Narrativa

Anteprima mondiale

Nove Aldo

Descrizione: Vent'anni dopo "Woobinda", Aldo Nove ritorna con "Anteprima mondiale". Vent'anni in cui tutto è cambiato senza tradire le profetiche premesse che infiammarono allora pubblico e critica. Nove racconta un mondo mutato per sempre, giunto oggi a un punto di saturazione, e gioca la carta più difficile: descrivere con ironia e compassione una deriva che non risparmia niente e nessuno, se non un residuale senso di umanesimo a cui possiamo ancorare le nostre speranze per il futuro. "Anteprima mondiale" fa ridere e al tempo stesso tocca le nostre inquietudini più profonde, riuscendo nel paradosso di trasformare, grazie alla letteratura, ciò che ci fa spavento in qualcosa di sorprendentemente comico.

Categoria: Narrativa

Editore: La Nave di Teseo

Collana:

Anno: 2016

ISBN: 9788893440158

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Nei proclami di presentazione del libro e nella cover l’Anteprima mondiale viene qualificata come una derivazione di Woobinda, la raccolta di racconti di Aldo Nove che la scolastica colloca nell’ambito del movimento letterario dei cosiddetti Cannibali: una corrente spontanea di critica sui generis agli aspetti deteriori della vita, della società, del consumismo, dei mass media, del… in altre parole una discussione letteraria condotta con le medesime caratteristiche dell’oggetto criticato o descritto: personaggi alienati, perversioni, violenza, pornografia, perdizioni, esasperazione del trash e dell’assurdo ecc. ecc. Un modo per inorridire di noi stessi, vedendoci proiettati sulle pagine di un libro?

Ovviamente, nel frattempo qualche lustro è trascorso e pertanto la riedizione di Woobinda postula un restyling che tenga conto dei mutamenti intervenuti per i consociati di un sistema che ha accelerato, distorto e potenziato i meccanismi innescatisi con l’avvento del web: nell’era delle emigrazioni e delle sperequazioni (“L’Europa è un posto in cui si arriva morendo”), nell’epoca dell’evanescenza dei rapporti interpersonali, nel trionfo della pornografia on line e della coprofilia che in Veronica Moser vede la deriva delle patologie di Sade e dell’intellettualismo spietatamente disperato e critico del Pasolini delle 120 giornate.

La nuova rappresentazione del disfacimento e le visualizzazioni del vuoto che ci circonda (“Tutto è alla portata di tutto in ogni istante”) sono spesso un pugno nello stomaco e un intenzionale affronto all’estetica da parte di un autore che è anche (soprattutto? Nonostante tutto? Sic et simpliciter) un poeta. Le scelte stilistiche sono provocatorie, spesso ricorrono a elencazioni ossessive, copia-incollate da Wikipedia (la discografia ufficiale di Battiato) o ottenute distorcendo un paradigma (si veda la rassegna di articoli spuri della carta costituzionale).

Il sentimento (sarà nostalgia?) per il cannibalismo letterario risulta esplicito in un capitolo (“Come quell’altro totalmente fuori che non azzecca un congiuntivo ed è passato dal porno a San Francesco”) e l’esigenza di un’ideale comunanza autoriale è vistosa nelle collaborazioni – tra gli altri – con Culicchia, Ammaniti, Montanari e Carmen Pellegrino.

Ma non siamo più negli anni Novanta.
Il regime politico è cambiato, anzi no, è rimasto uguale, solo che oggi “in Italia c’è un bravo ragazzo che fa il capo del governo non eletto ma imposto dagli emissari degli Etruschi come ormai da tempo accade.”
Idem dicasi per il quadro esistenziale, così diverso, così identico ad allora: “Con la percezione oggi fortissima di un flusso di valori scaduto che andava a riversarsi nel grande mare in cui adesso affondiamo tutti”.
In pratica l’Anteprima mondiale è un déjà vu nel πάντα ῥεῖ.
Allucinante, vero?

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Aldo

Nove

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nove Aldo

È una torrida estate in Alta Valle Stermasca, nell'entroterra savonese. Un ragazzo genovese in vacanza è scomparso misteriosamente da alcuni giorni, ma gli abitanti di Stermato continuano a condurre la loro vita come sempre. Finché un mattino il ragazzo scomparso viene ritrovato morto. Barbaramente assassinato, come dicono i giornali. E inizia la caccia al colpevole, sotto gli occhi dell'intera nazione. Una vera e propria danza di sospetti e segreti, un intreccio di relazioni nascoste, di verità sbagliate, di apparenze che ingannano, tra carabinieri affettuosi e spazzini africani, adolescenti insopportabili e zii piagnucolanti, vecchie vegetariane tabagiste e canidi di varia specie, in una cornice ineguagliabile qual è quella di Stermato, straordinario paese di montagna sospeso fra Liguria e Piemonte, fra Medioevo e modernità, fra sovranismo valligiano e conquista del mondo.

L’innocenza del lupo

Duberti Nicola

La vita di Caterina è scandita in due tempi, ben separati tra loro. Nel primo c’è una bambina che insegue una fila di formiche. Un cane che guaisce oltre la porta, i rami di un melo, sei anni d’infanzia muta cancellati dal fuoco. Nel secondo ci sono un lavoro, un marito, due figli. C’è la donna che Caterina è diventata, dopo aver imparato faticosamente i passi e le parole. Tutto ciò che sta in mezzo è merito di una straordinaria madre adottiva, la donna vitale e insaziabile il cui corpo giace oggi in una stanza d’albergo, accanto a quello del suo uomo. Ed è proprio qui che Caterina si ritrova insieme a Daniele, il figlio di lui, per cercare di ricostruire il corso degli eventi. E’ in questo pugno di giorni che la sua vita per la prima volta le si rivela intera. Daniele ha un’allegria forsennata, un’energia che rompe il guscio delle cose, e Caterina una capacità strana, la facoltà visionaria d’indovinare gli sconosciuti. La morte dei loro genitori è l’unica cosa che hanno in comune, ma la libertà disperata di quei pochi giorni insieme insegnerà ad entrambi un modo nuovo di stare al mondo.

Essere vivi

Comencini Cristina

Bernie Gladhart è un mite venditore d’auto di Chicago che nel tempo libero si diletta, con scarso successo, a fare lo scrittore. Un giorno la moglie, impressionata dalla storia di Cabot Wright – giovane finanziere di Wall Street, autore di circa trecento violenze carnali – lo spinge a recarsi a new york per cercarlo e, basandosi sulla sua vicenda, a scrivere finalmente il Grande romanzo Americano. L’industria culturale, che nella vicenda intravede il soggetto ideale per un bestseller, punta immediatamente gli occhi su Cabot e il libro di Bernie. Inizia così una caccia all’uomo tra i grattacieli di new york – con Bernie accompagnato dalla zelante zoe Bickle, affiancatagli dall’editore – in cerca del «personaggio Cabot»; ma questi, una volta rintracciato, non ricorda più nulla: il «suo» romanzo resterà incompiuto, ma vedere la sua storia scritta lo spingerà a cercare la propria verità, che non ha nulla a che vedere con quella che vorrebbero attribuirgli, per motivi diversi, l’editore e il mondo che lo circonda. Un libro divertente e grottesco. Una descrizione precisa dei meccanismi perversi dell’industria culturale e un’esplorazione inedita dell’ambiguo gioco tra realtà e finzione.

Cabot Wright ci riprova

Purdy James

Nella sua nota al lettore, Alessandro Soldati avverte: "Quello che hai in mano non è un romanzo sugli aeroplani e sugli aviatori che ci stanno dentro. Se cerchi dettagli tecnici, descrizioni minuziose di manovre ardite, coni di scarico che sputano fiamme e, soprattutto, se cerchi gente risoluta, pronta ad accogliere il destino sparandogli un missile sui denti, credo che finirai per rimanere deluso. Io ho preferito raccontare gli uomini e le donne che stanno 'dentro' agli aviatori. Visti da fuori hanno un certo fascino eroico per chi li apprezza, mentre sono stupide macchine da guerra per chi li detesta. Ho avuto l'onore ed il privilegio di essere uno di loro, perciò non cado in nessuna delle due semplificazioni, e voglio mostrare che sono molto di più: sono persone".

Andrà bene di sicuro

Soldati Alessandro