Recensioni

Assassinio a Villa Borghese

Veltroni Walter

Descrizione: Villa Borghese - un enorme parco nel centro di Roma, grande più della Città del Vaticano e poco meno del principato di Monaco - è un luogo meraviglioso. Ci sono musei, teatri, la Casa del Cinema, ludoteche, chiese. E poi le mille piante, i corsi d'acqua e le tante specie animali ospitate al Bioparco. Un'isola di verde incantevole. Affascinante, colta, misteriosa. Il sindaco, malato d'amore per la Villa, muovendo mari e monti riesce a far aprire un commissariato al suo interno. Per la gestione del nuovo ufficio, i vertici della polizia decidono di radunare un gruppo di soggetti che altrove non hanno certo brillato. Come i magnifici sette, ma al contrario. A guidarli viene chiamato Giovanni Buonvino, ispettore superiore che, quindici anni prima, è stato condannato alle retrovie da un bruciante errore. «Occhio ai palloni Super Santos» ironizzano i colleghi, «possono contenere esplosivo.» Pochi giorni dopo l'inaugurazione del commissariato, però, il pacifico tran tran viene interrotto dalla scoperta di un cadavere orrendamente straziato. Da quel momento a Villa Borghese - insanguinata da una lunga scia di morte - nulla sarà più lo stesso.

Categoria: Recensioni

Editore: Marsilio

Collana: Lucciole

Anno: 2019

ISBN:

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Walter Veltroni esordisce nel campo della narrativa gialla con Assassinio a Villa Borghese, un libro che inaugura anche una nuova collana della casa editrice Marsilio. Un testo che, oltre alla narrazione strettamente di genere, è anche “una lettera d’amore alla Capitale e al più bello dei suoi parchi.

Infatti la vicenda si snoda intorno a Villa Borghese a Roma, dove viene istituita una nuova squadra d’investigazione, capitanata da Giovanni Buonvino, un uomo che aspetta da quindici anni un avanzamento di carriera. Nel frattempo ha perso la moglie, che ha trovato a letto con un’altra donna, in quello che è il più assurdo e complicato dei tradimenti; e ora vive solo con i suoi due gatti: Rijkaard e Gullit. Lui è un cinquantenne, ancora piacente, con i capelli brizzolati, e una passione estrema per le auto d’epoca. La sua carriera è stata sporcata da un’onta difficile da dimenticare, e ora gli viene affidato un commissariato dove si crede “non succeda mai nulla”.

La squadra con cui si trova a lavorare è, a dir poco, astrusa. Sembra formata da “Bombolo, Alvaro Vitali, Gigi Reder, i gemelli marchesini Pucci di Sapore di mare, Aristoteles ed Edwige Fenec. Uno normale non c’era.”

Quando una terribile scoperta viene effettuata all’interno del Parco della Villa, i ruoli cambiano in fretta e il caso da risolvere è terribile. Riusciranno nel loro intento? Il riscatto per il bel commissario è auspicabile? Tanti indizi disseminati da una mente perversa riusciranno a essere compresi da una squadra così tanto imperfetta?

Un bel giallo, dove Roma e uno dei suoi luoghi più suggestivi, la fanno da padrone. Un romanzo veloce, scritto con una prosa semplice, ma incisiva, che non si disperde inutilmente. Un mistero intricato e complicato, di grande attualità, che gioca abilmente con le cosidette imperfezioni, usate per fuorviare dal vero e tragico contenuto. Sulla scia veritiera che “dalle crepe entra la luce”, si snoda una vicenda caratteristica di una società in continuo movimento, dove il sotterraneo e l’ambiguo regnano incontrastati.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Walter

Veltroni

Libri dallo stesso autore

Intervista a Veltroni Walter

RICORDATEVI DI ME

Clark Mary Higgins

Non c’è addestramento di polizia più efficace dell’istinto. La madre di Faith non risponde al telefono. La porta di casa però viene trovata aperta. Una macchia di sangue sopra la maniglia. La sua figlia più piccola è nascosta in un capannone dietro casa. Quando Faith si precipita lì trova un uomo morto nella lavanderia. Segni di colluttazione in camera da letto, ma della madre nessuna traccia. Per trovarla avrà bisogno dell’aiuto del suo collega, Will Trent, e del medico Sara Linton. Ma Faith non è solo un poliziotto in questa indagine, è un testimone e anche un sospettato.

ABISSO SENZA FINE

Slaughter Karin

Buffo, vitale, appassionato. Superstizioso, paziente ascoltatore, imbranato. È Jeremy Davenant, l'ultimo dei cavalieri di ventura. La sua forza? La sua normalità. La capacità di convivere con le proprie debolezze, di accogliere quelle altrui. Il fatto è che Jeremy è completamente andato, partito, per quella che ritiene la donna del destino, e sembra invece l'incarnazione della donna di picche: Milena. Metà indiana, metà zingara, intelligente e sovversiva, Milena appare selvatica e irraggiungibile. Irraggiungibile? Jeremy è convinto che la loro unione sia predestinata, profondamente voluta dal fato. Lo dice anche la Pagina magica! Un foglio strappato da un'enciclopedia, ragalatogli molti anni prima da zio Gerard durante un gioco a mosca cieca.

UNA CATENA DI ROSE

Moore Jeffrey

Protagonista di questo romanzo a quattro mani è Salim Mohammed Salah. Ha 29 anni, una laurea in economia e più di centomila euro in contanti, ottenuti tramite una truffa. In fuga dalla Tunisia si è rifugiato in Italia, ma qui viene arrestato per detenzione di stupefacenti (che non gli appartengono). I soldi, però, sono al sicuro, nascosti in un posto che lui solo conosce. In carcere, Mohammed conosce Cattaneo, un impiegato amministrativo con il quale stringe un accordo: Mohammed gli rivelerà dove sono i soldi, indirizzandolo sugli investimenti; i profitti saranno divisi a metà. E così i due, nel giro di alcuni mesi, cominciano a vedere dei soldi. Di questo intrigo finanziario dietro le sbarre si accorge Gaetano Quarello, un boss al 41 bis che decide di affidare a Mohammed la gestione dei suoi risparmi, un’offerta che non si può rifiutare considerato da chi proviene... Gli affari finanziari vanno bene fino a quando uno dei compagni di cella, Buscaino, non rivela a Mohammed di essere un agente sotto copertura infiltrato in carcere per distruggere la rete di Quarello; con l’aiuto di Mohammed, potrebbe riuscire a seguire il flusso di denaro del boss e sgominare l’organizzazione. Mohammed si trova così di fronte a un dilemma: perdere tutti i suoi soldi e guadagnare la libertà in quanto collaboratore di giustizia, oppure rimanere in galera.

Vento in scatola

Malvaldi Marco