Narrativa

Arcadia

Groff Lauren

Descrizione: merica, Stato di New York, fine anni sessanta. Un gruppo di giovani decide di fondare una comune basata sull'amicizia, la condivisione, l'amore e l'indipendenza dal denaro. La chiameranno Arcadia. Ed è qui che nasce Briciola, il primo dei molti figli che andranno a popolare un mondo bucolico e ricco solo di ideali, ben presto corrotti dalle difficoltà della convivenza. La fine della comune costringerà Briciola e il suo grande amore Helle, nati e cresciuti in un mondo popolato da sognatori, a misurarsi con il mondo reale, quello della New York degli anni ottanta.

Categoria: Narrativa

Editore: Codice

Collana:

Anno: 2014

ISBN: 9788875784317

Recensito da Claudia Oldani

Le Vostre recensioni

Il nome di Lauren Groff non è nuovo all’editoria americana. Contributor per il New York Times, il New Yorker e l’Atlantic Monthly, è da tempo tenuta d’occhio da autori del calibro di Joe Lansdale e Stephen King. L’italianissima casa editrice Codice, specializzata in testi scientifici, sceglie proprio questa formidabile scrittrice per inaugurare una nuova collana di narrativa, e lo fa con il suo secondo romanzo, Arcadia.

Caratterizzato da una scrittura molto ricca, in cui sono possibili diverse interpretazione e diversi punti di vista, il romanzo ha un tono realistico, addolcito da una punta di fantastico. Arcadia è infatti l’utopico esperimento di una comunità hippy, formata da un mondo di personaggi assai differenti l’uno dall’altro, ma con un comune ideale di fondo. É qui che nasce Briciola, il protagonista e primo nato di Arcadia. Il lettore vedrà attraverso i suoi occhi la costruzione prima, e la lenta distruzione poi del sogno hippy.

La trama -divisa in 4 parti- prende vita dalla fine degli anni ’60 e racconta oltre quarant’anni di storia americana, rimanendo agganciata ad un protagonista dalle profonde sfumature psicologiche e ben disegnato, che all’inizio della storia è solo un bambino, ma che, nel corso del libro, si farà adulto.

Se nella prima parte del romanzo l’ambientazione è incentrata esclusivamente ad Arcadia (luogo che il lettore stesso si prefigura attentamente, grazie ad una scrittura in cui le sensazioni uditive e visive sono molto accentuate), è solo nella seconda parte che la storia si sposta a New York City. Qui Briciola, divenuto uomo e padre, ancora non riesce a spiegarsi il sogno dei genitori e della free people tutta. Segnato nel profondo da un’infanzia meravigliosa e spaventosa allo stesso tempo, il nostro deve confrontarsi con le sue paure e con una società ai suoi occhi incomprensibile, che poco ha da spartire con Arcadia.

La chiave del romanzo è dunque proprio Arcadia, sinonimo di un ideale alterato, una cartina tornasole della corruzione della natura umana per definizione. Ma Briciola è innamorato di questo ideale, della sua fragilità e della sua bellezza: un sogno perfetto nella sua memoria.

Arcadia è la storia di una illusione meravigliosa, ma anche di un incubo la cui unica via d’uscita è il saper conoscere se stessi.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Lauren

Groff

Libri dallo stesso autore

Intervista a Groff Lauren


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

L'azione si svolge in un futuro prossimo del mondo (l'anno 1984) in cui il potere si concentra in tre immensi superstati: Oceania, Eurasia ed Estasia. Al vertice del potere politico in Oceania c'è il Grande Fratello, onnisciente e infallibile, che nessuno ha visto di persona ma di cui ovunque sono visibili grandi manifesti. Il Ministero della Verità, nel quale lavora il personaggio principale, Smith, ha il compito di censurare libri e giornali non in linea con la politica ufficiale, di alterare la storia e di ridurre le possibilità espressive della lingua. Per quanto sia tenuto sotto controllo da telecamere, Smith comincia a condurre un'esistenza "sovversiva". Scritto nel 1949, il libro è considerato una delle più lucide rappresentazioni del totalitarismo.

1984

Orwell George

Quella di Lynn Gallagher, gallerista di successo a Manhattan, è una vita brillante e ricca di soddisfazioni: non le manca niente, Ha persino un fastidiosissimo Stalker (una via di mezzo tra l'innamorato senza speranza e il maniaco persecutore). Ma è proprio costatando l'ossessione di Alan che intuisce la verità: lei è del tutto incapace di desiderare qualcuno. E come può dare una scossa alla sua vita, se non fingendo di essere a sua volta l'asfissiante, determinata e appiccicosa spasimante di qualcuno? Così si mette a tallonare Roland, il quale a sua volta si perderà dietro le grazie di qualcun altro, in una spirale di pedinamenti e inseguimenti in cui si scopre che a volte per trovare il vero amore basterebbe... voltarsi indietro. Il club degli innamorati è una storia sul desiderio: sull'assenza, sulla perdita, sull'eccesso e sull'irragionevolezza del desiderio, ma è anche una sferzante, acuta critica della vacuità di un mondo patinato, superficiale, capriccioso e mutevole, al limite della follia.

IL CLUB DEGLI INNAMORATI

Filipacchi Amanda

La i-settimana dedicata a Pasolini

Gli uomini muoiono e non sono felici. Un'opera teatrale di estrema tensione, in cui il delirio del potere e l'utopia della verità vengono esemplificati dal tragico destino di un imperatore pazzo e crudele.

Caligola

Camus Albert