Narrativa

Apri gli occhi

Righetto Matteo

Descrizione: È una mattina fredda e piovosa quella che Luigi e Francesca scelgono per partire insieme. L'idea è di passare un fine settimana in montagna da soli, lontano dal frastuono della città e dalla confusione delle loro vite. Perché Luigi e Francesca un tempo sono stati amici, fidanzati, sposati. Ma poi la loro vita insieme è finita, spezzata definitivamente da un evento che ha segnato in maniera indelebile il loro destino. Ed è proprio per fare i conti con quel passato che non accenna a scomparire che quella mattina partono, salutando i rispettivi nuovi compagni di vita per affrontare insieme un dolore troppo grande per essere superato. Quella di Luigi e Francesca sarà un'esperienza bellissima anche se dolorosa, difficile eppure necessaria.

Categoria: Narrativa

Editore: TEA

Collana: Narrativa Tea

Anno: 2016

ISBN: 9788850241651

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Apri gli occhi di Matteo Righetto, Premio della Montagna Cortina d’Ampezzo 2016, è un romanzo che va dritto al cuore per la semplicità dei sentimenti che descrive e per l’efficacia della rappresentazione scelta.

Luigi (“Le macchine erano la sua passione, assieme all’architettura e l’escursionismo alpino”) e Francesca si sono amati (“Tu avrai già 52 anni, lei 49…”), dalla loro unione è nato Giulio, ma poi – come talvolta accade – qualcosa si spezza nel rapporto coniugale. Ne fa le spese il figlio, che patisce la rottura del legame e si rinchiude in un isolamento durante il quale si aggrappa a una compagna un po’ ribelle. I genitori cercano di sostituire con le cose l’amore che si è dissolto e regalano una moto a Giulio…

I capitoli che raccontano la storia della deriva familiare (“Giulio pensò che ci voleva un incidente perché potessimo stare nuovamente vicini, tutti e tre”) si alternano a quelli che descrivono il viaggio sulla montagna (“Lascerai la macchina a pochi passi dal lago di Carezza”) che ha visto la felicità della famiglia ormai perduta. Al cospetto dell’imponenza dei monti (“Vi ritroverete nella radura del Mitterleger, a quasi millenovecento metri di altitudine”), nel bel mezzo della natura (“Attorno alla baita svolazzeranno dei codirossi e sentirete chiari i canti dell’averla piccola e della taccola”).

Lo stile è efficace e variato: il romanzo comincia in terza persona, poi vira sulla prima persona (“Iniziarono a sentirsi un corpo unico. Iniziammo a sentirci un corpo unico”). I capitoli che descrivono il viaggio in montagna adottano il tu narrativo e il futuro (“Vi saluterete più con imbarazzo che con diffidenza”). Dopo un’escursione potentemente metaforica (“Non è la montagna ciò che conquistiamo, ma noi stessi, vero?”), nel finale (“Dai uno sguardo alle rose. Ti sembrano ancora più bianche”) si annida una difficile scelta (“Fai ciò che senti di dover fare”), che tutti immaginano salvo rimaner sorpresi da una rivelazione inattesa, che qualifica in modo drammatico il ruolo paterno…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Matteo

Righetto

Libri dallo stesso autore

Intervista a Righetto Matteo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Immersa nel caldo torrido di luglio, la città si appresta a festeggiare una delle sue ricorrenze più popolari, quella della Madonna del Carmine, quando viene sconvolta da una terribile notizia: la tragica fine di un medico, professore universitario di ostetricia e ginecologia, stimato come professionista e molto amato per l'attività gratuita che svolge a favore delle famiglie più povere. Il dottore, caduto da un'impalcatura in circostanze poco chiare, era sposato e aveva un figlio piccolo. Ricciardi è incaricato di indagare sul caso: deve scoprire se qualcuno ha spinto l'uomo nel vuoto, e come al solito "il fatto", l'immagine dell'ultimo istante di dolore del morto, lo perseguita. Ma questa volta il commissario è distratto da uno dei momenti più difficili della propria esistenza; su di lui incombono l'abbandono e il lutto.

In fondo al tuo cuore. Inferno per il commissario Ricciardi

De Giovanni Maurizio

Onça-pintada

Patrick, professore di storia dell’arte, decide di lasciare Roma, trasferirsi a Venezia e ripartire da zero. Suo unico rimpianto: non aver mai terminato il quadro che ritrae una misteriosa figura femminile. Durante il viaggio però Patrick sbatte la testa e quando arriva non ricorda altro che il suo nome. Ma in tasca trova un biglietto con l’indirizzo di una pensione dove ci sarà una nuova strana famiglia pronta ad accoglierlo. Finché un giorno incontra Raquel. E la riconosce: è lei la donna del quadro mai dipinto.

Il quadro mai dipinto

Bisotti Massimo

La notte in cui in Sudafrica muore Mandela, Massimo Cruz è uno dei centoventi milioni di europei caduti in povertà. Dopo un passato come stella del varietà televisivo ha perso tutto. Ora è solo, in un casale nel bosco, con l’unica compagnia di due cani lupo e una pecora domestica, a aspettare che, all’alba, il padrone di casa e l’ufficiale giudiziario arrivino a rendere esecutivo lo sfratto. Scende le scale e trova un piccolo intruso. Sulle prime pensa a un ladruncolo. Ma chi è davvero quel bimbo che dice di chiamarsi come lui e sembra possedere una saggezza fuori dal comune? E quella del piccolo sosia non è che la prima delle imprevedibili visite che Massimo Cruz riceverà quella notte... Sospeso tra il Canto di Natale di Dickens e la magia del Piccolo Principe, Cugia scrive un libro meraviglioso e inatteso come il più bello dei regali. Una favola incantata che contiene una parte di confessione autobiografica e una riflessione sul destino.

Nessuno può sfrattarci dalle stelle

Cugia Diego