Narrativa

Anteprima mondiale

Nove Aldo

Descrizione: Vent'anni dopo "Woobinda", Aldo Nove ritorna con "Anteprima mondiale". Vent'anni in cui tutto è cambiato senza tradire le profetiche premesse che infiammarono allora pubblico e critica. Nove racconta un mondo mutato per sempre, giunto oggi a un punto di saturazione, e gioca la carta più difficile: descrivere con ironia e compassione una deriva che non risparmia niente e nessuno, se non un residuale senso di umanesimo a cui possiamo ancorare le nostre speranze per il futuro. "Anteprima mondiale" fa ridere e al tempo stesso tocca le nostre inquietudini più profonde, riuscendo nel paradosso di trasformare, grazie alla letteratura, ciò che ci fa spavento in qualcosa di sorprendentemente comico.

Categoria: Narrativa

Editore: La Nave di Teseo

Collana:

Anno: 2016

ISBN: 9788893440158

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Nei proclami di presentazione del libro e nella cover l’Anteprima mondiale viene qualificata come una derivazione di Woobinda, la raccolta di racconti di Aldo Nove che la scolastica colloca nell’ambito del movimento letterario dei cosiddetti Cannibali: una corrente spontanea di critica sui generis agli aspetti deteriori della vita, della società, del consumismo, dei mass media, del… in altre parole una discussione letteraria condotta con le medesime caratteristiche dell’oggetto criticato o descritto: personaggi alienati, perversioni, violenza, pornografia, perdizioni, esasperazione del trash e dell’assurdo ecc. ecc. Un modo per inorridire di noi stessi, vedendoci proiettati sulle pagine di un libro?

Ovviamente, nel frattempo qualche lustro è trascorso e pertanto la riedizione di Woobinda postula un restyling che tenga conto dei mutamenti intervenuti per i consociati di un sistema che ha accelerato, distorto e potenziato i meccanismi innescatisi con l’avvento del web: nell’era delle emigrazioni e delle sperequazioni (“L’Europa è un posto in cui si arriva morendo”), nell’epoca dell’evanescenza dei rapporti interpersonali, nel trionfo della pornografia on line e della coprofilia che in Veronica Moser vede la deriva delle patologie di Sade e dell’intellettualismo spietatamente disperato e critico del Pasolini delle 120 giornate.

La nuova rappresentazione del disfacimento e le visualizzazioni del vuoto che ci circonda (“Tutto è alla portata di tutto in ogni istante”) sono spesso un pugno nello stomaco e un intenzionale affronto all’estetica da parte di un autore che è anche (soprattutto? Nonostante tutto? Sic et simpliciter) un poeta. Le scelte stilistiche sono provocatorie, spesso ricorrono a elencazioni ossessive, copia-incollate da Wikipedia (la discografia ufficiale di Battiato) o ottenute distorcendo un paradigma (si veda la rassegna di articoli spuri della carta costituzionale).

Il sentimento (sarà nostalgia?) per il cannibalismo letterario risulta esplicito in un capitolo (“Come quell’altro totalmente fuori che non azzecca un congiuntivo ed è passato dal porno a San Francesco”) e l’esigenza di un’ideale comunanza autoriale è vistosa nelle collaborazioni – tra gli altri – con Culicchia, Ammaniti, Montanari e Carmen Pellegrino.

Ma non siamo più negli anni Novanta.
Il regime politico è cambiato, anzi no, è rimasto uguale, solo che oggi “in Italia c’è un bravo ragazzo che fa il capo del governo non eletto ma imposto dagli emissari degli Etruschi come ormai da tempo accade.”
Idem dicasi per il quadro esistenziale, così diverso, così identico ad allora: “Con la percezione oggi fortissima di un flusso di valori scaduto che andava a riversarsi nel grande mare in cui adesso affondiamo tutti”.
In pratica l’Anteprima mondiale è un déjà vu nel πάντα ῥεῖ.
Allucinante, vero?

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Aldo

Nove

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nove Aldo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Una tranquilla notte parigina. Nulla traspare dalla classica e impenetrabile facciata del Louvre. Un dramma si sta consumando al suo interno, nella Grande Galleria. Il vecchio curatore Saunière, ferito a morte, si aggrappa con un ultimo gesto disperato a un dipinto del Caravaggio, fa scattare l'allarme e le grate di ferro all'entrata della sala scendono immediatamente, chiudendo fuori il suo inseguitore. A Saunière restano pochi minuti di vita. Si toglie i vestiti e si distende nella posizione dell'uomo di Vitruvio, il celebre disegno di Leonardo. Accanto a sé, scrive pochi numeri e un solo nome: Robert Langdon, uno studioso di simbologia. A lui toccherà scoprire il mistero che si cela dietro i capolavori di Leonardo. Chi era il pittore rinascimentale? Cosa nascondeva? E, soprattutto, quali enigmi sconvolgenti nascondevano le sue opere? L'America intera si è appassionata al thriller di Dan Brown, decretandolo scrittore dell'anno. Il suo romanzo ha spiegato a milioni di lettori perché, in definitiva, Monna Lisa sorride.

Il codice Da Vinci

Brown Dan

Ventisette storie piemontesi, storie ambientate in quella meravigliosa terra ai piedi delle Alpi, dal Monviso al Po, dalle colline al mare. Racconti dove i protagonisti si chiamano Gelindo, Maria Giuana, Giraudo, Micilina, ma portano anche nomi lontani, nati da tutt'altra parte. Nel libro, divertente, dissacrante, grottesco, ma anche serio, malinconico, riflessivo, vivono personaggi di ogni dove che in Piemonte han trovato, o da secoli, o da pochi mesi, un luogo dove lavorare, combattere, amare. Pellegrini, mummie, contadini, masche, pastori, operai, viaggiatori, studenti, sul palcoscenico della vita, sospesa fra tradizione e futuro. Tutti insieme appassionatamente. Uno sguardo spudorato sull'Italia di ieri, di oggi e di domani.

Storie piemontesi

Dutto Alessandro

Elena è una ragazza madre. Giulio, il suo primo amore, ha abbandonato lei e il piccolo Giovanni, detto Anni. Elena ha bisogno di un lavoro, per inseguire il suo sogno di fare l’attrice decide di lasciare la pellicceria di Margoni, e lui che pure è innamorato di lei, fa di tutto per aiutarla procurandole un lavoro come attrice. Un giorno Elena incontra Pietro, ricco bello e sfrontato, che la corteggia insistentemente e lei, anche se sa di essere solo una delle tante conquiste, si lascia sedurre. Nel frattempo, rifiuta le avances del suo capo Tauscher e perde il lavoro. Scopre che Pietro sta per sposarsi con un’altra donna e si ritrova sola. Senza lavoro e senza protezione inizia una carriera nel cabaret. Solo un colpo di fortuna la salva: il suo capo la aiuta, Margoni la riprende a lavorare in pellicceria e Pietro, di cui ormai è innamorata, torna per vivere con lei qualche mese d’amore, finché la loro storia non si scontra con le comodità di una vita troppo bella per potervi rinunciare, e Pietro scappa. Così, sconfitta e delusa, Elena torna a quello che conosce e che spera di riuscire ad amare: il lavoro, l’affezionato Margoni, la casa, il figlio. Tranquilla e rassegnata, vive anni sereni, finché un nuovo vecchio amore, il terzo amore appunto, non torna a risvegliare in lei il suo inesausto bisogno di avventura.

Appuntamento a Trieste

Scerbanenco Giorgio

Glen Runciter comunica con la moglie defunta per avere i suoi consigli dall’aldilà. Joe Chip scompare dal mondo del 1992 e si ritrova nell’America degli anni Trenta, mentre riceve misteriosi e cupi messaggi. Una trappola mortale sembra aver annientato i migliori precognitivi del sistema solare. È in corso una lotta per scrutare il futuro nel corso di un’impossibile dissoluzione del presente; mondi e tempi diversi vivono e fluiscono contemporaneamente, la vita si scambia con la morte. In Ubik Philip Dick affronta con grande ispirazione alcuni dei suoi temi piú profondi: l’illusione che chiamiamo realtà, la mancanza di un tessuto connettivo e di un principio unificatore al di sotto dell’apparenza delle cose, il mistero di un Dio che tiene i dadi della vita e della morte. Scritto nel 1966 e pubblicato nel 1969, Ubik è una delle opere più sconcertanti e riuscite di Philip K. Dick. per il suo dirompente surrealismo, per l’ironia e la passione con cui analizza la società umana, Ubik è davvero un classico di quella letteratura che sempre si spinge a esplorare i paradossi dell’esistenza con le armi della visione e della fantasia, di uno sguardo anarchico, insaziabile e curioso."Io sono vivo, voi siete morti", scrisse Philip K. Dick in Ubik.

UBIK

Dick Philip K.