Narrativa

Aspetta primavera, Bandini

Fante John

Descrizione: Il libro che dava inizio alla saga di Arturo Bandini. Un commosso, divertito ritratto di una famiglia italo-americana e del suo disperato tentativo di integrazione. Con l'introduzione di Niccolò Ammaniti.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Tascabili stile libero

Anno: 2005

Traduttore: Carlo Alberto Corsi

ISBN: 9788806171360

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Aspetta primavera, Bandini è il primo dei quattro capitoli che John Fante dedica al suo alter ego Arturo Bandini.
In questa prima tappa, Arturo è l’adolescente figlio del muratore Svevo (“Faceva il muratore e la neve gelava la calce tra i mattoni che posava”), stereotipo dell’immigrato di origini abruzzesi impiantato con disagio nella realtà americana (“Anche da ragazzo, in Abruzzo detestava la neve… adesso viveva in America, nella città di Rocklin, Colorado”).

Particolarmente efficace è il ritratto dei conflitti che agitano il protagonista e la sua personalità in formazione, che avremo modo di osservare nel corso dell’intera saga.
Siano questi di natura religiosa (“Per andare all’inferno avrebbe dovuto commettere dei peccati mortali… Arturo era praticamente certo di non andare all’inferno … per due motivi: per la confessione e perché era velocissimo”), sentimentale (“Rosa era una ragazza molto studiosa, la prima della classe”) o sociale (“Di nome faceva Arturo, ma avrebbe preferito chiamarsi John. Di cognome faceva Bandini ma lui avrebbe preferito chiamarsi Jones. Suo padre e sua madre erano italiani ma lui avrebbe preferito essere americano. Suo padre faceva il muratore ma lui avrebbe preferito diventare il lanciatore dei Chicago Cubs”), tutti i contrasti convergono nella figura del ragazzo che assiste alle tensioni familiari di un nucleo (“Dormivano tutti nello stesso letto, Arturo di quattordici, August di dieci e Federico di otto anni”) perennemente alle prese con i problemi economici (“La casa non era pagata”), nella modesta casa ove scoppia il dramma del tradimento di Svevo ai danni di una moglie molto religiosa e completamente dipendente dalla forte figura del capofamiglia (“Sei un uomo in gamba, papà. Stai uccidendo mamma, ma sei magnifico. Tutti e due lo siamo. Perché un giorno farò anch’io così, e lei si chiamerà Rosa Pinelli”).

Unico romanzo della saga narrato in terza persona, chi lo legge ha la possibilità di sperimentare l’ironia potente (“Suor Celia… impose il silenzio. Il suo occhio di vetro, notarono, era ruotato considerevolmente, tanto che la pupilla era appena visibile… La monaca lo trafisse con l’occhio di vetro…”) di un autore destinato nel tempo a divenire oggetto di un vero e proprio culto.
Seppur considerata dalla critica l’opera meno matura di John Fante (“Sembra che la voce narrante non sappia decidersi, non sappia se raccontare il romanzo del figlio, o quello del padre”), “Aspetta primavera, Bandini” è un passaggio essenziale per comprendere la genesi del ciclo che racconta gli amori, i sogni e l’incontro-scontro con la realtà di uno degli eroi della letteratura contemporanea.

Bruno Elpis

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

La strada per Los Angeles – i-LIBRI

[…] Charles Bukowski. Trattasi del secondo incontro con l’Arturo Bandini che abbiamo conosciuto in “Aspetta primavera Bandini”, qui divenuto diciottenne, ormai orfano del padre Svevo, con una situazione familiare […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

John

Fante

Libri dallo stesso autore

Intervista a Fante John


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un cellulare che squilla nella notte, una voce irriconoscibile e poche taglienti parole: una minaccia di morte. Cesare Almansi, avvocato di successo, ha da poco deciso di entrare in politica quando sono iniziate ad arrivare queste misteriose telefonate. C'è solo una persona a cui può rivolgersi: il suo vecchio amico del liceo, il detective Bacci Pagano. Sono passati anni da quel lontano '68 e dai cortei a cui i due partecipavano per le vie di Genova, trascinati dall'idea di cambiare il mondo puntando su valori diversi, quasi rivoluzionari. Valori in cui Cesare crede ancora e che ha trasferito nella nuova avventura elettorale. Ora qualcuno vuole fermarlo, anche se l'avvocato non ha idea di chi possa essere. Nessuna pista per Bacci Pagano che inizia a indagare nell'intricato sistema di potere dei partiti e dei favori per ottenere voti. Eppure su quel fronte tutto si risolve in buco nell'acqua. L'investigatore dei carruggi avrebbe bisogno del suo intuito infallibile, ma per la prima volta nella sua carriera, è distratto da qualcosa, o meglio da qualcuno: Lou, la responsabile dell'ufficio stampa di Almansi, capelli biondi e occhi azzurri come due squarci feroci di cielo. Bacci Pagano rimane invischiato in una relazione fatta di tira e molla, di passione e di fughe improvvise. Quando l'indagine porta a galla una verità che viene dal passato, il detective deve fare i conti con una terribile notte di trent'anni prima. Una notte che lui e Cesare volevano dimenticare.

Lo spaventapasseri

Morchio Bruno

Nell'incanto sospeso sulle rive del Grande Fiume, un uomo, finalmente in pace con se stesso, rievoca dall'oblio in cui era caduta una storia di seducente passione, dove musicisti e amanti, spie e combattenti, seguendo le note dei tre concerti per pianoforte di Ciajkovskij, percorrono una strada di amore e morte.

TRE CONCERTI

Bocchi Vittorio

Milano, 1973. Sono gli anni della grande industria cinematografica italiana, dell'Austerity, della cronaca nera prestata alla politica, della criminalità da far west, della Polizia con le mani legate, dell'imprenditoria gangster, delle grandi penne del giornalismo. Travolti da questi sconvolgimenti epocali e dalla sfortuna del quotidiano, un funambolo della pubblicità col vizio del gioco contrae un debito di troppo, un oste milanese dalle mani grandi fronteggia lo sfratto della bocciofila che gestisce, un fiorista ciociaro raccoglie i frantumi del proprio chiosco devastato dagli stuntmen di un film con Alain Delon. La morte di un loro vecchio collega, di quando scavavano i tunnel della metropolitana, li riunisce al cimitero. Da qui in poi, il terzetto ne penserà di ogni per risolvere i guai di ciascuno, fino a scegliere di mettere in pratica la più assurda delle idee: rubare il simbolo più alto di Milano, per riscattare i soldi e se stessi. Da un'idea di Luca Crovi, un noir a tre penne, una commedia che al sorriso combina la tensione drammatica ed emotiva dell'Italia degli anni Settanta, gli anni che ci hanno insegnato che l'assurdo non è una sciocchezza, ma l'impossibile che si fa reale.

OPERAZIONE MADONNINA

Ferrari Andrea

Sei fiabe in cui è raccolta tutta la poetica di Miyazawa Kenji, scienziato, buddista, agronomo e filosofo (1895-1993). Il racconto che dà il titolo alla raccolta ha ispirato numerose serie di telefilm, fumetti e cartoni animati di fantascienza.

UNA NOTTE SUL TRENO DELLA VIA LATTEA E ALTRI RACCONTI

Kenji Miyazawa