Recensioni

Assassinio a Villa Borghese

Veltroni Walter

Descrizione: Villa Borghese - un enorme parco nel centro di Roma, grande più della Città del Vaticano e poco meno del principato di Monaco - è un luogo meraviglioso. Ci sono musei, teatri, la Casa del Cinema, ludoteche, chiese. E poi le mille piante, i corsi d'acqua e le tante specie animali ospitate al Bioparco. Un'isola di verde incantevole. Affascinante, colta, misteriosa. Il sindaco, malato d'amore per la Villa, muovendo mari e monti riesce a far aprire un commissariato al suo interno. Per la gestione del nuovo ufficio, i vertici della polizia decidono di radunare un gruppo di soggetti che altrove non hanno certo brillato. Come i magnifici sette, ma al contrario. A guidarli viene chiamato Giovanni Buonvino, ispettore superiore che, quindici anni prima, è stato condannato alle retrovie da un bruciante errore. «Occhio ai palloni Super Santos» ironizzano i colleghi, «possono contenere esplosivo.» Pochi giorni dopo l'inaugurazione del commissariato, però, il pacifico tran tran viene interrotto dalla scoperta di un cadavere orrendamente straziato. Da quel momento a Villa Borghese - insanguinata da una lunga scia di morte - nulla sarà più lo stesso.

Categoria: Recensioni

Editore: Marsilio

Collana: Lucciole

Anno: 2019

ISBN:

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Walter Veltroni esordisce nel campo della narrativa gialla con Assassinio a Villa Borghese, un libro che inaugura anche una nuova collana della casa editrice Marsilio. Un testo che, oltre alla narrazione strettamente di genere, è anche “una lettera d’amore alla Capitale e al più bello dei suoi parchi.

Infatti la vicenda si snoda intorno a Villa Borghese a Roma, dove viene istituita una nuova squadra d’investigazione, capitanata da Giovanni Buonvino, un uomo che aspetta da quindici anni un avanzamento di carriera. Nel frattempo ha perso la moglie, che ha trovato a letto con un’altra donna, in quello che è il più assurdo e complicato dei tradimenti; e ora vive solo con i suoi due gatti: Rijkaard e Gullit. Lui è un cinquantenne, ancora piacente, con i capelli brizzolati, e una passione estrema per le auto d’epoca. La sua carriera è stata sporcata da un’onta difficile da dimenticare, e ora gli viene affidato un commissariato dove si crede “non succeda mai nulla”.

La squadra con cui si trova a lavorare è, a dir poco, astrusa. Sembra formata da “Bombolo, Alvaro Vitali, Gigi Reder, i gemelli marchesini Pucci di Sapore di mare, Aristoteles ed Edwige Fenec. Uno normale non c’era.”

Quando una terribile scoperta viene effettuata all’interno del Parco della Villa, i ruoli cambiano in fretta e il caso da risolvere è terribile. Riusciranno nel loro intento? Il riscatto per il bel commissario è auspicabile? Tanti indizi disseminati da una mente perversa riusciranno a essere compresi da una squadra così tanto imperfetta?

Un bel giallo, dove Roma e uno dei suoi luoghi più suggestivi, la fanno da padrone. Un romanzo veloce, scritto con una prosa semplice, ma incisiva, che non si disperde inutilmente. Un mistero intricato e complicato, di grande attualità, che gioca abilmente con le cosidette imperfezioni, usate per fuorviare dal vero e tragico contenuto. Sulla scia veritiera che “dalle crepe entra la luce”, si snoda una vicenda caratteristica di una società in continuo movimento, dove il sotterraneo e l’ambiguo regnano incontrastati.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Walter

Veltroni

Libri dallo stesso autore

Intervista a Veltroni Walter

De Amicis, Edmondo – IL TAMBURINO SARDO (Cuore, 1886)

Igor Malev ha una sola cosa in mente: la sua ex moglie Ewa. Anche se è un uomo ricco, affascinante e di innato carisma, lei lo ha lasciato per uno stilista di grande successo, una ferita, questa, da cui non è mai riuscito a riprendersi. Così decide di riconquistarla. Nella cornice del Festival di Cannes, circondato dal lusso e dagli eccessi della nuova aristocrazia, i vincitori definitivi nella gara edonistica della vita moderna, inizia una battaglia lunga ventiquattro ore. Perché Igor è un uomo di rara forza e fredda intelligenza, e quella che vuole non sarà una riconciliazione ordinaria, pacifica. Perché ha fatto a se stesso la promessa di distruggere tutto ciò che si interpone tra lui e la sua amata. E lui mantiene sempre la parola. Con Il vincitore è solo Paulo Coelho torna ai grandi temi di Undici minuti e lo Zahir offrendoci un romanzo avvincente e ricco di tensione, specchio del mondo in cui viviamo, dove la ricerca del lusso e del successo a tutti i costi spesso impedisce di ascoltare quello che ci sussurra il nostro cuore.

Il vincitore è solo

Coelho Paulo

Una raccolta di poesie che racconta l'Amazzonia, una regione che rischia da sempre di essere annientata dalle violenze e dagli interessi di vecchi e di nuovi colonizzatori.

Amazzonia madre d’acqua

Theophilo Marcia

Pubblicato nel 1957 nella collana einaudiana "I Gettoni", sotto la direzione di Elio Vittorini, torna in libreria "Gymkhana-Cross", di Luigi Davì: racconti sulla quotidianità di piccoli eroi, ragazzi di ieri divisi tra fabbrica, ragazze, compagni, in una città, Torino, che con la Fiat marciava a grandi passi verso la modernità. Con una scrittura vivace, gergale, asciutta, Gymkhana-Cross descrive un tempo e un mondo in cui gli operai avevano ancora un paradiso, e qualche santo a cui rivolgersi: Davì narra ciò che vede e sperimenta, nell'orizzonte circoscritto di giornate umili e banali, alla periferia di tutto, spesso anche dei cambiamenti. Per portare fino a noi il sapore di gesti semplici (un bicchiere di vino, una partita a bocce), declinati, oggi, con il sentimento dolce della malinconia.

GYMKHANA – CROSS

Davì Luigi