Letteratura russa

Anna Karenina

Tolstoj Lev Nikolaevic

Descrizione: "In Anna Karenina è rappresentata la colpa come ostacolo, anzi come barriera invalicabile al raggiungimento della felicità. Accanto ad Anna e a Vronskij, che non possono essere felici insieme, vediamo come Levin e Kitty ottengono in fondo con facilità, nonostante qualche dibattito interiore, quello che è negato agli altri due: ma Kitty ha saputo dimenticare Vronskij e, rinunciando a lui, rinunciare agli ideali poetici, ricchi di fascino e di bellezza esteriore, ricchi di pregi mondani, della sua giovinezza. Rinunciando a questi ideali, Kitty scopre che la realtà usuale e consueta, lungi dall'essere meschina e squallida, è assai preziosa e bella. È questa la storia di molti personaggi di Tolstoj". (Natalia Ginzburg)

Categoria: Letteratura russa

Editore: Einaudi

Collana: Tascabili Classici

Anno: 2005

ISBN: 9788806175702

Recensito da Gloria Somaini

Le Vostre recensioni

Ma aveva appena aperto bocca, che parole piene dei rimproveri d’una gelosia insensata, di tutto quel che l’aveva tormentata in quella mezz’ora che aveva trascorsa, sedendo immobile vicino alla finestra, le sfuggirono. Soltanto allora egli capì chiaramente per la prima volta quello che non capiva quando dopo le nozze l’aveva condotta fuori dalla chiesa. Capì che non solo ella gli era vicina, ma che ora non sapeva dove finiva lei e cominciava lui. Lo capì dal tormentoso senso di sdoppiamento che sentiva quel momento. Si offese al primo momento, ma nel medesimo istante sentì che non poteva essere offeso da lei, che lei era lui stesso. Provò nel primo momento un sentimento simile a quello che prova un uomo quando, ricevuto a un tratto un forte colpo di dietro, si volta con stizza e con desiderio di vendetta per trovare il colpevole, e si convince che è lui stesso che s’è colpito involontariamente, che non c’è contro chi arrabbiarsi e bisogna sopportare e calmare il dolore.

Anna Karenina è il secondo romanzo di Lev Nikolaevic Tolstoj, uscito su rivista negli anni dal 1875 al 1877 e poi edito in volume. Il soggetto principale che si cela dietro alle vicende dei personaggi raccontate da Tolstoj è l’amore; un amore che diventa crudele o si rivela guaritore, che sa curare l’animo ma che al tempo stesso uccide chi non sa venire a patti con lui.
La situazione iniziale dei personaggi subisce un’evoluzione nel corso della narrazione che li porta a dover rivalutare completamente le loro scelte di vita e a scoprirsi spesso persone diverse rispetto a quelle che credevano di essere. Non a caso il romanzo ha come incipit il racconto di un tradimento coniugale.

Protagoniste di Anna Karenina sono due coppie, Levìn e Kitty da un lato e Anna e Vrònskij dall’altro. Quattro personaggi, circondatii da innumerevoli comparse, i quali si alternano e si scambiano in un complicato gioco di ruolo, che permette al lettore di assistere alle più estreme conseguenze dell’innamoramento. Levìn e Kitty rappresentano la purezza, simboleggiata dall’amore di Levìn per la vita di campagna, che gli permette di sfuggire dai rigidi schemi della città e dei suoi abitanti. Anna e Vronskji, al contrario, rappresentano l’inganno, l’impossibilità di raggiungere una felicità tanto agognata, e sembrano calamitare solo altro dolore e sofferenza.

Le due vicende cardine, quelle amorose, sono poi sorrette da dibattiti politici e feste nobiliari che rendono perfettamente l’idea di quella che doveva essere la società russa di fine Ottocento. Tolstoj sa rappresentare le domande proprie di quel periodo storico, dalla validità della fede religiosa al ruolo dell’operaio nell’economia, dalla possibilità di richiedere il divorzio ai doveri della donna, e le racchiude in un microcosmo. Ogni personaggio contiene in sé le caratteristiche di un preciso tipo di uomo, del quale si fa portavoce universale e per il quale cerca di trovare delle risposte.

Più che un romanzo, Anna Karenina ha il tono di una lunga ed efficace trattazione scritta sui problemi dell’uomo, ricca di esempi e di obiezioni.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Nikolaevic

Lev

Tolstoj

Libri dallo stesso autore

Intervista a Tolstoj Lev Nikolaevic


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Così scrive Maria, la protagonista del nuovo, sorprendente romanzo di Paulo Coelho, all’inizio del suo diario. Maria è una ragazza del sertão brasiliano che, dopo aver incontrato un impresario teatrale sulla spiaggia di Rio de Janeiro, si lascia sedurre dal miraggio di una vita diversa. Trasferitasi a Ginevra, sfumato rapidamente il sogno di lavorare come ballerina di samba, la ragazza, con l’ingenuo cinismo di chi non ha ancora conosciuto il vero amore, affronterà la vita come un’avventura, cercando di conoscere il mondo e l’anima delle persone attraverso la lente dei fugaci incontri che la sua attività le impone, finché un pittore non saprà aprirle le porte di una nuova consapevolezza. Dall’autore di L’Alchimista, una sconvolgente meditazione sul sesso come strumento di conoscenza e di esplorazione di sé, un meraviglioso percorso di risveglio sensuale, emotivo e spirituale.

UNDICI MINUTI

Coelho Paulo

Gli ospiti dell’Hotel Haworth hanno trascorso un Capodanno davvero indimenticabile. L’albergo non è tra i più lussuosi, e oltre tutto è in via di ristrutturazione, ma le tariffe, cenone compreso, sono un affare e l’offerta di intrattenimenti ricca e varia. Così una nutrita clientela composta di famiglie con pargoli al seguito, pensionati e coppie più o meno regolari si è ritrovata, la notte del 31, nella sala ristorante dell’albergo per partecipare all’eccitante serata in maschera a tema, questa volta dedicata al «Misterioso Oriente». Alla luce soffusa delle candele, si sono susseguite portate dai nomi pretenziosi, alcol a volontà, giochi e danze, il tutto pervaso dall’allegria un po’ sopra le righe delle feste comandate. Insomma, un vero successo. Ma il programma per il primo dell’anno ha in serbo una sorpresa di troppo per gli ospiti ancora frastornati dai postumi della lunga nottata. In una delle stanze dell’hotel riposa - in eterno - un uomo per il quale l’anno nuovo si è già concluso con un brutale colpo alla testa. Neanche per Morse e Lewis l’anno inizia sotto i migliori auspici, costretti come sono ad abbandonare le innocenti distrazioni delle vacanze natalizie dall’infaticabile quotidianità del male. La caccia all’assassino insinuatosi tra seducenti danzatrici del ventre, finti sceicchi e misteriose donne velate, tuttavia, sarà abbastanza intrigante da non far rimpiangere al capo ispettore l’abituale Quizzone del primo dell’anno al suo pub preferito. Mentre il povero sergente Lewis, strappato al calore della vita familiare, riuscirà a superare la malinconia solo grazie al suo impeccabile senso del dovere e alla ruvida amicizia di Morse. Tra le tante maschere e menzogne che occultano la realtà, non sarà facile per i due poliziotti dare un volto e un nome al cadavere sfigurato della stanza numero 3 e al suo misterioso carnefice.

Il segreto della camera 3

Dexter Colin

Una giovane donna va in anni recenti alla ricerca del misterioso passato dei reclusi di un enorme lager in un'isola greca dove il regime dei colonnelli confinò insieme folli, poeti e oppositori politici. E sprofonda, come il coniglio di Alice, seguendo tracce semicancellate archivi polverosi e segni magici, in una catena imprevista di orrori e segreti dove la pazzia sempre più si mostra come eterno segno dell'opposizione e della ribellione e il passato rivive in storie miracolose, in una festa del linguaggio e della parola. Nella seconda parte del romanzo la detection su follia, normalità e violenza della giovane donna si allarga al mondo contemporaneo e finisce col diventare inevitabile, sconvolgente autobiografia dell'autrice, dove il nodo del rapporto con la madre e la scoperta del fantasma della propria follia (e di quella materna) si aprono in immagini di rara forza. Unica salvezza è la parola poetica, la passione di dire e raccontare che unisce i mondi nel gesto individuale di chi ha il coraggio di cercare ancora "la prima verità".

La prima verità

Vinci Simona

Walt è un povero orfano senza futuro nella St.Louis degli anni Venti, ma possiede un dono naturale, e trova qualcuno deciso a sfruttarlo. Maestro Yehudi, mezzo stregone e mezzo ciarlatano, è l'ebreo ungherese che in tanti anni di duro tirocinio gli insegnerà la meravigliosa arte di volare facendo di lui un'attrazione da circo. Nelle sue peregrinazioni il bambino volante si ritrova tra incursioni del Ku Klux Klan, storie di gangster, giocatori di baseball e, nella Chicago degli anni Trenta, finisce con l'aprire un locale destinato a diventare famoso, il Mr Vertigo. Finché un giorno Walt ritorna normale e smette di essere un fenomeno. Ed è allora che il destino si compie in tutta la sua grandezza: riconoscendo nella storia di Dizzie Dean, campione in declino che non sa smettere di giocare, la propria storia, Walt comprende che importante non è solo volare ma anche capire quando si deve tornare a terra e vivere con dignità la vita di ogni uomo, del più anonimo e banale degli uomini.

Mr Vertigo

Auster Paul