Esordienti

Andrà bene di sicuro

Soldati Alessandro

Descrizione: Nella sua nota al lettore, Alessandro Soldati avverte: "Quello che hai in mano non è un romanzo sugli aeroplani e sugli aviatori che ci stanno dentro. Se cerchi dettagli tecnici, descrizioni minuziose di manovre ardite, coni di scarico che sputano fiamme e, soprattutto, se cerchi gente risoluta, pronta ad accogliere il destino sparandogli un missile sui denti, credo che finirai per rimanere deluso. Io ho preferito raccontare gli uomini e le donne che stanno 'dentro' agli aviatori. Visti da fuori hanno un certo fascino eroico per chi li apprezza, mentre sono stupide macchine da guerra per chi li detesta. Ho avuto l'onore ed il privilegio di essere uno di loro, perciò non cado in nessuna delle due semplificazioni, e voglio mostrare che sono molto di più: sono persone".

Categoria: Esordienti

Editore: Il Ponte Vecchio

Collana: Cammei

Anno: 2014

ISBN: 9788865413913

Trama

Le Vostre recensioni

Alessandro Soldati ha definito il suo romanzo, “Andrà bene di sicuro“, come una “vicenda epica ed edificante in salsa agrodolce“, un “Vangelo blues“. Questa è infatti la storia di persone affascinanti, che in poche righe si trasformano in personaggi mitologici moderni. Primo fra tutti Sanzio Ottaviani, il protagonista, che rincorre il sogno di volere bene a quello che fa, ricerca ciò che gli piace e si abbandona ad esso, perché solo allora tutto “andrà bene di sicuro”.

Così Sanchez per gli amici, Otto per i soldati, Sanzio per la sua famiglia, decide di intraprendere la trafila del concorso per entrare in Accademia Aeronautica. Molti pensano che non potrà mai farcela, perché parla male, perché non ha la stoffa: e invece lui decide di non farsi condizionare dai pregiudizi che potrebbero ancorarlo a terra, costringendolo a rimanere operaio forzato a vita. Con un atteggiamento molto scanzonato, ma credendoci sempre, il ragazzo affronta tutte le prove con l’appoggio dei genitori e degli amici più stretti, che l’accolgono ad ogni ritorno, ma sperano sempre di non rivederlo più. Anche quelli che lo criticano hanno un valore positivo nell’intreccio, perché lo stimolano a continuare anche solo per essere contraddetti. Per questo si può parlare di una sgangherata epica moderna, un movimento corale verso il raggiungimento di un obiettivo alto, nel cielo come nella vita.

Lavorare in modo corretto significa mettere se stessi nella propria attività, viverla costantemente come parte della propria vita, e come il nostro piccolo contributo a far andare bene le cose, significa cercare costantemente l’eccellenza, e non seguire bovinamente una direttiva, significa essere come uno di quei Grandi Vecchi che crearono dal nulla un periodo di benessere, e che lo fecero senza nemmeno farci tanto caso, perché in realtà loro stavano solo cercando di gustarsi il loro presente, e finirono per fare apprezzare la loro opera anche dagli altri.”

Al di là del messaggio che traspare in ogni pagina, il romanzo di Alessandro Soldati è divertente, si legge volentieri grazie al suo stile soave e spiritoso, è ironico e ritrae un “branco” di esseri umani a tutto tondo, apprezzati anche per i difetti. La loro umanità imperfetta è fatta di luci e ombre e proprio per questo diventa la chiave del loro eroismo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

Intervista a Alessandro Soldati - Redazione I-libri

[…] aver letto “Andrà bene di sicuro” di Alessandro Soldati, abbiamo intervistato volentieri l’autore sul suo romanzo, sulla […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alessandro

Soldati

Libri dallo stesso autore

Intervista a Soldati Alessandro

Solo in cucina Ginny riesce a esprimere se stessa e a ritrovare i sapori di una vita che dopo la morte dei genitori le sembra diventata incomprensibile. E mentre dai fornelli si leva il profumo corposo e piccante della zuppa della nonna, davanti le appare il fantasma della nonna stessa che le sussurra una frase sibillina: Non lasciarglielo fare. Chissà che cosa voleva dire, chissà se ha a che fare con il fatto che la prepotente sorella maggiore di Ginny vuole vendere la casa. Una casa che ha ancora tanti segreti da svelare...

LA CUCINA DEGLI INGREDIENTI MAGICI

McHenry Jael

Una nuova travolgente protagonista del giallo italiano. Tutti al tribunale di Pianveggio sanno che non si scherza sul pranzo, perché il giudice Annabella Abbondante ha un debole per la buona cucina ma è perennemente a dieta. Forse per colpa dei deliziosi cannoli della Palermitana, il bar in cui incontra ogni sera i suoi amici: il commissario Nicola Carnelutti e la giornalista Alice "ginger" Villani di Altamura. Abbondante sì, di nome e di fatto, una florida taglia 48 e una massa di capelli ricci e ribelli che le cadono sulle spalle, ma lo è soprattutto di cuore: sempre dalla parte dei più bisognosi e con il sorriso sulle labbra, nonostante le estenuanti udienze e le interminabili pile di fascicoli. Quando l'avvocato Matilde Santangelo si rivolge a lei per la scomparsa del fratello dalla clinica psichiatrica in cui era ricoverato, Annabella che ha una passione sfrenata per i gialli, non può fare a meno di impicciarsi. Negli stessi giorni, poi, un immobile che lei aveva messo all'asta viene incendiato con tanto di ritrovamento di resti umani: per il giudice e il fido cancelliere Paolo, detto Dolly, la ricostruzione del PM fa acqua da tutte le parti e scoprire la verità diventa un imperativo morale. Tanto più che il giudice Abbondante non accetta mai un no come risposta. Tra l'ennesimo appuntamento al buio, organizzato da sua sorella Fortuna – il numero 24 negli ultimi quindici anni – aste fallimentari e udienze oceaniche, Annabella vi conquisterà con la sua energia, la sua passione e il suo grande carisma.

Annabella Abbondante

Perna Barbara

Un campus prestigioso cristallizzato sotto la neve. Tre amici legati da un tragico segreto. Una ragazza portata via nella notte. Costa Azzurra, inverno del 1992. In una notte glaciale, mentre il campus del suo liceo è paralizzato da una tempesta di neve, Vinca Rockwell, diciannove anni, una delle studentesse più brillanti dell'ultimo anno, fugge insieme al suo professore di filosofia, con il quale aveva una relazione segreta. Per la ragazza "l'amore è tutto o niente". Nessuno la rivedrà mai più. Costa Azzurra, primavera del 2017. Fino alla fine del liceo erano inseparabili, ma da allora Fanny, Thomas e Maxime - i migliori amici di Vinca non si sono più rivolti la parola. Si ritrovano ora a una riunione di ex alunni. Venticinque anni prima, in terribili circostanze, hanno tutti e tre commesso un omicidio, murando il cadavere nella palestra della scuola. Proprio la palestra che oggi deve essere demolita per fare spazio a un altro edificio. D'ora in poi, niente potrà più impedire che la verità sul caso di Vinca venga a galla. Sconvolgente, dolorosa, demoniaca.

La ragazza e la notte

Musso Guillaume

Natalia, bellezza prorompente, ribelle per natura ma madre giovanissima. Suo marito, chiuso "per indole naturale o per disperazione nei confronti di quella moglie bambina troppo bella e altrettanto indomabile, dedito al gioco e al bere". Loro figlio Renzo, sempre serio ma felice, con il privilegio di avere una madre tutta per sé quando i genitori si separano. Cominciamo a conoscerli dall'album di famiglia, quando ancora abitavano in Istria, immortalati in tanti istanti di vita felice. Poi, per tutti, viene l'esilio, che porta i loro corpi a trasferirsi in un luogo alieno, mentre la vita non vuole saperne di staccarsi dall'Istria, angolo incantato di Adriatico. Ecco, quindi, che Natalia, Renzo e gli altri personaggi si ritrovano muti nell'animo e paralizzati nei sentimenti. La voce narrante passa così prima alle case testimoni di vita ormai lontana e di desolazione presente -, poi addirittura agli oggetti - una credenza, un pettine, un orologio... -, divenuti unici depositari della memoria. Perché le anime sono rimaste altrove.

L’anima altrove

Mori Anna Maria