


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Due ragazze, Miriam e Giulia, si risvegliano in un bosco, senza più ricordare nulla. La loro mente è vuota. I ricordi cancellati. Iniziano allora un incredibile viaggio, costellato di stranezze da incubo, alla ricerca della propria identità. Il loro destino è legato a quello di un ragazzo di nome Dominique. I ragazzi scoprono di essere i detentori di un’essenza divina che è stata divisa in tre parti, permettendo la loro nascita. Miriam racchiude in sé il seme del Bene, Giulia quello del Male, mentre Dominique è l’Equilibratore tra le due forze opposte. Solo la ricostituzione dell’essenza divina permetterà a Miriam di ricevere un prezioso dono, talmente potente da cambiare le sorti dell’umanità. Autore Maria De Riggi è autrice di racconti e poesie pubblicate in varie antologie dagli editori Delos Books, La mela avvelenata, Alcheringa, Butterfly. La scrittura per lei ha una doppia valenza. Da un lato rappresenta una sorta di ricerca interiore, dall’altra è un modo per esplicare se stessa.

I cavalieri della vita

De Riggi Maria

Il male non dimentica

Costantini Roberto

Due ragazzi sedicenni frequentano la stessa scuola esclusiva. L'uno è figlio di un medico ebreo, l'altro è di ricca famiglia aristocratica. Tra loro nasce un'amicizia del cuore, un'intesa perfetta e magica. Un anno dopo, il loro legame è spezzato. Questo accade in Germania, nel 1933... Racconto di straordinaria finezza e suggestione, L'amico ritrovato è apparso nel 1971 negli Stati Uniti ed è poi stato pubblicato in Inghilterra, Francia, Olanda, Svezia, Norvegia, Danimarca, Spagna, Germania, Israele, Portogallo. Ovunque lo stesso entusiasmo della critica. "Un'opera letteraria rara", l'ha definito George Steiner sul New Yorker, "Un capolavoro", ha scritto Arthur Koestler nell'introduzione all'edizione inglese del 1976. "Un libro che assilla la memoria... una gemma", "Un racconto magistrale", hanno fatto eco The Sunday Express e The Financial Times di Londra. E infine Le Monde di Parigi: "Uno dei testi più densi e più puri sugli anni del nazismo in Germania... Tra i romanzi più belli che si possano raccomandare ai lettori, dai dodici anni in su. Senza esitazione."

L’amico ritrovato

Uhlman Fred

«Lui non aveva paura della morte, non aveva paura di niente.» Lui è Willy l’Olandese, un vecchio killer implacabile. Un gigante silenzioso e in apparenza indifferente a tutto come un dio nordico. Quando arriva nella valle presso il grande lago del Norditalia che ogni anno è la sua meta estiva, in una pensione dove fa da cameriera la bella Adriana, non sa di avere appuntamento con il destino. Il telefono ha squillato in una casa a pochi chilometri da lì e un altro killer, un trentenne sfigurato al volto da un remoto incidente d’auto, ha ricevuto l’incarico di ucciderlo. Tutta la storia si svolge nell’arco di 24 ore, ma la tensione monta capitolo dopo capitolo nell’attesa del momento fatale: lo scontro fra due killer professionisti, due terribili macchine di morte. E tra loro l’inquietudine di Adriana, che senza saperlo ne deciderà le sorti. Tutt’intorno uno scenario affascinante: un piccolo paese rivierasco, le acque buie del grande lago, e una valle profonda, percorsa da un torrente gelido. Un paesaggio che sta per essere contaminato dall’approssimarsi del Male. Con rara potenza, Montanari ci restituisce il clima feroce e geometrico di Durrenmatt e del grande noir americano immergendoli nel contesto della provincia italiana, fino a creare un contrasto sorprendente e irresistibile.

La perfezione

Montanari Raul