Teatro

Antigone. Una riscrittura

Sannipoli Daniele

Descrizione: Il fascino e la modernità del personaggio di Sofocle recano in sé una carica di suggestione tale da spingere Sannipoli a farne una riscrittura, suddivisa in atti teatrali, che ripercorre la forza di questa tragica eroina, nel cui incestuoso concepimento risiede già un destino avverso, segnato.

Categoria: Teatro

Editore: Daimon Edizioni

Collana: Melpomenia

Anno: 2019

ISBN: 9791280328007

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Antigone. Una riscrittura

Tra le tragedie greche l’Antigone di Sofocle è forse quella che, insieme al ciclo di Edipo dello stesso tragediografo e alla Medea di Euripide, meglio si è prestata a riadattamenti ispirati dalle epoche dei vari autori che hanno reinterpretato l’antinomia tra legge morale e ragion di stato. Come leggere l’Antigone di Anouilh senza i riferimenti all’occupazione nazista della Francia? Come potrebbe essere dunque l’Antigone della generazione Y, dei millennial o – chiamatela come volete – della next /net generation?

Questo inestricabile legame tra individuo e tempo del quale l’uomo è figlio lo riconosce Daniele Sannipoli nella prefazione alla sua “Antigone. Una riscrittura”, un testo teatrale che riecheggia la solida cultura classica dell’autore nel sincretismo creativo che egli realizza grazie al contributo della letteratura contemporanea dichiarato in modo lucido in premessa: il Pavese dei Dialoghi con Leucò, il Caligola di Camus, il “teatro aterogeno e lacerante di Sarah Kane”. Spiriti ed echi letterari – quelli citati e altri – che aleggiano nell’opera di Daniele Sannipoli, condensati in un’assunzione di principio: “I libri parlano sempre di altri libri”.

In questa riscrittura, “in tre atti, via via più brevi, articolati in scene e privi delle tradizionali parti riservate al Coro… a marcare… l’impossibilità di un ritorno al teatro greco” campeggiano tre figure, che incarnano altrettanti drammi socio-personali.

Il tiranno Creonte: crudele sì, ma dilacerato da un bipolarismo attuale, ottimamente rappresentato nello scenografico dialogo con lo specchio che andrà in frantumi. Così recita il riflesso di Creonte: “Lascia che la fanciulla seppellisca il fratello, è sacro l’amore che nutre, puro come una vita che nasce”.

L’eroina Antigone: pura, determinata, tenacemente convinta della sua motivazione (“La sua legge è sbagliata, la mia regge il mondo. Vive nelle piante, nell’acqua, nel soffio del vento, nel volo di un uccello e nel grido di una madre”).

L’amante Emone: infelice, schiavo d’amore, parimenti determinato come solo i giovani sanno essere.

Molti sono gli elementi di novità che questa tragedia riserva: la rappresentazione teatrale dei conflitti interiori e interpersonali, l’esteriorizzazione amplificata del dolore che travalica la classicità apollinea della matrice greca, una nuova sorte riservata a Euridice dall’autore-demiurgo, il ruolo denso, riassuntivo e salmodiante del Coro (“Non c’è potere senza la colpa, non c’è uomo senza l’amore”), i deliri monologanti – quello d’amore di Emone e quello politico-esistenziale di Creonte – resi con uno stile concitato e congestionato che restituisce allo spettatore l’urgenza dei sentimenti…

A breve avremo modo di dialogare con l’autore da queste pagine web. Intanto aspettiamo la rappresentazione sulla scena di un’opera che – coronavirus permettendo o meno – promette di meravigliare per la potenza anche violenta delle sue tonalità.

Bruno Elpis

Chi volesse assaporare in pillola l’abilità e la qualità drammaturgica di Daniele Sannipoli può leggere il dramma in atto unico intitolato In sospeso cliccando su questo link.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Daniele

Sannipoli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sannipoli Daniele

"Mio caro Marwan..." È l'inizio della lettera che un padre scrive al suo bambino, di notte, su una spiaggia buia, con persone che parlano "lingue che non conosciamo". I ricordi di un passato fatto di semplici sicurezze, la fattoria dei nonni, i campi costellati di papaveri, le passeggiate nelle strade di Homs si mescolano a un futuro incerto, alla ricerca di una nuova casa, dove "nessuno ci ha invitato", dove chi la abita ci ha detto di "portare altrove le nostre disgrazie". Un futuro di attesa e di terrore, che comincerà al sorgere del sole, quando dovranno affrontare quel mare, vasto e indifferente. Questa lettera è un grande atto d'amore e nelle parole che la compongono c'è la vita. Speranza e paura, felicità e dolore. Impossibile non riconoscersi, non pensare che al posto di quel padre e quel bambino potremmo esserci noi. Impossibile non sapere che tutto questo, comunque, ci riguarda.

Preghiera del mare

Hosseini Khaled

Amy e Nick si incontrano a una festa in una gelida sera di gennaio. Uno scambio di sguardi ed è subito amore. Lui la conquista con il sorriso sornione, l'accento ondulato del Missouri, il fisico statuario. Lei è la ragazza perfetta, bella, spigliata, battuta pronta, il tipo che non si preoccupa se bevi una birra di troppo con gli amici. Sono felici, innamorati, pieni di futuro. Qualche anno dopo però tutto è cambiato. Da Brooklyn a North Carthage, Missouri. Da giovani professionisti in carriera a coppia alla deriva. Amy e Nick hanno perso il lavoro e sono stati costretti a reinventarsi: lui proprietario del bar di quartiere accanto alla sorella Margo, lei casalinga in una città di provincia anonima e sperduta. Fino a che, la mattina del loro quinto anniversario, Amy scompare. È in quel momento, con le tracce di sangue e i segni di colluttazione a sfregiare la simmetria del salotto, che la vera storia del matrimonio di Amy e Nick ha inizio. Che fine ha fatto Amy? Quale segreto nasconde il diario che teneva con tanta cura? Chi è davvero Nick Dunne? Un marito devoto schiacciato dall'angoscia, o un cinico mentitore e violento, forse addirittura un assassino? Raccontato dalle voci alternate di Nick e Amy, "L'amore bugiardo" è una incursione nel lato oscuro del matrimonio. Un thriller costruito su una serie di rovesciamenti e colpi di scena che costringerà il lettore a chiedersi se davvero sia possibile conoscere la persona che gli dorme accanto.

L’amore bugiardo

Flynn Gillian

Lavorare in un ospedale psichiatrico è difficile. Ogni giorno la dottoressa Ellen Roth si scontra con un’umanità reietta, con la sofferenza più indicibile, con il buio della mente. Tuttavia, a questo caso non era preparata: la stanza numero 7 è satura di terrore, la paziente rannicchiata ai suoi piedi è stata picchiata, seviziata. È chiusa in se stessa, mugola parole senza senso. Dice che l’Uomo Nero la sta cercando. La sua voce è raccapricciante, è la voce di una bambina in un corpo di donna: le sussurra che adesso prenderà anche lei, Ellen, perché nessuno può sfuggire all’Uomo Nero. E quando il giorno dopo la paziente scompare all’ospedale senza lasciare traccia, per Ellen incomincia l’incubo. Nessuno l’ha vista uscire, nessuno l’aveva vista entrare. Ellen la vuole rintracciare a tutti i costi ma viene coinvolta in un macabro gioco da cui non sa come uscire. Chi è quella donna? Cosa le è successo? E chi è veramente l’Uomo Nero? Ellen non può far altro che tentare di mettere insieme le tessere di un puzzle diabolico, mentre precipita in un abisso di violenza, paranoia e angoscia. Eppure sa che, alla fine, tutti i nodi verranno al pettine...

LA PSICHIATRA

Dorn Wulf

La detective ipovedente Blanca e i suoi colleghi, il commissario Martusciello, l’agente scelto Carità, Liguori e Micheli, si ritrovano a dover risolvere due casi che sembrano scollegati: il traffico di animali illegali provenienti dall’estero e la morte di una donna, apparentemente avvenuta a causa del morso di un ragno, rarissimo e letale. Nel primo caso, delle circostanze fortuite porteranno a galla indizi che provocheranno la morte di due veterinari, mentre il secondo caso sembra opera di un assassino seriale che usa i ragni come armi, ma le vittime non sono collegate in alcun modo. Nel commissariato regna l’anarchia, ognuno conosce solamente un pezzo dell’indagine e spesso lo nasconde agli altri, il puzzle fatica a comporsi fino all’ultimo perché le vicende private dei personaggi si ergono come muri tra di loro: ognuno come un animale ferito cerca con le proprie forze di aprirsi la strada verso la verità, senza accorgersi di essere mutilato lontano dal resto della squadra. Blanca si dibatte nei suoi sentimenti per Liguori e cerca un riparo nell’amore di Micheli, pur non ricambiandolo. Di tutte le bestie che abitano questo romanzo è proprio Blanca la più selvatica.

La danza dei veleni

Rinaldi Patrizia