Giallo - thriller - noir

ASSASSINO SENZA VOLTO

Mankell Henning

Descrizione: Un indagine per l'ispettore Kurt Wallander in un paesino del sud della Svezia.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Marsilio

Collana: Farfalle

Anno: 2001

ISBN: 9788831772129

Recensito da vanloon12

Le Vostre recensioni

 

Mi sono accostato al primo romanzo del “mitico” commissario Kurt Wallander della polizia di Ystad, Svezia, con entusiasmo. Sono molto interessato agli autori “noir” scandinavi pre-boom Stieg Larsson, mentre sono più diffidente verso i post-Larssoniani. E la biografia di Mankell mi incuriosiva: faceva parte della Freedom Flottilla aggredita da Israele, attivo con diverse iniziative in Mozambico (dove abita), insignito della Laurea honoris causa dalla St. Andrews University… interessante! L’ultima pagina del volume di SuperPoket (sempre gloria alle iniziative che permettono di leggere con 4,90 euro!) giocava il carico da undici, elencando una infinita serie di premi e i (allora, parliamo del 2001) 22 milioni di copie vendute in tutto il mondo.

Ecco, immaginate la mia sorpresa nel leggere passaggi come questo: “Devo mangiare (1), decise. Se non mangio (2) adesso, oggi non mangerò (3) più. Posso scrivere il testo per la conferenza mentre mangio (4). Quando uscì dalla centrale di polizia, il vento lo assalì facendolo arretrare di un passo. La tempesta sembrava non volersi calmare. Wallander pensò che avrebbe potuto andare a casa e mangiare (5) una semplice insalata. Pur non avendo ancora mangiato (6) quel giorno, sentiva lo stomaco gonfio e pesante. Ma alla fine scelse di andare in uno dei ristoranti della piazza principale di Ystad. Avrebbe iniziato a mangiare (7)…”. Periodo scelto più o meno a caso.

Ora: Wallander è un ottimo personaggio. La sua vita è intricata (lasciato dalla moglie, con una figlia che quasi non lo saluta e un padre vedovo e senile), la sua dedizione alla risoluzione dei casi totale. Poi si incasina da solo (fermato alla guida in stato di ebrezza, tenta goffi approcci con l’affascinate sostituto pubblico ministero) stimolando ulteriormente l’empatia del lettore. Anche la storia c’è: un efferato e misterioso omicidio di un contadino con una doppia vita e di sua moglie si intreccia con quello, a bruciapelo, di un immigrato africano. Persino il contenuto di denuncia è importante: le condizioni degli immigrati in Svezia e le possibili nascite di movimenti di “pulizia etnica”.

Tutto ciò che occorre per rendere grande un poliziesco, insomma. Purtroppo, la poca cura della traduzione ha reso davvero difficile la lettura. Riproverò con qualche titolo più recente, sperando che il successo del commissario Wallander abbia fatto sì che le sue avventure siano state maggiormente “coccolate” dall’editore.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Henning

Mankell

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mankell Henning

Harry Potter è un predestinato: ha una cicatrice a forma di saetta sulla fronte e provoca strani fenomeni, come quello di farsi ricrescere in una notte i capelli inesorabilemte tagliati dai perfidi zii. Ma solo in occasione del suo undicesimo compleanno gli si rivelano la sua natura e il suo destino, e il mondo misterioso cui di diritto appartiene. Un mondo dove regna la magia; un universo popolato da gufi portalettere, scope volanti, caramelle al gusto di cavolini di Bruxelles, ritratti che scappano. Età di lettura: da 8 anni.

HARRY POTTER

Rowling J. K.

Durante la guerra di Spagna un americano combatte al fianco di un gruppo di partigiani repubblicani, innamorandosi di una giovane combattente e giungendo a sacrificare la propria vita per salvare i compagni e l'amata.

Per chi suona la campana

Hemingway Ernest

Un nuovo Barnum. Una nuova visita guidata alle cose del mondo, e agli uomini che lo rendono abitabile, o semplicemente più riconoscibile. Baricco insegue il mondo, e induce i suoi lettori a partecipare la curiosità con cui va a stanare notizie, episodi, insistenze, personaggi, dibattiti, immagini. Stanando dice e dicendo mostra, con una varietà di accenti e di esposizione che, per citare una sua antica generosa ossessione, fa pensare al circo, al Barnum delle meraviglie. Ecco dunque un nuovo Barnum che si aggiunge ai due pubblicati negli anni novanta. Qui facciamo i conti con la riforma dello spettacolo, con la scuola come videogame, con la priorità delle storie, con il cantiere della Morgan Library di Renzo Piano, con la Cinquecento Miglia di Indianapolis, con le immagini di Vivian Maier, con le provocazioni di Houellebecq e l'eredità di Gabriel García Márquez. Una grande occasione per farsi sedurre, sorprendere, interrogare.

Il nuovo Barnum

Baricco Alessandro

"... La noia implica un'analisi sconsolata dei danni causati all'uomo dalla tecnologia e, sembra, insanabili politicamente e clinicamente..." (dall'introduzione di Michel David) Considerato come il cardine di una ideale trilogia iniziatasi con i memorabili Indifferenti e conclusa con La vita interiore, La noia (1960) ci offre un ritratto profondo e spietato di un individuo senza strutture, senza appoggi, alienato dalla vita sociale. E' una storia di crisi, di fallimenti, di delusioni. Analizzato nei suoi tre aspetti, di artista, di uomo, di amante, il protagonista finisce per scontrarsi inevitabilmente con la realtà; una realtà che in modo tautologico si nega, perche a conclusione di ogni tentativo (ad esempio di raggiungere la donna amata) si erge sempre lo stesso assioma: la realtà è la realtà.

La noia

Moravia Alberto