Narrativa

Apri gli occhi

Righetto Matteo

Descrizione: È una mattina fredda e piovosa quella che Luigi e Francesca scelgono per partire insieme. L'idea è di passare un fine settimana in montagna da soli, lontano dal frastuono della città e dalla confusione delle loro vite. Perché Luigi e Francesca un tempo sono stati amici, fidanzati, sposati. Ma poi la loro vita insieme è finita, spezzata definitivamente da un evento che ha segnato in maniera indelebile il loro destino. Ed è proprio per fare i conti con quel passato che non accenna a scomparire che quella mattina partono, salutando i rispettivi nuovi compagni di vita per affrontare insieme un dolore troppo grande per essere superato. Quella di Luigi e Francesca sarà un'esperienza bellissima anche se dolorosa, difficile eppure necessaria.

Categoria: Narrativa

Editore: TEA

Collana: Narrativa Tea

Anno: 2016

ISBN: 9788850241651

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Apri gli occhi di Matteo Righetto, Premio della Montagna Cortina d’Ampezzo 2016, è un romanzo che va dritto al cuore per la semplicità dei sentimenti che descrive e per l’efficacia della rappresentazione scelta.

Luigi (“Le macchine erano la sua passione, assieme all’architettura e l’escursionismo alpino”) e Francesca si sono amati (“Tu avrai già 52 anni, lei 49…”), dalla loro unione è nato Giulio, ma poi – come talvolta accade – qualcosa si spezza nel rapporto coniugale. Ne fa le spese il figlio, che patisce la rottura del legame e si rinchiude in un isolamento durante il quale si aggrappa a una compagna un po’ ribelle. I genitori cercano di sostituire con le cose l’amore che si è dissolto e regalano una moto a Giulio…

I capitoli che raccontano la storia della deriva familiare (“Giulio pensò che ci voleva un incidente perché potessimo stare nuovamente vicini, tutti e tre”) si alternano a quelli che descrivono il viaggio sulla montagna (“Lascerai la macchina a pochi passi dal lago di Carezza”) che ha visto la felicità della famiglia ormai perduta. Al cospetto dell’imponenza dei monti (“Vi ritroverete nella radura del Mitterleger, a quasi millenovecento metri di altitudine”), nel bel mezzo della natura (“Attorno alla baita svolazzeranno dei codirossi e sentirete chiari i canti dell’averla piccola e della taccola”).

Lo stile è efficace e variato: il romanzo comincia in terza persona, poi vira sulla prima persona (“Iniziarono a sentirsi un corpo unico. Iniziammo a sentirci un corpo unico”). I capitoli che descrivono il viaggio in montagna adottano il tu narrativo e il futuro (“Vi saluterete più con imbarazzo che con diffidenza”). Dopo un’escursione potentemente metaforica (“Non è la montagna ciò che conquistiamo, ma noi stessi, vero?”), nel finale (“Dai uno sguardo alle rose. Ti sembrano ancora più bianche”) si annida una difficile scelta (“Fai ciò che senti di dover fare”), che tutti immaginano salvo rimaner sorpresi da una rivelazione inattesa, che qualifica in modo drammatico il ruolo paterno…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Matteo

Righetto

Libri dallo stesso autore

Intervista a Righetto Matteo

L'autrice della Libreria del buon romanzo immagina la storia di Lou, una giovane donna che vede il corso della propria vita assurdamente deviato e stravolto allorché s'imbatte per caso in un evento molto più grande di lei. Una straordinaria prova di immaginazione letteraria a partire da un fatto realmente accaduto. Coinvolta per caso in una famosa vicenda di cronaca nera, la giovane Lou si allontana velocemente dalla scena dell'incidente. Per lei all'inizio non sembrano profilarsi conseguenze gravi. Pure quando all'indomani la notizia esplode su TV e giornali per via delle vittime illustri, Lou non si sente responsabile e nessun testimone l'ha vista. Poco alla volta però i sensi di colpa l'assalgono e teme di essere rintracciata, denunciata, data in pasto alla voracità dei media, arrestata. La sua vita precipita inesorabilmente in un gorgo di paure, sospetti e rimorsi. Con un ritmo magistrale, una tensione che toglie il fiato, Laurence Cossé riesce a calare il lettore nei panni di una donna che si sente braccata e che deve quindi trasformare in maniera radicale la propria vita fino ad allora tranquilla e appagata. L'autrice della Libreria del buon romanzo immagina con un'efficacia stupefacente il destino di una persona coinvolta in un "grande evento della Storia", ma che la Storia stessa, la cronaca e la polizia non sono riuscite mai a identificare.

L’incidente

Cossé Laurence

Il primo grande romanzo di Thomas Mann racconta la storia di una famiglia tedesca dell'Ottocento che dopo anni di prosperità è esposta a una tragica decadenza: le basi di un patrimonio e di una potenza che sembravano incrollabili sono sgretolate da una forza ostinata e segreta. Opera di ispirazione autobiografica, questo romanzo, capolavoro della letteratura europea, esprime compiutamente la concezione estetica e politica dello scrittore tedesco, il suo rimpianto per una mitica e solida. borghesia, la coscienza della crisi di un mondo e di valori destinati inesorabilmente a scomparire.

I Buddenbrook

Mann Thomas

È un lunedì mattina come tanti, sul treno che porta i pendolari da Brighton a Londra. Nei vagoni, visi assonnati, preoccupati, speranzosi. Qualcuno finisce di truccarsi, qualcuno legge, c'è chi chiacchiera e chi ascolta musica dall'iPod pensando alla giornata che lo aspetta. Per Karen e suo marito è una giornata felice: stanno andando a firmare per il mutuo della nuova casa, che accoglierà loro e i due figli. Lou, dal sedile accanto, li osserva e la loro evidente complicità la mette di buon umore, anche se prova un pizzico di invidia per quell'amore sereno e totale che a lei sembra negato. Anna, invece, qualche carrozza più in là, sogna di acquistare la giacca di cui ha visto la foto sulla rivista che sta sfogliando, e piega l'angolo della pagina per ricordarsene. È tutto normale, è tutto tranquillo... ma poi qualcosa, di colpo, rimescola le carte della vita e quel mattino come tanti diventa il punto di svolta, l'inizio di una settimana drammatica. Legate da una tragica casualità, le tre donne affronteranno insieme i giorni seguenti e troveranno nella loro amicizia la forza per superare il dolore. Insieme scopriranno che, se davvero basta un attimo perché tutto vada in frantumi, la vita non si ferma e ci chiede di tenere il passo...

Un attimo, un mattino

Rayner Sarah

Fu il primo dei tribunali della Curia romana ecclesiastica, ed è istituito per le questioni di coscienza. Le sue origini risalgono al XIII secolo, quando per autorità di Innocenzo IV i penitenzieri di Roma si costituirono in collegio sotto la presidenza di un cardinale. Il suo potere giurisdizionale variò secondo i tempi, ma è certo che la Penitenzieria si sia occupata e continui a occuparsi di cose oscure, indicibili e pericolose. Come fu in epoca controriformista per le suppliche dei condannati a morte per stregoneria. La Santa Penitenzieria Apostolica è anche altrimenti conosciuta come: il tribunale delle anime. È qui che Bene e Male giocano la loro partita con il destino degli uomini. Il tribunale infatti si occupa dell'archivio criminale più imponente che esista al mondo, quello delle confessioni dei peccati più gravi. È per questo che esistono i penitenzieri: sono loro la presenza segreta su molte scene del crimine, sono loro alla costante ricerca di ciò che l'occhio di un semplice detective non può scorgere. Un'anomalia.

Il cacciatore del buio

Carrisi Donato