Teatro

Anonimo Veneziano

Berto Giuseppe

Descrizione: In una Venezia magica, si consuma l'ultimo atto di un'antica storia d'amore, rivissuta attraverso l'adagio di un concerto per oboe di un Anonimo del '700, da un uomo e una donna che non hanno mai cessato di amarsi.

Categoria: Teatro

Editore: Rizzoli

Collana: Superbur

Anno: 2001

ISBN: 9788817125765

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Anonimo Veneziano, così venne chiamato il “concerto per oboe e archi, di Alessandro Marcello”: nel giugno del 1971 Giuseppe Berto scrisse una sceneggiatura in due atti (alla quale la presente recensione si riferisce), finalizzata alla realizzazione dell’omonimo film, grande successo al botteghino che ebbe come interpreti Florinda Bolkan e Tony Musante. Il testo in due atti divenne poi romanzo dell’autore de “Il male oscuro”, premio Campiello nel 1964.

La struttura della sceneggiatura è essenziale. Due protagonisti, innominati: Lui e Lei. Si ritrovano dopo otto anni (“Perché m’hai fatta venire?”), in un’epoca che non prevede la fine del matrimonio (“Anche qui stanno per istituire il divorzio”).

Due protagonisti, anzi tre: Lui, Lei e un’immanente  Venezia, celebrata nell’atmosfera nebbiosa che esalta i bradisismi della decadenza (“Ma è proprio questa che la fa bella: muore”), elemento costitutivo di un fascino avvolgente, riecheggiante arte e letteratura.
Venezia scorre nei fotogrammi proiettati sulla scena dell’atto primo: “Stiamo passando davanti a Ca’ Foscari”. “Siamo a San Samuele”. “Fondamenta dell’Accademia”. “Non abiti più a San Trovaso?”. “Fondamenta della Verona” “Campo Sant’Angelo”.

Il secondo atto è nella casa che fu teatro di un amore troncato soltanto nei fatti, interrottosi più per un’impossibilità strutturale (“Non sono nato per vivere in due, io”) che per la fine della passione. Nel momento dell’incontro finale la casa si è trasformata in una sala prove, nell’intendimento del protagonista morituro di opporsi al destino e lasciare una sorta di testamento spirituale (“Voglio lasciare il concerto a mio figlio. Sono stato un padre troppo cialtrone per non sentire quest’obbligo”).

Il testo celebra un’altra “Morte a Venezia”, nel potere estetizzante della musica (“Pensa è stato scritto trecento anni fa, nel pieno splendore di Venezia. Ed è il lamento funebre per questa città…”), della città lagunare, dell’amore e delle sue contraddizioni, che sono forza e condanna al tempo stesso.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giuseppe

Berto

Libri dallo stesso autore

Intervista a Berto Giuseppe


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Vedere la luce: Il mare della giovinezza di Platonov

Uno dei più clamorosi successi letterari giapponesi di tutti i tempi è anche il libro più intimo, introspettivo di Murakami, che qui si stacca dalle atmosfere oniriche e surreali che lo hanno reso famoso, per esplorare il mondo in ombra dei sentimenti e della solitudine. Norwegian Wood è anche un grande romanzo sull'adolescenza, sul conflitto tra il desiderio di essere integrati nel mondo degli "altri" per entrare vittoriosi nella vita adulta e il bisogno irrinunciabile di essere se stessi, costi quel costi. Come il giovane Holden, Toru è continuamente assalito dal dubbio di aver sbagliato o poter sbagliare nelle sue scelte di vita e di amore, ma è anche guidato da un ostinato e personale senso della morale e da un'istintiva avversione per tutto ciò che sa di finto e costruito. Diviso tra due ragazze, Naoko e Midori, che lo attirano entrambe con forza irresistibile, Toru non può fare altro che decidere. O aspettare che la vita (e la morte) decidano per lui.

Norwegian Wood. Tokyo blues

Murakami Haruki

Ogni donna è una voce, uno sguardo, una sensibilità unica e irripetibile. Lo sono anche Gesuina, Maria e Lori, una nonna, una madre e una figlia forzate dalle circostanze a convivere in una casa stregata dall'assenza prolungata di un uomo. Tanto Gesuina, più di sessant'anni e un'instancabile curiosità per il gioco dell'amore, è aperta e in ascolto del mondo, quanto Maria, sua figlia, vorrebbe fuggire la realtà, gli occhi persi tra le carte di traduttrice e i sentimenti rarefatti rivolti a un altrove lontano. Il ponte tra questi due universi paralleli è Lori, sedici anni fatti di confusione e rivolta, che del cuore conosce solo il ritmo istintivo dell'adolescenza. Ma il fragile equilibrio che regola la quotidianità di queste tre generazioni è destinato a incrinarsi quando un uomo irrompe nelle loro vite, e ristabilirne uno nuovo significherà abbandonarsi alla forma più pura di passione, quella per la libertà. Tre donne illumina i percorsi nascosti e gli equilibri impossibili del desiderio, li fotografa con un taglio inedito che ne coglie le delicate sfumature in tutte le età della vita.

Tre donne

Maraini Dacia

Ci sono molti modi d'intendere il giallo, genere che ormai ha mille sfaccettature e sa accontentare anche i palati più raffinati. Per Gaia Conventi il giallo ha soprattutto una vena comica, perché di tutto si può ridere, persino in mezzo alla tormenta che costringe un oste, un carabiniere e un curiale a indagare sulla morte di una mummia estense. E non stupitevi di scovare mummie ad Arginario Po, ridente paesino a pochi chilometri da Ferrara, non stupitevi nemmeno di non trovare la località su Google Maps. In "Quarti di vino e mezze verità" l'autrice - ridendo - vi svelerà una strana e cupa storia estense. Arginario Po torna anche nella seconda novella: in "La locanda del Giallo" il morto arriva quando serve e fa più comodo. A parecchia gente. Sarà quindi il caso di far svolgere le indagini alla combriccola di giallisti invitata alla kermesse. Ottima occasione per mettere all'opera gli esperti del settore e per farsi quattro risate ai danni dell'editoria.

Novelle col morto

Conventi Gaia