Saggi

Anni di piombo e di tritolo

Oliva Gianni

Descrizione: Dal 12 dicembre 1969, quando esplode la filiale della Banca Nazionale dell'Agricoltura di piazza Fontana a Milano, fino all'assassinio di Roberto Ruffilli da parte delle Brigate Rosse il 16 aprile 1988, in Italia sono state ammazzate quasi quattrocento persone, e oltre mille ferite e rese invalide. Sono gli anni di «piombo e di tritolo», la stagione degli attentati a mano armata del terrorismo «rosso» - che uccide magistrati come Emilio Alessandrini, operai come Guido Rossa, giornalisti come Carlo Casalegno e Walter Tobagi, che sequestra e condanna a morte il presidente della Dc Aldo Moro - e delle stragi «nere», con gli ordigni esplosivi di piazza della Loggia, del treno Italicus e della stazione di Bologna. Quale intreccio si stabilisce tra questi due fenomeni di segno ideologico opposto? Come si inseriscono le violenze nella storia dell'Italia sospesa tra modernizzazione e democrazia bloccata? In un racconto articolato e drammatico, Gianni Oliva ripercorre i fatti di quegli anni. E ricostruisce l'Italia dei due decenni precedenti, un paese a due velocità, stretto tra le aperture della Costituzione e le rigidità del Codice Rocco: da un lato conservatrice e retrograda (nel 1954 condanna al carcere la «Dama Bianca» di Fausto Coppi per adulterio), dall'altro Paese del miracolo economico, che si sposta con la Vespa o la Seicento, compra il frigorifero e il televisore e rimescola le sue culture con milioni di lavoratori trasferiti dal Meridione al Nord...

Categoria: Saggi

Editore: Mondadori

Collana: Le scie. Nuova serie

Anno: 2019

ISBN: 9788804712237

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Gianni Oliva scrive Anni di piombo e di tritolo: un libro intenso, che ha il preciso scopo non solo di ricordare un periodo buio e difficile della storia italiana, ma di far comprendere, a chi è nato dopo, le complesse dinamiche contingenti che lo muovevano dall’interno. Il terrorismo dal 1969 al 1980 ha fatto un numero ingente di vittime: uccise più di quattrocento persone e più di mille sono state ferite o rese invalide. Inizia il 12 dicembre del 1969 quando esplode la Banca dell’Agricoltura di Piazza Fontana a Milano.

Sono anni definiti “di piombo e di tritolo”, quelli che vedono attentati a mano armata del “terrorismo rosso”, che colpisce in primis magistrati come Emilio Alessandrini. Ma non solo: colpisce operai, e giornalisti come Carlo Casalegno. Il plot si completa con il rapimento di Aldo Moro: l’autore lo descrive con precisione, come atto concepito e attuato con assoluta diligenza e cura. Fenomeno storico inusuale, che vede la caratterizzazione di un’Italia che “corre a due velocità.”

Una è l’Italia del boom economico, che vede il successo commerciale della Vespa o della Seicento, l’acquisto a rate del frigorifero e del televisore, la scoperta delle ferie, le canzonette spensierate. L’altra è l’Italia che applica rigidamente il codice Rocco, che prevede e giustifica il delitto d’onore, e vede la condanna al carcere della Dama Bianca, colpevole di aver intessuto una relazione clandestina con Fausto Coppi.

È stato un processo complicato, che avrebbe dovuto condurre a un rinnovamento messo in atto attraverso un processo di riforme, che non si sono attuate. Il risultato è stato il seguente: “Divaricazioni sempre più nette: il terremoto dei movimenti di piazza ha alimentato nella destra radicale i timori di una deriva comunista, e nella sinistra extraparlamentare l’illusione di una rivoluzione imminente.

Un’azione violenta e vile, che si è conclusa con la vittoria assoluta dello Stato, che ha pagato comunque un prezzo elevato in termini di perdite umane.

Tutto ciò viene narrato con assoluta precisione storiografica, per non dimenticare e come monito per il futuro delle nuove generazioni…

_______________________________________________

Leggi l’articolo Gianni Oliva al Centro Culturale di Mombasiglio cliccando su questo link

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gianni

Oliva

Libri dallo stesso autore

Intervista a Oliva Gianni

Questo libro raccoglie numerosi suggerimenti per organizzare divertenti attività di gruppo all’aperto con i bambini della scuola dell’infanzia. Si tratta di giochi, canzoni, filastrocche e indovinelli da utilizzare in diversi contesti: – in ambienti naturali (boschi, parchi, giardinetti); – in città (piazzali, parcheggi, per strada, sui mezzi pubblici). Si tratta di attività molto semplici da organizzare, per le quali non è necessario procurarsi materiali diversi da quelli che si possono trovare direttamente negli ambienti nei quali si svolgono i giochi. Un modo divertente per insegnare ai bambini a conoscere meglio l’ambiente che li circonda e a muoversi in autonomia sia in contesti urbani che in contesti naturali.

Giochi e attività nel bosco in città

Bezdek Ursula

I dolori e gli amori della giovane Max. Inquieta, testarda, bellissima. Lasciata da Lili dopo otto anni, così all’improvviso, una mattina di gennaio: come puoi farmi questo per una che conosci da tre giorni? Corse, rincorse, morsi e affanni, la vita che sprofonda e Max che non si rassegna. Fino all’arrivo di Leo, il fuoco nei capelli e un uomo per compagno. Un’altra ventata d’amore, l’illusione che tutto possa ricominciare e la paura che tutto possa franare di nuovo. Un romanzo che è come la sua protagonista: un terremoto di sentimenti e di ironia.

IO SONO MAX

Survive I. W.

Il mondo poetico e artistico di Ginevra Lilli

È l'ultimo giorno di università, e per due ragazzi sta finendo un'epoca. Ormai si sentono adulti e indipendenti, hanno davanti a sé l'intera vita, da afferrare a piene mani. Emma e Dexter sono a letto insieme, nudi. Lui è alto, scuro di carnagione, bello, ricco. Lei ha i capelli rossi, fa di tutto per vestirsi male, adora le questioni di principio e i grandi ideali. Si sono appena laureati, il giorno successivo lasceranno l'università. Dopo una serata di grandi bevute sono finiti a baciarsi con passione, e poi tra le lenzuola. Ora sono lì, l'uno accanto all'altra, nell'alba di una vita nuova. Quel giorno, il 15 luglio 1988, Dexter e Emma si dicono addio per la prima volta. Le loro strade si separano, lui è destinato a una vita di viaggi, divertimenti, ricchezza. Emma non ha soldi, ha bisogno al più presto di un lavoro, e sogna di cambiare il mondo. Emma si sposterà a Londra, farà la cameriera in un pessimo ristorante messicano e prenderà due decisioni importanti: diventare insegnante e andare a vivere con il suo ragazzo, Ian, un comico che non riesce a strappare una risata. Nel frattempo Dexter, grazie alla sue conoscenze e alle possibilità economiche, entra nell'industria dello spettacolo. Presenta un programma televisivo di dubbio gusto, assieme a una donna con cui si trova a uscire fin troppo spesso. È diventato dipendente dalle droghe, dal sesso facile e dalle celebrità di terza categoria che frequentano il suo mondo. Ma ogni 15 luglio c'è un momento speciale per entrambi: dove sarà Emma, cosa farà Dexter? Per venti anni, in quel giorno, si terranno in contatto. Nel corso di venti anni, ogni anno, per un giorno, saranno di nuovo assieme...

UN GIORNO

Nicholls David