Giallo - thriller - noir

ASSASSINO SENZA VOLTO

Mankell Henning

Descrizione: Un indagine per l'ispettore Kurt Wallander in un paesino del sud della Svezia.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Marsilio

Collana: Farfalle

Anno: 2001

ISBN: 9788831772129

Recensito da vanloon12

Le Vostre recensioni

 

Mi sono accostato al primo romanzo del “mitico” commissario Kurt Wallander della polizia di Ystad, Svezia, con entusiasmo. Sono molto interessato agli autori “noir” scandinavi pre-boom Stieg Larsson, mentre sono più diffidente verso i post-Larssoniani. E la biografia di Mankell mi incuriosiva: faceva parte della Freedom Flottilla aggredita da Israele, attivo con diverse iniziative in Mozambico (dove abita), insignito della Laurea honoris causa dalla St. Andrews University… interessante! L’ultima pagina del volume di SuperPoket (sempre gloria alle iniziative che permettono di leggere con 4,90 euro!) giocava il carico da undici, elencando una infinita serie di premi e i (allora, parliamo del 2001) 22 milioni di copie vendute in tutto il mondo.

Ecco, immaginate la mia sorpresa nel leggere passaggi come questo: “Devo mangiare (1), decise. Se non mangio (2) adesso, oggi non mangerò (3) più. Posso scrivere il testo per la conferenza mentre mangio (4). Quando uscì dalla centrale di polizia, il vento lo assalì facendolo arretrare di un passo. La tempesta sembrava non volersi calmare. Wallander pensò che avrebbe potuto andare a casa e mangiare (5) una semplice insalata. Pur non avendo ancora mangiato (6) quel giorno, sentiva lo stomaco gonfio e pesante. Ma alla fine scelse di andare in uno dei ristoranti della piazza principale di Ystad. Avrebbe iniziato a mangiare (7)…”. Periodo scelto più o meno a caso.

Ora: Wallander è un ottimo personaggio. La sua vita è intricata (lasciato dalla moglie, con una figlia che quasi non lo saluta e un padre vedovo e senile), la sua dedizione alla risoluzione dei casi totale. Poi si incasina da solo (fermato alla guida in stato di ebrezza, tenta goffi approcci con l’affascinate sostituto pubblico ministero) stimolando ulteriormente l’empatia del lettore. Anche la storia c’è: un efferato e misterioso omicidio di un contadino con una doppia vita e di sua moglie si intreccia con quello, a bruciapelo, di un immigrato africano. Persino il contenuto di denuncia è importante: le condizioni degli immigrati in Svezia e le possibili nascite di movimenti di “pulizia etnica”.

Tutto ciò che occorre per rendere grande un poliziesco, insomma. Purtroppo, la poca cura della traduzione ha reso davvero difficile la lettura. Riproverò con qualche titolo più recente, sperando che il successo del commissario Wallander abbia fatto sì che le sue avventure siano state maggiormente “coccolate” dall’editore.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Henning

Mankell

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mankell Henning


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La storia di un amore divorante, la denuncia della seduzione del denaro e la confessione dell'inevitabile sconfitta della sensibilità. Il testamento di Francis Scott Fitzgerald.

Tenera è la notte

Fitzgerald Francis Scott

Chi è Malik Mir Sultan Khan? L’uomo misterioso di cui parla tutta New York, erede di una piccola parte dell’enorme fortuna di Mrs Abbott, ritiratosi a vita privata in una remota località del subcontinente indiano. È soltanto uno scaltro seduttore di facoltose vedove? E come ha fatto negli anni Trenta a vincere per tre volte il campionato inglese di scacchi partendo da un piccolo villaggio sperduto nella foresta? Un giornalista americano, di stanza nel Punjab a metà degli anni Sessanta, decide di incontrarlo per ricostruire la sua storia. Una storia iniziata con una tigre, che appare nei suoi sogni di bambino e poi si fa reale portandogli via entrambi i genitori. Una storia che prosegue alla corte del nababbo che lo aiuta a perfezionare il suo stile nel chaturanga e lo introduce alla versione occidentale del gioco, per poter sfoggiare le sue vittorie (batterà addirittura il campione del mondo Capablanca) in giro per l’Europa umiliando i colonialisti inglesi. Una storia che s’intreccia con quella del mondo intero quando le sue doti di raffinato stratega trascinano Malik in uno strano gioco di guerra che deciderà le sorti del Secondo conflitto mondiale...

Il gioco degli dei

Maurensig Paolo

L'erotismo morboso e ossessivo, l'atmosfera di mistero e di angoscia, il gusto per il perverso e il sinistro, che caratterizzano l'opera, specie quella giovanile, del grande scrittore giapponese, sono magistralmente rappresentati in questo racconto del 1912. Il demone ci mostra l'influenza che ebbero su Tanizaki i grandi maestri del decadentismo europeo, da Poe a Wilde, e ci illumina sulle origini del tema decisivo di tutta la sua produzione: l'attrazione per la donna bella e crudele il cui desiderio piú forte è umiliare e annientare l'uomo, il quale a sua volta trova in questo il piacere piú estremo.

IL DEMONE

Jun'ichirō Tanizaki

Un ragazzo è affetto da una strana sindrome: soffre di empatia, è capace di immedesimarsi nelle storie degli altri. Inizia così un viaggio nel mondo del possibile, nel labirinto dei sentimenti mai provati, delle cose mai accadute eppure reali più del reale stesso. Questo "io" coraggioso e impertinente va e viene dal passato, fa incursione in un futuro di cui abbiamo già nostalgia, e ritorna con un inventario di storie sull'autunno del mondo, sui Minotauri rinchiusi in ognuno di noi, sulle particelle elementari del rimpianto, sul sublime che può essere ovunque.

FISICA DELLA MALINCONIA

Gospodinov Georgi