Narrativa

Anteprima mondiale

Nove Aldo

Descrizione: Vent'anni dopo "Woobinda", Aldo Nove ritorna con "Anteprima mondiale". Vent'anni in cui tutto è cambiato senza tradire le profetiche premesse che infiammarono allora pubblico e critica. Nove racconta un mondo mutato per sempre, giunto oggi a un punto di saturazione, e gioca la carta più difficile: descrivere con ironia e compassione una deriva che non risparmia niente e nessuno, se non un residuale senso di umanesimo a cui possiamo ancorare le nostre speranze per il futuro. "Anteprima mondiale" fa ridere e al tempo stesso tocca le nostre inquietudini più profonde, riuscendo nel paradosso di trasformare, grazie alla letteratura, ciò che ci fa spavento in qualcosa di sorprendentemente comico.

Categoria: Narrativa

Editore: La Nave di Teseo

Collana:

Anno: 2016

ISBN: 9788893440158

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Nei proclami di presentazione del libro e nella cover l’Anteprima mondiale viene qualificata come una derivazione di Woobinda, la raccolta di racconti di Aldo Nove che la scolastica colloca nell’ambito del movimento letterario dei cosiddetti Cannibali: una corrente spontanea di critica sui generis agli aspetti deteriori della vita, della società, del consumismo, dei mass media, del… in altre parole una discussione letteraria condotta con le medesime caratteristiche dell’oggetto criticato o descritto: personaggi alienati, perversioni, violenza, pornografia, perdizioni, esasperazione del trash e dell’assurdo ecc. ecc. Un modo per inorridire di noi stessi, vedendoci proiettati sulle pagine di un libro?

Ovviamente, nel frattempo qualche lustro è trascorso e pertanto la riedizione di Woobinda postula un restyling che tenga conto dei mutamenti intervenuti per i consociati di un sistema che ha accelerato, distorto e potenziato i meccanismi innescatisi con l’avvento del web: nell’era delle emigrazioni e delle sperequazioni (“L’Europa è un posto in cui si arriva morendo”), nell’epoca dell’evanescenza dei rapporti interpersonali, nel trionfo della pornografia on line e della coprofilia che in Veronica Moser vede la deriva delle patologie di Sade e dell’intellettualismo spietatamente disperato e critico del Pasolini delle 120 giornate.

La nuova rappresentazione del disfacimento e le visualizzazioni del vuoto che ci circonda (“Tutto è alla portata di tutto in ogni istante”) sono spesso un pugno nello stomaco e un intenzionale affronto all’estetica da parte di un autore che è anche (soprattutto? Nonostante tutto? Sic et simpliciter) un poeta. Le scelte stilistiche sono provocatorie, spesso ricorrono a elencazioni ossessive, copia-incollate da Wikipedia (la discografia ufficiale di Battiato) o ottenute distorcendo un paradigma (si veda la rassegna di articoli spuri della carta costituzionale).

Il sentimento (sarà nostalgia?) per il cannibalismo letterario risulta esplicito in un capitolo (“Come quell’altro totalmente fuori che non azzecca un congiuntivo ed è passato dal porno a San Francesco”) e l’esigenza di un’ideale comunanza autoriale è vistosa nelle collaborazioni – tra gli altri – con Culicchia, Ammaniti, Montanari e Carmen Pellegrino.

Ma non siamo più negli anni Novanta.
Il regime politico è cambiato, anzi no, è rimasto uguale, solo che oggi “in Italia c’è un bravo ragazzo che fa il capo del governo non eletto ma imposto dagli emissari degli Etruschi come ormai da tempo accade.”
Idem dicasi per il quadro esistenziale, così diverso, così identico ad allora: “Con la percezione oggi fortissima di un flusso di valori scaduto che andava a riversarsi nel grande mare in cui adesso affondiamo tutti”.
In pratica l’Anteprima mondiale è un déjà vu nel πάντα ῥεῖ.
Allucinante, vero?

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Aldo

Nove

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nove Aldo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un segreto tenuto nascosto per lunghi anni, una scoperta sconvolgente, un uomo di successo e una donna in carriera, un artista squattrinato ma geniale, autore di un quadro misterioso. Immersa nelle atmosfere di una Trieste nebulosa e di una Venezia dal fascino liquido, si agita l’intrigante storia di Eugenio e Francesca, amanti sanguigni, dolci quanto irascibili. “Amata tela” è un romanzo in cui le vicende dei protagonisti si tingono di passioni travolgenti, in un vortice senza fine che si abbatterà inesorabilmente sulle loro vite. Amore, sesso e arte, si mescolano nei luoghi del sogno e del sentimento. “Amata tela” costruisce un’epica di esperienze umane, tra gioie e paure, attraverso un disegno sapientemente tracciato dalla penna di Giulia Madonna.

Amata tela

Madonna Giulia

La ragazza di Bube

Cassola Carlo

È notte e la nebbia è illuminata a tratti dai fari delle macchine che sfrecciano accanto a lei. Letty si asciuga l’ennesima lacrima e preme ancora più forte il piede sull’acceleratore. Deve correre il più lontano possibile, fuggire da tutti i suoi sbagli, è la cosa migliore per tutti. Perché la sua vita è stata difficile, ha inanellato una serie di errori uno dietro l’altro e adesso tutte le sue paure sono tornate a tormentarla, senza lasciarle una via di scampo. Intanto, ormai molte miglia lontano, i suoi due figli, Alex e la piccola Luna, stanno dormendo serenamente. Non sanno che la mamma li ha lasciati da soli nel loro letto, schiacciata dal terrore di non essere una buona madre. Convinta che senza di lei Alex e Luna saranno più felici. Quando Alex si sveglia e si accorge che Letty non c’è più, capisce che non deve farsi prendere dal panico. Deve occuparsi della sorellina e seguire le regole. Perché Alex ha quindici anni ed è solo un ragazzino, ma è dovuto crescere in fretta per aiutare sua madre Letty e i suoi occhi troppo spesso tristi. A volte guarda verso il cielo e sogna di volare via, in un posto dove l’azzurro del cielo li possa di nuovo colorare di felicità. La sua passione sono la matematica e lo studio delle rotte migratorie degli uccelli. Da loro ha imparato che non importa quanto voli lontano, c’è sempre un modo per tornare a casa. Alex sa che deve trovare il modo di far tornare anche la sua mamma. Solo lui può farlo, solo lui può curare le sue ali ferite e farle spiccare di nuovo il volo. Perché anche quando l’orientamento è perso, l’amore può farci ritrovare la rotta verso il nostro cuore. Questa è la storia di un amore immenso e imperfetto, come la vita. Questa è la storia della paura di una madre e del coraggio di un figlio. Questa è la storia di come anche un solo abbraccio può scacciare dal cuore la solitudine.

Le ali della vita

Diffenbaugh Vanessa

Quando è giusto distribuire traduzioni non autorizzate?