Esordienti

Andrà bene di sicuro

Soldati Alessandro

Descrizione: Nella sua nota al lettore, Alessandro Soldati avverte: "Quello che hai in mano non è un romanzo sugli aeroplani e sugli aviatori che ci stanno dentro. Se cerchi dettagli tecnici, descrizioni minuziose di manovre ardite, coni di scarico che sputano fiamme e, soprattutto, se cerchi gente risoluta, pronta ad accogliere il destino sparandogli un missile sui denti, credo che finirai per rimanere deluso. Io ho preferito raccontare gli uomini e le donne che stanno 'dentro' agli aviatori. Visti da fuori hanno un certo fascino eroico per chi li apprezza, mentre sono stupide macchine da guerra per chi li detesta. Ho avuto l'onore ed il privilegio di essere uno di loro, perciò non cado in nessuna delle due semplificazioni, e voglio mostrare che sono molto di più: sono persone".

Categoria: Esordienti

Editore: Il Ponte Vecchio

Collana: Cammei

Anno: 2014

ISBN: 9788865413913

Trama

Le Vostre recensioni

Alessandro Soldati ha definito il suo romanzo, “Andrà bene di sicuro“, come una “vicenda epica ed edificante in salsa agrodolce“, un “Vangelo blues“. Questa è infatti la storia di persone affascinanti, che in poche righe si trasformano in personaggi mitologici moderni. Primo fra tutti Sanzio Ottaviani, il protagonista, che rincorre il sogno di volere bene a quello che fa, ricerca ciò che gli piace e si abbandona ad esso, perché solo allora tutto “andrà bene di sicuro”.

Così Sanchez per gli amici, Otto per i soldati, Sanzio per la sua famiglia, decide di intraprendere la trafila del concorso per entrare in Accademia Aeronautica. Molti pensano che non potrà mai farcela, perché parla male, perché non ha la stoffa: e invece lui decide di non farsi condizionare dai pregiudizi che potrebbero ancorarlo a terra, costringendolo a rimanere operaio forzato a vita. Con un atteggiamento molto scanzonato, ma credendoci sempre, il ragazzo affronta tutte le prove con l’appoggio dei genitori e degli amici più stretti, che l’accolgono ad ogni ritorno, ma sperano sempre di non rivederlo più. Anche quelli che lo criticano hanno un valore positivo nell’intreccio, perché lo stimolano a continuare anche solo per essere contraddetti. Per questo si può parlare di una sgangherata epica moderna, un movimento corale verso il raggiungimento di un obiettivo alto, nel cielo come nella vita.

Lavorare in modo corretto significa mettere se stessi nella propria attività, viverla costantemente come parte della propria vita, e come il nostro piccolo contributo a far andare bene le cose, significa cercare costantemente l’eccellenza, e non seguire bovinamente una direttiva, significa essere come uno di quei Grandi Vecchi che crearono dal nulla un periodo di benessere, e che lo fecero senza nemmeno farci tanto caso, perché in realtà loro stavano solo cercando di gustarsi il loro presente, e finirono per fare apprezzare la loro opera anche dagli altri.”

Al di là del messaggio che traspare in ogni pagina, il romanzo di Alessandro Soldati è divertente, si legge volentieri grazie al suo stile soave e spiritoso, è ironico e ritrae un “branco” di esseri umani a tutto tondo, apprezzati anche per i difetti. La loro umanità imperfetta è fatta di luci e ombre e proprio per questo diventa la chiave del loro eroismo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

Intervista a Alessandro Soldati - Redazione I-libri

[…] aver letto “Andrà bene di sicuro” di Alessandro Soldati, abbiamo intervistato volentieri l’autore sul suo romanzo, sulla […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alessandro

Soldati

Libri dallo stesso autore

Intervista a Soldati Alessandro


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il Messico crudele e violento dei narcotrafficanti. E la California accogliente e libertaria della marijuana e del vivi e lascia vivere. I due mondi che Don Winslow conosce e ha saputo raccontare come nessun altro, in un solo, affascinante, adrenalinico noir.

LE BELVE

Winslow Don

Scritta nel 1966 e messa in scena per la prima volta nel 1977 a Roma, cioè a due anni dalla scomparsa del suo autore, Affabulazione narra la storia di una rivolta tra padre e figlio che diventa una dolente metafora del mancato dialogo tra due generazioni.

Affabulazione

Pasolini Pier Paolo

Da anni, a partire da Monsieur Ibrahim e i fiori del Corano, attraverso altri quattro romanzi ambientati in luoghi e culture diverse, Eric-Emmanuel Schmitt persegue il progetto di un affresco della spiritualità umana nelle varie manifestazioni religiose del pianeta. Dall’islam all’ebraismo, dal cristianesimo al buddismo, per arrivare ora, con questo nuovo vivacissimo romanzo breve, al confucianesimo, l’antica saggezza del popolo cinese. Tutti, anche i più sprovveduti, sanno che in Cina le coppie non possono avere più di un figlio. Le autorità cinesi sono molto attente al controllo demografico, e chi trasgredisce incorre in severe sanzioni. Come fa allora la modesta signora Ming, addetta alle pulizie nella toilette per gli uomini del Grand Hotel di Yunhai, ad avere dieci figli?Il moderno e spregiudicato imprenditore francese, a Yunhai per affari, ritiene che la donna lo voglia prendere in giro. Si diverte a parlare a parlare con lei, ad ascoltare le storie che lei gli racconta sui suoi figli immaginari, e ne approfitta per praticare la lingua del luogo, il cantonese, ma di base è convinto che la donna sia una mitomane. Nel corso dei giorni, però, man mano che si dipanano le vicende dei figli inesistenti, l’uomo d’affari cambia parere. Le parole della signora Ming, farcite di precetti di Confucio, gli fanno apparire l’esistenza sotto un’altra ottica, lo spingono a indagare sui labili confini che dividono la verità dalla menzogna e lo portano, infine, a rivalutare la sua stessa vita e a considerare seriamente la possibilità di una paternità fino ad allora accuratamente evitata.

I DIECI FIGLI CHE LA SIGNORA MING NON HA MAI AVUTO

Schmitt Eric-Emmanuel

La giovane insegnante precaria, Silvia Martini, è al suo primo incarico annuale nella Scuola "Edmondo De Amicis", collocata in un quartiere periferico e multietnico della città di Torino. Si ritrova ad insegnare in una quarta primaria, una classe difficile da gestire che affronterà con i consigli dell'amica Mirella Sciascia, insegnante alle soglie della pensione. Molteplici saranno le vicissitudini che gli alunni della classe (tra cui la disadattata Pamela, il bullo Alessandro, la viziata Nicoletta e i tanti alunni stranieri), ma a volte anche i colleghi, le faranno vivere, fino al concretizzarsi di un drammatico incidente. Evento che la colpirà profondamente nell'animo, inducendola a sentirsi indirettamente responsabile e a riconsiderare il proprio operato, raccogliendo del materiale, sull'anno scolastico trascorso, in un dossier che poi porgerà al Procuratore (e quindi al lettore) che si occupa del caso, sia per fornire un aiuto alle indagini, ma soprattutto per vedere assolta la propria coscienza.

NON C’E’ CUORE

Caprio Franco