Narrativa

AMORI STREGATI

Jelloun Tahar Ben

Descrizione: Racconti sul tema dell'amore e dell'inganno in cui passione e abbandono, magia e perdizione, amori duraturi e amori fugaci, erotismo e romanticismo descrivono l'universo di questo sentimento nelle sue svariate forme.

Categoria: Narrativa

Editore: Bompiani

Collana: Narratori Stranieri

Anno: 2003

ISBN: 9788845255175

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

 

Le relazioni umane sono complesse; fra le persone c’è mistero, opacità, ombra, incomprensione. Cosa c’è di più complicato della relazione fra un uomo e una donna? All’epoca mia, ognuno aveva il suo posto: l’uomo fuori, la donna dentro; c’era una specie di armonia; non era perfetta ma nessuno era tentato di lasciare il proprio posto. Le donne non si ribellavano, facevano di meglio: agivano con astuzia e docilità. Ottenevano ciò che volevano con dolcezza e intelligenza. Non sempre ci riuscivano. Oggi le cose sono cambiate; le donne sono diventate più ribelli, non lasciano fare. Si battono come possono. Certe ricorrono ai maghi, alla stregoneria…E’ più diffusa di quanto tu non creda…”.

Ci sono cose che la ragione non può spiegare e l’amore, si sa, è una di queste. Quando la razionalità si scontra con le pulsioni del cuore, uomini e donne – indistintamente – perdono il controllo della propria vita e le storie amorose prendono una piega del tutto inaspettata. Non rimane quindi che affidarsi alla magia, all’astrologia, alla stregoneria – per chi se lo può permettere – per tenere “legato” a sé il proprio amato. Anche la persona più scettica si ritroverà a fare i conti – suo malgrado – con il progressivo ed inspiegabile susseguirsi di eventi imprevisti.

Non si tratta di deragliare ma di adattarsi. Viviamo in una società semiologica, una società in cui il razionale affianca le superstizioni, la magia, la stregoneria, le credenze occulte…Non sono debole, ma ho dei dubbi sul potere della ragione. […] Ci sono delle zone d’ombra, cose che sfuggono alla razionalità”.

Spesso l’amore non c’entra: l’alternativa “occulta” alla ragione diventa la via di fuga da una realtà di problemi, angosce e disillusioni che lasciano l’individuo annientato ed indifeso di fronte alla vita. Quando il sogno non basta a staccarsi da questa realtà, non rimane che separarsi da una vita in cui “ci si assenta da se stessi” per ricominciare con sconsiderato coraggio una nuova esistenza.

Le storie raccontate dallo scrittore marocchino Tahar Ben Jelloun narrano di vite sospese, di amori traditi e contrariati, di mariti invisibili e di donne che amano la poesia fino ad uccidere, di uomini fedeli ai propri ideali e ai propri sogni, di amici delusi da amici e di nomi traditi dalla vanità degli uomini, di uomini onesti avversati e vinti dall’ingiustizia, di amanti esigenti e di ardenti passioni.

Forse non hai capito. Io, per essere sedotta, ho bisogno di un cantastorie, un affabulatore. E’ questa la mia esigenza; certe hanno bisogno di cene a base di champagne, di limousine, di gioielli d’oro, io ho bisogno solo di parole, ma non parole qualsiasi!”.

I racconti di Tahar Ben Jelloun racchiudono migliaia di storie che sanno di luoghi lontani, ma di tempi vicini, quelli della nostra società che – nella sua ostentata modernità – presenta ancora i segni di un passato remoto e primitivo. I tempi cambiano, il sapere si evolve, ma gli uomini custodiscono gelosamente dentro di loro l’ancestralità delle proprie origini, saldamente ancorati a credenze e rituali folli.

Il divario tra la modernità delle aspettative e l’antichità delle pulsioni sembra però colmato dai sentimenti e dai legami autentici, come l’amore e l’amicizia che – nella confusione generale – sanno ancora incantare l’umanità. Uno su tutti l’ultimo racconto “Naima e Habiba”: un esempio di amore e fedeltà tra due amiche vicine nella sofferenza e nelle difficoltà.

Lo scrittore ci conduce in un viaggio incredibile attraverso l’universo amoroso in tutte le sue numerose sfaccettature, dalle strade convulse della città a quelle polverose del deserto.

I racconti sono suddivisi in quattro parti, dedicate rispettivamente ad altrettanti tipi d’“amore”: stregati, contrariati, traditi e, da ultimo, l’amicizia. Gli spunti di riflessione sono molti e – anche se la straordinaria ed inattesa varietà dei racconti può talvolta disorientare il lettore – il risultato complessivo è quello di un libro sapientemente costruito.

Non rimane che lasciarsi condurre dall’affascinante scrittura di un autore che conosce le parole e le sa raccontare.

Da leggere

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ben

Tahar

Jelloun

Libri dallo stesso autore

Intervista a Jelloun Tahar Ben

LE BRACI – Sàndor Màrai

Ostaggi – 8 aprile 2017, ore 20:45, al Nuovo Teatro Ariberto di Milano

Roma 1903: la morte di una guardia svizzera e di una giovane cameriera scuote il Vaticano. Il papa Leone XIII decide che per risolvere il mistero è necessaria la consulenza di un giovane medico viennese esperto nell'indagare la mente: Sigmund Freud. Il suo compito sarà individuare l'individuo che sta dietro alla tragica morte dei giovani. Non per assicurarlo alla giustizia, però, perché uno scandalo metterebbe a repentaglio la missione della Chiesa. E in fondo, pensa il papa, il colpevole riceverà l'adeguata punizione nell'aldilà. Il risultato dell'indagine servirà a impedire che, alla morte ormai prossima di Leone, il soglio di Pietro venga occupato da un empio, da un assassino. E Freud potrà contare sull'assistenza della bellissima cameriera Maria e di un giovane seminarista dal cuore puro, un certo Giuseppe Angelo Roncalli...

La scelta di Sigmund

Martigli Carlo A.

Paul Léautaud, piccolo classico del Novecento e mito discreto, aveva fatto nella sua vita ciò che ognuno almeno una volta ha vagheggiato: aveva trasformato una gelosa, ermetica solitudine in un osservatorio sulle assurdità e le bassezze del tempo. Ed anche questi tre rari racconti non concedono nulla di prevedibile al lettore: buoni sentimenti, riferimenti ideologici, appartenenze letterarie, perfino l’inevitabile speranza, di ciò tutto è estraneo a una scrittura che odia ogni preziosismo e resta elegantissima e crudele mentre affonda nelle lacerazioni di una vita: «Nessuno mi avrà conosciuto. Sono stato, sotto il mio riso, il disincanto, la disperazione assoluta. Non l’ho mai mostrato per pudore, nel timore del ridicolo». Il primo dei tre, Il piccolo amico, considerato da molti il suo capolavoro, è una cronaca-confessione di straziante distacco, pur nell’immagine che vuol offrire di quasi gaio cinismo, del suo rapporto con la madre eterna assente: Léautaud, abbandonato a pochi giorni dalla nascita, la rivide solo dopo vent’anni (tranne per brevi incontri occasionali) e ne fu appassionato così intensamente da turbarla e spingerla ad allontanarsi per sempre. La storia procede in due tempi: nel primo, la madre appare e scompare in tutte le figure di «amiche» che popolano l’infanzia e la prima giovinezza, e tutto è immerso nel luccicante incanto del tempo sfuggente, dell’infanzia e dei luoghi di Parigi; il secondo tempo è «un bel romanzo d’amore con la madre»: romanticamente, il protagonista cerca di rivivere la voluttà di un ricordo di bambino, quando, tra profumi e abbracci, poté la seconda volta incontrare la madre. Gli altri due racconti si riconnettono in realtà a quel travolgente amore: In memoriam ricorda la morte del padre (uomo di spettacolo e persona non meno evanescente), e Amori, ancora una storia di abbandono, racconta della prima esperienza erotica e del primo innamoramento per una «amica» che poi dovette sposare il suo protettore.

AMORI

Léautaud Paul