Narrativa

Asino chi legge

Cilento Antonella

Descrizione: “Asino chi legge” racconta delle difficoltà di portare la letteratura, scritta e letta, in luoghi dove la passione per la pagina non e mai nata o si scontra con difficoltà insormontabili: a Napoli e nella periferia napoletana, in Irpinia, in Trentino, in Puglia, in Sicilia e in altre zone d’Italia. L’autrice, scrittrice ed esperta esterna di scrittura creativa, eternamente in viaggio fra treni e periferie, raccoglie così un bagaglio di storie, divertenti, assurde, tristi, dalle vicende dei figli dei capoclan napoletani ai timidi ragazzi della Nusco di De Mita, ai giovani pakistani di Bolzano, ai ragazzi che hanno lasciato la scuola a Frattamaggiore, restituendo una fotografia disincantata della scuola italiana e della percezione dello scrittore nelle scuole, oltre che un ritratto del Paese e un'idea forte di letteratura e di impegno che i nostri tempi tendono a cancellare. I ragazzi e i loro insegnanti sono qui, insieme ai luoghi, i veri protagonisti, con le pagine che scrivono,le loro storie e l’eterna domanda, che passa di generazione in generazione: perché in Italia si legge così poco? E perché tutti vogliono scrivere?

Categoria: Narrativa

Editore: Guanda

Collana: Narratori della Fenice

Anno: 2010

ISBN: 9788860884398

Recensito da Antonella Di Martino

Le Vostre recensioni

La scrittura scalza

In “Asino chi legge” Antonella Cilento racconta le sue avventure di esperta esterna di scrittura creativa. Da Bolzano e Modica, Antonella ha affrontato scuole italiane di ogni ordine e grado, ovvero il disordine e il degrado in tutte le loro forme e declinazioni possibili, dalle risorse umane agli edifici fatiscenti: il mostro partorito dalla “scuola azienda”, che ha distrutto qualità e contenuti per accontentarsi di dare i numeri.

“La scrittura entra nelle scuole scalza perché nessuno crede di doverle mettere le scarpe.

Insegnare scrittura creativa nella scuola italiana? Missione impossibile. L’Italia non è un paese per insegnanti, maltratta gli scrittori e disprezza qualsiasi tipo di creatività. L’Italia non è nemmeno un paese per lettori. Quanti italiani non leggono nemmeno un libro all’anno? Non ricordo la percentuale esatta, ma so che sono tanti, troppi. Eppure, l’Italia è, senza ombra di dubbio, un paese di aspiranti scrittori. Come si può aspirare a scrivere se non si legge? Come si fa a scrivere se non si sa nemmeno che cosa sia la scrittura? Si può, eccome se si può. L’Italia è un paese per arroganti.

Noi viviamo ciò che riusciamo a dire di essere”, scrive Antonella Cilento. A questo proposito mi permetto di segnalare un nuovo modo di vivere, sostenuto dalle nuove tecnologie (di cui conosco e stimo le possibilità creative): vivere ciò che si riesce a copiare e a incollare. Ho scoperto questo nuovo stile di vita, forse un autentico nuovo modo di essere, quando ho ritrovato la mia tesi di laurea copiata e incollata sul web. Dopo aver usato la mia tesi per laurearsi, una giovane sconosciuta non soltanto l’ha pubblicata sul suo sito personale, ma ha anche descritto il travaglio interiore che comporta il copiare e incollare la scrittura altrui.

La scuola sta crollando a colpi di piccone e noi facciamo lezione sotto le macerie”, scrive l’autrice. Un esempio significativo? Dal Liceo Scientifico intitolato Mercalli cadono davvero sassi dal tetto, in continuazione, con gran frastuono. E non c’è niente da fare.

In queste condizioni, perché stupirsi se i ragazzi rimangono senza valori, senza interessi, senza sogni? Ragazze si truccano in classe e non riescono a immaginarsi un mestiere possibile. Ragazzi che progettano di far soldi, tanti, in fretta, con qualsiasi mezzo. Disgregazione totale. Un immaginario collettivo talmente sradicato dalla tradizione da dimenticare perfino la fiaba di Cenerentola, vecchia di secoli e diffusa dall’Italia al mondo intero.

Per fortuna, rimangono le occasioni di stupirsi, perché le eccezioni splendono più del nulla vagante, perché bastano poche pagine lette o scritte per far vivere le emozioni e accendere i mondi interiori, perché esistono insegnanti meravigliosi e studenti forti, accesi dalla curiosità e dalla voglia di vivere.

… Fare un corso di scrittura a scuola rappresenta una vera iniziazione all’esistenza: si impara come condurre una storia, come gestire i personaggi, come far accadere ciò che, da principio, non accadeva.

La bruttura delle scuole odierne non riesce a cancellare la bellezza che in Italia esiste e resiste. Per fortuna o purtroppo l’abbiamo ereditata dal passato e si trova ovunque, intorno a noi: Antonella Cilento la trasforma in parole, rendendo questo viaggio ancora più sorprendente. Armiamoci, dunque, e partiamo. La scrittura a scuola, in Italia, non è una missione impossibile.

Antonella Di Martino

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Antonella

Cilento

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cilento Antonella

Giulia, diciotto anni, la passione per il canto a tenerla viva, ha una famiglia spezzata alle spalle e un fratello, Davide, come una piccola luce nelle ore di buio. Roman, diciotto anni anche lui, dopo l’infanzia trascorsa in una terra straniera vive un presente di clandestino, fatto di piccoli furti e giornate senz’amore. I loro mondi, opposti e lontani, finiscono per scontrarsi, poi incontrarsi, tra le corsie di un supermercato: in un pomeriggio cometanti altri sembra possibile dimenticare la solitudine grazie ad un amore pulito, capace di annullare pregiudizi e paure. Mentre, fuori, la tv continua a creare star, mostri, casi di cronaca, e nel bar sotto casa italiani e stranieri paiono decisi a non volersi capire. Matteo De Simone, giovane scrittore torinese, con “I denti guasti”, sua seconda prova, dimostra talento ed uso sapiente della lingua, abile nel raccontare il nostro presente, quello italiano impastato di mass media e scontri di civiltà, per narrarci un’atipica storia d’amore nata in fretta e troppo in fretta svanita nel nulla: sullo sfondo personaggi nudi, crudi, veri, emblemi di una società complicata e qualunquista tratteggiati con intelligenza e passione. “I denti guasti”, romanzo costruito su di affetti complicati e conflitti irrisolti, stupirà per lo sguardo luci do dell’autore, capace di raccontare le fragilità di Giulia e Roman, così come le nostre, senza banali e scontate divisioni tra bene e male.

DENTI GUASTI

De Matteo Simone

Un giorno nei secoli tornerà aprile

Capitolo Luciana

«In questo ultimo quarto di secolo 15.384 volte la Comunità di Sant’Egidio, direttamente e con l’aiuto di tanti, ha favorito l’incontro con un condannato a morte. […] Chi scrive? Anche giovanissimi, quindicenni, studenti e classi intere che scoprono già da teenager un mondo complesso, meno in bianco e nero. È l’empatia. Studenti universitari, ma anche famiglie in cui genitori e figli leggono e scrivono insieme le lettere. E diventa come un’adozione a distanza, un pezzo di famiglia che sta in un punto oscuro del mondo.» Dalla prefazione di Mario Marazziti. James Aren Duckett è detenuto nell'FSP (Florida State Prison) dal 30 giugno 1988, a seguito della condanna per lo stupro e l'uccisione di una bambina di 11 anni. In questi 33 anni, Jim, così lo chiamano gli amici e i suoi cari, lotta con i suoi legali per affermare la propria innocenza e per evidenziare le incongruenze e i malfunzionamenti del sistema giudiziario (e carcerario) degli Stati Uniti d'America. Oltre alla sua storia, la corrispondenza con l'autrice, iniziata nel 2012 e tuttora attiva, svela pensieri, paure e riflessioni di Jim, eternamente sospeso tra l'attesa di un responso e la vita in un carcere di massima sicurezza. Una preziosa testimonianza, la sua, che impone il rifiuto dell'idea che la Giustizia passi attraverso la pena di morte.

La seconda lettera

Bellotti Laura

Candidato al Premio Strega Europeo 2022 «Dall’infanzia e dalla giovinezza del padre, che diventa così la sua, Nothomb trae una commedia frizzante e sconveniente, in cui la “gioia insolita dell’esistenza” inchioda il dolore.» – Jérôme Garcin, L’Obs - Internazionale «In questo trentesimo romanzo, e davvero uno dei suoi più belli, "Primo sangue" «tutto è vero», assicura Amélie: ma, album di famiglia o grande storia, il suo talento ci tiene in gioco con l’ironia e la freschezza, invischiati nella ragnatela inavvertita di alcuni temi forti: la sindrome di Stoccolma, i bambini soli e i bambini soldati, il bullismo e i delitti familiari, snobismo e colonie, e tanto altro ancora.» – Daria Galateria, Il Venerdì - la Repubblica «Ho scritto questo libro perché mio padre è morto, ho pensato molto a lui e alla prima volta che ha avuto a che fare con la morte, quando si è trovato davanti al plotone d’esecuzione, condizione poco frequente. Aveva 28 anni. Finora non avevo del tutto realizzato che devo la mia vita a questa scena.» – Amélie Nothomb, intervista a la Lettura - Il Corriere della Sera Infanzia, giovinezza, matrimonio e primo incarico diplomatico di Patrick Nothomb, rampollo di una delle più influenti famiglie del Belgio. Fra una madre troppo presto vedova, dei nonni a dir poco bizzarri e una banda di zii quasi coetanei, il piccolo Patrick si impegna a diventare uomo... Pagine sorprendenti di una storia familiare che ogni lettore divorerà con commozione e divertimento.

Primo sangue

Nothomb Amélie