Esordienti

Andrà bene di sicuro

Soldati Alessandro

Descrizione: Nella sua nota al lettore, Alessandro Soldati avverte: "Quello che hai in mano non è un romanzo sugli aeroplani e sugli aviatori che ci stanno dentro. Se cerchi dettagli tecnici, descrizioni minuziose di manovre ardite, coni di scarico che sputano fiamme e, soprattutto, se cerchi gente risoluta, pronta ad accogliere il destino sparandogli un missile sui denti, credo che finirai per rimanere deluso. Io ho preferito raccontare gli uomini e le donne che stanno 'dentro' agli aviatori. Visti da fuori hanno un certo fascino eroico per chi li apprezza, mentre sono stupide macchine da guerra per chi li detesta. Ho avuto l'onore ed il privilegio di essere uno di loro, perciò non cado in nessuna delle due semplificazioni, e voglio mostrare che sono molto di più: sono persone".

Categoria: Esordienti

Editore: Il Ponte Vecchio

Collana: Cammei

Anno: 2014

ISBN: 9788865413913

Trama

Le Vostre recensioni

Alessandro Soldati ha definito il suo romanzo, “Andrà bene di sicuro“, come una “vicenda epica ed edificante in salsa agrodolce“, un “Vangelo blues“. Questa è infatti la storia di persone affascinanti, che in poche righe si trasformano in personaggi mitologici moderni. Primo fra tutti Sanzio Ottaviani, il protagonista, che rincorre il sogno di volere bene a quello che fa, ricerca ciò che gli piace e si abbandona ad esso, perché solo allora tutto “andrà bene di sicuro”.

Così Sanchez per gli amici, Otto per i soldati, Sanzio per la sua famiglia, decide di intraprendere la trafila del concorso per entrare in Accademia Aeronautica. Molti pensano che non potrà mai farcela, perché parla male, perché non ha la stoffa: e invece lui decide di non farsi condizionare dai pregiudizi che potrebbero ancorarlo a terra, costringendolo a rimanere operaio forzato a vita. Con un atteggiamento molto scanzonato, ma credendoci sempre, il ragazzo affronta tutte le prove con l’appoggio dei genitori e degli amici più stretti, che l’accolgono ad ogni ritorno, ma sperano sempre di non rivederlo più. Anche quelli che lo criticano hanno un valore positivo nell’intreccio, perché lo stimolano a continuare anche solo per essere contraddetti. Per questo si può parlare di una sgangherata epica moderna, un movimento corale verso il raggiungimento di un obiettivo alto, nel cielo come nella vita.

Lavorare in modo corretto significa mettere se stessi nella propria attività, viverla costantemente come parte della propria vita, e come il nostro piccolo contributo a far andare bene le cose, significa cercare costantemente l’eccellenza, e non seguire bovinamente una direttiva, significa essere come uno di quei Grandi Vecchi che crearono dal nulla un periodo di benessere, e che lo fecero senza nemmeno farci tanto caso, perché in realtà loro stavano solo cercando di gustarsi il loro presente, e finirono per fare apprezzare la loro opera anche dagli altri.”

Al di là del messaggio che traspare in ogni pagina, il romanzo di Alessandro Soldati è divertente, si legge volentieri grazie al suo stile soave e spiritoso, è ironico e ritrae un “branco” di esseri umani a tutto tondo, apprezzati anche per i difetti. La loro umanità imperfetta è fatta di luci e ombre e proprio per questo diventa la chiave del loro eroismo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

Intervista a Alessandro Soldati - Redazione I-libri

[…] aver letto “Andrà bene di sicuro” di Alessandro Soldati, abbiamo intervistato volentieri l’autore sul suo romanzo, sulla […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alessandro

Soldati

Libri dallo stesso autore

Intervista a Soldati Alessandro


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Giorni nostri, metà ottobre. In un paese dell’hinterland di Bologna, un anziano squilibrato si mette a sparare dalla finestra, uccide alcune persone e tiene in scacco le forze dell’ordine. A sera inoltrata, la polizia decide di passare al contrattacco e, per disorientare il folle, ordina che venga tolta l’energia elettrica all’intero circondario. In questo quadro – realmente accaduto nel giugno 2005 in un paese dell’Italia settentrionale – si sviluppa la finzione narrativa: cento minuti, quattro storie parallele, tutte segnate dalla mancanza di luce. Mario, un dirigente comunale, cerca di sedurre Federica, sua vicina di appartamento e ausiliaria del 118. A casa del professor Umberto, lui, la moglie e i due figli affrontano l’emergenza facendo un gioco che travolgerà la stessa coesistenza famigliare. Nel bar di Loretta, nella piazza del paese, ci si industria per continuare a giocare a carte e a biliardo, ma presto e in modo del tutto imprevedibile si dipanerà una storia completamente diversa. Intanto, Domenico, uno scrittore solitario, si prepara a realizzare il suo desiderio più oscuro...

SENZA LUCE

Bernardi Luigi

L'automobile del marito nel vialetto di casa. La chiave nella toppa. I passi che risuonano in corridoio. Rumori familiari per Sarah Bridgewater. Ma è notte. E l'uomo in corridoio non è suo marito Stephen. È uno sconosciuto, che però sembra conoscere tutto di lei. Sarah deve mantenersi calma a tutti i costi. Perché nella stanza vicina dorme suo figlio di sei anni...

Phobia

Dorn Wulf

ALMENO IL CAPPELLO – di Andrea Vitali

1 – Introduzione alla sezione letteratura latina