Teatro

Antigone

Parrella Valeria

Descrizione: Chi sarebbe Antigone oggi? Se nella tragedia di Sofocle la donna e il tiranno si fronteggiavano per dare o negare la sepoltura a Polinice, in questa riscrittura di Valeria Parrella, libera e alta, carica d'intensità e di poesia, è il diritto all'eutanasia a essere al centro del racconto.

Categoria: Teatro

Editore: Einaudi

Collana: L'Arcipelago Einaudi

Anno: 2012

ISBN: 9788806213275

Trama

Le Vostre recensioni

Lascia fare alla natura, ad Ananke -, dice il legislatore, e in quale contraddizione più dolorosa cade dicendo questo, se ad Ananke ha sottratto il corpo di mio fratello, destinato certo a Thanatos nei campi, per accanirsi su di lui con la terapia? Come era adesso voi non lo sapete, e vi auguro di mai saperlo e al contempo invidio il vostro non sapere. Ti invidio coro, perché consumi il tuo tempo con il pane e la corsa delle bighe e il nettare di Dionisio. Ma cosa è il tempo rattrappito mio e di mio fratello, rattrappito corpo per tredici anni, tu non sai. Quando al legislatore manca la ragione è il popolo che deve tornare a ragionare”. 

Il testo di Sofocle torna a teatro e lo fa con Valeria Parella.

La scrittrice napoletana, già autrice di testi teatrali e non solo, torna a scrivere di Antigone e della sua lotta contro la legge che si fa ingiustizia di fronte a temi di straordinaria e delicata umanità come l’eutanasia, la detenzione nelle carceri e il suicidio.

Il confine tra vita e morte, così come quello tra legge dell’uomo e legge della natura è labile.

Il Legislatore guardiano di Tebe applica ciecamente le sue leggi invocandone il pieno rispetto, sordo alle ragioni della coscienza, ancorato al diritto che non si rinnova, che non sa tutelare l’uguaglianza, la libertà e la salute.

Il coro si accende in un dibattito che si alterna nei giudizi, che prende posizione ora per il Legislatore ora per Antigone.

Polinice gravemente ferito in battaglia è in coma da tredici anni tenuto in vita artificialmente, immobile nella sua vita apparente con il suo fiato sordo e pompato in un tubo che la sorella Antigone non riesce più a riconoscere, perché “la vita è un soffio che esce […] non uno che entra”. La sua mano consegnerà il fratello a Thanatos, alla morte necessaria, strappandolo ad un accanimento terapeutico e normativo intollerabile.

Il Legislatore la condannerà alla detenzione senza fine e senza speranza. Tra le mura del carcere, Antigone conoscerà un’altra vita apparente, quella che si consuma in “pochi metri, un solo servizio e un lavabo[…]Tutto questo per ventidue ore al giorno, e quelle altre due […] in un cortile assolato”.

Il Legislatore rifletterà e si convincerà sulle parole dell’anziano indovino Tiresia che lo ammonisce: “Ad Antigone avresti dovuto chiedere perché, e scandagliare fin nel fondo prima di giudicare”; ma per Antigone il tempo dell’attesa è terminato.

Il testo della Parrella, dopo Brecht e Anouilh, recupera un mito di straordinaria modernità: Antigone ha attraversato il tempo ed è arrivata sino a noi per dialogare con il presente e per condurci ad una riflessione doverosa sulla necessità di farsi parte del processo di formazione della legge. Non possiamo rimanere estranei a ciò che viene scelto per noi ed imposto dall’alto alle nostre coscienze. Siamo responsabili della nostra libertà e della nostra vita.

Autodeterminarsi è bellissimo” dichiara la scrittrice in un’intervista. “Il flusso della vita e della morte è più forte delle leggi della comunità”.

Il tutto ce lo spiega con un testo di esemplare lirismo che non ha perso la solennità della tragedia antica.

Lo spettacolo, diretto da Luca De Fusco, è già approdato al Teatro Mercadante di Napoli e proseguirà la sua turnée in tutta Italia.

Il teatro è un tempio moderno, dove avviene un rito collettivo. Per partecipare devi alzarti dal divano, devi assumere un atteggiamento attivo, viverlo. Lo stesso atteggiamento da tenere verso i temi fondamentali della vita. Pensare, spegnere la tv”, ci ricorda la Parrella.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Valeria

Parrella

Libri dallo stesso autore

Intervista a Parrella Valeria


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Non basta la verità giudiziaria. Nel mare di accuse e veleni che continuano a inquinare i processi in corso sulla trattativa Stato-mafia, con particolare riferimento alle morti di Falcone e Borsellino, e che hanno addirittura coinvolto indirettamente il presidente della Repubblica, è necessario provare a spostare il nostro angolo visuale e fare un passo indietro. La storia ci viene in aiuto per capire che cosa sta succedendo. La partita è troppo grossa perché possa rimanere nelle aule di un tribunale. In gioco è la Repubblica italiana, il nostro Stato. Entrambi nati con l'appoggio fondamentale della mafia. L'autore spiega come e perché. Dalla vittoriosa cavalcata di Garibaldi aiutato dai picciotti siciliani durante la spedizione del 1860 agli omicidi impuniti d'inizio secolo che contaminano il tessuto economico-finanziario, all'alleanza col fascismo che si limitò a contrastare la manovalanza armata. Poi il patto di sangue con gli angloamericani nel 1943 per indirizzare la pace, seguito dagli omicidi e dalle stragi del dopoguerra perché la sinistra non avesse il sopravvento al Sud, fino alle tragiche vicende oggetto degli attuali processi. Difficile ammetterlo, però è così: la mafia è stata una risorsa decisiva per lo Stato italiano sin dai suoi albori unitari offrendo appoggio anche militare a chi vigilava sul controllo "democratico" del paese e talora a chi sosteneva veri e propri disegni eversivi. La magistratura non ce la può fare da sola a spaccare questa crosta spessa di bugie e inganni...

Una lunga trattativa

Fasanella Giovanni

E’ stato dimostrato da ricerche approfondite condotte sul campo che ogni marito fedifrago, quando si rivolge alla propria amante, attinge, più o meno inconsapevolmente, a un repertorio consolidato, una sorta di serbatoio dell’inconscio collettivo adulterino. E’ come se i traditori avessero accesso a un manuale segreto in cui sono racchiuse le frasi utili a innamorare, rabbonire, turlupinare le malcapitate, nel tentativo di perpetrare all’infinito la bigamia. Le amanti, nei primi tempi della relazione (e talvolta per un periodo molto lungo prima di insospettirsi), ascoltano con orecchie vergini le asserzioni del fedifrago, credendo nell’esclusività di quelle parole e ignorando che si tratta invece di formule condivise da tutta la categoria dei traditori. Tali formule corrispondono a enunciati standard – con variazioni idiosincratiche minime – che accompagnano ogni fase della relazione: dalle sperticate dichiarazioni d’amore alle promesse di un futuro diverso, passando attraverso i ripensamenti (guarda caso, sempre post-coitali) nonché i moniti, le precisazioni, le preoccupazioni, le giustificazioni, le gelosie, le autocommiserazioni, le fantasie poligame, le pietose o impietose descrizioni opportunistiche della legittima consorte e delle copule coniugali, le esaltazioni appassionate del polimorfo sesso extraconiugale, e infine, i finti abbandoni e le nuove epifanie. Qualunque sia la verità scientifica in proposito, a partire da oggi ogni donna possiede uno strumento indispensabile di difesa personale, perché il manuale del fedifrago non è più segreto: è qui, tra le vostre mani, sotto i vostri occhi, affinché vi possa essere di aiuto e conforto. Le mogli sapranno finalmente cosa raccontano i mariti alle amanti. Le amanti si accorgeranno di non essere sole, ma di subire insieme a migliaia di altre tapine un’ineluttabile logosfera comune. E infine, i fedifraghi dotati di intelligenza e umorismo potranno ridere di sé, ma forse chissà, talvolta anche riflettere.

Non avremmo mai dovuto

Bonafini Francesca, Falconi Caterina

Serotonina

Hoellebecq Michel

E se il matrimonio da sogno che fantasticavi da una vita andasse improvvisamente a monte per colpa della tua (ex) migliore amica? E se ti ritrovassi tra le mani un biglietto già pagato per fare il giro del mondo in quella che avrebbe dovuto essere la tua luna di miele? Avresti mai il coraggio di partire da sola? È quello che accade a Bianca, biologa marina all’acquario di Londra, ormai senza un lavoro e prossima alle nozze. Lei decide di partire: donna impulsiva e determinata, col suo tacco 12 è pronta a sfidare il mondo intero anzi, il giro del mondo, che una delle navi da crociera più lussuose del mondo, la Queen Victoria, percorrerà in 109 lunghi giorni. Un’anziana coppia sempre in vena di litigare, un galante scrittore in cerca di ispirazione, un affascinante e scorbutico pianista, una bionda tutto pepe e una misteriosa vecchietta saranno alcuni dei suoi compagni di avventura. Riuscirà Bianca ad arrivare alla fine del viaggio, tra serate di gala, ladri di gioielli, persone che scompaiono misteriosamente e i ricordi dolorosi di un passato che cerca di tornare prepotentemente a galla?

UNA CROCIERA SUI TACCHI

Conti Valeria Angela