Teatro

Antigone

Sofocle

Descrizione: Una nuova traduzione dell'Antigone di Sofocle dovuta al filosofo Massimo Cacciari. La tragedia sarà nei teatri italiani nei primi mesi del 2007 con la regia di Walter Le Moli. La traduzione di Cacciari, insieme alla regia di Le Moli, intende ritrovare l'afflato politico di una tragedia che è archetipo sociale, fondamento di una democrazia dialettica e discorsiva, in cui la partecipazione del cittadino alla vita della polis era fattivamente attiva. In questa prospettiva, lo scontro ideologico e dialogico tra Antigone e Creonte ritrova la forza propulsiva originaria, tanto da suggerire spunti di riflessione di grande attualità, capaci di superare il dato eminentemente teatrale: non personaggi visti in prospettiva psicologica, ma vere e proprie funzioni tragiche mosse dal Coro che diventa il vero motore, quasi un simbolo di ciò che resta, ovvero la sopravvivenza della città allo scontro di due concrezioni emblematiche della hybris.

Categoria: Teatro

Editore: Einaudi

Collana: Collezione di teatro

Anno: 2007

ISBN: 9788806188764

Recensito da Fabrizio Comneno

Le Vostre recensioni

All’interno della tragedia di SofocleAntigone, si verifica un’opposizione fondamentale tra i valori antichi propri dell’uomo e le nuove leggi, i nuovi principi che si vogliono affermare.

Tale opposizione è personificata dai due principali protagonisti della tragedia: da una parte Antigone, sventurata figlia di Edipo e sorella di Eteocle e Polinice; dall’altra Creonte, zio di Antigone, detentore del potere a Tebe, che cerca di ristabilire ordine ed equilibrio dopo lo scontro fratricida dei suoi due nipoti.

“…Della stessa natura sono gli ordini che ho dato ai cittadini riguardo ai figli di Edipo, e cioè: si copra con tomba Eteocle che cadde combattendo per la città, dopo essersi distinto eroicamente con la lancia. A lui si offrano tutte le libagioni che seguono sotto terra gli eroi morti.

Quanto a quello del suo stesso sangue, intendo Polinice che, tornato dall’esilio, osò col fuoco distruggere fino alle radici la patria terra e gli dèi, e osò pascersi del sangue della sua gente e condurla schiava, a questa città è stato ordinato che nessuno renda onori funebri alla sua tomba e che nessuno lo pianga, ma sia lasciato insepolto perché cani e uccelli lo divorino, irriconoscibile mucchio di membra…” (192-206)

Creonte stabilisce per decreto che il corpo di Polinice venga lasciato insepolto, in quanto indegno nei confronti della patria.

Antigone invece, di nascosto, compie i riti funebri sul corpo del fratello in nome di leggi più profonde; in nome delle leggi divine che sono eterne e immortali, mentre quelle umane sono spesso soggette a cambiamento.

“…Non Zeus mi ha gridato gli ordini; né Dike, che ha la casa insieme agli dèi sotterranei, fissò per gli uomini siffatte leggi. Non presagivo che i tuoi gridati ordini fossero a tal punto potenti da dare, a te che sei mortale, il diritto di trasgredire le leggi non scritte, ma infallibili, degli dèi. Non da oggi, non da ieri, ma da sempre esse sono vive, e nessuno sa da dove attinsero splendore…” (450-457).

L’opposizione tra i due protagonisti è insanabile: Antigone saldamente legata al genos e alla tradizione; Creonte, invece, accecato dall’illusione di poter sostituire ogni valore con le proprie leggi.

L’atteggiamento irremovibile dei due protagonisti porterà rapidamente alla tragedia, in quanto Antigone preferirà la morte alla possibilità di venir meno ai propri principi; mentre Creonte si disilluderà presto, quando scoprirà che il proprio figlio Emone si è tolto la vita di fronte al cadavere della sua promessa sposa Antigone.

Creonte troppo tardi comprende di essere stato delirante nei suoi progetti: egli aveva coltivato l’illusione pericolosa di poter finalmente, da solo, ristabilire l’ordine e la razionalità a scapito di ogni altro principio.

Il suo delirio si trasforma dunque nel dolore personale di un padre, che non ha saputo leggere fino in fondo la realtà.

“…Ah, tenaci mortiferi errori

di dissennate menti! O voi

che vedete assassini

e uccisi dalla stessa stirpe

nati. Ah, nefasti miei

ordini! Ah, figlio acerbo,

di acerba sorte

sei morto; mi hai

lasciato. Non tu,

io, folle, lo volli…” (1260-1269)

Parallelo all’atteggiamento di Creonte è quello di Antigone, che è altrettanto irremovibile nei suoi propositi quanto quello dello zio. La fanciulla, infatti, si illude di poter rovesciare da sola il nuovo ordine costituito, a favore di leggi antiche quanto il mondo.

Vendicatrice solitaria dei diritti di famiglia, Antigone rimane sorda ad ogni possibilità di compromesso, quasi delirante nel suo tentativo di restituire potere al genos.

L’illusione di Antigone non avverrà sulla scena, in quanto la giovane preferirà la morte, piuttosto che riconoscere di essere stata irragionevole. Ella scende dunque nell’Ade con le sue illusioni intatte, fidando nella speranza che la sorella Ismene compia i riti funebri che la faranno ricongiungere con il resto della sua famiglia.

“…Tomba, stanza nuziale, sotterranea abitazione, eterna prigione dove mi avvio verso i miei che, estinti, Persefone ha accolto in gran numero tra i morti; di loro io per ultima scendo, e nel modo più infame, prima che la parte assegnatami di vita sia per me compiuta. Tuttavia, scendendo, fortemente nutro la speranza di arrivare laggiù cara almeno al padre e a te, madre, e a te fratello, caro volto. Morti io vi lavai con queste mie mani, vi composi, e offrii funebri libagioni. E ora, Polinice, perché seppellisco il tuo corpo, ecco cosa ottengo. Eppure, per coloro che hanno senno, io ti resi un  giusto onore…” (891-904).

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sofocle

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sofocle


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

STROKES

Stefano Pitino

Un esordio potentissimo e atteso da molti noti scrittori della narrativa italiana contemporanea. Con il passo di una ballata, Mia moglie e io mette in scena un protagonista che fa i salti mortali affinché la mancanza di lavoro, e dunque di realizzazione personale, non lo annienti del tutto. Seguendo il ritmo di un montaggio alternato, il protagonista si inventa un mestiere e, con la moglie, mette in scena atti efferati. I due interpretano cadaveri, immaginando le loro storie, e girano cortometraggi che sperano possano dare loro, un giorno, una parossistica notorietà. A questa narrazione si unisce quella dei lavori che il protagonista svolge a tempo determinato: le esperienze da manovale, da commesso libraio e da orientatore. Lavori esercitati con sovrumano impegno e ossessiva epicità. La ballata incede con un registro umoristico: humor nero che informa e deforma. La danza si svolge tra il protagonista e la propria sconfitta, la depressione, che assume di volta in volta sembianze diverse fino a mostrare la sua vera identità ovvero quella di una donna con la quale il protagonista instaura un rapporto sensuale e perverso, di repulsione e attrazione. Il controcanto di una tale esistenziale lotta per la sopravvivenza è la dolcissima storia d’amore con la moglie del protagonista: la sua anima complementare. Speculativo lui, pragmatica lei; astrattamente furioso l’eroe, altrettanto dialogante l’amata: pur essendo precaria, insegnante di scuola media, dimostra al marito la possibilità di salvezza.

MIA MOGLIE E IO

Garigliano Alessandro

Abitavamo in un bosco di querce

Guglielmi Marilena

In un tempo e un luogo non precisati, all'improvviso l'intera popolazione diventa cieca per un'inspiegabile epidemia. Chi è colpito da questo male si trova come avvolto in una nube lattiginosa e non ci vede più. Le reazioni psicologiche degli anonimi protagonisti sono devastanti, con un'esplosione di terrore e violenza, e gli effetti di questa misteriosa patologia sulla convivenza sociale risulteranno drammatici. I primi colpiti dal male vengono infatti rinchiusi in un ex manicomio per la paura del contagio e l'insensibilità altrui, e qui si manifesta tutto l'orrore di cui l'uomo sa essere capace. Nel suo racconto fantastico, Saramago disegna la grande metafora di un'umanità bestiale e feroce, incapace di vedere e distinguere le cose su una base di razionalità, artefice di abbrutimento, violenza, degradazione. Ne deriva un romanzo di valenza universale sull'indifferenza e l'egoismo, sul potere e la sopraffazione, sulla guerra di tutti contro tutti, una dura denuncia del buio della ragione, con un catartico spiraglio di luce e salvezza.

Cecità

Saramago José