Racconti

Atti di adorazione

Mishima Yukio

Descrizione: Sette racconti

Categoria: Racconti

Editore: De Agostini

Collana:

Anno: 1991

ISBN: 88-402-9089-3

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Atti di adorazione è una raccolta di sette racconti, attraverso i quali è possibile assaporare l’abilità nella narrativa breve di uno scrittore complesso come Yukio Mishima. Non bisogna dunque aspettarsi di leggere storie che risolvano la propria essenza nell’intreccio, perché – piuttosto – si tratta di scorgere la scaturigine che proietta sulle pagine del libro un articolato gioco d’ombre, sospeso tra poesia, psicologia e antica cultura giapponese.

Il primo racconto, il più lungo, s’intitola Atto di adorazione ed è la cronaca intima di un pellegrinaggio ai templi di Kumano, compiuto da un sessantenne professore con la sua governante, aspirante poetessa. Attraverso l’allegoria dei tre pettini che recano, ciascuno, un ideogramma che compone un nome di donna, viene celebrata un’idea dell’arte come nascondimento (“La lezione che ci viene impartita da Eifuku Mon’in riguarda l’importanza di dissimulare nell’arte i propri sentimenti”).

Il secondo racconto di Atti di adorazione, “La spada”, si svolge nell’ambiente del kendo, la scherma giapponese, ove lo schermidore Kokubu Jiro esprime la concezione della disciplina sportiva come rappresentazione (”Tutta la sua vita quotidiana avrebbe ruotato intorno alla scherma. La spada era un cristallo acuminato, un concentrato di puro potere, la forma naturale assunta dallo spirito e dalla carne quando sono uniti in un unico strale di pura luce. Tutto il resto non era che mera futilità”) e concentrato di riti e tradizioni (“Una seduta punitiva di seiza poteva essere dura, ma in confronto alle punizioni dei tempi antichi era una cosa da nulla”).

“Fontane nella pioggia” gioca sulla triade acquatica delle lacrime di Masako, che sta per essere abbandonata, della pioggia e delle fontane: “La natura beffarda di quell’associazione” agisce cinicamente sul desiderio di rottura (“Sì, fontane nella pioggia. Metterò a confronto l’acqua delle fontane e le lacrime di Masako”).

“La sigaretta” delinea l’adolescenza (“Durante l’adolescenza i giorni si susseguono ai giorni, senza che nulla venga veramente risolto”) come periodo ove l’interiorità è dominata dai primi tumulti sentimentali. Allo sport, Nagasaki  preferisce il circolo di letteratura, e quando s’imbatte in un ragazzo più grande che fuma clandestinamente, viene metaforicamente iniziato alla trasgressione emotiva (“Non ci si poteva sbagliare su quella voce vivace, traboccante giovinezza! Alzai lo sguardo su di lui, ero sul punto di mettermi a piangere per l’emozione”).

In “Pane all’uva” Jack – reduce da un tentativo di suicidio (“Era in una notte identica a questa che tentai di uccidermi”) – dopo una festa sulla spiaggia (“La banda che stazionava al jazz bar aveva avuto l’idea di accomiatarsi dall’estate con una festa, una festa un po’ insolita, da qualche parte in riva al mare. La sulla sabbia, si sarebbero dimenati in un twist e avrebbero mangiato un intero maiale arrosto. Si sentivano come se stessero dando vita a una sorta di primitiva danza rituale…”) – partecipa mangiando “pane all’uva” al rapporto che il culturista Gogi sembra infliggere alla sua bellissima ragazza.

Nel “Tramonto sul mare” – corre l’anno 1272 – un vecchio rivive la sua storia: da ragazzo ha abbandonato la Francia per imbarcarsi in una Crociata (“A te, Henri, spetta il compito di riconquistare la Terra Santa!”) e, dopo un lungo viaggio, è approdato al ruolo di custode di un tempio giapponese (“Un vecchio ed un ragazzo stavano salendo su per la collina… che s’innalza dietro il tempio di Kenchoji, a Kamakura”).

“Martirio” è l’ultimo racconto di Atti di adorazione e descrive il piacere sadico (“Un re dei piccoli demoni dominava nel pensionato”) che talvolta scorre nei rapporti giovanili, qui rappresentato dalla pena collettiva inflitta al ladro di un libro (“Appena messo il piede nella scuola, Watari era stato subito oggetto di angherie”), “Le vite parallele” di Plutarco.

Bruno Elpis

 

Qui qualche informazione in più sui templi di Kumano, protagonisti del racconto Atti di adorazione.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Yukio

Mishima

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mishima Yukio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

VA’ DOVE TI PORTA IL CUORE

Tamaro Susanna

In un caffè di Lahore, nel vecchio mercato di Anarkali, un giovane pakistano, Changez, racconta la propria storia a un cittadino americano incontrato apparentemente per caso. È la storia della sua ascesa come brillante analista finanziario a New York, del suo amore tragico per una bella e fragile fanciulla, e della sua caduta in disgrazia nei mesi successivi all'Undici settembre. Cos'è successo all'America? Cos'è successo a Changez? La sete di vendetta americana sembra averlo trasformato, controvoglia, in un pericoloso fondamentalista. E forse l'incontro nel caffè del vecchio mercato non è avvenuto per caso. "Una scrittura stupenda - che gioia imbattersi in una prosa tanto intelligente, in una simile chiarezza di pensiero e di esposizione - e una struttura impeccabile. L'autore sa avvitare le spire della suspense senza che il lettore se ne renda conto, dando vita a una storia di enorme tensione".

IL FONDAMENTALISTA RILUTTANTE

Hamid Mohsin

Zorba il greco, lo straordinario romanzo di Nikos Kazantzakis, da cui è stato tratto il fortunato film con Anthony Quinn e Irene Papas, proposto per la prima volta ai lettori italiani in versione integrale, nella traduzione dal greco di Nicola Crocetti. Un romanzo formidabile. La storia di un uomo che ha vissuto ogni momento all'altezza del proprio desiderio. Un libro pieno di vita.

Zorba il greco

Kazantzakis Nikos

In un'estate torrida, un uomo nauseato dal mondo prende l'auto e parte, senza meta. Va a rintanarsi proprio dove l'umanità si raccoglie più fitta e rumorosa e avida di stordimenti: un grande albergo in una località balneare. Un falansterio pulsante di passioni estive, di bambini urlanti, di famiglie congestionate, affacciato su un mare oleoso che non dà refrigerio. Tutt'intorno, sulle colline aride di macchia e stoppie, bruciano i fuochi estivi. Su uno strapiombo di roccia, in fuga dall'incendio, il protagonista che ha rotto con il consesso dei propri simili, che si è ridotto a sbirciare da lontano le loro passioni incomprensibili, i loro trasporti effimeri, rientra prepotentemente nella vita. È successo che si è girato di scatto, sentendosi osservato. È successo che si è materializzata vicino a lui una donna bellissima. È successo che questa inaudita creatura gli ha rivolto, con accento straniero, una frase: «Vuoi bruciare con me?», e poi è scomparsa. Da quel momento, l'uomo ha di nuovo una ragione per vivere: ritrovare la donna misteriosa che gli sembra di vedere dappertutto e ogni volta gli sfugge. Comincia così un romanzo straordinario e imprevedibile, un'avventura amorosa estrema, che implica l'apparizione estatica e la dolorosa eclissi, che evoca fantasmi inattuali, condizioni date per estinte da secoli: è possibile che la donna dai denti d'oro sia, come lei stessa mormora, una schiava? E da chi può essere tenuta in soggezione una simile creatura? Un romanzo d'amore come è difficile leggerne. Erotico, mitologico, alchemico. Un'avventura che mescola misticismo ed eros, spy story e fantastico, combattimento, azione e passione, in un mondo dominato dalla schiavitù e dalla morte, fino a un finale spiazzante - un viaggio al termine della vita e oltre. Dopo il vasto affresco di Canti del caos, un romanzo breve, fulmineo e intenso, scritto di getto come una scintilla staccata da un incendio più grande, una fiammata narrativa nella quale anche il lettore diventa ansioso di bruciare.

GLI INCENDIATI

Moresco Antonio