Fumetti

Arternativa

Ghé Alberto

Lombardo Andrea

Renzi Pablo

Descrizione: Gli autori Alberto Ghè, Andrea Lombardo e Pablo Renzi propongono la loro geniale "ARTErnativa". Opere d'arte di ogni stile ed epoca puntualmente fraintese da un trittico di pseudo-critici che, pur mantenendo una encomiabile nonchalance, si arrampicano agilmente sugli specchi fornendo titoli e commenti del tutto fantasiosi per ogni opera. E così la Gioconda altro non è che un'intrusa paratasi davanti al sommo Leonardo mentre questi cercavo ai ritrarre un paesaggio, o la testa del povero Oloferne diviene uno strano portachiavi nelle mani di Giuditta.

Categoria: Fumetti

Editore: Dentiblù

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788889786383

Recensito da Alessandra Allegretti

Le Vostre recensioni

Arternativa è un libro di fumetti divertenti volti far capire l’arte anche a una “capra! capra! capra!”. Non si tratta di una guida scherzosa come ce ne sono tante, bensì di una esperienza ironica di arte.

In copertina compare un’opera immaginaria e tre personaggi che la guardano perplessi. Non stanno scavando nella loro pseudo-cultura: vogliono spiegarla a parole loro, partendo dalla vita di tutti i giorni.

Così i “tre fessi individui protagonisti” ci accompagnano in un museo insolito, davvero virtuale, distinto per temi intriganti come “quando c’è la salute c’è tutto”, “non fatene una tragedia” o “il lavoro nobilita l’uomo”.

L’arte di questo libro è davvero “alternativa”, come suggerisce il titolo, “ti fa ridere”, è sfoggio di cultura e ignoranza e fonte di divertimento allo stesso tempo.

Artista sconosciuto al grande pubblico, Tiarini sviluppò una tecnica sopraffina lavorando tutta la vita in un box per ritratti istantanei. L’equivalente seicentesco delle macchinette automatiche per fototessere…”

Niente di dissacrante o troppo prosaico, semplicemente una nuova prospettiva che rende più partecipi, perché un particolare risveglia i fatti quotidiani e strappa un sorriso anche ai più seriosi, a prescindere da quanto sanno o credono di conoscere.

L’esperimento riuscito corona un progetto più ampio per ripensare la cultura. Già per questo merita attenzione, ma soprattutto va letto per farsi una bella risata!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alberto

Ghé

Libri dallo stesso autore

Intervista a Renzi Pablo

Andrea

Lombardo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Renzi Pablo

Pablo

Renzi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Renzi Pablo

Marianna Scamardella giovanissima giallista

Un amore romantico e infinito, capace di pazientare, con fede incrollabile, per "cinquantatré anni, sette mesi e undici giorni, notti comprese". Tanto deve infatti aspettare Florentino Aziza, poeta e proprietario della Compagnia Fluviale del Caribe, prima di poter finalmente vedere realizzato il suo sogno con Fermina Daza, la più bella ragazza della Colombia. La cronaca di una lunga e fiduciosa attesa, di un desiderio che non si sopisce ma viene accresciuto dagli anni, superando tutti gli ostacoli. Una storia d'amore e di speranza con la quale, per una volta, Márquez abbandona la sua abituale inquietudine e il suo impegno di denuncia sociale, per raccontare un'affascinante epopea di passione e di ottimismo. Un romanzo atipico e splendido da cui emergono il gusto intenso per una narrazione corposa e fiabesca, le colorate descrizioni dell'assolato Caribe e della sua gente.

L’amore ai tempi del colera

Márquez Gabriel García

La cosa più affascinante del sesso non è il sesso, ma tutto ciò che gli ruota attorno: in una sola parola, la vita. È per questo cheLeonardo, Eva e Giorgio, dovendo parlare di sesso, raccontano le rispettive esistenze (audaci e innocenti allo stesso tempo) a un intervistatore che vorrebbe scrivere un libro sul piacere, e che invece si ritrova in continuazione a fare i conti con il loro dolore. Del resto, nel gioco erotico, tutto è così terribilmente intrecciato: non solo il piacere e il dolore, ma anche la trasgressione e le regole, la libertà e il possesso, l'eccitazione e la noia, l'io e la maschera. Quelle che i nostri eroi indossanoin questo romanzo corrispondono ai tre ruoli chiave del gioco: Leonardo (nome in codice: Mister Wolf) è il bull, maschio alfa che applica al sesso seriale la disciplina e la meticolosità degli antichi samurai, Eva (la First Lady) è la sweet, regina e schiava deldesiderio maschile, Giorgio (il Presidente) è il cuckold, tradito consenziente che sguazza nella sua impotenza ma non rinuncerebbe mai a manovrare i fili. Insieme formano il triangolo più classico e scabroso dell'intera geometria erotica, quello in cui l'ossessione maschile di possedere e offrire l'oggetto del proprio desiderio s'incastra con l'aspirazione della donna ad appartenere, finalmente, solo a se stessa. Recitano dei ruoli, Mister Wolf, la First Lady e il Presidente. Ma quanto più il corpo è il loro abito di scena, tanto più la loro anima si denuda, rivelando ai nostri occhi l'umanità struggente, tenera, e talvolta esilarante, di tre protagonisti fuori dagli schemi.

Il gioco

D'Amicis Carlo

Walt è un povero orfano senza futuro nella St.Louis degli anni Venti, ma possiede un dono naturale, e trova qualcuno deciso a sfruttarlo. Maestro Yehudi, mezzo stregone e mezzo ciarlatano, è l'ebreo ungherese che in tanti anni di duro tirocinio gli insegnerà la meravigliosa arte di volare facendo di lui un'attrazione da circo. Nelle sue peregrinazioni il bambino volante si ritrova tra incursioni del Ku Klux Klan, storie di gangster, giocatori di baseball e, nella Chicago degli anni Trenta, finisce con l'aprire un locale destinato a diventare famoso, il Mr Vertigo. Finché un giorno Walt ritorna normale e smette di essere un fenomeno. Ed è allora che il destino si compie in tutta la sua grandezza: riconoscendo nella storia di Dizzie Dean, campione in declino che non sa smettere di giocare, la propria storia, Walt comprende che importante non è solo volare ma anche capire quando si deve tornare a terra e vivere con dignità la vita di ogni uomo, del più anonimo e banale degli uomini.

Mr Vertigo

Auster Paul