Narrativa

Animali (topi gatti cani e mia sorella)

Cornia Ugo

Descrizione: Una casa di famiglia, sull'Appennino bolognese. Una vecchia casa. Gli animali sono una presenza nota. Non si tratta sempre di animali domestici, o quantomeno la loro domesticità è lontana dalla nozione tradizionale. Se nell'annus mirabilis 1992 quella di topi, arvicole e ratti era stata una vera e propria invasione, il dibattito si riapre quando arrivano i piccioni con il vaiolo: la sorella del narratore, dolce animalista, si fa in quattro per curarli, e nondimeno cura, almeno idealmente, i topi, anzi i ratti che turbano la quiete della magione. Uno in particolare, piuttosto abitudinario, compare sempre sullo stesso ripiano della libreria, dal che sorge spontaneo il sospetto che il topo sia un osservatore consapevole delle cose umane. Ugo Cornia parte da qui per una scorribanda dentro tutte le convivenze che hanno a che fare con figure animali. Alle derattizzazioni e alle stragi di volatili innocenti fan seguito storie di gatti (il cacciatore di prede Cito, l'avventuroso Cionci, la depressa Pinzia), e di cani (il setter cieco Billo e Tobi, il cane pazzo della sorella). Attraverso gli animali Cornia ricostruisce la storia di famiglia, dove con le bestie si parla, si confligge, si fanno patti, si stabiliscono confini, dove attraverso le bestie si dispiegano il labirinto emotivo degli affetti, le stagioni di un'esistenza, lo spazio delle assenze e la sequenza delle morti.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: I Narratori

Anno: 2014

ISBN: 9788807031083

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Ugo Cornia ci parla della sua originale visione degli “Animali (topi gatti cani e mia sorella)” in un romanzo breve che è un esilarante monologo imbastito con ironia. 

TOPI

L’azione si svolge in prevalenza a Guzzano, in “una vecchia casa di montagna relativa (seicento metri sul livello del mare)”.
Lì, la sorella del protagonista orienta il suo animalismo verso il salvataggio di alcuni piccioni malati: “Sono piccioni col vaiolo… già fortemente imprintati (cioè per farla breve abituati a considerare una figura umana…)”
Ma le granaglie offerte ai volatili hanno una controindicazione: attirano i topi! (“Granaglie sparpagliate qua e là… per dei topi era un bel richiamo…”).
L’invasione dei roditori è l’occasione per uno spassoso excursus a metà strada tra la fiaba del Flauto magico (“C’era da fare la guerra come nel novantadue, l’anno di riferimento per la guerra ai topi”), i cartoni animati di gatto Silvestro (“Pur essendo così mostruoso quel veleno per i topi che fa veramente dispiacere a metterlo”) e la filastrocca “Alla fiera dell’est” (“Chissà anche quante civette e allocchi che ci lasciano la pelle…”).
La morte aleggia (“Ma l’odore di morto era veramente bestiale, e continuava”), evocata da un cinismo lieve e scanzonato (“Le caramelle, che erano questa grande novità, sembravano delle fisherman un po’ più grandi…”).
In questo bailamme, rimane aperto un inquietante interrogativo: “Come mai i topi nessuno ha mai cercato di addomesticarli, mentre i cani e i gatti sì?”

GATTI

Appartengono principalmente alla dinastia di una prolifica gatta matriarca, che nei parti plurigemellari realizza la propria natura germinativa (“Il problema di aver fatto i suoi primi gattini e di averli nascosti nel fienile della stalla di Celeste, dove però Celeste glieli aveva subito trovati e immediatamente glieli aveva affogati nel vascone della fontana…”) e il proprio istinto educativo (“Magari se ci riusciva gli portava prede un po’ più vive, in modo che finissero di massacrarle loro…”).
La morte continua ad aleggiare, in modalità che rasenta la strage ispirata ad antichi, crudeli costumi della cultura contadina.

CANI

Dopo l’esperienza alterna con un setter cieco, il narratore deve subire la corpulenta presenza di Tobi, un gigantesco meticcio (“Vagamente simile a una mistura di alano e pastore tedesco”), accasato dalla sorella: sfinito da rivalità (“Continuavano le lotte per il divano, che però ormai si risolvevano col trucco del cracker”), imposizioni (“Che dieci persone dovessero stare praticamente in galera perché il suo cane stesse fuori di galera”) e conflitti di ruolo (“Tobi deve avermi realizzato come suo superiore gerarchico”), il protagonista approda a una convinzione definitiva: “Mi è rimasta, non voglio dire la paura, ma perlomeno il fastidio di avere un animale in casa”.

Lo stile narrativo è accattivante e segue il flusso di coscienza enunciato secondo le regole naïf del “pensierino” che si ramifica in riflessioni spontanee ed estemporanee.
L’ironia è il motore del racconto, ma talvolta indulge a inflessioni malinconiche (“Io quella cornacchia grigia la chiamo Giorgio”) o a meditazioni volutamente sdrammatizzate: come quella sulla pena di morte, che assume il paradosso dello sventato tentativo di suicidio di un condannato (“Lo hanno salvato… e dopo l’hanno ucciso…”).

Per tutti questi motivi, “Animali” rappresenta sicuramente una parentesi di divertimento assicurato in una di queste giornate di pioggia…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ugo

Cornia

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cornia Ugo

Due ragazze, Miriam e Giulia, si risvegliano in un bosco, senza più ricordare nulla. La loro mente è vuota. I ricordi cancellati. Iniziano allora un incredibile viaggio, costellato di stranezze da incubo, alla ricerca della propria identità. Il loro destino è legato a quello di un ragazzo di nome Dominique. I ragazzi scoprono di essere i detentori di un’essenza divina che è stata divisa in tre parti, permettendo la loro nascita. Miriam racchiude in sé il seme del Bene, Giulia quello del Male, mentre Dominique è l’Equilibratore tra le due forze opposte. Solo la ricostituzione dell’essenza divina permetterà a Miriam di ricevere un prezioso dono, talmente potente da cambiare le sorti dell’umanità. Autore Maria De Riggi è autrice di racconti e poesie pubblicate in varie antologie dagli editori Delos Books, La mela avvelenata, Alcheringa, Butterfly. La scrittura per lei ha una doppia valenza. Da un lato rappresenta una sorta di ricerca interiore, dall’altra è un modo per esplicare se stessa.

I cavalieri della vita

De Riggi Maria

Boscobasso, succulento borgo in provincia di Cremona, è in subbuglio. Non solo il liutaio Arcari è stato trovato morto in circostanze imbarazzanti, ma pare che la sua perfetta mogliettina si sia messa a intrallazzare col becchino, mentre l'ex sindaco è "fuggito" dalla sua tomba: è troppo persino per il maresciallo Bellomo e per i suoi due obbedienti sottoposti. Nel breve volgere di due giorni, mezzo paese viene preso dalla febbre dell'intrigo, che non risparmia nessuno: dalla segretaria comunale Gigliola, zelante in tutto tranne che nel lavoro, al ruvido macellaio milanista Primo Ruggeri, per non parlare della bella barista Elena, contesa tra due uomini e ben decisa a conquistarne un terzo. L'indagine si complica, finché il maresciallo perderà, se non la testa, perlomeno il cappello... Una commedia degli equivoci sul filo del giallo che mette in scena con gusto la provincia italiana, i suoi caratteri, la sua allegria e i suoi misteri, in un intreccio che coinvolge e trascina come una sarabanda.

Il cappello del maresciallo

Ghizzoni Marco

La fanfara di Bellano è nei guai. Evelindo Gavazzi – cui è affidato il delicato compito di suonare il bombardino nella fanfara che sul molo accoglie i viaggiatori che sbarcano a Bellano – non fa più parte dell’organico: è bloccato in casa a suon di sberle dalla novella sposa Noemi, che non sopporta che faccia tardi e torni a casa ubriaco. Almeno il cappello racconta le avventure della banda orfana di bombardino e della sua gloriosa rinascita. Protagonista del nuovo romanzo di Andrea Vitali è un’improbabile congrega di musicisti: il suonatore di cornetta Zaccaria Vergottini e la seconda cornetta Eumeo Vergottini, il clarino Guzzin (al secolo Augusto Boldoni), il basso Aurelio Leoni. E soprattutto Onorato Geminazzi, giunto nel borgo come in esilio dalla natía Menaggio: sarà proprio il Geminazzi – in seguito a un imprevisto intreccio di circostanze – l’artefice e protagonista della rinascita della banda e della sua trasformazione nel glorioso Corpo Musicale Bellanese. Tra gli altri protagonisti, oltre alla signora Estenuata, consorte del Geminazzi, ci sono il traghetto Patria, l’Amaro Grona, l'oste Bormida Pinìn, il paese di Bellano e le sue frazioni Obriaco, Lezzeno, Bonzeno, Biosio e Oro, il signor podestà e i Regi Carabinieri. C'è naturalmente anche il cappello, quello dell'uniforme della banda, al centro di mille e uno equivoci.

ALMENO IL CAPPELLO

Vitali Andrea

William Stoner ha una vita che sembra essere assai piatta e desolata. Non si allontana mai per più di centocinquanta chilometri da Booneville, il piccolo paese rurale in cui è nato, mantiene lo stesso lavoro per tutta la vita, per quasi quarantanni è infelicemente sposato alla stessa donna, ha sporadici contatti con l'amata figlia e per i suoi genitori è un estraneo, per sua ammissione ha soltanto due amici, uno dei quali morto in gioventù. Non sembra materia troppo promettente per un romanzo e tuttavia, in qualche modo, quasi miracoloso, John Williams fa della vita di William Stoner una storia appassionante, profonda e straziante. Come riesce l'autore in questo miracolo letterario? A oggi ho letto Stoner tre volte e non sono del tutto certo di averne colto il segreto, ma alcuni aspetti del libro mi sono apparsi chiari. E la verità è che si possono scrivere dei pessimi romanzi su delle vite emozionanti e che la vita più silenziosa, se esaminata con affetto, compassione e grande cura, può fruttare una straordinaria messe letteraria. È il caso che abbiamo davanti. (Dalla postfazione di Peter Cameron)

Stoner

Williams John