Narrativa

Animali (topi gatti cani e mia sorella)

Cornia Ugo

Descrizione: Una casa di famiglia, sull'Appennino bolognese. Una vecchia casa. Gli animali sono una presenza nota. Non si tratta sempre di animali domestici, o quantomeno la loro domesticità è lontana dalla nozione tradizionale. Se nell'annus mirabilis 1992 quella di topi, arvicole e ratti era stata una vera e propria invasione, il dibattito si riapre quando arrivano i piccioni con il vaiolo: la sorella del narratore, dolce animalista, si fa in quattro per curarli, e nondimeno cura, almeno idealmente, i topi, anzi i ratti che turbano la quiete della magione. Uno in particolare, piuttosto abitudinario, compare sempre sullo stesso ripiano della libreria, dal che sorge spontaneo il sospetto che il topo sia un osservatore consapevole delle cose umane. Ugo Cornia parte da qui per una scorribanda dentro tutte le convivenze che hanno a che fare con figure animali. Alle derattizzazioni e alle stragi di volatili innocenti fan seguito storie di gatti (il cacciatore di prede Cito, l'avventuroso Cionci, la depressa Pinzia), e di cani (il setter cieco Billo e Tobi, il cane pazzo della sorella). Attraverso gli animali Cornia ricostruisce la storia di famiglia, dove con le bestie si parla, si confligge, si fanno patti, si stabiliscono confini, dove attraverso le bestie si dispiegano il labirinto emotivo degli affetti, le stagioni di un'esistenza, lo spazio delle assenze e la sequenza delle morti.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: I Narratori

Anno: 2014

ISBN: 9788807031083

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Ugo Cornia ci parla della sua originale visione degli “Animali (topi gatti cani e mia sorella)” in un romanzo breve che è un esilarante monologo imbastito con ironia. 

TOPI

L’azione si svolge in prevalenza a Guzzano, in “una vecchia casa di montagna relativa (seicento metri sul livello del mare)”.
Lì, la sorella del protagonista orienta il suo animalismo verso il salvataggio di alcuni piccioni malati: “Sono piccioni col vaiolo… già fortemente imprintati (cioè per farla breve abituati a considerare una figura umana…)”
Ma le granaglie offerte ai volatili hanno una controindicazione: attirano i topi! (“Granaglie sparpagliate qua e là… per dei topi era un bel richiamo…”).
L’invasione dei roditori è l’occasione per uno spassoso excursus a metà strada tra la fiaba del Flauto magico (“C’era da fare la guerra come nel novantadue, l’anno di riferimento per la guerra ai topi”), i cartoni animati di gatto Silvestro (“Pur essendo così mostruoso quel veleno per i topi che fa veramente dispiacere a metterlo”) e la filastrocca “Alla fiera dell’est” (“Chissà anche quante civette e allocchi che ci lasciano la pelle…”).
La morte aleggia (“Ma l’odore di morto era veramente bestiale, e continuava”), evocata da un cinismo lieve e scanzonato (“Le caramelle, che erano questa grande novità, sembravano delle fisherman un po’ più grandi…”).
In questo bailamme, rimane aperto un inquietante interrogativo: “Come mai i topi nessuno ha mai cercato di addomesticarli, mentre i cani e i gatti sì?”

GATTI

Appartengono principalmente alla dinastia di una prolifica gatta matriarca, che nei parti plurigemellari realizza la propria natura germinativa (“Il problema di aver fatto i suoi primi gattini e di averli nascosti nel fienile della stalla di Celeste, dove però Celeste glieli aveva subito trovati e immediatamente glieli aveva affogati nel vascone della fontana…”) e il proprio istinto educativo (“Magari se ci riusciva gli portava prede un po’ più vive, in modo che finissero di massacrarle loro…”).
La morte continua ad aleggiare, in modalità che rasenta la strage ispirata ad antichi, crudeli costumi della cultura contadina.

CANI

Dopo l’esperienza alterna con un setter cieco, il narratore deve subire la corpulenta presenza di Tobi, un gigantesco meticcio (“Vagamente simile a una mistura di alano e pastore tedesco”), accasato dalla sorella: sfinito da rivalità (“Continuavano le lotte per il divano, che però ormai si risolvevano col trucco del cracker”), imposizioni (“Che dieci persone dovessero stare praticamente in galera perché il suo cane stesse fuori di galera”) e conflitti di ruolo (“Tobi deve avermi realizzato come suo superiore gerarchico”), il protagonista approda a una convinzione definitiva: “Mi è rimasta, non voglio dire la paura, ma perlomeno il fastidio di avere un animale in casa”.

Lo stile narrativo è accattivante e segue il flusso di coscienza enunciato secondo le regole naïf del “pensierino” che si ramifica in riflessioni spontanee ed estemporanee.
L’ironia è il motore del racconto, ma talvolta indulge a inflessioni malinconiche (“Io quella cornacchia grigia la chiamo Giorgio”) o a meditazioni volutamente sdrammatizzate: come quella sulla pena di morte, che assume il paradosso dello sventato tentativo di suicidio di un condannato (“Lo hanno salvato… e dopo l’hanno ucciso…”).

Per tutti questi motivi, “Animali” rappresenta sicuramente una parentesi di divertimento assicurato in una di queste giornate di pioggia…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ugo

Cornia

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cornia Ugo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

“Voci di famiglia” è un titolo che allude alla storia narrata, dove parlano tre persone distintamente, quelle che in un'unica scena del romanzo formano una famiglia.Sofia si reca al cimitero a portare un fiore a sua madre, Ashley. Era una scrittrice, e prima di morire aveva chiesto che all'interno della cappella dove avrebbe dimorato la sua salma, ci fosse un ripiano dove collocare una copia di ogni suo libro. Chi avesse voluto prenderne uno da leggere, in cambio avrebbe dovuto lasciare un fiore. Sofia vede una rosa rossa. Vede che non c'è La musica del silenzio, l'unico che non ha letto. Torna a casa, prende il libro, si accomoda sul letto e inizia a leggere una storia che non conosceva. Nel libro che Sofia legge segue una pagina bianca; intuisce che la seconda parte non è stata scritta da sua madre. Quando Sofia torna al cimitero vede che il libro è stato riportato, ma ce n'è anche un altro mai visto prima. Si intitola “Il risveglio” ed è firmato solo con un nome: Luciano. Sofia si guarda intorno ma non vede nessuno. Torna a casa per leggerlo.Poi si reca al cimitero, e lo inserisce accanto ai libri scritti da sua madre. Sente un rumore alle sue spalle. Si volta, e lo vede.

Voci di famiglia

Giubilei Vincenza

«Accanto all'affabilità e alla pastosità porosa del mondo com'è, si accentua in questa nuova raccolta di Maurizio Cucchi un predicato di frugalità: abito mentale dell'io, ma soprattutto medium per umanizzare la realtà...

Sindrome del distacco e tregua – parte seconda

Cucchi Maurizio

Tutta giocata di sponda è la partita di biliardo (umano) su cui si impernia questo romanzo giallo: o meglio "antipoliziesco", giacché sin dall'inizio ci esibisce l'assassino. La prima palla a finire in buca, per un colpo a la bande, è la testa calva del professor Winter, esimio germanista: centrato dai proiettili dello squisito consigliere cantonale Kohler, cade con la faccia nel piatto di tournedos Rossini che stava gustando nel ristorante Du théâtre. Quindi, a una a una, rotoleranno in buca le altre palle - un playboy, una squillo d'alto bordo, una perfida nana, un protettore -, delineando un autentico rompicapo: "II comandante era disperato. Un omicidio senza motivo per lui non era un delitto contro la morale, bensì contro la logica". Kohler, poi, in galera è l'uomo più felice del mondo: trova giusta la pena, meravigliosi i carcerieri, e intreccia serafico ceste di vimini. Ha un unico desiderio: che l'avvocato Spät, squattrinato difensore di prostitute, si dedichi finalmente a un'impresa seria (ma a lui sembrerà pazzesca) e riesamini il caso partendo dall'ipotesi che non sia Kohler l'omicida: "Deve solo montare una finzione. Come apparirebbe la realtà, se l'assassino non fossi io ma un altro? Chi sarebbe quest'altro?". Accettata la sfida, Spät precipiterà ben presto in un gorgo, in una surreale commedia umana e filosofica che tiene tutti - lettori in primis - col fiato sospeso: per quale ragione Kohler è di umore tanto allegro? E perché mai ha ucciso Winter?

Giustizia

Durrenmatt Friedrick

Un amore romantico e infinito, capace di pazientare, con fede incrollabile, per "cinquantatré anni, sette mesi e undici giorni, notti comprese". Tanto deve infatti aspettare Florentino Aziza, poeta e proprietario della Compagnia Fluviale del Caribe, prima di poter finalmente vedere realizzato il suo sogno con Fermina Daza, la più bella ragazza della Colombia. La cronaca di una lunga e fiduciosa attesa, di un desiderio che non si sopisce ma viene accresciuto dagli anni, superando tutti gli ostacoli. Una storia d'amore e di speranza con la quale, per una volta, Márquez abbandona la sua abituale inquietudine e il suo impegno di denuncia sociale, per raccontare un'affascinante epopea di passione e di ottimismo. Un romanzo atipico e splendido da cui emergono il gusto intenso per una narrazione corposa e fiabesca, le colorate descrizioni dell'assolato Caribe e della sua gente.

L’amore ai tempi del colera

Márquez Gabriel García