Narrativa

Amsterdam è una farfalla

Magliani Marino

Descrizione: Una città labirintica e misteriosa dove si ordiscono complotti e strategie, dove le biciclette giacciono arrugginite in cimiteri nascosti, dove i canali disegnano una ragnatela che intrappola i pensieri! Un eccentrico scrittore, un editore collerico, un'irriverente giovane donna e il suo cane breton l'attraversano in bicicletta, la guardano dall'alto dei suoi tetti e si perdono nel suo ventre sotterraneo a caccia di segreti che devono rimanere tali... perché Amsterdam è una farfalla.

Categoria: Narrativa

Editore: Ediciclo

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788865490372

Recensito da Stefano Costa

Le Vostre recensioni

È già stato notato come questo romanzo nasca da un bisogno contingente: raccontare un mondo attraverso le ragioni del vissuto, siano esse casa, famiglia, lavoro, memoria. “Amsterdam è una farfalla” è già un percorso letterario in fieri, un romanzo che si fa nel dichiarare che si deve farlo, un romanzo abortito nella sua evoluzione da romanzo-luce a romanzo-Amsterdam.

Non credo che in esso vi siano due romanzi: “Amsterdam è una farfalla” è un solo romanzo che nasce nell’atto in cui muore una sua prima idea di stesura, è un “Cimitero marino” (il gioco di parole che rimbalza al nome dell’Autore del testo di Ediciclo non è voluto), qualcosa che prende vita solo nel momento in cui qualcuno l’ha strappato di mano all’Autore stesso, qualcosa che prende vita solo nel momento in cui qualcuno ha consigliato a Magliani (o a Sanderi o a Makliani) come portarlo avanti, come portarlo a termine.

Mentre ci parla di questo libro, Magliani cita spesso Sebaste, il Sebaste di “Panchine”. Io invece vengo catturato dall’osmosi creantesi tra “Amsterdam è una farfalla” e “Oggetti smarriti e altre apparizioni”, letteratura che interroga sul significato del termine “memoria”.

Mentre il libro di Sebaste è smateriallizzato in una sequenza di testi dove i veri oggetti – culturali – non sono quelli di cui lui ci scrive ma sono già i testi di Sebaste stesso, nel romanzo di Magliani gli oggetti di cui ricordarsi sono quelli che il protagonista ha sotto gli occhi. Sono i palazzi di Amsterdam e della cittadina in cui Magliani risiede veramente. Sono i ragazzi olandesi, quelli che crescono senza accorgersi che l’edilizia, là, fa e disfa in un continuum spiazzante per chi viene da fuori: loro invece sembra non sappiano dire cosa c’era in precedenza al posto di quel palazzo, al posto di quella strada, al posto di quel vissuto.

Ci pensa Magliani a farlo, a dirci cosa c’era prima di “tutto questo”. L’Autore attraversa “tutto questo” in bicicletta, ecco il veicolo grazie al quale si ricostruisce una città differente, viva anche nell’allucinazione. Non è un caso che nella lunga sequenza che accompagna Magliani nei sotterranei di Amsterdam la biciletta sia relativamente meno presente ai nostri occhi. Perché qui Amsterdam non è più quella esplorabile coi propri pedali ma diventa quella visionaria, diventa il luogo di una memoria ricreata che in questo momento diventa la memoria di Sebaste e dei suoi oggetti, quelli che vivi e che sono cultura prima ancora che tu te ne renda conto.

C’è del vissuto in entrambi questi libri, è quel vissuto creaturale in grado di dirci che la memoria è ricerca, che la ricerca è letteratura, che ogni opera è un atto di sapere: finissimi i testi di Sebaste, più dichiaratamente narrativo il testo di Magliani, entrambi portatori di citazioni, quadri, fotografie, altri libri, altri uomini, altre donne, altre memorie.

Sono due libri splendidamente novecenteschi, granitici nel riportare nero su bianco un’autobiografia che non è solo quella dei rispettivi Autori, bensì quella di cose, gesti, andamenti culturali: come se i libri fosero stati, paradossalmente, scritti da qualcun altro, da qualcos’altro.

Sembra contraddittorio, ma i due Autori quasi si smaterializzano nei rispettivi testi pur rimanendone il centro, uno dei centri.

Per chi crede si stia esagerando, leggere per farsene una ragione.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marino

Magliani

Libri dallo stesso autore

Intervista a Magliani Marino


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La fine del liceo segna per Melania, adolescente cresciuta in un contesto matriarcale dell'entroterra sardo, un momento di svolta. L'abbandono della terra natale e la presa d'atto dei propri desideri saranno solo le prime di una serie di tappe in un labirinto di sguardi e di proiezioni. Il filo della vita porterà la protagonista a riflettere sui limiti e sulle ambiguità dell'identità femminile, ripercorrendo le orme di una nonna e una madre le cui ombre la seguiranno anche oltre il confine col mare.

Le Furie

Farina Mariachiara

Chi è Malik Mir Sultan Khan? L’uomo misterioso di cui parla tutta New York, erede di una piccola parte dell’enorme fortuna di Mrs Abbott, ritiratosi a vita privata in una remota località del subcontinente indiano. È soltanto uno scaltro seduttore di facoltose vedove? E come ha fatto negli anni Trenta a vincere per tre volte il campionato inglese di scacchi partendo da un piccolo villaggio sperduto nella foresta? Un giornalista americano, di stanza nel Punjab a metà degli anni Sessanta, decide di incontrarlo per ricostruire la sua storia. Una storia iniziata con una tigre, che appare nei suoi sogni di bambino e poi si fa reale portandogli via entrambi i genitori. Una storia che prosegue alla corte del nababbo che lo aiuta a perfezionare il suo stile nel chaturanga e lo introduce alla versione occidentale del gioco, per poter sfoggiare le sue vittorie (batterà addirittura il campione del mondo Capablanca) in giro per l’Europa umiliando i colonialisti inglesi. Una storia che s’intreccia con quella del mondo intero quando le sue doti di raffinato stratega trascinano Malik in uno strano gioco di guerra che deciderà le sorti del Secondo conflitto mondiale...

Il gioco degli dei

Maurensig Paolo

Armando vive con la madre e il fratello minore, Andrea, un ragazzino un po' particolare, appassionatissimo di wrestling perché "vincono sempre i buoni". Sull'onda della sua ostinazione, la famiglia assiste a uno spettacolo di wrestling e da quel momento tutto cambia nella loro vita. Armando si trova ad affrontare l'imprevisto di una madre-atleta, di un primo amore che non sboccia e di un fratello molto speciale, a cui dedicare attenzione. Tra incertezze, delusioni e successi, si consoliderà la sua voglia di essere protagonista dello spettacolo della vita. Età di lettura: da 11 anni.

Un grande spettacolo

Rinaldi Patrizia

Buenos Aires, 2001. Perla Correa è sempre riuscita a ingannare tutti quelli che la circondano. Ogni mattina si sveglia e lucida la sua superficie di studentessa modello, bella ragazza radiosa, irreprensibile figlia di buona famiglia. Sua madre è avvolta di bellezza e foulard importati e suo padre è un uomo forte e fiero nella sua uniforme militare perfettamente stirata. Perla è sempre stata considerata molto fortunata ad averli come genitori. Eppure questa è solo una maschera che la ragazza indossa per nascondere il dubbio che le si agita dentro, e sul quale invano tenta di chiudere gli occhi. Un dubbio che si nutre di mezze frasi delle compagne di classe, sguardi impauriti dei vicini, libri di storia sui "desaparecidos" che suo padre le ha tassativamente proibito di leggere. Ma una notte, mentre è sola in casa, un uomo entra nel suo salotto. Sembra solo, disperato e affamato. È lì per raccontarle una storia. Una storia che narra di due ragazzi giovani che si amavano, di pesanti stivali neri che sfondano la porta di casa, di un carcere senza scampo e di un ultimo volo sul Rio de La Piata. E che incendia la vita perfetta di Perla riducendola in fumo. Inizia così un viaggio che la costringe a confrontarsi con la vera sé stessa e con la storia più dolorosa del suo paese. Dove solo il fuoco del coraggio che ha sempre nascosto tra le pieghe di una falsa tranquillità l'aiuterà a rinascere una seconda volta dalle sue ceneri.

LA RAGAZZA DAI CAPELLI DI FIAMMA

De Robertis Carolina