Narrativa

Arcadia

Groff Lauren

Descrizione: merica, Stato di New York, fine anni sessanta. Un gruppo di giovani decide di fondare una comune basata sull'amicizia, la condivisione, l'amore e l'indipendenza dal denaro. La chiameranno Arcadia. Ed è qui che nasce Briciola, il primo dei molti figli che andranno a popolare un mondo bucolico e ricco solo di ideali, ben presto corrotti dalle difficoltà della convivenza. La fine della comune costringerà Briciola e il suo grande amore Helle, nati e cresciuti in un mondo popolato da sognatori, a misurarsi con il mondo reale, quello della New York degli anni ottanta.

Categoria: Narrativa

Editore: Codice

Collana:

Anno: 2014

ISBN: 9788875784317

Recensito da Claudia Oldani

Le Vostre recensioni

Il nome di Lauren Groff non è nuovo all’editoria americana. Contributor per il New York Times, il New Yorker e l’Atlantic Monthly, è da tempo tenuta d’occhio da autori del calibro di Joe Lansdale e Stephen King. L’italianissima casa editrice Codice, specializzata in testi scientifici, sceglie proprio questa formidabile scrittrice per inaugurare una nuova collana di narrativa, e lo fa con il suo secondo romanzo, Arcadia.

Caratterizzato da una scrittura molto ricca, in cui sono possibili diverse interpretazione e diversi punti di vista, il romanzo ha un tono realistico, addolcito da una punta di fantastico. Arcadia è infatti l’utopico esperimento di una comunità hippy, formata da un mondo di personaggi assai differenti l’uno dall’altro, ma con un comune ideale di fondo. É qui che nasce Briciola, il protagonista e primo nato di Arcadia. Il lettore vedrà attraverso i suoi occhi la costruzione prima, e la lenta distruzione poi del sogno hippy.

La trama -divisa in 4 parti- prende vita dalla fine degli anni ’60 e racconta oltre quarant’anni di storia americana, rimanendo agganciata ad un protagonista dalle profonde sfumature psicologiche e ben disegnato, che all’inizio della storia è solo un bambino, ma che, nel corso del libro, si farà adulto.

Se nella prima parte del romanzo l’ambientazione è incentrata esclusivamente ad Arcadia (luogo che il lettore stesso si prefigura attentamente, grazie ad una scrittura in cui le sensazioni uditive e visive sono molto accentuate), è solo nella seconda parte che la storia si sposta a New York City. Qui Briciola, divenuto uomo e padre, ancora non riesce a spiegarsi il sogno dei genitori e della free people tutta. Segnato nel profondo da un’infanzia meravigliosa e spaventosa allo stesso tempo, il nostro deve confrontarsi con le sue paure e con una società ai suoi occhi incomprensibile, che poco ha da spartire con Arcadia.

La chiave del romanzo è dunque proprio Arcadia, sinonimo di un ideale alterato, una cartina tornasole della corruzione della natura umana per definizione. Ma Briciola è innamorato di questo ideale, della sua fragilità e della sua bellezza: un sogno perfetto nella sua memoria.

Arcadia è la storia di una illusione meravigliosa, ma anche di un incubo la cui unica via d’uscita è il saper conoscere se stessi.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Lauren

Groff

Libri dallo stesso autore

Intervista a Groff Lauren


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Si incontreranno per tre volte, ma ogni volta sarà l’unica, e la prima, e l’ultima. Tre storie. Tre incontri. Tre episodi in cui scivolano personaggi che si incrociano, per sfasature temporali, in età diverse, sullo sfondo della hall di un hotel. L’albeggiare che annuncia, per tre volte, l’insistenza di un sentimento.

TRE VOLTE ALL’ALBA

Baricco Alessandro

L'esperto di simbologia di Harvard, Robert Langdon, viene chiamato a sorpresa come conferenziere al Campidoglio. In pochi istanti, però, la serata prende una piega bizzarra: Langdon assiste al ritrovamento di un misterioso manufatto, decorato con cinque simboli. Langdon capisce che l'oggetto è un invito a seguire le tracce del mondo perduto della saggezza esoterica. Quando il suo amato maestro Peter Solomon - importante membro della Massoneria nonché filantropo - viene brutalmente rapito, Langdon realizza che l'unica speranza di salvare Peter è di accettare l'invito dell'oggetto misterioso e seguirlo ovunque lo porti. Langdon si ritroverà immediatamente immerso in un mondo clandestino di segreti Massonici che sembrano trascinarlo verso una sola, inconcepibile verità. 'Il simbolo perduto' è un capolavoro di narrazione - una corsa mortale attraverso un vero labirinto nel mondo dei codici, dei segreti e delle verità invisibili nei templi di Washington, DC.

IL SIMBOLO PERDUTO

Brown Dan

Margherita Malventi si dedica a una cucina intima e riflessiva nel suo piccolo ristorante a Venezia, nel sestiere di Castello, ed è convinta che la luna le abbia salvato la vita più di una volta. Suo padre si chiama Achille, ha ottantasette anni, è alto un metro e cinquantaquattro, ed è stato uno dei più rinomati chef della città lagunare, finché non ha perso tutto a causa delle sue manie di grandezza. È un uomo rabbioso, in guerra contro il mondo, ma l'invito a partecipare come ospite d'onore a Chef Test, popolarissimo programma televisivo di cucina, sembra offrirgli la possibilità di una rivalsa pubblica. Margherita decide di accompagnarlo a Milano, dove il programma viene registrato, con la speranza assai poco realistica che il viaggio possa dischiudere tra loro una comunicazione che non c'è mai stata.

Una di Luna

De Carlo Andrea

Tre donne regnano sovrane sul palazzo popolare di via Damasco, a Bologna. Sono soprannominate le sultane e hanno dai settant’anni in su. C’è Wilma, che nomina incessantemente il suo morto: è piccola e astuta, un’abile mercante che venderebbe l’acqua santa al diavolo. C’è Mafalda, la donna più tirchia sulla faccia della Terra. E infine Nunzia, bigotta fuori e golosa dentro, incapace di contenersi. Le loro imperfezioni sono state marchiate a fuoco da una vita poco gentile: Wilma non sa fare i conti col suo lutto e litiga in continuazione con la figlia Melania, una disgraziata adescata da una setta satanica che bussa alla porta solo quando necessita di un piatto caldo. Mafalda è costretta ad accudire il marito malato di Alzheimer. Nunzia, in delirio tra i suoi crocifissi, trova sempre il tempo per estorcere pettegolezzi e per concedersi i peccati che riesce ad arraffare. I loro desideri sono palliativi al grande sconforto dell’indifferenza che suscitano. Sono ignorate da un mondo a misura di giovinezza, un mondo incarnato dalla frastornante vicina del secondo piano, Carmela, cui Wilma prova a chiedere maggiore educazione e rispetto delle regole. Ma niente, quella continua a riderle in faccia. Le vecchie sono abituate a non ricevere considerazione, ragion per cui, quando improvvisamente l’esistenza le costringe a una svolta forzata, osano quello che non hanno mai osato fare e rompono tutti i tabù. Così, come tre parche potenti che inseguono disperate lo scoccare del loro tempo, nell’ombra filano i destini di chi ha tentato di metter loro i bastoni tra le ruote...

Le sultane

Oliva Marilù