Narrativa

Aspetta primavera, Bandini

Fante John

Descrizione: Il libro che dava inizio alla saga di Arturo Bandini. Un commosso, divertito ritratto di una famiglia italo-americana e del suo disperato tentativo di integrazione. Con l'introduzione di Niccolò Ammaniti.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana:

Anno: 2005

ISBN: 9788806171360

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Svevo Bandini è un “uomo disgustato”. Ha tre figli, fa il muratore e vive in un piccolo paese del Colorado, Rocklin.

Maria, sua moglie, probabilmente lo aspetta “tiepida e trepidante” nel loro candido letto, ma per lui non è stata una buona giornata: c’è la neve alta ed ha appena perso dieci dollari all’Imperial Poolhall…

Sin dal primo capitolo è chiaro uno dei temi portanti del romanzo, l’immigrazione col suo carico di miseria, tant’è che il pensiero che ossessiona Svevo, mentre cammina verso casa, è proprio che quella dannata casa non è ancora riuscito a pagarla.

Inquadrata in poche pagine la difficile situazione familiare dei Bandini, ecco che spunta lui, il quattordicenne Arturo. Ed ha inizio la famosa saga.

Aspetta primavera, Bandini” è un testo introduttivo, dunque, e lascia presagire che ci sarà un seguito.

Fu pubblicato nell’ottobre del 1938 ma, in realtà, il primo romanzo di Bandini Fante lo aveva già composto, ed è “La strada per Los Angeles”, giudicato “scurrile e disorganico” e sulle prime rifiutato dai vari editori dell’epoca.

Fu solo William Soskin, consulente della Stackpole & Sons di New York, a credere nel talento di John Fante.

Soskin lo finanziò affinché potesse scrivere di un Arturo adolescente, lo stesso personaggio di “La strada per Los Angeles” ma spiato durante gli anni trascorsi in Colorado, nella fase che precedeva le avventure californiane.

Il successo consentì a Fante di riscattare il suo stile: nell’ultimo romanzo della serie, “Chiedi alla Polvere”, l’autore tornerà a scrivere in prima persona e ad osare di più…

 Voto: 8

 “Ogni palo del recinto delimitava un sogno, trattenendolo perché si adempisse all’arrivo di ogni nuova primavera

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

John

Fante

Libri dallo stesso autore

Intervista a Fante John


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un negozio di scarpe in cui scorrono sogni proibiti e aspirazioni segrete. Una festa esclusiva e due sorellastre crudeli. Un fratello combinaguai e una portinaia adorabile come fata madrina. Se Cenerentola vivesse ai giorni nostri, probabilmente dovrebbe scegliere fra il principe dei suoi sogni conosciuto via mail e un vicino molto sexy ma molto meno romantico. E di sicuro non si accontenterebbe di una scarpetta che non abbia almeno un tacco quindici. Una commedia romantica per sorridere, emozionarsi e sognare. Perché andare alla ricerca dell’anima gemella e andare alla ricerca della scarpa giusta non è poi tanto diverso. E Mara Roberti ci insegna che con un paio di scarpe da sogno ai tuoi piedi, nessun desiderio è impossibile.

LE SCARPE SON DESIDERI

Roberti Mara

Giudicando la propria vita di uomo e l'opera politica, Adriano non ignora che Roma finirà un giorno per tramontare; e tuttavia il suo senso dell'umano, eredità che gli proviene dai Greci, lo sprona a pensare e servire sino alla fine. "Mi sentivo responsabile della bellezza del mondo" afferma, personaggio che porta su di sé i problemi degli uomini di ogni tempo, alla ricerca di un accordo tra la felicità e il metodo, fra l'intelligenza e la volontà. I "Taccuini di appunti" dell'autrice (annotazioni di studio, lampi di autobiografia, ricordi, vicissitudini della scrittura) perfezionano la conoscenza di un'opera che fu pensata, composta, smarrita, corretta per quasi un trentennio.

MEMORIE DI ADRIANO

Yourcenar Marguerite

Un figlio determinato a riuscire dove il padre ha fallito e pronto a tutto per annientare gli Shadowhunters...

Shadowhunters 5. Città delle anime perdute

Clare Cassandra

Un segreto tenuto nascosto per lunghi anni, una scoperta sconvolgente, un uomo di successo e una donna in carriera, un artista squattrinato ma geniale, autore di un quadro misterioso. Immersa nelle atmosfere di una Trieste nebulosa e di una Venezia dal fascino liquido, si agita l’intrigante storia di Eugenio e Francesca, amanti sanguigni, dolci quanto irascibili. “Amata tela” è un romanzo in cui le vicende dei protagonisti si tingono di passioni travolgenti, in un vortice senza fine che si abbatterà inesorabilmente sulle loro vite. Amore, sesso e arte, si mescolano nei luoghi del sogno e del sentimento. “Amata tela” costruisce un’epica di esperienze umane, tra gioie e paure, attraverso un disegno sapientemente tracciato dalla penna di Giulia Madonna.

Amata tela

Madonna Giulia