Teatro

Antigone

Parrella Valeria

Descrizione: Chi sarebbe Antigone oggi? Se nella tragedia di Sofocle la donna e il tiranno si fronteggiavano per dare o negare la sepoltura a Polinice, in questa riscrittura di Valeria Parrella, libera e alta, carica d'intensità e di poesia, è il diritto all'eutanasia a essere al centro del racconto.

Categoria: Teatro

Editore: Einaudi

Collana: L'Arcipelago Einaudi

Anno: 2012

ISBN: 9788806213275

Trama

Le Vostre recensioni

Lascia fare alla natura, ad Ananke -, dice il legislatore, e in quale contraddizione più dolorosa cade dicendo questo, se ad Ananke ha sottratto il corpo di mio fratello, destinato certo a Thanatos nei campi, per accanirsi su di lui con la terapia? Come era adesso voi non lo sapete, e vi auguro di mai saperlo e al contempo invidio il vostro non sapere. Ti invidio coro, perché consumi il tuo tempo con il pane e la corsa delle bighe e il nettare di Dionisio. Ma cosa è il tempo rattrappito mio e di mio fratello, rattrappito corpo per tredici anni, tu non sai. Quando al legislatore manca la ragione è il popolo che deve tornare a ragionare”. 

Il testo di Sofocle torna a teatro e lo fa con Valeria Parella.

La scrittrice napoletana, già autrice di testi teatrali e non solo, torna a scrivere di Antigone e della sua lotta contro la legge che si fa ingiustizia di fronte a temi di straordinaria e delicata umanità come l’eutanasia, la detenzione nelle carceri e il suicidio.

Il confine tra vita e morte, così come quello tra legge dell’uomo e legge della natura è labile.

Il Legislatore guardiano di Tebe applica ciecamente le sue leggi invocandone il pieno rispetto, sordo alle ragioni della coscienza, ancorato al diritto che non si rinnova, che non sa tutelare l’uguaglianza, la libertà e la salute.

Il coro si accende in un dibattito che si alterna nei giudizi, che prende posizione ora per il Legislatore ora per Antigone.

Polinice gravemente ferito in battaglia è in coma da tredici anni tenuto in vita artificialmente, immobile nella sua vita apparente con il suo fiato sordo e pompato in un tubo che la sorella Antigone non riesce più a riconoscere, perché “la vita è un soffio che esce […] non uno che entra”. La sua mano consegnerà il fratello a Thanatos, alla morte necessaria, strappandolo ad un accanimento terapeutico e normativo intollerabile.

Il Legislatore la condannerà alla detenzione senza fine e senza speranza. Tra le mura del carcere, Antigone conoscerà un’altra vita apparente, quella che si consuma in “pochi metri, un solo servizio e un lavabo[…]Tutto questo per ventidue ore al giorno, e quelle altre due […] in un cortile assolato”.

Il Legislatore rifletterà e si convincerà sulle parole dell’anziano indovino Tiresia che lo ammonisce: “Ad Antigone avresti dovuto chiedere perché, e scandagliare fin nel fondo prima di giudicare”; ma per Antigone il tempo dell’attesa è terminato.

Il testo della Parrella, dopo Brecht e Anouilh, recupera un mito di straordinaria modernità: Antigone ha attraversato il tempo ed è arrivata sino a noi per dialogare con il presente e per condurci ad una riflessione doverosa sulla necessità di farsi parte del processo di formazione della legge. Non possiamo rimanere estranei a ciò che viene scelto per noi ed imposto dall’alto alle nostre coscienze. Siamo responsabili della nostra libertà e della nostra vita.

Autodeterminarsi è bellissimo” dichiara la scrittrice in un’intervista. “Il flusso della vita e della morte è più forte delle leggi della comunità”.

Il tutto ce lo spiega con un testo di esemplare lirismo che non ha perso la solennità della tragedia antica.

Lo spettacolo, diretto da Luca De Fusco, è già approdato al Teatro Mercadante di Napoli e proseguirà la sua turnée in tutta Italia.

Il teatro è un tempio moderno, dove avviene un rito collettivo. Per partecipare devi alzarti dal divano, devi assumere un atteggiamento attivo, viverlo. Lo stesso atteggiamento da tenere verso i temi fondamentali della vita. Pensare, spegnere la tv”, ci ricorda la Parrella.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Valeria

Parrella

Libri dallo stesso autore

Intervista a Parrella Valeria


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

NIENT’ALTRO CHE AMARE

Di Cesare Amneris

Il romanzo, pubblicato nel 1904, narra la storia di un timido provinciale, Mattia Pascal, che si allontana di casa dopo una delle solite liti con la moglie Romilda e la suocera, e, arrivato a Montecarlo, vince, giocando a caso, diverse decine di migliaia di lire. Il possesso di una grossa somma e la lettura di una notizia di cronaca che annuncia la sua morte (si tratta di un'erronea identificazione del cadavere di un disperato che si è ucciso gettandosi nel pozzo di casa Pascal), lo inducono a simulare davvero la morte e a tentare di cominciare una nuova vita. Mattia Pascal diventa così il signor Adriano Meis, e va a stabilirsi a Roma.

Il fu Mattia Pascal

Pirandello Luigi

Dall’incipit del libro: Una dedicatoria a un becchino? — E perchè no? Non è egli forse un uomo come un altro e — non ve l’abbiate a male — non può egli essere un galantuomo par vostro e mio? Anzi — e sarei pronto a giurarlo sul Vangelo —, ei valeva assai più di tanti e tanti che han titolo di baccelliere, e magari di dottore, i quali col nastrino all’occhiello dell’abito, sono saliti tant’alto da credere che gli onesti non li ravvisino più per quel ch’e’sono: barattieri solenni. Dico perciò che, se aveste conosciuto quel povero becchino, lo avreste, come me, amato e, aggiungo anche, onorato. Io, allora, ero quasi fanciullo; ma quando il brav’uomo morì, portavo già i peli del labbro superiore arricciati dispettosamente all’insù con quella boria de’ vent’anni, che sarebbe molto ridicola, se non fosse altrettanto innocente. Di quel tempo certi fumi si guardan con occhio benevolo, avvegnachè, più o meno, li abbiamo avuti tutti, quei fumi; e, invero, quella è proprio l’età delle leggerezze e delle scappatelle, le quali — ove non passino la misura o il segno — meritano sempre benevolo perdono. A quei giorni io credo che Tomaso Giona, soprannominato il Griso, andasse oltre i sessant’anni; e tuttavia quel numero di pasque se le portava bene.

La leggenda del Buranco

Maineri Baccio Emanuele

"Bestiario di vite disgraziate" è tutto quello che ci circonda e che a tratti ci spaventa, ma soprattutto ci fa ridere. Il bestiario è composto da storie allegramente disperate che, mano a mano, come in un percorso di smarrimento, si riempiono di personaggi disgraziati e sognatori, mentre l'occhio si sposta dall'interno all'esterno, dal personale al collettivo, e tutto diventa favolistico. Dalla risata amara di questi racconti nasce la convinzione di essere parte, assieme all'autrice, di questo affresco surreale e tragicomico dell'umanità. In definitiva il libro è un contenitore di bestie venute male, un po' storpie, eternamente tragiche, che serpeggiano fuori e dentro di noi, ma di cui, alla fine, non possiamo che innamorarci.

Bestiario di vite disgraziate

porcedda ambra