Saggi

Anni di piombo e di tritolo

Oliva Gianni

Descrizione: Dal 12 dicembre 1969, quando esplode la filiale della Banca Nazionale dell'Agricoltura di piazza Fontana a Milano, fino all'assassinio di Roberto Ruffilli da parte delle Brigate Rosse il 16 aprile 1988, in Italia sono state ammazzate quasi quattrocento persone, e oltre mille ferite e rese invalide. Sono gli anni di «piombo e di tritolo», la stagione degli attentati a mano armata del terrorismo «rosso» - che uccide magistrati come Emilio Alessandrini, operai come Guido Rossa, giornalisti come Carlo Casalegno e Walter Tobagi, che sequestra e condanna a morte il presidente della Dc Aldo Moro - e delle stragi «nere», con gli ordigni esplosivi di piazza della Loggia, del treno Italicus e della stazione di Bologna. Quale intreccio si stabilisce tra questi due fenomeni di segno ideologico opposto? Come si inseriscono le violenze nella storia dell'Italia sospesa tra modernizzazione e democrazia bloccata? In un racconto articolato e drammatico, Gianni Oliva ripercorre i fatti di quegli anni. E ricostruisce l'Italia dei due decenni precedenti, un paese a due velocità, stretto tra le aperture della Costituzione e le rigidità del Codice Rocco: da un lato conservatrice e retrograda (nel 1954 condanna al carcere la «Dama Bianca» di Fausto Coppi per adulterio), dall'altro Paese del miracolo economico, che si sposta con la Vespa o la Seicento, compra il frigorifero e il televisore e rimescola le sue culture con milioni di lavoratori trasferiti dal Meridione al Nord...

Categoria: Saggi

Editore: Mondadori

Collana: Le scie. Nuova serie

Anno: 2019

ISBN: 9788804712237

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Gianni Oliva scrive Anni di piombo e di tritolo: un libro intenso, che ha il preciso scopo non solo di ricordare un periodo buio e difficile della storia italiana, ma di far comprendere, a chi è nato dopo, le complesse dinamiche contingenti che lo muovevano dall’interno. Il terrorismo dal 1969 al 1980 ha fatto un numero ingente di vittime: uccise più di quattrocento persone e più di mille sono state ferite o rese invalide. Inizia il 12 dicembre del 1969 quando esplode la Banca dell’Agricoltura di Piazza Fontana a Milano.

Sono anni definiti “di piombo e di tritolo”, quelli che vedono attentati a mano armata del “terrorismo rosso”, che colpisce in primis magistrati come Emilio Alessandrini. Ma non solo: colpisce operai, e giornalisti come Carlo Casalegno. Il plot si completa con il rapimento di Aldo Moro: l’autore lo descrive con precisione, come atto concepito e attuato con assoluta diligenza e cura. Fenomeno storico inusuale, che vede la caratterizzazione di un’Italia che “corre a due velocità.”

Una è l’Italia del boom economico, che vede il successo commerciale della Vespa o della Seicento, l’acquisto a rate del frigorifero e del televisore, la scoperta delle ferie, le canzonette spensierate. L’altra è l’Italia che applica rigidamente il codice Rocco, che prevede e giustifica il delitto d’onore, e vede la condanna al carcere della Dama Bianca, colpevole di aver intessuto una relazione clandestina con Fausto Coppi.

È stato un processo complicato, che avrebbe dovuto condurre a un rinnovamento messo in atto attraverso un processo di riforme, che non si sono attuate. Il risultato è stato il seguente: “Divaricazioni sempre più nette: il terremoto dei movimenti di piazza ha alimentato nella destra radicale i timori di una deriva comunista, e nella sinistra extraparlamentare l’illusione di una rivoluzione imminente.

Un’azione violenta e vile, che si è conclusa con la vittoria assoluta dello Stato, che ha pagato comunque un prezzo elevato in termini di perdite umane.

Tutto ciò viene narrato con assoluta precisione storiografica, per non dimenticare e come monito per il futuro delle nuove generazioni…

_______________________________________________

Leggi l’articolo Gianni Oliva al Centro Culturale di Mombasiglio cliccando su questo link

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gianni

Oliva

Libri dallo stesso autore

Intervista a Oliva Gianni


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Leone Ginzburg fu un eroe della Resistenza. Un eroe mite e integerrimo: non imbracciò mai le armi, lavoratore tenace, antifascista irriducibile. Fondò la casa editrice Einaudi e mandò avanti una famiglia sotto le bombe. Questa è la sua storia vera dal giorno in cui viene cacciato dall'università perché rifiuta di sottomettersi al fascismo fino a quello in cui è stato ucciso in carcere dai tedeschi.

Il tempo migliore della nostra vita

Scurati Antonio

Un vecchio pescatore cubano lotta contro un gigantesco pescespada, simbolo della fierezza e della libertà della natura.

Il vecchio e il mare

Hemingway Ernest

Mia Martini racconta, in prima persona, la sua travagliata esistenza poche ore prima di morire. Quel letto di uno squallido appartamento di un piccolo paese della provincia di Varese dove cercava di fuggire dalle dicerie infamanti che la perseguitavano e da cui non si è mai più rialzata. Aldo Nove, con un linguaggio secco e poetico. ripercorre la vita di una grande e sempre più popolare artista, amata in tutto il mondo eppure odiata da uno star system che ne ha fatto un capro espiatorio.

Mi chiamo …

Nove Aldo

Il segreto di Enoch

Alberico Dettori