Teatro

Antigone

Parrella Valeria

Descrizione: Chi sarebbe Antigone oggi? Se nella tragedia di Sofocle la donna e il tiranno si fronteggiavano per dare o negare la sepoltura a Polinice, in questa riscrittura di Valeria Parrella, libera e alta, carica d'intensità e di poesia, è il diritto all'eutanasia a essere al centro del racconto.

Categoria: Teatro

Editore: Einaudi

Collana: L'Arcipelago Einaudi

Anno: 2012

ISBN: 9788806213275

Trama

Le Vostre recensioni

Lascia fare alla natura, ad Ananke -, dice il legislatore, e in quale contraddizione più dolorosa cade dicendo questo, se ad Ananke ha sottratto il corpo di mio fratello, destinato certo a Thanatos nei campi, per accanirsi su di lui con la terapia? Come era adesso voi non lo sapete, e vi auguro di mai saperlo e al contempo invidio il vostro non sapere. Ti invidio coro, perché consumi il tuo tempo con il pane e la corsa delle bighe e il nettare di Dionisio. Ma cosa è il tempo rattrappito mio e di mio fratello, rattrappito corpo per tredici anni, tu non sai. Quando al legislatore manca la ragione è il popolo che deve tornare a ragionare”. 

Il testo di Sofocle torna a teatro e lo fa con Valeria Parella.

La scrittrice napoletana, già autrice di testi teatrali e non solo, torna a scrivere di Antigone e della sua lotta contro la legge che si fa ingiustizia di fronte a temi di straordinaria e delicata umanità come l’eutanasia, la detenzione nelle carceri e il suicidio.

Il confine tra vita e morte, così come quello tra legge dell’uomo e legge della natura è labile.

Il Legislatore guardiano di Tebe applica ciecamente le sue leggi invocandone il pieno rispetto, sordo alle ragioni della coscienza, ancorato al diritto che non si rinnova, che non sa tutelare l’uguaglianza, la libertà e la salute.

Il coro si accende in un dibattito che si alterna nei giudizi, che prende posizione ora per il Legislatore ora per Antigone.

Polinice gravemente ferito in battaglia è in coma da tredici anni tenuto in vita artificialmente, immobile nella sua vita apparente con il suo fiato sordo e pompato in un tubo che la sorella Antigone non riesce più a riconoscere, perché “la vita è un soffio che esce […] non uno che entra”. La sua mano consegnerà il fratello a Thanatos, alla morte necessaria, strappandolo ad un accanimento terapeutico e normativo intollerabile.

Il Legislatore la condannerà alla detenzione senza fine e senza speranza. Tra le mura del carcere, Antigone conoscerà un’altra vita apparente, quella che si consuma in “pochi metri, un solo servizio e un lavabo[…]Tutto questo per ventidue ore al giorno, e quelle altre due […] in un cortile assolato”.

Il Legislatore rifletterà e si convincerà sulle parole dell’anziano indovino Tiresia che lo ammonisce: “Ad Antigone avresti dovuto chiedere perché, e scandagliare fin nel fondo prima di giudicare”; ma per Antigone il tempo dell’attesa è terminato.

Il testo della Parrella, dopo Brecht e Anouilh, recupera un mito di straordinaria modernità: Antigone ha attraversato il tempo ed è arrivata sino a noi per dialogare con il presente e per condurci ad una riflessione doverosa sulla necessità di farsi parte del processo di formazione della legge. Non possiamo rimanere estranei a ciò che viene scelto per noi ed imposto dall’alto alle nostre coscienze. Siamo responsabili della nostra libertà e della nostra vita.

Autodeterminarsi è bellissimo” dichiara la scrittrice in un’intervista. “Il flusso della vita e della morte è più forte delle leggi della comunità”.

Il tutto ce lo spiega con un testo di esemplare lirismo che non ha perso la solennità della tragedia antica.

Lo spettacolo, diretto da Luca De Fusco, è già approdato al Teatro Mercadante di Napoli e proseguirà la sua turnée in tutta Italia.

Il teatro è un tempio moderno, dove avviene un rito collettivo. Per partecipare devi alzarti dal divano, devi assumere un atteggiamento attivo, viverlo. Lo stesso atteggiamento da tenere verso i temi fondamentali della vita. Pensare, spegnere la tv”, ci ricorda la Parrella.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Valeria

Parrella

Libri dallo stesso autore

Intervista a Parrella Valeria

La Milano del dopo Expo, dei grattacieli e del nuovo skyline, la Milano dal ritmo continuamente "in crescendo" sembra fermarsi in riverente pausa davanti alla sacralità del tempio mondiale della Lirica, il Teatro alla Scala, e alla quiete della casa di riposo Giuseppe Verdi, dove anziani musicisti vivono di musica e di ricordi. Ma quel mondo apparentemente rarefatto nasconde storie di invidie, sesso, denaro, potere e tradimenti: l'assassinio "quasi perfetto" del potente sovrintendente è come un terremoto che sconquassa la superficie patinata e porta alla luce quel sommerso di odio e intrighi. Il sovrintendente viene trovato di prima mattina dal suo segretario particolare nel suo studio, riverso sulla scrivania, privo di vita, senza una goccia di sangue. Ma i primi rilievi tolgono subito ogni dubbio: non si tratta di morte accidentale. La scottante indagine viene affidata alla giovane e determinata capitana dei carabinieri Doriana Messina. Single per sofferta scelta in nome dell'Arma, la capitana è amata e stimata dai suoi stretti collaboratori, ma deve invece destreggiarsi tra le invidie di colleghi che la vedono come ostacolo alla loro carriera, e le avance più o meno esplicite di uomini che non vogliono perdersi l'esperienza della donna in divisa, magari con il valore aggiunto di manette e pistola. A Doriana si affianca come consulente del PM la psicologa e amica Giorgia del Rio con cui ha collaborato nel corso di una precedente indagine. Grazie a lei e ai racconti della sua anziana amica musicista che vive a Casa Verdi, si scopre che in quei giorni...

Il delitto di via Filodrammatici

Bezzon Emiliano

A seguito di un malore Marina, ex ballerina in pensione, viene portata, suo malgrado, dai nipoti in una casa di riposo. Nella stessa casa di riposo lavora Clara che, dopo un passato da donna in carriera che le ha causato la perdita di tutti gli affetti, è riuscita a reinventarsi una vita dedicandosi con estrema devozione agli ospiti dell'Istituto. Nonostante la reciproca diffidenza iniziale le due donne stringono un'amicizia profonda, costellata da una serie di coincidenze inattese che segnano il loro rapporto. Finché un giorno arriva la nipote di Marina, Michela, con un pacco marrone legato con uno spago. A Clara non sfugge la reazione sconvolta della sua amica. Il pacco contiene delle lettere. Sono lettere dal passato di Marina, scritte negli anni del terrorismo dal suo uomo, poliziotto prima a Milano, poi a Roma e infine a Bologna. Lettere che ci fanno rivivere il clima degli anni di piombo. Piombo, come quello che ha avvolto il cuore di Marina quando l'ennesima strage si è portata via il suo Rossano. A nulla è servito il tempo trascorso, soltanto Clara, con la sua amicizia, riuscirà ad ammorbidire il cuore di Marina. La convincerà ad accettare il passato, a ricongiungersi con i suoi ricordi. Lo stesso farà Marina con Clara, aiutandola a comprendere e ad affrontare i suoi demoni. Grazie a Marina, Clara rimedierà ai suoi errori e si riconcilierà con la sua famiglia.

Il filo che ci lega

Dotta Graziella

Pierre Boileau e Thomas Narcejac si incontrano alla fine degli anni Quaranta e prendono quasi immediatamente la decisione che farà di loro una delle coppie più famose della letteratura francese, e non solo: quella di realizzare "qualcosa di radicalmente nuovo", inserendo "nel genere poliziesco i temi di quello fantastico". Nei Diabolici compaiono alcuni dei Leitmotiv della loro sterminata, formidabile produzione: l’ambientazione provinciale e piccolo-borghese, il realismo psicologico, la suspense – e soprattutto l’inversione dei ruoli: in un’autentica spirale di angoscia, l’assassino si trasforma in una vittima braccata dalla defunta.

I diabolici

Boileau Pierre, Narcejac Thomas

Oggi vede suo padre per la prima volta. Sono diciotto anni che aspetta questo momento. Una settimana fa l'ha visto in televisione, l'ha cercato e ora eccola lì, che sposta il peso da un piede all'altro nella portineria di uno studio televisivo. Lui ha qualcosa da finire, le chiede soltanto un attimo; diciotto anni e un attimo. "Hai fatto bene a cercarmi tu, perché io non l'avrei mai fatto" le dice poi. Non ci sono abbracci. Gelido freddo invernale, dentro e fuori di lì. Ha un bel salire e scendere da autobus e tram, Lidia, per andarlo a trovare. Passano i mesi e non c'è disgelo. Ma il destino è disegnato nel cielo, ha un cappello bianco da cowboy, è da anni che la cerca dappertutto e ancora non l'ha trovata. Aspettami, non ti muovere, gli dice Lidia, ti troverò io. Va a cercarlo lontano, su una montagna a duemila metri, dove il lavoro principale è sorridere, e non fermarsi mai. E proprio lì, di colpo, una pioggia di sms cambia tutto. Per tanto tempo la vita non ha fatto che dirle no no no, dopo dopo dopo, e ora finalmente le dice sì sì sì, ora! ora! ora! Suo padre le scrive sono cambiato, prima non ero pronto e adesso sì. Adesso vuole stare con lei. Ha trovato il grande amore ed è pronto a cominciare una nuova fase della vita. Ecco come si stanno mettendo le cose. Davvero molto bene. Talmente bene che Lidia ogni due minuti si chiede: ma sarà vero? Non ci sarà qualcosa che non va? "Il mio regalo sei tu" è la storia di un amore negato: l'avventura di una piccola donna coraggiosa nelle spire di un padre serpente.

IL MIO REGALO SEI TU

Spinazzola Sarah