Giallo - thriller - noir

ASSASSINO SENZA VOLTO

Mankell Henning

Descrizione: Un indagine per l'ispettore Kurt Wallander in un paesino del sud della Svezia.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Marsilio

Collana: Farfalle

Anno: 2001

ISBN: 9788831772129

Recensito da vanloon12

Le Vostre recensioni

 

Mi sono accostato al primo romanzo del “mitico” commissario Kurt Wallander della polizia di Ystad, Svezia, con entusiasmo. Sono molto interessato agli autori “noir” scandinavi pre-boom Stieg Larsson, mentre sono più diffidente verso i post-Larssoniani. E la biografia di Mankell mi incuriosiva: faceva parte della Freedom Flottilla aggredita da Israele, attivo con diverse iniziative in Mozambico (dove abita), insignito della Laurea honoris causa dalla St. Andrews University… interessante! L’ultima pagina del volume di SuperPoket (sempre gloria alle iniziative che permettono di leggere con 4,90 euro!) giocava il carico da undici, elencando una infinita serie di premi e i (allora, parliamo del 2001) 22 milioni di copie vendute in tutto il mondo.

Ecco, immaginate la mia sorpresa nel leggere passaggi come questo: “Devo mangiare (1), decise. Se non mangio (2) adesso, oggi non mangerò (3) più. Posso scrivere il testo per la conferenza mentre mangio (4). Quando uscì dalla centrale di polizia, il vento lo assalì facendolo arretrare di un passo. La tempesta sembrava non volersi calmare. Wallander pensò che avrebbe potuto andare a casa e mangiare (5) una semplice insalata. Pur non avendo ancora mangiato (6) quel giorno, sentiva lo stomaco gonfio e pesante. Ma alla fine scelse di andare in uno dei ristoranti della piazza principale di Ystad. Avrebbe iniziato a mangiare (7)…”. Periodo scelto più o meno a caso.

Ora: Wallander è un ottimo personaggio. La sua vita è intricata (lasciato dalla moglie, con una figlia che quasi non lo saluta e un padre vedovo e senile), la sua dedizione alla risoluzione dei casi totale. Poi si incasina da solo (fermato alla guida in stato di ebrezza, tenta goffi approcci con l’affascinate sostituto pubblico ministero) stimolando ulteriormente l’empatia del lettore. Anche la storia c’è: un efferato e misterioso omicidio di un contadino con una doppia vita e di sua moglie si intreccia con quello, a bruciapelo, di un immigrato africano. Persino il contenuto di denuncia è importante: le condizioni degli immigrati in Svezia e le possibili nascite di movimenti di “pulizia etnica”.

Tutto ciò che occorre per rendere grande un poliziesco, insomma. Purtroppo, la poca cura della traduzione ha reso davvero difficile la lettura. Riproverò con qualche titolo più recente, sperando che il successo del commissario Wallander abbia fatto sì che le sue avventure siano state maggiormente “coccolate” dall’editore.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Henning

Mankell

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mankell Henning


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

L'azione si svolge in un futuro prossimo del mondo (l'anno 1984) in cui il potere si concentra in tre immensi superstati: Oceania, Eurasia ed Estasia. Al vertice del potere politico in Oceania c'è il Grande Fratello, onnisciente e infallibile, che nessuno ha visto di persona ma di cui ovunque sono visibili grandi manifesti. Il Ministero della Verità, nel quale lavora il personaggio principale, Smith, ha il compito di censurare libri e giornali non in linea con la politica ufficiale, di alterare la storia e di ridurre le possibilità espressive della lingua. Per quanto sia tenuto sotto controllo da telecamere, Smith comincia a condurre un'esistenza "sovversiva". Scritto nel 1949, il libro è considerato una delle più lucide rappresentazioni del totalitarismo.

1984

Orwell George

In quasi tutto il mondo la disuguaglianza sta aumentando, e ciò significa che i ricchi, e soprattutto i molto ricchi, diventano più ricchi, mentre i poveri, e soprattutto i molto poveri, diventano più poveri. Questa è la conseguenza ultima dell’aver sostituito la competizione e la rivalità alla cooperazione amichevole, alla condivisione, alla fiducia, al rispetto. Ma non c’è vantaggio nell’avidità. Nessun vantaggio per nessuno. Eppure abbiamo creduto che l’arricchimento di pochi fosse la via maestra per il benessere di tutti.

“LA RICCHEZZA DI POCHI AVVANTAGGIA TUTTI” FALSO!

Bauman Zygmunt

"La giustizia degli uomini non mi tocca. Nessun tribunale della terra saprebbe giudicarmi", Così esordisce nel romanzo il protagonista Tullio Hermil. Costantemente infedele alla moglie Giuliana, in un tardivo tentativo dì riavvicinamento alla propria consorte egli scopre che questa porta in seno il frutto di un unico, irreparabile tradimento. Fra sé e la rinnovata passione verso Giuliana si frappone il piccolo intruso, e Tullio non esita a provocare la morte della creatura innocente. Influenzato da Tolstoij e Dostoevskij, pregno dell'incipiente decadentismo contemporaneo, intriso delle letture di neurologia e psichiatria, questo romanzo dannunziano conobbe alla sua uscita nel 1892 un grande successo in Francia (dove fu subito tradotto) e nel resto dell'Europa, prima ancora che in Italia.

L’innocente

D'Annunzio Gabriele

Anna e Davide stanno insieme da cinque anni. Si sono amati e traditi, come tutti. Ma un giorno qualcosa cambia. Davide diventa violento, aggressivo e Anna scopre che si è innamorato di un’altra donna. Trova foto hot e alcuni messaggi in cui lui le scrive che la ama. Davide nega, attacca, non vuole che la loro storia finisca. Anna lo manda via di casa e precipita nell’ossessione. Smette di mangiare, controlla continuamente i social network dell’ex compagno e della rivale e, in un crescendo morboso, comincia a pedinarla, arriva a conoscerla e a frequentarla, fino a quando il gioco diventa troppo difficile da continuare. Il nuovo, atteso romanzo di Elena Stancanelli è la storia di una donna che, nella forma di una confessione spudorata alla propria migliore amica, racconta il lato oscuro di ogni donna.

La femmina nuda

Stancanelli Elena