Letteratura russa

Anna Karenina

Tolstoj Lev Nikolaevic

Descrizione: "In Anna Karenina è rappresentata la colpa come ostacolo, anzi come barriera invalicabile al raggiungimento della felicità. Accanto ad Anna e a Vronskij, che non possono essere felici insieme, vediamo come Levin e Kitty ottengono in fondo con facilità, nonostante qualche dibattito interiore, quello che è negato agli altri due: ma Kitty ha saputo dimenticare Vronskij e, rinunciando a lui, rinunciare agli ideali poetici, ricchi di fascino e di bellezza esteriore, ricchi di pregi mondani, della sua giovinezza. Rinunciando a questi ideali, Kitty scopre che la realtà usuale e consueta, lungi dall'essere meschina e squallida, è assai preziosa e bella. È questa la storia di molti personaggi di Tolstoj". (Natalia Ginzburg)

Categoria: Letteratura russa

Editore: Einaudi

Collana: Tascabili Classici

Anno: 2005

ISBN: 9788806175702

Recensito da Gloria Somaini

Le Vostre recensioni

Ma aveva appena aperto bocca, che parole piene dei rimproveri d’una gelosia insensata, di tutto quel che l’aveva tormentata in quella mezz’ora che aveva trascorsa, sedendo immobile vicino alla finestra, le sfuggirono. Soltanto allora egli capì chiaramente per la prima volta quello che non capiva quando dopo le nozze l’aveva condotta fuori dalla chiesa. Capì che non solo ella gli era vicina, ma che ora non sapeva dove finiva lei e cominciava lui. Lo capì dal tormentoso senso di sdoppiamento che sentiva quel momento. Si offese al primo momento, ma nel medesimo istante sentì che non poteva essere offeso da lei, che lei era lui stesso. Provò nel primo momento un sentimento simile a quello che prova un uomo quando, ricevuto a un tratto un forte colpo di dietro, si volta con stizza e con desiderio di vendetta per trovare il colpevole, e si convince che è lui stesso che s’è colpito involontariamente, che non c’è contro chi arrabbiarsi e bisogna sopportare e calmare il dolore.

Anna Karenina è il secondo romanzo di Lev Nikolaevic Tolstoj, uscito su rivista negli anni dal 1875 al 1877 e poi edito in volume. Il soggetto principale che si cela dietro alle vicende dei personaggi raccontate da Tolstoj è l’amore; un amore che diventa crudele o si rivela guaritore, che sa curare l’animo ma che al tempo stesso uccide chi non sa venire a patti con lui.
La situazione iniziale dei personaggi subisce un’evoluzione nel corso della narrazione che li porta a dover rivalutare completamente le loro scelte di vita e a scoprirsi spesso persone diverse rispetto a quelle che credevano di essere. Non a caso il romanzo ha come incipit il racconto di un tradimento coniugale.

Protagoniste di Anna Karenina sono due coppie, Levìn e Kitty da un lato e Anna e Vrònskij dall’altro. Quattro personaggi, circondatii da innumerevoli comparse, i quali si alternano e si scambiano in un complicato gioco di ruolo, che permette al lettore di assistere alle più estreme conseguenze dell’innamoramento. Levìn e Kitty rappresentano la purezza, simboleggiata dall’amore di Levìn per la vita di campagna, che gli permette di sfuggire dai rigidi schemi della città e dei suoi abitanti. Anna e Vronskji, al contrario, rappresentano l’inganno, l’impossibilità di raggiungere una felicità tanto agognata, e sembrano calamitare solo altro dolore e sofferenza.

Le due vicende cardine, quelle amorose, sono poi sorrette da dibattiti politici e feste nobiliari che rendono perfettamente l’idea di quella che doveva essere la società russa di fine Ottocento. Tolstoj sa rappresentare le domande proprie di quel periodo storico, dalla validità della fede religiosa al ruolo dell’operaio nell’economia, dalla possibilità di richiedere il divorzio ai doveri della donna, e le racchiude in un microcosmo. Ogni personaggio contiene in sé le caratteristiche di un preciso tipo di uomo, del quale si fa portavoce universale e per il quale cerca di trovare delle risposte.

Più che un romanzo, Anna Karenina ha il tono di una lunga ed efficace trattazione scritta sui problemi dell’uomo, ricca di esempi e di obiezioni.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Nikolaevic

Lev

Tolstoj

Libri dallo stesso autore

Intervista a Tolstoj Lev Nikolaevic

Un maschio eterno, del tutto privo di moralità, molto avido, un po' vile, anche sentimentale (solo con se stesso). Sullo sfondo della Francia della Terza Repubblica, Bel-Ami è l'arrampicatore sociale per eccellenza con un'unico obiettivo: il successo e il profitto a qualunque costo

Bel-Ami

De Maupassant Guy

Il vecchio della montagna

Deledda Grazia

C'è una minaccia mortale da qualche parte a Empire City e Fixer ha solo fino all'alba per salvare la sua città... e il mondo come lo conosciamo. "Sacro terrore" racconta la disperata missione di un eroe costretto ad affrontare un esercito di fanatici per poter impedire un terribile crimine contro l'umanità.

Sacro terrore

Miller Frank

Nei primi anni ottanta il terrorismo seminava vittime e paura con stragi sommarie ed esecuzioni mirate. Il 1981 era stato anche l’anno degli attentati al Papa, a Reagan, a Sadat e a parecchi altri meno famosi. In Polonia, Solidarnosch aveva tirato la prima picconata a quel muro che si sarebbe sgretolato soltanto anni dopo. Il medio-oriente era una polveriera nella quale ogni giorno qualcuno, fosse stato un semplice civile o un capo di stato, saltava in aria. è proprio in quegli anni Gigi scopre il mondo guardandolo dalla Sardegna, con un papà così felice e innamorato da vedere anche sua moglie felice e innamorata. Un po’ come fanno gli ubriachi che vedono tutti sbronzi. Ma, purtroppo, si sbagliava.

L’anno di vento e sabbia

Delogu Roberto