Narrativa

Arcadia

Groff Lauren

Descrizione: merica, Stato di New York, fine anni sessanta. Un gruppo di giovani decide di fondare una comune basata sull'amicizia, la condivisione, l'amore e l'indipendenza dal denaro. La chiameranno Arcadia. Ed è qui che nasce Briciola, il primo dei molti figli che andranno a popolare un mondo bucolico e ricco solo di ideali, ben presto corrotti dalle difficoltà della convivenza. La fine della comune costringerà Briciola e il suo grande amore Helle, nati e cresciuti in un mondo popolato da sognatori, a misurarsi con il mondo reale, quello della New York degli anni ottanta.

Categoria: Narrativa

Editore: Codice

Collana:

Anno: 2014

ISBN: 9788875784317

Recensito da Claudia Oldani

Le Vostre recensioni

Il nome di Lauren Groff non è nuovo all’editoria americana. Contributor per il New York Times, il New Yorker e l’Atlantic Monthly, è da tempo tenuta d’occhio da autori del calibro di Joe Lansdale e Stephen King. L’italianissima casa editrice Codice, specializzata in testi scientifici, sceglie proprio questa formidabile scrittrice per inaugurare una nuova collana di narrativa, e lo fa con il suo secondo romanzo, Arcadia.

Caratterizzato da una scrittura molto ricca, in cui sono possibili diverse interpretazione e diversi punti di vista, il romanzo ha un tono realistico, addolcito da una punta di fantastico. Arcadia è infatti l’utopico esperimento di una comunità hippy, formata da un mondo di personaggi assai differenti l’uno dall’altro, ma con un comune ideale di fondo. É qui che nasce Briciola, il protagonista e primo nato di Arcadia. Il lettore vedrà attraverso i suoi occhi la costruzione prima, e la lenta distruzione poi del sogno hippy.

La trama -divisa in 4 parti- prende vita dalla fine degli anni ’60 e racconta oltre quarant’anni di storia americana, rimanendo agganciata ad un protagonista dalle profonde sfumature psicologiche e ben disegnato, che all’inizio della storia è solo un bambino, ma che, nel corso del libro, si farà adulto.

Se nella prima parte del romanzo l’ambientazione è incentrata esclusivamente ad Arcadia (luogo che il lettore stesso si prefigura attentamente, grazie ad una scrittura in cui le sensazioni uditive e visive sono molto accentuate), è solo nella seconda parte che la storia si sposta a New York City. Qui Briciola, divenuto uomo e padre, ancora non riesce a spiegarsi il sogno dei genitori e della free people tutta. Segnato nel profondo da un’infanzia meravigliosa e spaventosa allo stesso tempo, il nostro deve confrontarsi con le sue paure e con una società ai suoi occhi incomprensibile, che poco ha da spartire con Arcadia.

La chiave del romanzo è dunque proprio Arcadia, sinonimo di un ideale alterato, una cartina tornasole della corruzione della natura umana per definizione. Ma Briciola è innamorato di questo ideale, della sua fragilità e della sua bellezza: un sogno perfetto nella sua memoria.

Arcadia è la storia di una illusione meravigliosa, ma anche di un incubo la cui unica via d’uscita è il saper conoscere se stessi.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Lauren

Groff

Libri dallo stesso autore

Intervista a Groff Lauren


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Nel dicembre 1988, un violentissimo terremoto colpì la Repubblica Armena. Una intera regione fu rasa al suolo. Leggere questo testo porta a riflettere sull’entità incalcolabile delle catastrofi così lontane da noi spazialmente ed emotivamente, a considerare i popoli altri non come una massa indistinta, ma come un insieme di volti e di voci. Gli eventi di quei lunghi mesi hanno cambiato per sempre il corso della vita di molti protagonisti, mentre il mondo intorno a loro era in profonda trasformazione. Questa è la storia di una rinascita. Quest’opera è finalista al concorso letterario “Mangiaparole” (2012) e vincitrice della XI edizione del premio letterario diaristico “La Lanterna Bianca” (2012).

IL LUNGO INVERNO DI SPITAK

Simonelli Mario Massimo

C'è una donna che lo cerca: è una biologa russa, affascinante. In un'osteria affacciata sulla laguna di Venezia dichiara di voler clonare un cavallo portentoso, quello del monumento a Bartolomeo Colleoni in campo San Zanipolo. Alvise Pàvari dal Canal ne ha sentite tante nella vita, ma questa le batte tutte. Clonare una statua? Certo che no, gli spiega dolcemente la russa. Lei allude a tessuti organici di cinquecento anni fa, perfettamente conservati. Alvise finge di non capire, ma pensa alla teca con due sfere di vetro ambrato custodita nel palazzo avito sul Canal Grande. E una leggenda di famiglia ci trascina indietro nel tempo: al banchetto di cento portate in cui il Colleoni, capitano generale della Serenissima, conquista una donna troppo piena di vita per accontentarsi del vecchio marito mercante; alla frenesia di amorosi sensi che Leonardo da Vinci, giunto in laguna da Firenze, scatena a Ca' Pàvari, seminando nostalgia inguaribile e un capolavoro sorprendente.

DUE BELLE SFERE DI VETRO AMBRATO

Caponetti Giorgio

In una Londra irrequieta e vibrante, le avventura, gli amori, la passione per la musica, i sogni e le disillusioni di una generazione di trentenni ancora piena di voglia di vivere. Commovente, scanzonato, amaro, ma soprattutto molto divertente, Alta fedeltà è il libro culto della nuova letteratura inglese, diventato un grande successo internazionale.

ALTA FEDELTA’

Hornby Nick

Scritto nel 1940, "Don Giovanni in Sicilia" è la storia di Giovanni Percolla, scapolo impenitente logorato, come tutti i suoi concittadini, da un'inestinguibile sete sessuale. Decide però di imprimere una svolta alla propria vita quando sposa la giovane Maria Antonietta, che lo convince a trasferirsi a Milano. Il viaggio risulta un fallimento, e i due sposi decidono di tornare alle radici, dove Percolla riprecipita nella stessa inerzia fatta di gesti sterili e ripetitivi.

Don Giovanni in Sicilia

Brancati Vitaliano