Letteratura russa

Anna Karenina

Tolstoj Lev Nikolaevic

Descrizione: "In Anna Karenina è rappresentata la colpa come ostacolo, anzi come barriera invalicabile al raggiungimento della felicità. Accanto ad Anna e a Vronskij, che non possono essere felici insieme, vediamo come Levin e Kitty ottengono in fondo con facilità, nonostante qualche dibattito interiore, quello che è negato agli altri due: ma Kitty ha saputo dimenticare Vronskij e, rinunciando a lui, rinunciare agli ideali poetici, ricchi di fascino e di bellezza esteriore, ricchi di pregi mondani, della sua giovinezza. Rinunciando a questi ideali, Kitty scopre che la realtà usuale e consueta, lungi dall'essere meschina e squallida, è assai preziosa e bella. È questa la storia di molti personaggi di Tolstoj". (Natalia Ginzburg)

Categoria: Letteratura russa

Editore: Einaudi

Collana: Tascabili Classici

Anno: 2005

ISBN: 9788806175702

Recensito da Gloria Somaini

Le Vostre recensioni

Ma aveva appena aperto bocca, che parole piene dei rimproveri d’una gelosia insensata, di tutto quel che l’aveva tormentata in quella mezz’ora che aveva trascorsa, sedendo immobile vicino alla finestra, le sfuggirono. Soltanto allora egli capì chiaramente per la prima volta quello che non capiva quando dopo le nozze l’aveva condotta fuori dalla chiesa. Capì che non solo ella gli era vicina, ma che ora non sapeva dove finiva lei e cominciava lui. Lo capì dal tormentoso senso di sdoppiamento che sentiva quel momento. Si offese al primo momento, ma nel medesimo istante sentì che non poteva essere offeso da lei, che lei era lui stesso. Provò nel primo momento un sentimento simile a quello che prova un uomo quando, ricevuto a un tratto un forte colpo di dietro, si volta con stizza e con desiderio di vendetta per trovare il colpevole, e si convince che è lui stesso che s’è colpito involontariamente, che non c’è contro chi arrabbiarsi e bisogna sopportare e calmare il dolore.

Anna Karenina è il secondo romanzo di Lev Nikolaevic Tolstoj, uscito su rivista negli anni dal 1875 al 1877 e poi edito in volume. Il soggetto principale che si cela dietro alle vicende dei personaggi raccontate da Tolstoj è l’amore; un amore che diventa crudele o si rivela guaritore, che sa curare l’animo ma che al tempo stesso uccide chi non sa venire a patti con lui.
La situazione iniziale dei personaggi subisce un’evoluzione nel corso della narrazione che li porta a dover rivalutare completamente le loro scelte di vita e a scoprirsi spesso persone diverse rispetto a quelle che credevano di essere. Non a caso il romanzo ha come incipit il racconto di un tradimento coniugale.

Protagoniste di Anna Karenina sono due coppie, Levìn e Kitty da un lato e Anna e Vrònskij dall’altro. Quattro personaggi, circondatii da innumerevoli comparse, i quali si alternano e si scambiano in un complicato gioco di ruolo, che permette al lettore di assistere alle più estreme conseguenze dell’innamoramento. Levìn e Kitty rappresentano la purezza, simboleggiata dall’amore di Levìn per la vita di campagna, che gli permette di sfuggire dai rigidi schemi della città e dei suoi abitanti. Anna e Vronskji, al contrario, rappresentano l’inganno, l’impossibilità di raggiungere una felicità tanto agognata, e sembrano calamitare solo altro dolore e sofferenza.

Le due vicende cardine, quelle amorose, sono poi sorrette da dibattiti politici e feste nobiliari che rendono perfettamente l’idea di quella che doveva essere la società russa di fine Ottocento. Tolstoj sa rappresentare le domande proprie di quel periodo storico, dalla validità della fede religiosa al ruolo dell’operaio nell’economia, dalla possibilità di richiedere il divorzio ai doveri della donna, e le racchiude in un microcosmo. Ogni personaggio contiene in sé le caratteristiche di un preciso tipo di uomo, del quale si fa portavoce universale e per il quale cerca di trovare delle risposte.

Più che un romanzo, Anna Karenina ha il tono di una lunga ed efficace trattazione scritta sui problemi dell’uomo, ricca di esempi e di obiezioni.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Nikolaevic

Lev

Tolstoj

Libri dallo stesso autore

Intervista a Tolstoj Lev Nikolaevic


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

I proventi di questo ebook andranno totalmente all’Associazione onlus Franca Cassola Pasquali, una bella realtà che opera sul nostro territorio soprattutto a sostegno della Senologia di Tortona. Otto racconti che hanno per protagoniste altrettante donne. Persone comuni, come lo sono di solito i personaggi delle mie storie, che vivono delle situazioni particolari e che si ritrovano a dover compiere delle scelte, capaci, nel bene e nel male, di condizionare la loro vita. Sono donne ben diverse l’una dall’altra, sia per età che per estrazione sociale, sia per le problematiche del loro vivere che per il modo in cui ognuna le affronta, ma in egual modo ricche di sentimenti e di quella sensibilità speciale che caratterizza l’animo femminile. E’ diversa anche l’atmosfera che si respira nei vari racconti, in alcuni triste se non addirittura tragica, in altri più lieve e persino venata di ironia e di umorismo. E anche lo stile si adatta al contenuto. Ho raccolto i racconti accostandoli a due a due, puntando su un aspetto, che, in qualche modo, accomuna le protagoniste. Filomena e Altea. Essere prigioniere del marito e della casa può risultare orrendo, oppure qualcosa a cui non si vuole rinunciare. Tutto dipende dalla situazione personale. Pinuccia e Teresa. La condizione di suocera non è facile, specie se col marito della propria figlia esiste un feeling decisamente scarso. Anna e Carmela. Un figlio può costituire un problema se se lo si desidera intensamente e ci viene negato, ma anche se una gravidanza inaspettata arriva ad aggiungere difficoltà a una situazione familiare già non facile. Silvana e Angela. Entrambe le protagoniste si rivolgono a una persona cara, la madre e la figlia, e traggono dal loro ottimismo, dalla loro positività, coraggio e speranza.

8 marzo – Storie di donne

Sanna Silvana

Anne, Hanna, Anny: tre ragazze, tre spiriti liberi che si scontrano con le chiusure dell'epoca in cui vivono. Anne, nelle Fiandre del XVI secolo, è una mistica che parla con gli animali come San Francesco, fa il bene perché non concepisce altra forma di agire, percepisce Dio nella natura e non comprende la necessità dei riti religiosi. Ma è fuori tempo rispetto al periodo della Controriforma e dell'Inquisizione: la sua estatica serenità viene presto tacciata di eresia. Hanna, nella Vienna inizio Novecento, è una giovane aristocratica alla ricerca di se stessa, insoddisfatta delle serate all'opera e delle convenzioni borghesi. Dopo molta infelicità riuscirà a individuare nella psicoanalisi, nuova strabiliante cura appena inventata dal dottor Freud, il modo per raggiungere le radici del suo malessere. Anny è una star di Hollywood dei nostri tempi, drogata di celebrità e di sostanze stupefacenti, che cerca con l'abbrutimento di dare un senso a una vita in cui l'unico valore è il denaro: ci riuscirà invece attraverso la recitazione, e nel suo travagliato percorso esistenziale troverà l'amore. Le storie delle tre giovani donne si intersecano nonostante i secoli che le dividono in un intreccio sempre più appassionante che in un crescendo di rivelazioni porta le tre vicende a una conclusione congiunta.

LA DONNA ALLO SPECCHIO

Schmitt Eric-Emmanuel

Mauro Assante è, prima di ogni altra cosa, un uomo serio: ha sempre lavorato con scrupolo estremo, guadagnandosi incarichi di crescente responsabilità nell'istituzione in cui presta servizio, l'authority preposta al controllo della trasparenza delle banche italiane. Si è sposato tardi, con la sola donna che sia riuscita ad aprire una breccia nel suo temperamento ombroso, e ha un figlio piccolo, che trascorre i mesi estivi con la madre, in montagna. Questa estate Mauro si trattiene in città perché gli è stato affidato il compito di stilare una relazione particolarmente delicata su di un istituto bancario che con ogni probabilità verrà commissariato in seguito alla sua ispezione. Ma proprio durante queste solitarie giornate di lavoro, nella sua prevedibile esistenza iniziano ad aprirsi minuscole crepe. Dimentica aperta la porta di casa, riceve una telefonata beffarda, si convince di essere seguito da un uomo in motorino. Soprattutto, riceve la visita di una meravigliosa ragazza che evidentemente ha sbagliato indirizzo. Strano, ci dev'essere stato un errore. Ma dalla vita di Mauro Assante gli errori erano sempre stati banditi; così come sarebbe bandito il batticuore che invece lui prova quando, poche sere dopo, rincontra per caso quella stessa ragazza bionda... L'estate avanza, le temperature aumentano, la stesura della relazione si fa più complessa e con essa l'ansia di consegnare tutto senza sbavature, senza condizionamenti.

La relazione

Camilleri Andrea

Un raffinato racconto erotico centrato sulle visite del vecchio Eguchi a un inconsueto postribolo in cui gli ospiti possono passare la notte con giovanissime donne addormentate da un narcotico. Un viaggio tra i più misteriosi recessi della psiche.

La casa delle belle addormentate

Kawabata Yasunari