Letteratura femminile

Attacchi d’amore

Idolina Landolfi - Ester Pes

Descrizione: I racconti e le confidenze di due donne sui loro 'attacchi amorosi', quasi una sorta di malattia. Oltre a ciò, seguono i racconti degli assalti maschili, un piccolo esercito di vogliosi e innamorati.

Categoria: Letteratura femminile

Editore: ES

Collana: Biblioteca dell'eros

Anno: 1996

ISBN: 978-8886534246

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Racconti a quattro mani e due voci, quelle di Lucia ed Ester ritrovatesi, come accade spesso tra amiche, a passare una notte insonne a condividere storie. Una notte di pioggia, per giunta.
Oggetto, neppure troppo originale, di queste confessioni notturne sono gli uomini, o meglio quegli attacchi d’amore “senza possesso, accigliati, turbolenti” come temporali furiosi che travolgono, improvvisi, e che svaniscono poi altrettanto velocemente, senza lasciare traccia.

D’altronde è il loro destino: sono amori che per definizione non possono durare, ma che – inspiegabilmente – hanno la capacità di avvincere la preda e intrappolarla in una rete di gesti e parole, il più delle volte, senza senso. In questi casi è l’inizio che conta, non la fine. Dopo si passa oltre, a volte tocca rimettere insieme i pezzi, ma il più delle volte si passa all’attacco successivo senza troppi rimpianti.

L’amore può, deve essere a grappoli. Tante storie legate l’una all’altra forse fanno un amore intero. Se penso all’amore grande, quello che tu dici di volere, solo attraverso una molteplicità di eventi diversi riesco a intravederlo.

Così Ester, più avvezza e interessata a uomini dai capelli brizzolati e qualche chilo o pelo di troppo, e Lucia, più incline e predisposta a giovani glabri e senza grandi pretese, raccontano di baci da dimenticare, orgasmi molto se non troppo precoci e membri maschili con manie di protagonismo. Scene grottesche, incontri improbabili ma terribilmente reali, vengono riesumati e abilmente conditi dalla due improvvisate narratrici unite da un’amicizia storica e da un’intimità invidiabile. Cosa possono svelare due donne in un notte di pioggia? Un decameron senza velleità letterarie. Dialoghi fluidi e un finale pirotecnico. Ovviamente gli uomini, ma forse anche le donne, non ci fanno una bella figura, ma le avvenenti protagoniste non sembrano preoccuparsene, ben consce della fragilità e dei complessi e a volte perversi meccanismi dell’animo umano.

Ci si era visti varie volte, e c’era stata subito un’attrazione reciproca, di quelle che si percepiscono come un odore. [….] Mentre con la macchina salivo sulle colline intorno a Pavia, verso la sua casa di campagna, sentivo, senza ragione, che quell’incontro sarebbe stato diverso da tutti gli altri, che sarebbe accaduto qualcosa di decisivo. […] E immaginavo di essere una di quelle sante nelle cattedrali che hanno in mano la cattedrale in miniatura che le accoglie. Possedere ciò che ci possiede. Ma guarda tu a cosa di pensa pur di non pensare.”

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

-

Landolfi

Idolina

Libri dallo stesso autore

Intervista a Idolina Landolfi - Ester Pes

Il sogno di Fiore (Amore ibrido)

Un crimine, due diari, la vittima e il suo assassino.Una donna diabolica e affascinante trascina il commissario Cristiani nel vortice del delitto.

Diario di un delitto d’amore

Panzacchi Francesca

Eveline Crone, studiosa di psicologia dello sviluppo, spiega sulla base delle ricerche più recenti delle neuroscienze le logoranti turbolenze che si verificano durante la pubertà. E mostra con esempi illuminanti come il comportamento, spesso terribilmente irritante, dei più giovani dipenda da un processo molto particolare: la progressiva riorganizzazione del cervello durante l'adolescenza. Crone non solo fa capire perché ragazzi e ragazze sono così inclini a eccessi e sbalzi emotivi e a comportamenti pericolosi, finendo non di rado per essere disorientati o bruciarsi, ma mostra anche i limiti e le opportunità propri di questa fase della vita. Un libro chiaro e tranquillizzante per insegnanti, educatori e genitori, che non riescono più a capire i loro figli. Un libro che promuove la comprensione e la pazienza, ma solleva anche interrogativi su come gli adulti possono trattare con gli adolescenti nel modo più adeguato.

Nella testa degli adolescenti

Crone Eveline

Dall’incipit del libro: Una dedicatoria a un becchino? — E perchè no? Non è egli forse un uomo come un altro e — non ve l’abbiate a male — non può egli essere un galantuomo par vostro e mio? Anzi — e sarei pronto a giurarlo sul Vangelo —, ei valeva assai più di tanti e tanti che han titolo di baccelliere, e magari di dottore, i quali col nastrino all’occhiello dell’abito, sono saliti tant’alto da credere che gli onesti non li ravvisino più per quel ch’e’sono: barattieri solenni. Dico perciò che, se aveste conosciuto quel povero becchino, lo avreste, come me, amato e, aggiungo anche, onorato. Io, allora, ero quasi fanciullo; ma quando il brav’uomo morì, portavo già i peli del labbro superiore arricciati dispettosamente all’insù con quella boria de’ vent’anni, che sarebbe molto ridicola, se non fosse altrettanto innocente. Di quel tempo certi fumi si guardan con occhio benevolo, avvegnachè, più o meno, li abbiamo avuti tutti, quei fumi; e, invero, quella è proprio l’età delle leggerezze e delle scappatelle, le quali — ove non passino la misura o il segno — meritano sempre benevolo perdono. A quei giorni io credo che Tomaso Giona, soprannominato il Griso, andasse oltre i sessant’anni; e tuttavia quel numero di pasque se le portava bene.

La leggenda del Buranco

Maineri Baccio Emanuele