Narrativa

Aspetta primavera, Bandini

Fante John

Descrizione: Il libro che dava inizio alla saga di Arturo Bandini. Un commosso, divertito ritratto di una famiglia italo-americana e del suo disperato tentativo di integrazione. Con l'introduzione di Niccolò Ammaniti.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Tascabili stile libero

Anno: 2005

Traduttore: Carlo Alberto Corsi

ISBN: 9788806171360

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Aspetta primavera, Bandini è il primo dei quattro capitoli che John Fante dedica al suo alter ego Arturo Bandini.
In questa prima tappa, Arturo è l’adolescente figlio del muratore Svevo (“Faceva il muratore e la neve gelava la calce tra i mattoni che posava”), stereotipo dell’immigrato di origini abruzzesi impiantato con disagio nella realtà americana (“Anche da ragazzo, in Abruzzo detestava la neve… adesso viveva in America, nella città di Rocklin, Colorado”).

Particolarmente efficace è il ritratto dei conflitti che agitano il protagonista e la sua personalità in formazione, che avremo modo di osservare nel corso dell’intera saga.
Siano questi di natura religiosa (“Per andare all’inferno avrebbe dovuto commettere dei peccati mortali… Arturo era praticamente certo di non andare all’inferno … per due motivi: per la confessione e perché era velocissimo”), sentimentale (“Rosa era una ragazza molto studiosa, la prima della classe”) o sociale (“Di nome faceva Arturo, ma avrebbe preferito chiamarsi John. Di cognome faceva Bandini ma lui avrebbe preferito chiamarsi Jones. Suo padre e sua madre erano italiani ma lui avrebbe preferito essere americano. Suo padre faceva il muratore ma lui avrebbe preferito diventare il lanciatore dei Chicago Cubs”), tutti i contrasti convergono nella figura del ragazzo che assiste alle tensioni familiari di un nucleo (“Dormivano tutti nello stesso letto, Arturo di quattordici, August di dieci e Federico di otto anni”) perennemente alle prese con i problemi economici (“La casa non era pagata”), nella modesta casa ove scoppia il dramma del tradimento di Svevo ai danni di una moglie molto religiosa e completamente dipendente dalla forte figura del capofamiglia (“Sei un uomo in gamba, papà. Stai uccidendo mamma, ma sei magnifico. Tutti e due lo siamo. Perché un giorno farò anch’io così, e lei si chiamerà Rosa Pinelli”).

Unico romanzo della saga narrato in terza persona, chi lo legge ha la possibilità di sperimentare l’ironia potente (“Suor Celia… impose il silenzio. Il suo occhio di vetro, notarono, era ruotato considerevolmente, tanto che la pupilla era appena visibile… La monaca lo trafisse con l’occhio di vetro…”) di un autore destinato nel tempo a divenire oggetto di un vero e proprio culto.
Seppur considerata dalla critica l’opera meno matura di John Fante (“Sembra che la voce narrante non sappia decidersi, non sappia se raccontare il romanzo del figlio, o quello del padre”), “Aspetta primavera, Bandini” è un passaggio essenziale per comprendere la genesi del ciclo che racconta gli amori, i sogni e l’incontro-scontro con la realtà di uno degli eroi della letteratura contemporanea.

Bruno Elpis

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

La strada per Los Angeles – i-LIBRI

[…] Charles Bukowski. Trattasi del secondo incontro con l’Arturo Bandini che abbiamo conosciuto in “Aspetta primavera Bandini”, qui divenuto diciottenne, ormai orfano del padre Svevo, con una situazione familiare […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

John

Fante

Libri dallo stesso autore

Intervista a Fante John


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

E se avessimo davvero una seconda possibilità? Cinque giovani si ritrovano sospesi in una dimensione parallela, prigionieri del gioco crudele di un’oscura creatura che si fa chiamare il Millantatore. Perché l’enigmatico personaggio li ha riuniti e chiede proprio a loro di combattere il suo acerrimo nemico? Possono davvero fidarsi di lui? Per scoprirlo, i cinque protagonisti dovranno intraprendere un viaggio allucinante nel proprio passato e leggere in un’altra luce le vicende che li hanno portati fin là; un viaggio che metterà a dura prova anche la fiducia reciproca. Tra vertiginose sequenze di prospettive e trame sapientemente intrecciate, la giovanissima Luana Semprini conduce i lettori in uno scenario inquietante, sempre in bilico tra il mondo reale e un aldilà mai esplorato.

LIMBUS

Semprini Luana

ome si gioca a nascondino da soli? Un bambino ricerca un riparo dalla morte del padre e trova nell'aria le voci dei matti, degli animali, dei vecchi e delle donne che popolano i luoghi marginali di una sperduta valle di montagna. Riti collettivi di addio all'inverno, campane ferme, racconti orali, cadute, incantamenti e ossessioni animano il romanzo d'esordio di Sergio Peter che, ispirandosi alla lezione del Celati di "Narratori delle pianure" e del Calvino delle "Città invisibili", dà vita a un ritorno a casa che è anche viaggio iniziatico nei territori della memoria.

Dettato

Peter Sergio

Uno stormo di bellissimi uccelli migratori - i cavalieri d'Italia - ritorna nella laguna tirrenica dopo cent'anni di assenza. L'odissea di questi favolosi trampolieri rivissuta liricamente da uno dei più noti studiosi di ecologia animale.

I cavalieri della grande laguna

Pratesi Fulco

La biografia, la carriera, il mito di Humphrey Bogart attraverso la scrittura innamorata di un grande romanziere. Jonathan Coe cinefilo è ben noto ai suoi lettori. In ogni suo romanzo il cinema è ampiamente presente. Qui lo vediamo al suo meglio scandagliare la profondità di un volto, di un uomo, di un attore che ha lasciato un'eredità incalcolabile nell'arte e nell'immaginario.

Caro Bogart

Coe Jonathan