Narrativa

ANTONIA

Valentini Maria Rosaria

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Gaetano Capelli Editore

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788887469707

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Da bambini giocavamo spesso insieme, in un cortile enorme a forma di imbuto, circondato da un cordone di pitosfori. Ci eravamo messi in testa di contare i sassolini che segnavano il viale della villa comunale. Ma ogni volta ci toccava ricominciare da uno perché ci imbrogliavamo; calcolo dopo calcolo, mucchietto dopo mucchietto”.

In un certo senso Ciarli non ha mai veramente smesso di contare i sassi della villa comunale… Ha continuato a perdersi, a nascondersi da se stesso e ad avere paura. Non è mai diventato grande.

Timido, incerto e sospeso proprio come quel suo nome storpiato, che non è inglese e non è italiano, vive trascinandosi, senza slanci e senza entusiasmo, sulle sabbie mobili di un passato che si ostina a voler dimenticare e che rappresenta invece la sua unica via di salvezza dall’apatia e dalla depressione. È lì, nel passato, che sono sepolte le risposte alle sue domande, le radici della sofferenza che lo attanaglia e che non si sa spiegare. “La vita è un colpo d’ascia”, scrive la Valentini,  e la storia di Ciarli si è dolorosamente spezzata…

Nella confusione dei suoi pensieri, la cugina Antonia è l’unico punto fermo, lo scoglio cui aggrapparsi, il conforto che nasce dalla condivisione delle difficoltà, l’affetto che non viene cancellato né dalla lontananza né dal tempo che scorre impietoso.

La morte di nonno Renzuccio sarà l’occasione per tornare al paese e fare i conti con la verità.

Ciarli non ama volare, così fa un lungo viaggio in macchina, arrivando quando gli altri sono già in chiesa per il funerale e cercando subito di incrociare lo sguardo rassicurante di Antonia. Poi, quando tutto è finito, seduto di fronte a lei nel bar intriso dell’odore del vino divenuto ormai aceto nelle damigiane, Ciarli finalmente viene a conoscere la vera storia della sua famiglia, dei genitori emigrati in cerca di fortuna e di quella straordinaria donna che era sua nonna, Angiolina, indiscussa padrona di casa nonostante l’atteggiarsi servile nei confronti di un marito che aveva forse la metà della sua forza, ma restava pur sempre il capofamiglia.

A questo punto del libro è Antonia a parlare, a raccontare, a chiarire ogni cosa con la sua schiettezza e il suo pragmatismo, a mettere insieme cocci di ricordi e ricucire ferite mai rimarginate. Lucida e ferma, spiega l’intrecciarsi degli eventi e i motivi alla base di determinate scelte ma, soprattutto, fa comprendere a Ciarli la ragione di certi suoi sentimenti, compresi quelli che prova per lei…

Sito internet dell’editore

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Rosaria

Maria

Valentini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Valentini Maria Rosaria

Quando, nel 1925, Virginia Woolf si accinse a scrivere Gita al Faro era decisamente giunta alla soglia della maturità artistica: in questa sua opera riuscì infatti mirabilmente a mostrare il suo sapiente dominio delle possibilità del monologo interiore e la straordinaria capacità di muoversi liberamente tra il flusso delle coscienze dei personaggi. Con tutta la sua avvolgente bellezza, questo romanzo è una commossa elegia all'Assenza: assenza innanzitutto della madre, morta quando la Woolf aveva solo tredici anni, lasciandole un vuoto incolmabile. Ed è proprio tale immagine cara a legare le diverse solitudini dei protagonisti di questa rievocazione corale, tutti chiusi in un proprio mondo isolato da cui è difficile comunicare. Fluido e ritmato come il mare sotto il raggio ora breve ora lungo del Faro che fende l' oscurità della notte, il romanzo si impone al lettore con la forza della memoria, il fascino del ricordo, la voce struggente della nostalgia.

Gita al faro

Woolf Virginia

Nella Dublino chiusa e retrograda del 1907, una giovanissima attrice ha intrecciato una relazione con un uomo più anziano, il drammaturgo più importante del teatro dove la ragazza lavora. Ribelle, irriverente, bella, corteggiata da tutti, Molly Allgood proviene da una quartiere popolare, e sogna un futuro da star in America. Il suo amore, John Millington Synge, è un genio inquieto, ultimo discendente di quella che è stata una ricca famiglia di proprietari terrieri, un poeta dal linguaggio forte e dalle passioni tempestose. Ma la sua vita è ostacolata dalle convenzioni dell’età edoardiana e dalla madre austera e timorata di Dio con la quale vive. La relazione tra John e Molly, ostacolata dagli amici e dalla famiglia, è turbolenta, a volte crudele, spesso sofferta. Molti anni dopo, una donna anziana attraversa una Londra sconvolta dalla tempesta. Natale è alle porte. Mentre la donna vaga tra le macerie dei recenti bombardamenti, un vortice di neve di ricordi e desideri perduti sembra turbinarle intorno. Da una delle più grandi voci della narrativa irlandese contemporanea. Un indimenticabile romanzo sull’amore che sfida tutte le convenzioni, anche quelle religiose, una commovente storia di abbandoni e riconciliazioni, un omaggio all’arte stessa di narrare.

UNA CANZONE CHE TI STRAPPA IL CUORE

O'Connor Joseph

Lezioni americane

Calvino Italo

Quasi tutti i Crosby, da Howard a George Washington, hanno lasciato vedove le mogli e orfani i figli. Charlie Crosby costituisce l'eccezione. Il destino è scritto diversamente per lui. Nipote di George Washington, Charlie vive a Enon, una piccola città a nord di Boston. Pittura case, e a volte gli capita di tagliare l'erba nei giardini e spalare la neve. Una vita fatta di piccole cose: camminare nei boschi con Kate, contemplare Susan, la moglie. Un giorno però irrompe, crudele, insensata, terribile, la tragedia. In un piovoso pomeriggio di settembre che annuncia la fine dell'estate, mentre sta rientrando in auto dopo una passeggiata nei boschi, Charlie riceve una telefonata di Susan. Con la voce spezzata dal dolore, la moglie gli dice che un automobilista ha travolto Kate mentre tornava in bici dalla spiaggia. La fine della ragazza lascia macigni pesanti sul cuore di Charlie. Susan cerca di reagire, di non soccombere alla sofferenza, ma Charlie cede di schianto. Un giorno, dopo aver trascorso quasi tutta la notte seduto al buio, esausto e senza riuscire a dormire, Charlie scaglia un pugno contro la parete del pianerottolo. Susan se ne torna a casa dei suoi, nella sua vecchia camera da letto, che la madre usa per cucire ormai da vent'anni. Sembrerebbe tutto perduto per il nipote di George Washington Crosby. Tuttavia, da qualche parte è ancora all'opera la semplicità salvifica della natura e del mondo.

ENON

Harding Paul