Narrativa

AMORI STREGATI

Jelloun Tahar Ben

Descrizione: Racconti sul tema dell'amore e dell'inganno in cui passione e abbandono, magia e perdizione, amori duraturi e amori fugaci, erotismo e romanticismo descrivono l'universo di questo sentimento nelle sue svariate forme.

Categoria: Narrativa

Editore: Bompiani

Collana: Narratori Stranieri

Anno: 2003

ISBN: 9788845255175

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

 

Le relazioni umane sono complesse; fra le persone c’è mistero, opacità, ombra, incomprensione. Cosa c’è di più complicato della relazione fra un uomo e una donna? All’epoca mia, ognuno aveva il suo posto: l’uomo fuori, la donna dentro; c’era una specie di armonia; non era perfetta ma nessuno era tentato di lasciare il proprio posto. Le donne non si ribellavano, facevano di meglio: agivano con astuzia e docilità. Ottenevano ciò che volevano con dolcezza e intelligenza. Non sempre ci riuscivano. Oggi le cose sono cambiate; le donne sono diventate più ribelli, non lasciano fare. Si battono come possono. Certe ricorrono ai maghi, alla stregoneria…E’ più diffusa di quanto tu non creda…”.

Ci sono cose che la ragione non può spiegare e l’amore, si sa, è una di queste. Quando la razionalità si scontra con le pulsioni del cuore, uomini e donne – indistintamente – perdono il controllo della propria vita e le storie amorose prendono una piega del tutto inaspettata. Non rimane quindi che affidarsi alla magia, all’astrologia, alla stregoneria – per chi se lo può permettere – per tenere “legato” a sé il proprio amato. Anche la persona più scettica si ritroverà a fare i conti – suo malgrado – con il progressivo ed inspiegabile susseguirsi di eventi imprevisti.

Non si tratta di deragliare ma di adattarsi. Viviamo in una società semiologica, una società in cui il razionale affianca le superstizioni, la magia, la stregoneria, le credenze occulte…Non sono debole, ma ho dei dubbi sul potere della ragione. […] Ci sono delle zone d’ombra, cose che sfuggono alla razionalità”.

Spesso l’amore non c’entra: l’alternativa “occulta” alla ragione diventa la via di fuga da una realtà di problemi, angosce e disillusioni che lasciano l’individuo annientato ed indifeso di fronte alla vita. Quando il sogno non basta a staccarsi da questa realtà, non rimane che separarsi da una vita in cui “ci si assenta da se stessi” per ricominciare con sconsiderato coraggio una nuova esistenza.

Le storie raccontate dallo scrittore marocchino Tahar Ben Jelloun narrano di vite sospese, di amori traditi e contrariati, di mariti invisibili e di donne che amano la poesia fino ad uccidere, di uomini fedeli ai propri ideali e ai propri sogni, di amici delusi da amici e di nomi traditi dalla vanità degli uomini, di uomini onesti avversati e vinti dall’ingiustizia, di amanti esigenti e di ardenti passioni.

Forse non hai capito. Io, per essere sedotta, ho bisogno di un cantastorie, un affabulatore. E’ questa la mia esigenza; certe hanno bisogno di cene a base di champagne, di limousine, di gioielli d’oro, io ho bisogno solo di parole, ma non parole qualsiasi!”.

I racconti di Tahar Ben Jelloun racchiudono migliaia di storie che sanno di luoghi lontani, ma di tempi vicini, quelli della nostra società che – nella sua ostentata modernità – presenta ancora i segni di un passato remoto e primitivo. I tempi cambiano, il sapere si evolve, ma gli uomini custodiscono gelosamente dentro di loro l’ancestralità delle proprie origini, saldamente ancorati a credenze e rituali folli.

Il divario tra la modernità delle aspettative e l’antichità delle pulsioni sembra però colmato dai sentimenti e dai legami autentici, come l’amore e l’amicizia che – nella confusione generale – sanno ancora incantare l’umanità. Uno su tutti l’ultimo racconto “Naima e Habiba”: un esempio di amore e fedeltà tra due amiche vicine nella sofferenza e nelle difficoltà.

Lo scrittore ci conduce in un viaggio incredibile attraverso l’universo amoroso in tutte le sue numerose sfaccettature, dalle strade convulse della città a quelle polverose del deserto.

I racconti sono suddivisi in quattro parti, dedicate rispettivamente ad altrettanti tipi d’“amore”: stregati, contrariati, traditi e, da ultimo, l’amicizia. Gli spunti di riflessione sono molti e – anche se la straordinaria ed inattesa varietà dei racconti può talvolta disorientare il lettore – il risultato complessivo è quello di un libro sapientemente costruito.

Non rimane che lasciarsi condurre dall’affascinante scrittura di un autore che conosce le parole e le sa raccontare.

Da leggere

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ben

Tahar

Jelloun

Libri dallo stesso autore

Intervista a Jelloun Tahar Ben


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Anno del Signore 1205. Padre Vivïen de Narbonne viene braccato da un manipolo di cavalieri che indossano strane maschere. Il monaco possiede un libro molto prezioso, che non vuole cedere agli inseguitori. Tentando di fuggire, precipita in un burrone. Tredici anni dopo Ignazio da Toledo, di ritorno da un esilio in Terrasanta, viene convocato a Venezia da un facoltoso patrizio per compiere una missione: dovrà recuperare un libro molto raro intitolato "Uter Ventorum", lo stesso libro posseduto da Vivïen. Il manoscritto in questione conterrebbe precetti derivati dalla cultura talismanica caldaico-persiana e sembrerebbe in grado di evocare gli angeli, per poter partecipare della loro sapienza. Ignazio si metterà alla ricerca del libro, che secondo le indicazioni è tenuto in custodia nella Chiusa di San Michele presso Torino. Ma alla Chiusa di San Michele, anziché trovare il libro, Ignazio si imbatte in un mistero: l'"Uter Ventorum" è stato smembrato in quattro parti nascoste in Linguadoca e in Castiglia. La curiosità di scoprire il contenuto di quelle pagine lo sprona a proseguire nella ricerca, nonostante il pericolo. Riuscirà svelare tutti gli enigmi che il libro contiene e a evocare gli angeli e la loro sapienza?

IL MERCANTE DI LIBRI MALEDETTI

Simoni Marcello

Oltre cinquant’anni di sogni annotati, dal 1875 al 1931. È libera e ondivaga la scrittura di Arthur Schnitzler, descrittiva e autoriflessiva, intima e quotidiana. Nei residui diurni ritrovati dal sogno compaiono scenari insoliti, abitati da contemporanei illustri, animatori della Vienna fin de siècle: Freud, Klimt, von Hofmannsthal, Mahler e molti altri. Sogni che registrano le mode dell’epoca, gli spettacoli di successo, le malattie più comuni del bel mondo, e con brevità magnetica rivelano i desideri, le paure, i turbamenti dello scrittore che sogna. Un libro dei sogni raccolto da un genio attento ai moti della propria anima, ma anche alla forza surreale della narrazione onirica. Pubblicato in versione integrale, introdotto da un saggio di Agnese Grieco e Vittorio Lingiardi su Schnitzler, sulla vita onirica e la psicoanalisi, Sogni è il diario notturno di un’epoca inquieta, l’autobiografia inconscia del primo Novecento europeo.

SOGNI 1875-1931

Schnitzler Arthur

Aomame è spietata e fragile. È un killer che, in minigonna e tacchi a spillo, con una tecnica micidiale e impalpabile, vendica tutte le donne che subiscono una violenza. Tengo è un ghost writer che deve riscrivere un libro inquietante e pericoloso come una profezia. Entrambi si giocano la vita in una storia che sembra destinata a farli incontrare. Ma quando Aomame, sollevando gli occhi al cielo, vede sorgere una seconda luna, capisce che non potranno condividere neppure la stessa realtà. Mai come in 1Q84 Murakami ha esplorato le nostre ossessioni per dare vita a un mondo così personale, onirico e malinconico. Accolto in Giappone come il suo capolavoro, 1Q84 è un romanzo che contiene universi.

1Q84

Haruki Murakami

A ventinove anni, dopo un'infanzia e un'adolescenza difficili, la bella e intelligente Hilary Thomas è arrivata al successo. Ma quando viene aggredita nella sua lussuosa villa di Beverly Hills da un maniaco omicida, i peggiori incubi del passato sembrano rimaterializzarsi nei bagliori della lama acuminata del suo aggressore. Non basterà fuggire, non basterà lottare, non basterà nemmeno ucciderlo: lui tornerà, più forte della morte, a ossessionarla, costringendola a scavare disperatamente nei segreti sepolti per scoprire una realtà allucinante. Da Hollywood a Napa Valley, dalle piscine soleggiate delle dimore dei divi alla penombra umida di morte dell'obitorio, il ritmo tranquillo della vita quotidiana in California viene sconvolto da eventi ben più spaventosi e dirompenti dei terremoti ai quali la gente è ormai abituata. Esistono forze, nella mente umana, al confronto delle quali le scosse telluriche sono carezze e le urla di morte soltanto sussurri.

SUSSURRI

Koontz Dean R.