Racconti

Atti di adorazione

Mishima Yukio

Descrizione: Sette racconti

Categoria: Racconti

Editore: De Agostini

Collana:

Anno: 1991

ISBN: 88-402-9089-3

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Atti di adorazione è una raccolta di sette racconti, attraverso i quali è possibile assaporare l’abilità nella narrativa breve di uno scrittore complesso come Yukio Mishima. Non bisogna dunque aspettarsi di leggere storie che risolvano la propria essenza nell’intreccio, perché – piuttosto – si tratta di scorgere la scaturigine che proietta sulle pagine del libro un articolato gioco d’ombre, sospeso tra poesia, psicologia e antica cultura giapponese.

Il primo racconto, il più lungo, s’intitola Atto di adorazione ed è la cronaca intima di un pellegrinaggio ai templi di Kumano, compiuto da un sessantenne professore con la sua governante, aspirante poetessa. Attraverso l’allegoria dei tre pettini che recano, ciascuno, un ideogramma che compone un nome di donna, viene celebrata un’idea dell’arte come nascondimento (“La lezione che ci viene impartita da Eifuku Mon’in riguarda l’importanza di dissimulare nell’arte i propri sentimenti”).

Il secondo racconto di Atti di adorazione, “La spada”, si svolge nell’ambiente del kendo, la scherma giapponese, ove lo schermidore Kokubu Jiro esprime la concezione della disciplina sportiva come rappresentazione (”Tutta la sua vita quotidiana avrebbe ruotato intorno alla scherma. La spada era un cristallo acuminato, un concentrato di puro potere, la forma naturale assunta dallo spirito e dalla carne quando sono uniti in un unico strale di pura luce. Tutto il resto non era che mera futilità”) e concentrato di riti e tradizioni (“Una seduta punitiva di seiza poteva essere dura, ma in confronto alle punizioni dei tempi antichi era una cosa da nulla”).

“Fontane nella pioggia” gioca sulla triade acquatica delle lacrime di Masako, che sta per essere abbandonata, della pioggia e delle fontane: “La natura beffarda di quell’associazione” agisce cinicamente sul desiderio di rottura (“Sì, fontane nella pioggia. Metterò a confronto l’acqua delle fontane e le lacrime di Masako”).

“La sigaretta” delinea l’adolescenza (“Durante l’adolescenza i giorni si susseguono ai giorni, senza che nulla venga veramente risolto”) come periodo ove l’interiorità è dominata dai primi tumulti sentimentali. Allo sport, Nagasaki  preferisce il circolo di letteratura, e quando s’imbatte in un ragazzo più grande che fuma clandestinamente, viene metaforicamente iniziato alla trasgressione emotiva (“Non ci si poteva sbagliare su quella voce vivace, traboccante giovinezza! Alzai lo sguardo su di lui, ero sul punto di mettermi a piangere per l’emozione”).

In “Pane all’uva” Jack – reduce da un tentativo di suicidio (“Era in una notte identica a questa che tentai di uccidermi”) – dopo una festa sulla spiaggia (“La banda che stazionava al jazz bar aveva avuto l’idea di accomiatarsi dall’estate con una festa, una festa un po’ insolita, da qualche parte in riva al mare. La sulla sabbia, si sarebbero dimenati in un twist e avrebbero mangiato un intero maiale arrosto. Si sentivano come se stessero dando vita a una sorta di primitiva danza rituale…”) – partecipa mangiando “pane all’uva” al rapporto che il culturista Gogi sembra infliggere alla sua bellissima ragazza.

Nel “Tramonto sul mare” – corre l’anno 1272 – un vecchio rivive la sua storia: da ragazzo ha abbandonato la Francia per imbarcarsi in una Crociata (“A te, Henri, spetta il compito di riconquistare la Terra Santa!”) e, dopo un lungo viaggio, è approdato al ruolo di custode di un tempio giapponese (“Un vecchio ed un ragazzo stavano salendo su per la collina… che s’innalza dietro il tempio di Kenchoji, a Kamakura”).

“Martirio” è l’ultimo racconto di Atti di adorazione e descrive il piacere sadico (“Un re dei piccoli demoni dominava nel pensionato”) che talvolta scorre nei rapporti giovanili, qui rappresentato dalla pena collettiva inflitta al ladro di un libro (“Appena messo il piede nella scuola, Watari era stato subito oggetto di angherie”), “Le vite parallele” di Plutarco.

Bruno Elpis

 

Qui qualche informazione in più sui templi di Kumano, protagonisti del racconto Atti di adorazione.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Yukio

Mishima

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mishima Yukio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

È convinto di picchiare forte, ma viene steso in due secondi nel cortile della scuola; non va in moto; fa lo sbruffone ma con le ragazze è totalmente imbranato: ecco il sedicenne protagonista di questo libro. Periferia di Torino; mentre gli anni Ottanta volgono al termine, il nostro colleziona lividi esterni e soprattutto interni, eppure continua ostinato a lanciare il suo guanto di sfida alla vita. Del resto bisogna tener duro: non è facile vedersela con suo padre – “Il Capo” – un quasi alcolista che passa tutto il tempo stravaccato sull’amaca, ad affibbiare punizioni da telefilm americano. Ed è snervante vivere accanto alla “Foca Monaca”, la sorella triste e timorata di Dio. Quanto alla madre, è scappata col tizio della stazione di servizio, e ormai si può star certi che «starà passando il tempo a farsi fare il pieno dal benzinaio». Non piange mai, il protagonista di questa storia. Piuttosto stringe i pugni, sbuffa e s’affanna, ripetendo a se stesso di essere il più in gamba, anche se la vita gliele dà ogni giorno di santa ragione; anche se le prende perfino da Chiara, la ragazza di cui s’innamora: bella, sveglia, inaccessibile a sfigati come lui, eppure catturata suo malgrado da questo buffo adolescente scapigliato e spaccone, tenero e brancaleonesco, che s’insinua a forza nella sua vita scatenando irresistibili schermaglie. Il Muro di Berlino che crolla e un divertente gioco di riferimenti pop e telefilmici fanno da sfondo a questo romanzo, un Jack Frusciante da periferia che strappa il sorriso a ogni pagina, illuminato da una scrittura esilarante ma a tratti dolente, insieme cinica e romantica come il suo protagonista, che s’inserisce a buon titolo nella nobile tradizione dei perdenti di talento, come Il giovane Holden o i personaggi di John Fante.

MIA SORELLA E’ UNA FOCA MONACA

Frascella Christian

Un galateo fin de siècle delle passioni, descritto dalla penna inesauribile di Matilde Serao attraverso quattro racconti di amori nati e bruciati rapidamente: c'è la passione che si consuma tra fedeltà e infedeltà in un singolare triangolo amoroso, quella che si infrange contro i dubbi di una confessione tra amanti, quella che si tormenta nell'attesa di un incontro incerto, fino alla passione che, ormai trasformata in ricordo, può essere catalogata insieme agli oggetti insignificanti di un personale museo. Sullo sfondo, un microcosmo aristocratico e alto-borghese, chiuso nei suoi riti codificati come nell'eleganza dei suoi salotti. E un fantasma inquietante: "che la vita nella sua più alta espressione, che è l'amore", sia solo "un vano e miserabile sogno".

L’INFEDELE

Serao Matilde

Una città labirintica e misteriosa dove si ordiscono complotti e strategie, dove le biciclette giacciono arrugginite in cimiteri nascosti, dove i canali disegnano una ragnatela che intrappola i pensieri! Un eccentrico scrittore, un editore collerico, un'irriverente giovane donna e il suo cane breton l'attraversano in bicicletta, la guardano dall'alto dei suoi tetti e si perdono nel suo ventre sotterraneo a caccia di segreti che devono rimanere tali... perché Amsterdam è una farfalla.

Amsterdam è una farfalla

Magliani Marino

I racconti e le confidenze di due donne sui loro 'attacchi amorosi', quasi una sorta di malattia. Oltre a ciò, seguono i racconti degli assalti maschili, un piccolo esercito di vogliosi e innamorati.

Attacchi d’amore

Idolina Landolfi - Ester Pes