Letteratura femminile

AMORI

Reyes Alina

Descrizione: Otto incontri, otto amori, otto situazioni in cui carnalità e passione erotica prendono il sopravvento su qualunque altro sentire. Otto uomini senza nome, quasi senza volto, otto racconti che si incrociano lasciando all'alternanza libera di gesti, di azioni e di accoppiamenti, il compito di rivelare il segreto di ogni avvicinamento sessuale. Un diario erotico che ricostruisce il profilo di una passione erotica e sentimentale, senza caricarla di troppi significati sottintesi, ma anzi lasciando che la fisicità pura prenda lentamente il sopravvento, celebrando la gioia della carnalità al femminile, la bellezza del corpo maschile, la magia dell'avvicinamento, della seduzione e della sessualità umana.

Categoria: Letteratura femminile

Editore: Guanda

Collana: Prosa contemporanea

Anno: 2007

ISBN: 9788882469917

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Rrosa ed i suoi amori.

Ci sono tutti, di tutti i tipi, descritti con le labbra turgide della bocca e del sesso.

E’ Rrosa l’io narrante impudico e accattivante di questo diario scandaloso. I suoi amori sono un numero caratterizzato, un pezzo di corpo, un modo di possederla, un odore riconoscibile o dello sperma schiumoso.

Rrosa è voglia di perdersi nel piacere dell’amore in tutte le sue forme: cercandolo, desiderosa, nelle pieghe più nascoste del suo e dell’altrui corpo per riempirsi tutta con esso.

Rrosa è la bocca avida che afferra lo stelo di uno dei suoi amanti, quella cosa squisita e quel giocattolo meraviglioso a cui rendere omaggio. E’ il sesso sodo da far guardare, come un teatro dai sipari che si aprono e si chiudono; è una delizia di cuor di lattuga, una fetta di pane tenero al burro salato da assaporare; è un “bordello privato dove entrano solo gli eletti“, e i meritevoli, aggiungerei; un luogo in cui solo cavalieri audaci possono penetrare con le proprie lance per goderne. “Ecco la mia rrosa. Omaggiatela con gli occhi, col naso, con la lingua e con le dita, infilateci lo stelo, affondatelo fino al suo cuore che è anche il mio cuore“.

Non sappiamo quanti uomini abbia veramente amato Rrosa – con il corpo e con la mente -, ma sappiamo che ognuno di essi è catalogato dal tempo e dal segno del piacere lasciato dentro di lei.

Ho amato un raffinato giovanotto cerebrale;[…] ho amato un dolce e piccolo mago; ho amato un grosso negro dalla risata sonora;[…] ho amato un uomo che mi amava anche con la sua macchina fotografica; […] ho amato degli scrittori; […] ho amato uomini che ho amato soltanto nella mia mente, o anche che esistevano soltanto nella mia mente; ho conosciuto col corpo uomini che non ho quasi conosciuto con la mente; ho amato me stessa quando sono sola e uso me stessa come uomo; […] ho amato, amo, amerò“.

E’ di amore erotico che Alina Reyes ci parla in queste pagine intrise di odori, sapori, calore e gemiti di piacere. Pagine che, tuttavia, possono far sorgere nel lettore meno avvezzo al linguaggio insolente e attraente dell’autrice o in chi, semplicemente, pensa che di “certe cose” non si debba parlare, il dubbio sul senso di un diario in cui sono riportate, con dovizia di particolari, le esperienze sessuali di una donna.

Chi deciderà invece – incuriosito dalla franchezza di Rrosa – di proseguire nel suo viaggio tutto interiore, rimarrà piacevolmente colpito dall’acume con cui l’io narrante – con un’analisi schietta ma indulgente – mette a nudo le fragilità e le miserie di quell’ uomo che, nascosto dietro una maschera di virilità e vanità, è incapace di donarsi con la spontaneità e la generosità proprie di una donna.

Preferisco di gran lunga gli uomini che non sono convinti della loro eccellenza […]. Mi piacciono agili di mente, pronti a comunicare i loro gusti, i loro desideri, la loro esperienza, ma anche ad accettare le mie voglie e fantasie. Senza sentirsi umiliati da certi gesti o da certe domande che li mettono […] in una situazione più femminile che virile. Mi piacciono capaci di autorevolezza ma anche di abbandono. Li amo, li amo profondamente così come venuti al mondo, nella loro brutale innocenza“.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alina

Reyes

Libri dallo stesso autore

Intervista a Reyes Alina

"Carrie, mia figlia di tre anni, è sparita mentre giocavamo a nascondino nel mio appartamento di Brooklyn." La denuncia di Flora Conway, una famosa scrittrice nota per la sua riservatezza, sembra un enigma senza soluzione. Nonostante il clamoroso successo dei suoi libri, Flora non partecipa mai a eventi pubblici, né rilascia interviste di persona: il suo unico tramite con il mondo esterno è Fantine, la sua editrice. La vita di Flora è avvolta dal mistero come la scomparsa della piccola Carrie. La porta dell'appartamento e le finestre erano chiuse, le telecamere del vecchio edificio di New York non mostrano alcuna intrusione, le indagini della polizia non portano a nulla. Dall'altra parte dell'Atlantico, a Parigi, Romain Ozorski è uno scrittore dal cuore infranto. Vorrebbe che la sua vita privata fosse metodica come i romanzi che scrive di getto, invece la moglie lo sta lasciando e minaccia di portargli via l'adorato figlio Théo. Romain è l'unico che possiede la chiave per risolvere il mistero di Flora, e lei è decisa a trovarlo a tutti i costi.

La vita è un romanzo

Musso Guillaume

Proprio mentre i giornali annunciano che Joào Ubaldo Ribeiro sta scrivendo un libro sulla lussuria, lo scrittore riceve un manoscritto. Sono gli originali del testo che viene pubblicato e permettono al pubblico di conoscere la storia di un personaggio eccezionale in tutti i sensi: CLB, una donna di 68 anni di Rio de Janeiro che nella sua vita non si è mai tirata indietro quando si è trattato dei piaceri e delle infinite possibilità del sesso. Impudico e provocatore, Joào Ubaldo Ribeiro (1941), il grande maestro della letteratura brasiliana, il celebre autore tradotto in più di sedici paesi, ha dedicato un libro alla lussuria, provando che sotto l’Equatore il peccato non esiste.

LUSSURIA

Ribeiro João Ubaldo

Dai poemi omerici alla fantascienza contemporanea, dai testi sacri ai fumetti, passando per tutti i capisaldi della nostra educazione alla lettura (dai "Ventimila leghe sotto i mari" ad "Alice nel paese delle meraviglie", dal "Milione" di Marco Polo a Tolkien), l'umanità ha continuamente inventato terre immaginarie e leggendarie, proiettando lì desideri, sogni, utopie, incubi troppo ingombranti e impegnativi per il nostro limitato mondo reale. Umberto Eco ci conduce in un vero e proprio viaggio illustrato in queste terre lontane e sconosciute, facendoci scoprire da chi sono abitate, quali passioni le attraversano, quali eroi le abitano e, soprattutto, quale importanza rivestono per noi. Un percorso erudito e godibile insieme che accosta testi antichi e medievali a testi contemporanei, film a poemi, fumetti a romanzi che hanno segnato la sensibilità e la formazione di tutti noi.

Storia delle terre e dei luoghi leggendari

Eco Umberto

Un ragazzino di tredici anni che è ancora bambino, ma che comincia ad avvertire la pulsione di scoprire la vita; una madre, vedova, che è ancora fiorente e desiderosa di vivere; L'inquietudine, la difficoltà dei rapporti, la scoperta del sesso. I turbamenti sessuali ed esistenziali di un adolescente che scopre la vita in un grande romanzo che ha segnato un'epoca: un libro scritto nel 1941 ma giudicato troppo scabroso dalla censura fascista, uscito in libreria solo nel 1944.

Agostino di Alberto Moravia

Moravia Alberto