Narrativa

Aspetta primavera, Bandini

Fante John

Descrizione: Il libro che dava inizio alla saga di Arturo Bandini. Un commosso, divertito ritratto di una famiglia italo-americana e del suo disperato tentativo di integrazione. Con l'introduzione di Niccolò Ammaniti.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Tascabili stile libero

Anno: 2005

Traduttore: Carlo Alberto Corsi

ISBN: 9788806171360

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Aspetta primavera, Bandini è il primo dei quattro capitoli che John Fante dedica al suo alter ego Arturo Bandini.
In questa prima tappa, Arturo è l’adolescente figlio del muratore Svevo (“Faceva il muratore e la neve gelava la calce tra i mattoni che posava”), stereotipo dell’immigrato di origini abruzzesi impiantato con disagio nella realtà americana (“Anche da ragazzo, in Abruzzo detestava la neve… adesso viveva in America, nella città di Rocklin, Colorado”).

Particolarmente efficace è il ritratto dei conflitti che agitano il protagonista e la sua personalità in formazione, che avremo modo di osservare nel corso dell’intera saga.
Siano questi di natura religiosa (“Per andare all’inferno avrebbe dovuto commettere dei peccati mortali… Arturo era praticamente certo di non andare all’inferno … per due motivi: per la confessione e perché era velocissimo”), sentimentale (“Rosa era una ragazza molto studiosa, la prima della classe”) o sociale (“Di nome faceva Arturo, ma avrebbe preferito chiamarsi John. Di cognome faceva Bandini ma lui avrebbe preferito chiamarsi Jones. Suo padre e sua madre erano italiani ma lui avrebbe preferito essere americano. Suo padre faceva il muratore ma lui avrebbe preferito diventare il lanciatore dei Chicago Cubs”), tutti i contrasti convergono nella figura del ragazzo che assiste alle tensioni familiari di un nucleo (“Dormivano tutti nello stesso letto, Arturo di quattordici, August di dieci e Federico di otto anni”) perennemente alle prese con i problemi economici (“La casa non era pagata”), nella modesta casa ove scoppia il dramma del tradimento di Svevo ai danni di una moglie molto religiosa e completamente dipendente dalla forte figura del capofamiglia (“Sei un uomo in gamba, papà. Stai uccidendo mamma, ma sei magnifico. Tutti e due lo siamo. Perché un giorno farò anch’io così, e lei si chiamerà Rosa Pinelli”).

Unico romanzo della saga narrato in terza persona, chi lo legge ha la possibilità di sperimentare l’ironia potente (“Suor Celia… impose il silenzio. Il suo occhio di vetro, notarono, era ruotato considerevolmente, tanto che la pupilla era appena visibile… La monaca lo trafisse con l’occhio di vetro…”) di un autore destinato nel tempo a divenire oggetto di un vero e proprio culto.
Seppur considerata dalla critica l’opera meno matura di John Fante (“Sembra che la voce narrante non sappia decidersi, non sappia se raccontare il romanzo del figlio, o quello del padre”), “Aspetta primavera, Bandini” è un passaggio essenziale per comprendere la genesi del ciclo che racconta gli amori, i sogni e l’incontro-scontro con la realtà di uno degli eroi della letteratura contemporanea.

Bruno Elpis

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

La strada per Los Angeles – i-LIBRI

[…] Charles Bukowski. Trattasi del secondo incontro con l’Arturo Bandini che abbiamo conosciuto in “Aspetta primavera Bandini”, qui divenuto diciottenne, ormai orfano del padre Svevo, con una situazione familiare […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

John

Fante

Libri dallo stesso autore

Intervista a Fante John

I bambini osservano muti le giostre dei grandi

Marotta Giuseppe

«Quello del musicista è un mestiere che si sceglie per passione, si potrebbe quasi dire che sia una missione: alla continua ricerca di una verità interpretativa, di una irraggiungibile perfezione». Nel suo nuovo libro, Riccardo Muti ci accompagna alla ricerca del mistero della musica attraverso otto lezioni che intrecciano la storia dell’arte dei suoni, la sua grande esperienza di direttore e i ricordi più intimi: i maestri che ha incontrato sulla sua strada; il sogno – realizzato – di creare un’orchestra di giovani musicisti italiani e un’Accademia dell’opera italiana in un Paese che spesso dimentica il ruolo dell’arte nella società. Poi l’inestinguibile passione che lo lega da sempre non solo ai grandissimi, Mozart e Verdi, ma anche ai compositori italiani a lungo dimenticati. Una riflessione affascinante alla scoperta della potenza della musica e dei segreti della partitura, che un gesto può trasformare in un’emozione capace di raggiungere il cuore di tutti.

Incontro con Riccardo Muti

Muti Riccardo

"... La noia implica un'analisi sconsolata dei danni causati all'uomo dalla tecnologia e, sembra, insanabili politicamente e clinicamente..." (dall'introduzione di Michel David) Considerato come il cardine di una ideale trilogia iniziatasi con i memorabili Indifferenti e conclusa con La vita interiore, La noia (1960) ci offre un ritratto profondo e spietato di un individuo senza strutture, senza appoggi, alienato dalla vita sociale. E' una storia di crisi, di fallimenti, di delusioni. Analizzato nei suoi tre aspetti, di artista, di uomo, di amante, il protagonista finisce per scontrarsi inevitabilmente con la realtà; una realtà che in modo tautologico si nega, perche a conclusione di ogni tentativo (ad esempio di raggiungere la donna amata) si erge sempre lo stesso assioma: la realtà è la realtà.

La noia

Moravia Alberto

L'autrice della Libreria del buon romanzo immagina la storia di Lou, una giovane donna che vede il corso della propria vita assurdamente deviato e stravolto allorché s'imbatte per caso in un evento molto più grande di lei. Una straordinaria prova di immaginazione letteraria a partire da un fatto realmente accaduto. Coinvolta per caso in una famosa vicenda di cronaca nera, la giovane Lou si allontana velocemente dalla scena dell'incidente. Per lei all'inizio non sembrano profilarsi conseguenze gravi. Pure quando all'indomani la notizia esplode su TV e giornali per via delle vittime illustri, Lou non si sente responsabile e nessun testimone l'ha vista. Poco alla volta però i sensi di colpa l'assalgono e teme di essere rintracciata, denunciata, data in pasto alla voracità dei media, arrestata. La sua vita precipita inesorabilmente in un gorgo di paure, sospetti e rimorsi. Con un ritmo magistrale, una tensione che toglie il fiato, Laurence Cossé riesce a calare il lettore nei panni di una donna che si sente braccata e che deve quindi trasformare in maniera radicale la propria vita fino ad allora tranquilla e appagata. L'autrice della Libreria del buon romanzo immagina con un'efficacia stupefacente il destino di una persona coinvolta in un "grande evento della Storia", ma che la Storia stessa, la cronaca e la polizia non sono riuscite mai a identificare.

L’incidente

Cossé Laurence