Narrativa

Ascolta il mio silenzio

Cassie L.

Descrizione: Succedono cose nella vita in grado di ferirci terribilmente, cose per le quali non sempre esiste una spiegazione. Accadono e basta. Jennifer, tutto questo, lo sa fin troppo bene. Sono passati quasi tre anni dal giorno in cui la sua vita è cambiata drasticamente. Nulla è mai più tornato come prima, nemmeno lei è la stessa di un tempo. Sì è chiusa a riccio, in un silenzio ostinato dal quale si sente protetta. In pochi sanno la sua storia, in molti la giudicano, la prendono in giro, l'allontanano. Nessuno vuole una "sfigata" come lei nella propria cerchia di amici, come se frequentarla fosse la peggiore delle condanne. Jennifer non può fare a meno di sentirsi di troppo, inadatta e fuori luogo. Si sente incompresa e diversa da tutti, o meglio... è così che gli altri la fanno sentire. È sola e ha paura di esserlo per sempre, ma un giorno alla sua porta si presenta Cedric, un ragazzo pronto ad aiutarla. Riuscirà a fidarsi di lui?

Categoria: Narrativa

Editore: 13Lab

Collana:

Anno: 2016

ISBN: 9788899633080

Recensito da Silvia Devitofrancesco

Le Vostre recensioni

Jennifer ha diciotto anni, frequenta l’ultimo anno di liceo e si sta preparando per affrontare gli esami di maturità. La sua vita, però, è molto diversa da quella dei coetanei: a seguito di un grave incidente avvenuto tre anni prima, mentre cavalcava la sua adorata Gemma, Jennifer si è chiusa in se stessa e per questo è vittima dei compagni di classe, i quali la prendono continuamente in giro facendola sentire diversa. Solo grazie all’aiuto di Cedric Esposito, ex supplente di educazione fisica, di due nuove compagne di classe e della piccola Molly, vittima di bullismo, Jennifer inizierà pian piano ad apprezzare il grande dono della vita e a comprendere appieno il significato del verbo “ricominciare”.

“Quando la morte ti prende in giro, ti accarezza, ti guarda negli occhi, capisci che ogni istante della tua esistenza è fondamentale. E nella mia piccola testa si è piantata la convinzione che tutto ciò che si fa per divertimento equivale a sprecare la propria vita.”

Ci sono dei libri che ti spiazzano e “Ascolta il mio silenzio” è uno di questi.

Jennifer ha paura della società. Si rifugia nella timidezza per non confrontarsi con gli altri, che amano deriderla. Non è semplice vivere una non vita. Jennifer è costantemente sola. Trascorre i fine settimana a casa, chiusa nella sua stanza, con un po’ di musica a fare da sottofondo ai tanti pensieri che le affollano la mente. Una vittimista? No, una ragazza profondamente a disagio che non ha ancora trovato il suo posto, la maniera di sbocciare.

Merita, a questo proposito, una menzione particolare la piccola Molly, personaggio apparentemente  secondario ma capace d’imprimere un segno indelebile nella trama. Molly ha quattordici anni, è cicciottella ed è vittima di bullismo. Intervenuta per aiutarla, Jennifer diventa per lei un’ancora di salvezza, anche se, purtroppo, la piccola è destinata a soccombere.

Guardare in faccia i problemi della realtà consente a Jennifer di uscire dal guscio e di capire che, nonostante tutti abbiano qualcosa di doloroso da cui fuggire, non bisogna mai lasciarsi abbattere, perché il modo per sopravvivere lo si trova sempre.

Persino Cedric, l’aitante ex supplente di educazione fisica, che a un rapido sguardo potrebbe apparire spavaldo, sicuro di sé, nasconde un dolore. Sarà proprio lui, col suo amore e la sua tenerezza, a convincere la diffidente Jennifer della buona fede del prossimo.

L. Cassie sceglie una prosa scorrevole, diretta, fluida che, pur nella semplicità, riesce a lasciare il segno nel lettore, il quale si emoziona, soffre, avverte su di sé i turbamenti dei personaggi e si commuove dinanzi agli eventi  narrati, dove gioia e dolore si uniscono dando al romanzo una tinta dolceamara.

Un romanzo che, pur nella sua brevità, si rivela un concentrato di emozioni. Una lettura coraggiosa, difficile, destinata a non essere dimenticata. Un testo di grande impatto sociale, che spero possa diventare presto messaggio di speranza per quanti, purtroppo, con il bullismo sono costretti a combattere ogni giorno.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

L.

Cassie

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cassie L.


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Sono passati solo due anni, e di tutto ciò che è stata non è rimasto nulla. Lena era brillante, determinata, brava a detta di tutti, curata, buona. Poi nella sua vita era entrato Saverio, e tutto era stato stravolto. Quel ragazzo più giovane, che viveva per essere contro qualsiasi regola, pregiudizio, conformità, l'aveva trasformata. E non erano solo i vestiti, i capelli, le parole. Era lei, le sue sicurezze, il suo amor proprio. Tutto calpestato in nome di un amore che agli occhi di tutti gli altri era solo nella sua testa. Il giorno in cui lui era finito in Arno, dato per disperso prima e per morto poi, qualcosa in Lena si era spento definitivamente. Sono passati due anni, e di Saverio le resta il cane Argo, che ancora la vive come un'usurpatrice, e un senso di vuoto dolente e indistruttibile. La sera in cui trova nella cassetta della posta un cellulare, Lena pensa che si tratti di uno scherzo, oppure di uno sbaglio. Ma bastano pochi minuti per rendersi conto che quell'oggetto può cambiare la sua vita. Perché i messaggi che arrivano, e a cui lei non può rispondere, parlano di cose che solo Saverio può sapere. E quindi è vivo. È tornato. Così, senza che Lena se ne accorga, quell'oggetto diventa l'unica linfa vitale a cui abbeverarsi, e non importa che i messaggi siano sempre più impositivi e le ordinino di commettere atti di cui mai si sarebbe pensata capace. Perché se lei farà la brava, lui rientrerà nella sua vita. O questo è ciò che pensa. Almeno fino a quando le persone che le stanno intorno cominciano a morire. E il gioco si fa sempre più crudele...

Io so chi sei

Barbato Paola

"Dopo essere stato nelle sue mani, dottore, nessuno può più affermare di essere padrone della propria anima" dirà un giorno a Dario Asfar il ricchissimo finanziere Wardes, affidandosi ancora una volta alle cure di quel medico ambiguo quanto fascinoso. A Parigi c'è chi lo accusa di sfruttare la credulità del prossimo. Eppure, nella sua sala d'aspetto continuano a fare la fila le signore della buona società, ansiose di sottoporsi al suo " metodo " una sorta di psicoanalisi annacquata a uso mondano - per guarire da mali molto spesso immaginari. Del resto, se il dottor Asfar è riuscito a diventare ricco e celebre, è proprio perché, nel momento in cui stava per arrendersi alla miseria e all'emarginazione, ha capito che "queste malattie nervose, queste turbe psichiche, queste inspiegabili fobie, che di certo nessun dottore saprebbe guarire, rappresentano un campo di ampio, illimitato successo ". Certo, è dovuto scendere a compromessi talvolta ignobili con la propria coscienza; e ha finito - lui, il "meteco", il "medicastro" malvestito, che, giunto da uno di quei porti dell'Oriente che formicolano di commerci di ogni genere, sognava di trovare in Occidente il proprio riscatto - per non tirarsi indietro di fronte a nessuna richiesta, neanche la più scellerata. Non poteva, e non solo perché aveva una moglie e un figlio da mantenere: ma perché era anche lui un "lupo affamato"...

Il signore delle anime

Némirovsky Irène

È la storia di due ragazze, Maria (che narra in prima persona) e Tsugumi. A diciannove anni Maria lascia il piccolo paese sul mare per trasferirsi a Tokyo e iscriversi all'università. Anni dopo, decide di tornare al paese per le vacanze, dove ritrova Tsugumi, l'eroina del romanzo, bellissima e dispotica ragazza. Tutti tentano di essere indulgenti con lei, sperando di renderle migliore la vita che le resta. Infatti le è stata diagnosticata dalla nascita una malattia incurabile. Terminate le vacanze, Maria sta per tornare a Tokyo ma le condizioni di Tsugumi peggiorano e pare non ci sia più niente da fare. All'ultimo momento Tsugumi si salva, sentendosi vicina alla morte però aveva scritto a Maria una lettera-testamento e con questa si chiude il romanzo.

TSUGUMI

Yoshimoto Banana

Sir Hugo Coal non è mai stato un filantropo. Anche quando non vegetava su una sedia a rotelle, aveva la tendenza a considerare gli esseri umani - le loro azioni, i loro movimenti - meno comprensibili e meno eleganti dell'enorme scheletro di sauro che andava pazientemente ricostruendo. Ma quanto vede ora accadere nelle stanze della sua villa, nei rari momenti in cui i familiari non lo costringono a fissare una parete, gli piace anche meno. E' infatti evidente che Fledge, il nuovo fascinoso, ambiguo maggiordomo, sta ordendo una sua trama assai sinistra. Ed è altrettanto evidente che di quella trama la moglie e la figlia di Sir Hugo, e lui stesso, fanno - consapevolmente? - parte. Resta poco chiaro in che modo Sir Hugo, possa modificare gli eventi con il suo "sguardo di lucertola". Ma in questo fare dello sguardo un'arma letale, McGrath è maestro - come dimostra anche Grottesco, sontuoso ibrido fra le atmosfere notturne della grande letteratura gotica e i ritmi fulminanti della black commedy.

Grottesco

McGrath Patrick