Narrativa

Aspetta primavera, Bandini

Fante John

Descrizione: Il libro che dava inizio alla saga di Arturo Bandini. Un commosso, divertito ritratto di una famiglia italo-americana e del suo disperato tentativo di integrazione. Con l'introduzione di Niccolò Ammaniti.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Tascabili stile libero

Anno: 2005

Traduttore: Carlo Alberto Corsi

ISBN: 9788806171360

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Aspetta primavera, Bandini è il primo dei quattro capitoli che John Fante dedica al suo alter ego Arturo Bandini.
In questa prima tappa, Arturo è l’adolescente figlio del muratore Svevo (“Faceva il muratore e la neve gelava la calce tra i mattoni che posava”), stereotipo dell’immigrato di origini abruzzesi impiantato con disagio nella realtà americana (“Anche da ragazzo, in Abruzzo detestava la neve… adesso viveva in America, nella città di Rocklin, Colorado”).

Particolarmente efficace è il ritratto dei conflitti che agitano il protagonista e la sua personalità in formazione, che avremo modo di osservare nel corso dell’intera saga.
Siano questi di natura religiosa (“Per andare all’inferno avrebbe dovuto commettere dei peccati mortali… Arturo era praticamente certo di non andare all’inferno … per due motivi: per la confessione e perché era velocissimo”), sentimentale (“Rosa era una ragazza molto studiosa, la prima della classe”) o sociale (“Di nome faceva Arturo, ma avrebbe preferito chiamarsi John. Di cognome faceva Bandini ma lui avrebbe preferito chiamarsi Jones. Suo padre e sua madre erano italiani ma lui avrebbe preferito essere americano. Suo padre faceva il muratore ma lui avrebbe preferito diventare il lanciatore dei Chicago Cubs”), tutti i contrasti convergono nella figura del ragazzo che assiste alle tensioni familiari di un nucleo (“Dormivano tutti nello stesso letto, Arturo di quattordici, August di dieci e Federico di otto anni”) perennemente alle prese con i problemi economici (“La casa non era pagata”), nella modesta casa ove scoppia il dramma del tradimento di Svevo ai danni di una moglie molto religiosa e completamente dipendente dalla forte figura del capofamiglia (“Sei un uomo in gamba, papà. Stai uccidendo mamma, ma sei magnifico. Tutti e due lo siamo. Perché un giorno farò anch’io così, e lei si chiamerà Rosa Pinelli”).

Unico romanzo della saga narrato in terza persona, chi lo legge ha la possibilità di sperimentare l’ironia potente (“Suor Celia… impose il silenzio. Il suo occhio di vetro, notarono, era ruotato considerevolmente, tanto che la pupilla era appena visibile… La monaca lo trafisse con l’occhio di vetro…”) di un autore destinato nel tempo a divenire oggetto di un vero e proprio culto.
Seppur considerata dalla critica l’opera meno matura di John Fante (“Sembra che la voce narrante non sappia decidersi, non sappia se raccontare il romanzo del figlio, o quello del padre”), “Aspetta primavera, Bandini” è un passaggio essenziale per comprendere la genesi del ciclo che racconta gli amori, i sogni e l’incontro-scontro con la realtà di uno degli eroi della letteratura contemporanea.

Bruno Elpis

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

La strada per Los Angeles – i-LIBRI

[…] Charles Bukowski. Trattasi del secondo incontro con l’Arturo Bandini che abbiamo conosciuto in “Aspetta primavera Bandini”, qui divenuto diciottenne, ormai orfano del padre Svevo, con una situazione familiare […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

John

Fante

Libri dallo stesso autore

Intervista a Fante John

Elena è una ragazza madre. Giulio, il suo primo amore, ha abbandonato lei e il piccolo Giovanni, detto Anni. Ha bisogno di un lavoro, dal momento che non può più lavorare nella pellicceria di Margoni, che pure è innamorato di lei e fa di tutto per aiutarla, procurandole un lavoro come attrice. Un giorno Elena incontra Pietro, ricco bello e sfrontato, che la corteggia insistentemente e lei, anche se sa di essere solo una delle tante conquiste, si lascia sedurre. Nel frattempo, rifiuta le avances del suo capo Tauscher e perde il lavoro. Scopre che Pietro sta per sposarsi con un'altra donna e si ritrova sola, senza lavoro e senza protezione inizia una carriera nel cabaret. Solo un colpo di fortuna la salva: il suo capo la aiuta, Margoni la riprende a lavorare in pellicceria e Pietro, di cui ormai è innamorata, torna per vivere con lei qualche mese d'amore, finché la loro storia non si scontra con le comodità di una vita troppo bella per potervi rinunciare, e Pietro scappa. Così, sconfitta e delusa, Elena torna a quello che conosce e che spera di riuscire ad amare: il lavoro, l'affezionato Margoni, la casa, il figlio. Tranquilla e rassegnata, vive anni sereni, finché un nuovo vecchio amore, il terzo amore appunto, non torna a risvegliare in lei il suo inesausto bisogno di avventura.

Il terzo amore

Scerbanenco Giorgio

Moby Dick, pubblicato nel 1851, è considerato il capolavoro di Melville e uno dei più noti libri della letteratura americana e mondiale. Vi narra in prima persona la sua avventura Ismaele, che si imbarca come marinaio assieme a un ramponiere indiano sulla baleniera Pequod. Il capitano della nave, Achab, un personaggio cupo che incute rispetto e timore nei suoi uomini, ha perso una gamba per colpa della balena bianca Moby Dick e ora vuole vendicarsene, a qualunque costo. Inizia così una lunga caccia. La snervante attesa dell'incontro con il cetaceo che sfugge al capitano offrirà al narratore l'occasione di meditazioni scientifiche, religiose, filosofiche e artistiche, all'interno della struttura del romanzo d'avventura per mare. Intanto l'immenso oceano, con i suoi mostri e le sue profondità, si erge in tutta la propria potenza e imperscrutabilità dinanzi all'uomo, che gli può contrapporre solo una fragile esistenza, oscillante tra il bene e il male. Fino a che sopraggiunge la catastrofe finale, fatalmente presentita, quando Moby Dick distruggerà la baleniera e tutto l'equipaggio trascinando con sé Achab e il suo arpione. Solo Ismaele si salverà e potrà così raccontare la loro folle, ambiziosa quanto disperata, impresa.

Moby Dick

Melville Herman

Paura di volare è la storia di Isadora Wing, una delle più spregiudicate antieroine della letteratura contemporanea. Isadora è bella, appassionata e sessualmente infiammabile, ma ha una terribile paura di volare, paura della sua forza e della sua libertà. Ingabbia la sua esuberanza in matrimoni che esplodono mandando in frantumi speranze di protezione e di sicurezza, con un primo marito che finisce col credersi Cristo e minaccia una passeggiata sulle acque del lago di Central Park, un secondo che non smette di essere un freddo analista neppure nel letto matrimoniale. La terra promessa della libertà non arriva neppure con la folle passione per Adrian Goodlove, anticonvenzionale psichiatra lainghiano sostenitore della autonomia e della poligamia. Il viaggio attraverso l'Europa che Isadora intraprende con lui, dopo mille incertezze venate di desiderio del volo e paura delle conseguenze, si rivela fallimentare. La famiglia, gli amori del passato, i sogni dell'adolescenza riprendono il sopravvento in un processo di acuta autoanalisi.

Paura di volare

Jong Erica

Tre storie diverse, la stessa città – Roma, all’inizio degli anni ottanta – e lo stesso destino: smettere di essere soltanto figli, diventare genitori. Eppure Luciana, Valentina, Cecilia non sono certe di volerlo, si sentono fragili, insofferenti. Così comesono confusi, distanti, presi dai loro sogni i padri. Si può tornare indietro, fare finta di niente, rinunciare a un evento che si impone con prepotenza assoluta? Luciana lavora in un giornale che sta per chiudere. Corre, è sempre in ritardo, l’uomo che ama è lontano, lei lo chiama l’Irlandese per via dei capelli rossi. Valentina ha diciassette anni, va alle superiori ed è convinta che dagrande farà la psicologa. Appena si è accorta di essere incinta, ha smesso di parlare con Ermes, il ragazzo con cui è stata per qualche mese e che adesso fa l’indifferente, ma forse è solo una maschera. Cecilia vive fra una casa occupata e la strada, porta uncaschetto rosa e tiene al guinzaglio un cane. Una sera torna da Gaetano, alla tavola calda in cui lavora: non vuole nulla da lui, se non un ultimo favore. A osservarli c’è lo sguardo partecipe di un io che li segue nel tempo cruciale della trasformazione. Un giro di pochi mesi, una primavera che diventa estate. Tra bandiere che sventolano festose, manifesti elettorali che sbiadiscono al sole e volantini che parlano di una ragazza scomparsa, le speranze italiane somigliano a inganni. Poi ecco che una nuova vita arrivae qualcosa si svela. Lontano dagli occhi è una dichiarazione d’amore al potere della letteratura, alla sua capacità di avvicinare verità altrimenti inaccessibili. Ricostruendo con la forza immaginifica della narrazione l’incognita di una nascita, le ragioni di una lontananza, Paolo Di Paolo arriva a rovesciare la distanza dal cuore suggerita dal titolo. Una storia sul peso delle radici, su come diventiamo noi stessi.

Lontano dagli occhi

Di Paolo Paolo