Teatro

Antigone

Sofocle

Descrizione: Una nuova traduzione dell'Antigone di Sofocle dovuta al filosofo Massimo Cacciari. La tragedia sarà nei teatri italiani nei primi mesi del 2007 con la regia di Walter Le Moli. La traduzione di Cacciari, insieme alla regia di Le Moli, intende ritrovare l'afflato politico di una tragedia che è archetipo sociale, fondamento di una democrazia dialettica e discorsiva, in cui la partecipazione del cittadino alla vita della polis era fattivamente attiva. In questa prospettiva, lo scontro ideologico e dialogico tra Antigone e Creonte ritrova la forza propulsiva originaria, tanto da suggerire spunti di riflessione di grande attualità, capaci di superare il dato eminentemente teatrale: non personaggi visti in prospettiva psicologica, ma vere e proprie funzioni tragiche mosse dal Coro che diventa il vero motore, quasi un simbolo di ciò che resta, ovvero la sopravvivenza della città allo scontro di due concrezioni emblematiche della hybris.

Categoria: Teatro

Editore: Einaudi

Collana: Collezione di teatro

Anno: 2007

ISBN: 9788806188764

Recensito da Fabrizio Comneno

Le Vostre recensioni

All’interno della tragedia di SofocleAntigone, si verifica un’opposizione fondamentale tra i valori antichi propri dell’uomo e le nuove leggi, i nuovi principi che si vogliono affermare.

Tale opposizione è personificata dai due principali protagonisti della tragedia: da una parte Antigone, sventurata figlia di Edipo e sorella di Eteocle e Polinice; dall’altra Creonte, zio di Antigone, detentore del potere a Tebe, che cerca di ristabilire ordine ed equilibrio dopo lo scontro fratricida dei suoi due nipoti.

“…Della stessa natura sono gli ordini che ho dato ai cittadini riguardo ai figli di Edipo, e cioè: si copra con tomba Eteocle che cadde combattendo per la città, dopo essersi distinto eroicamente con la lancia. A lui si offrano tutte le libagioni che seguono sotto terra gli eroi morti.

Quanto a quello del suo stesso sangue, intendo Polinice che, tornato dall’esilio, osò col fuoco distruggere fino alle radici la patria terra e gli dèi, e osò pascersi del sangue della sua gente e condurla schiava, a questa città è stato ordinato che nessuno renda onori funebri alla sua tomba e che nessuno lo pianga, ma sia lasciato insepolto perché cani e uccelli lo divorino, irriconoscibile mucchio di membra…” (192-206)

Creonte stabilisce per decreto che il corpo di Polinice venga lasciato insepolto, in quanto indegno nei confronti della patria.

Antigone invece, di nascosto, compie i riti funebri sul corpo del fratello in nome di leggi più profonde; in nome delle leggi divine che sono eterne e immortali, mentre quelle umane sono spesso soggette a cambiamento.

“…Non Zeus mi ha gridato gli ordini; né Dike, che ha la casa insieme agli dèi sotterranei, fissò per gli uomini siffatte leggi. Non presagivo che i tuoi gridati ordini fossero a tal punto potenti da dare, a te che sei mortale, il diritto di trasgredire le leggi non scritte, ma infallibili, degli dèi. Non da oggi, non da ieri, ma da sempre esse sono vive, e nessuno sa da dove attinsero splendore…” (450-457).

L’opposizione tra i due protagonisti è insanabile: Antigone saldamente legata al genos e alla tradizione; Creonte, invece, accecato dall’illusione di poter sostituire ogni valore con le proprie leggi.

L’atteggiamento irremovibile dei due protagonisti porterà rapidamente alla tragedia, in quanto Antigone preferirà la morte alla possibilità di venir meno ai propri principi; mentre Creonte si disilluderà presto, quando scoprirà che il proprio figlio Emone si è tolto la vita di fronte al cadavere della sua promessa sposa Antigone.

Creonte troppo tardi comprende di essere stato delirante nei suoi progetti: egli aveva coltivato l’illusione pericolosa di poter finalmente, da solo, ristabilire l’ordine e la razionalità a scapito di ogni altro principio.

Il suo delirio si trasforma dunque nel dolore personale di un padre, che non ha saputo leggere fino in fondo la realtà.

“…Ah, tenaci mortiferi errori

di dissennate menti! O voi

che vedete assassini

e uccisi dalla stessa stirpe

nati. Ah, nefasti miei

ordini! Ah, figlio acerbo,

di acerba sorte

sei morto; mi hai

lasciato. Non tu,

io, folle, lo volli…” (1260-1269)

Parallelo all’atteggiamento di Creonte è quello di Antigone, che è altrettanto irremovibile nei suoi propositi quanto quello dello zio. La fanciulla, infatti, si illude di poter rovesciare da sola il nuovo ordine costituito, a favore di leggi antiche quanto il mondo.

Vendicatrice solitaria dei diritti di famiglia, Antigone rimane sorda ad ogni possibilità di compromesso, quasi delirante nel suo tentativo di restituire potere al genos.

L’illusione di Antigone non avverrà sulla scena, in quanto la giovane preferirà la morte, piuttosto che riconoscere di essere stata irragionevole. Ella scende dunque nell’Ade con le sue illusioni intatte, fidando nella speranza che la sorella Ismene compia i riti funebri che la faranno ricongiungere con il resto della sua famiglia.

“…Tomba, stanza nuziale, sotterranea abitazione, eterna prigione dove mi avvio verso i miei che, estinti, Persefone ha accolto in gran numero tra i morti; di loro io per ultima scendo, e nel modo più infame, prima che la parte assegnatami di vita sia per me compiuta. Tuttavia, scendendo, fortemente nutro la speranza di arrivare laggiù cara almeno al padre e a te, madre, e a te fratello, caro volto. Morti io vi lavai con queste mie mani, vi composi, e offrii funebri libagioni. E ora, Polinice, perché seppellisco il tuo corpo, ecco cosa ottengo. Eppure, per coloro che hanno senno, io ti resi un  giusto onore…” (891-904).

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sofocle

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sofocle

La cosa più affascinante del sesso non è il sesso, ma tutto ciò che gli ruota attorno: in una sola parola, la vita. È per questo cheLeonardo, Eva e Giorgio, dovendo parlare di sesso, raccontano le rispettive esistenze (audaci e innocenti allo stesso tempo) a un intervistatore che vorrebbe scrivere un libro sul piacere, e che invece si ritrova in continuazione a fare i conti con il loro dolore. Del resto, nel gioco erotico, tutto è così terribilmente intrecciato: non solo il piacere e il dolore, ma anche la trasgressione e le regole, la libertà e il possesso, l'eccitazione e la noia, l'io e la maschera. Quelle che i nostri eroi indossanoin questo romanzo corrispondono ai tre ruoli chiave del gioco: Leonardo (nome in codice: Mister Wolf) è il bull, maschio alfa che applica al sesso seriale la disciplina e la meticolosità degli antichi samurai, Eva (la First Lady) è la sweet, regina e schiava deldesiderio maschile, Giorgio (il Presidente) è il cuckold, tradito consenziente che sguazza nella sua impotenza ma non rinuncerebbe mai a manovrare i fili. Insieme formano il triangolo più classico e scabroso dell'intera geometria erotica, quello in cui l'ossessione maschile di possedere e offrire l'oggetto del proprio desiderio s'incastra con l'aspirazione della donna ad appartenere, finalmente, solo a se stessa. Recitano dei ruoli, Mister Wolf, la First Lady e il Presidente. Ma quanto più il corpo è il loro abito di scena, tanto più la loro anima si denuda, rivelando ai nostri occhi l'umanità struggente, tenera, e talvolta esilarante, di tre protagonisti fuori dagli schemi.

Il gioco

D'Amicis Carlo

Quasi tutti i Crosby, da Howard a George Washington, hanno lasciato vedove le mogli e orfani i figli. Charlie Crosby costituisce l'eccezione. Il destino è scritto diversamente per lui. Nipote di George Washington, Charlie vive a Enon, una piccola città a nord di Boston. Pittura case, e a volte gli capita di tagliare l'erba nei giardini e spalare la neve. Una vita fatta di piccole cose: camminare nei boschi con Kate, contemplare Susan, la moglie. Un giorno però irrompe, crudele, insensata, terribile, la tragedia. In un piovoso pomeriggio di settembre che annuncia la fine dell'estate, mentre sta rientrando in auto dopo una passeggiata nei boschi, Charlie riceve una telefonata di Susan. Con la voce spezzata dal dolore, la moglie gli dice che un automobilista ha travolto Kate mentre tornava in bici dalla spiaggia. La fine della ragazza lascia macigni pesanti sul cuore di Charlie. Susan cerca di reagire, di non soccombere alla sofferenza, ma Charlie cede di schianto. Un giorno, dopo aver trascorso quasi tutta la notte seduto al buio, esausto e senza riuscire a dormire, Charlie scaglia un pugno contro la parete del pianerottolo. Susan se ne torna a casa dei suoi, nella sua vecchia camera da letto, che la madre usa per cucire ormai da vent'anni. Sembrerebbe tutto perduto per il nipote di George Washington Crosby. Tuttavia, da qualche parte è ancora all'opera la semplicità salvifica della natura e del mondo.

ENON

Harding Paul

Hazel, un'allegra bambina di otto anni, è ospite della terribile zia Eugenia in compagnia del suo antipatico cuginetto Isambard. Basterebbe l'immagine del vecchio maniero dove vìvono i parenti dì Hazel per spaventare qualsiasi visitatore, eppure, dopo la prima inquietante giornata con zia Eugenia, la vita comincia a cambiare. Isambard, intatti, presenta a Hazel la sua collezione di cuccioli terrificanti: un cane con la testa di legno, un gruppo dì paperelle che fumano sigarette nello stagno, due maiali senza zampe... e questo è solo l'inizio! Una notte Hazel decide di esplorare il giardino e, nascosti tra i cespugli, scopre degli strani mostri: il pitonspino (un pitone con la testa di porcospino), il gorillopardo (un gorilla con il corpo da ghepardo) e la ranostrica (un'ostrica con le zampe da rana). Queste tre curiose creature non sono altro che gli incubi di zia Eugenia che, tutte le notti, disturbano i sogni dell'antipatica signora. Quando Hazel capisce che dietro i mostri c'è il suo caro cuginetto, intenzionato a far morire di paura la zia, si troverà a lottare contro Isambard e imparerà che, nelle favole come nella vita, persine le cose più brutte non sono mai così cattive come possono sembrare.

GLI INCUBI DI HAZEL

Deeny Leander

Senso è la storia di una relazione, di un tradimento, di un inganno, di una vendetta, sullo sfondo della terza guerra di indipendenza. Racconto insolito, che andrà incontro a un altrettanto insolito destino, ripropone l'intelaiatura del melodramma ma ne snatura implicitamente i contenuti e gli effetti; dissacra le certezze morali e le illusioni sentimentali; destabilizza le attese e spiazza il lettore. Viene a lungo trascurato dalla critica e dal pubblico: è il film di Luchino Visconti con Alida Valli e Farley Granger ad assicurargli un'inattesa notorietà, peraltro alterandone radicalmente la prospettiva storica e l'impianto drammatico. L'analisi proposta da Clotilde Bertoni si inoltra nelle dissonanze del testo letterario, per poi metterlo in parallelo con il film, illuminandone le diverse peculiarità.

Senso

Boito Camillo