Letteratura femminile

AMORI

Reyes Alina

Descrizione: Otto incontri, otto amori, otto situazioni in cui carnalità e passione erotica prendono il sopravvento su qualunque altro sentire. Otto uomini senza nome, quasi senza volto, otto racconti che si incrociano lasciando all'alternanza libera di gesti, di azioni e di accoppiamenti, il compito di rivelare il segreto di ogni avvicinamento sessuale. Un diario erotico che ricostruisce il profilo di una passione erotica e sentimentale, senza caricarla di troppi significati sottintesi, ma anzi lasciando che la fisicità pura prenda lentamente il sopravvento, celebrando la gioia della carnalità al femminile, la bellezza del corpo maschile, la magia dell'avvicinamento, della seduzione e della sessualità umana.

Categoria: Letteratura femminile

Editore: Guanda

Collana: Prosa contemporanea

Anno: 2007

ISBN: 9788882469917

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Rrosa ed i suoi amori.

Ci sono tutti, di tutti i tipi, descritti con le labbra turgide della bocca e del sesso.

E’ Rrosa l’io narrante impudico e accattivante di questo diario scandaloso. I suoi amori sono un numero caratterizzato, un pezzo di corpo, un modo di possederla, un odore riconoscibile o dello sperma schiumoso.

Rrosa è voglia di perdersi nel piacere dell’amore in tutte le sue forme: cercandolo, desiderosa, nelle pieghe più nascoste del suo e dell’altrui corpo per riempirsi tutta con esso.

Rrosa è la bocca avida che afferra lo stelo di uno dei suoi amanti, quella cosa squisita e quel giocattolo meraviglioso a cui rendere omaggio. E’ il sesso sodo da far guardare, come un teatro dai sipari che si aprono e si chiudono; è una delizia di cuor di lattuga, una fetta di pane tenero al burro salato da assaporare; è un “bordello privato dove entrano solo gli eletti“, e i meritevoli, aggiungerei; un luogo in cui solo cavalieri audaci possono penetrare con le proprie lance per goderne. “Ecco la mia rrosa. Omaggiatela con gli occhi, col naso, con la lingua e con le dita, infilateci lo stelo, affondatelo fino al suo cuore che è anche il mio cuore“.

Non sappiamo quanti uomini abbia veramente amato Rrosa – con il corpo e con la mente -, ma sappiamo che ognuno di essi è catalogato dal tempo e dal segno del piacere lasciato dentro di lei.

Ho amato un raffinato giovanotto cerebrale;[…] ho amato un dolce e piccolo mago; ho amato un grosso negro dalla risata sonora;[…] ho amato un uomo che mi amava anche con la sua macchina fotografica; […] ho amato degli scrittori; […] ho amato uomini che ho amato soltanto nella mia mente, o anche che esistevano soltanto nella mia mente; ho conosciuto col corpo uomini che non ho quasi conosciuto con la mente; ho amato me stessa quando sono sola e uso me stessa come uomo; […] ho amato, amo, amerò“.

E’ di amore erotico che Alina Reyes ci parla in queste pagine intrise di odori, sapori, calore e gemiti di piacere. Pagine che, tuttavia, possono far sorgere nel lettore meno avvezzo al linguaggio insolente e attraente dell’autrice o in chi, semplicemente, pensa che di “certe cose” non si debba parlare, il dubbio sul senso di un diario in cui sono riportate, con dovizia di particolari, le esperienze sessuali di una donna.

Chi deciderà invece – incuriosito dalla franchezza di Rrosa – di proseguire nel suo viaggio tutto interiore, rimarrà piacevolmente colpito dall’acume con cui l’io narrante – con un’analisi schietta ma indulgente – mette a nudo le fragilità e le miserie di quell’ uomo che, nascosto dietro una maschera di virilità e vanità, è incapace di donarsi con la spontaneità e la generosità proprie di una donna.

Preferisco di gran lunga gli uomini che non sono convinti della loro eccellenza […]. Mi piacciono agili di mente, pronti a comunicare i loro gusti, i loro desideri, la loro esperienza, ma anche ad accettare le mie voglie e fantasie. Senza sentirsi umiliati da certi gesti o da certe domande che li mettono […] in una situazione più femminile che virile. Mi piacciono capaci di autorevolezza ma anche di abbandono. Li amo, li amo profondamente così come venuti al mondo, nella loro brutale innocenza“.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alina

Reyes

Libri dallo stesso autore

Intervista a Reyes Alina


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

C'era una volta la Provincia italiana ricca, felice e molto produttiva. Che commerciava con l'estero, dava del tu ai colossi oltre confine con l'orgoglio di una identità, prima che nazionale, comunale. C'era un tempo in cui anche gli stupidi facevano soldi, in un paese dove il PIL cresceva di due cifre l'anno. Dove i soldi guadagnati con allegria, spensieratezza e persine cafonaggine venivano ben esibiti in beni di lusso. Poi arrivarono i guru della globalizzazione a dire che si doveva cambiare, ad andare in televisione a sponsorizzare mercati stellari in Cina e a sostenere che il vecchio modello, quello dove si stava bene, andava male. Questa è "la storia della mia gente", non solo degli "stracciaroli di Prato", ma di una provincia felice e intelligente, sacrificata alla globalizzazione.

Storia della mia gente

Nesi Edoardo

In una terra selvaggia e primordiale, ammantata di storia e superstizione, un vomere traccia il solco di una città: nessuno immagina che è appena nata Roma, la Città Eterna. La storia dietro quell'attimo fatale è però molto diversa dalla leggenda che tutti conosciamo, perché avviene in un tempo di fame, freddo e carestie, dove la sopravvivenza è spesso sinonimo di sopraffazione. E la lupa non è affatto quella che i miti ci hanno tramandato. Perché la fondazione di Roma è un'avventura cruda e disperata, un'epopea di resilienza, un solco di sangue tracciato nel nostro passato che racconta la sfida primordiale fra due gemelli consacrati dagli dèi, e il suo doloroso esito, che ne ha proclamato il vincitore: Romolo, il bambino sopravvissuto alla morte, il ragazzo che ha combattuto nel fango e nel dolore, l'uomo che per realizzare il suo sogno ha piegato un mondo ostile, brutale e dominato dalla violenza, dando così inizio alla più gloriosa potenza antica che la storia ricordi. Romolo, il primo re.

Romolo

Forte Franco

Il diario politico del 2011 raccontato dal più corrosivo e implacabile tra i giornalisti italiani. Un appuntamento che ogni lunedì tiene incollate al video migliaia di persone, in diretta sul seguitissimo blog di Beppe Grillo. In molti l'hanno capito, è l'occasione unica per informarsi davvero, rompere con il sistema addomesticato dell'informazione televisiva ed entrare direttamente dentro la cronaca, gli scandali e l'attualità politica. Finalmente senza filtri. Ruby e i festini di Arcore; P2, P3 e P4; Berlusconi e i processi; i referendum e il crollo dei partiti; le elezioni regionali e la sconfitta del Pdl; lodi e leggi ad personam... Tutto quello che dovevate sapere e che nessuno ha raccontato. Anzi, in molti l'hanno nascosto. Ogni intervento di Marco Travaglio è una ricostruzione minuziosa dei fatti e un atto d'accusa contro il potere che pensa solo a se stesso, mai ai cittadini e ancora meno al bene comune.

Silenzio, si ruba

Travaglio Marco

Qui trovate la scheda del libro nel sito dell'editore: http://www.edizioniensemble.it/prodotto/il-male-minore/

Il male minore

Giancani Arianna