Narrativa

AMORIZZAZIONI

Vetterlein Suse

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: VerbaVolant

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788889122310

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

“Amorizzazioni” è un romanzo surreale e disarmante.

Sulle prime la sensazione che si prova è di spaesamento… Ti chiedi se hai a che fare con una fiaba, poi però riconosci un tono provocatorio. Allora ti domandi se si tratti piuttosto di una storia senza capo né coda, ma devi ammettere che le osservazioni nascoste dietro le varie assurdità sono a dir poco sottili.

Insomma, di che libro stiamo parlando?

Il paese in cui è ambientato si chiama Alpo, dove “Le api cantano allegre, i fiori brillano gialli, i denti di leone pure gialli ti sorridono in faccia, sempre felici tutto bene”. O almeno così pare…

Si comincia con lo sciopero degli asini, seguito da quello dei ruminanti, fino ad arrivare allo sciopero delle ortiche.

Niente bellissimo bello negli Alpi. Economicamente Alpo sta messo malissimo. Neanche le ortiche urticano più”.

C’è dunque necessità di strategie anti-crisi e il Capo dello Stato invia un missionario dello sviluppo, di nome John, che le proverà davvero tutte… ma qui non ve ne svelerò nessuna.

Anche perché non è lui il protagonista di questa folle storia, bensì Maidy, la suonatrice di campane, alla ricerca dell’amore vero che certo non può essere banalmente impersonato dal cacciatore di frodo che le fa la corte…

Un testo originale, soprattutto per lo stile impuro e farcito di parole fantasiose, che gira in tondo e poi si spezza e torna indietro. Uno di quei libri che ami alla follia o puoi arrivare a detestare.

Mi è piaciuto? Sì per nulla forse boh

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Suse

Vetterlein

Libri dallo stesso autore

Intervista a Vetterlein Suse

Quest'opera è valida per le dimensioni di teatro che, una volta di più, lo straordinario talento inventivo di Ionesco. La metamorfosi a vista del personaggio Jean, dentro e fuori la stanza da bagno, ogni volta sempre meno uomo e sempre più rinoceronte, sotto gli occhi atterriti di Berenger, è un modello di teatro antipsicologico, ridotto a puro gesto, che la parola accompagna con una semplice funzione indicativa. E'il ritorno alla pantomima, ai valori didascalici e parodistici della pantomima e qui Ionesco - sembra impossibile - si incontra con Brecht'. Dalla Prefazione di Roberto De Monticelli

Il rinoceronte

Ionesco Eugène

Giorgio Faletti si accomiata dai suoi lettori con la sua opera più bella, originale e dolente. Una favola morale, che accompagna il lettore attraverso le piccole, meschine, ignoranti bassezze degli uomini, sino a comprendere, attraverso il più innocente e semplice degli sguardi, il senso profondo delle cose. Del loro ruolo. E della fine. Seguiamo una piuma mentre traccia il suo invisibile sanscrito nel cielo, la vediamo posarsi sul tavolo dove il Re e il Generale tracciano i piani per la battaglia per la conquista di Mezzo Mondo, noncuranti di chi poi dovrà combatterla; ascoltiamo insieme a lei i tentativi del Curato di intercedere a favore dei contadini con il Cardinale privo di fede; attratti da una dissonante melodia volteggiamo dentro al Teatro, per assistere allo spettacolo meraviglioso e crudele della Ballerina dal cuore spezzato: il nostro volo ci porterà a conoscere altri, sventurati personaggi finché la piuma non incontrerà lo sguardo dell'unico che saprà capire quello che nessuno prima aveva compreso.

La piuma

Faletti Giorgio

STRIX SIVE ARS MORIENDI

Bocchi Vittorio

Salwa Bakr sulle donne e la letteratura araba