Narrativa

Atti mancati

Marchesini Matteo

Descrizione: Nel cuore di Bologna, Marco, intellettuale trentenne diviso tra le incombenze giornalistiche e il tentativo di finire un romanzo, vive in una solitudine cocciuta e il più possibile asettica, fino a quando ricompare Lucia, la ragazza che lo ha lasciato qualche anno prima. Ora Lucia cerca Marco, lo assedia e lo porta in giro per paesi e campagne, a visitare i loro luoghi di un tempo, a ritrovare gli amici vivi e gli amici morti. Tra Bassa e Appennini, tra cliniche e osterie, Lucia - come una fragile ma tenace erinni - costringe Marco a rianalizzare le zone più oscure del loro passato. "Atti mancati" è una storia d'amore e di suspense. È una parabola sul tempo trascorso ostinatamente a occhi chiusi e su quello vissuto a occhi spalancati. È il referto di una malattia, steso con furore analitico e insieme con uno stile semplice, da presa diretta.

Categoria: Narrativa

Editore: Voland

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788862431385

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Marco ha trent’anni e non sa ancora bene dove andare. Una cosa è certa: è fermo sulla soglia dei suoi pensieri che fatica a riordinare. Fermo come il suo romanzo che non decolla, impaludato come i ricordi di quel passato recente in cui la sua storia con Lucia è finita senza un motivo apparente ed il suo miglior amico è morto tragicamente.

Il ritorno di Lucia lo costringerà a ripercorrere, in un incalzante susseguirsi di dialoghi avvolti su se stessi, le tappe di una storia interrotta dai troppi non detti e da azioni mancate. Quella che ricompare nella sua vita è una Lucia malata che incalzerà Marco sino a spingerlo verso le ragioni del suo costante arenarsi. Una sorta di seduta psicoanalitica in vari atti, in cui il lettore si fa spettatore esasperato dall’assenza di risposte che faticano ad arrivare.

Aspetto a occhi chiusi. Temevo di tremare, di essere sconvolto, e invece quelle parole continuano a darmi uno strano sollievo, forse perché portano a galla e traducono in un linguaggio comprensibile qualcosa che giace da epoche intere su un fondale opaco, come una illeggibile scatola nera”.

Bologna e la Bassa sono per Marco e Lucia la cornice di questa fuga dentro se stessi, alla ricerca di un passato che ha ancora molto da dire. Così si recuperano i personaggi di quel tempo andato che, dopo cinque anni, rivelano il loro punto di vista. Marco troverà il coraggio di entrare nel proprio inconscio e lì scoverà, assopiti, i sentimenti e le paure di allora. Da lì ripartirà la sua vita e il suo romanzo che troverà finalmente la sua conclusione.

Il romanzo d’esordio di Marco Marchesini, già autore di saggi e poesie, candidato al premio Strega 2013, lascia il lettore – forse volutamente – in un costante stato di insoddisfazione.

L’autore è bravo con i giochi sulla carta: con le parole non si sfugge alla verità e Marco, il protagonista, lo sa bene.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Matteo

Marchesini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Marchesini Matteo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Quando, nel 1925, Virginia Woolf si accinse a scrivere Gita al Faro era decisamente giunta alla soglia della maturità artistica: in questa sua opera riuscì infatti mirabilmente a mostrare il suo sapiente dominio delle possibilità del monologo interiore e la straordinaria capacità di muoversi liberamente tra il flusso delle coscienze dei personaggi. Con tutta la sua avvolgente bellezza, questo romanzo è una commossa elegia all'Assenza: assenza innanzitutto della madre, morta quando la Woolf aveva solo tredici anni, lasciandole un vuoto incolmabile. Ed è proprio tale immagine cara a legare le diverse solitudini dei protagonisti di questa rievocazione corale, tutti chiusi in un proprio mondo isolato da cui è difficile comunicare. Fluido e ritmato come il mare sotto il raggio ora breve ora lungo del Faro che fende l' oscurità della notte, il romanzo si impone al lettore con la forza della memoria, il fascino del ricordo, la voce struggente della nostalgia.

Gita al faro

Woolf Virginia

Tutti sanno come Kal-El - Superman - venne mandato sulla Terra appena prima che il suo pianeta esplodesse. Ma cosa causò un disastro di quella portata? Ora, ne "Gli ultimi giorni di Krypton", Kevin J. Anderson presenta un ampio racconto del fasto e della grandezza di un mondo condannato ricco di impavidi eroi e crudeli traditori. Sullo sfondo spettacolare degli ultimi giorni felici di Krypton avviene il corteggiamento e il matrimonio dei genitori di Kal-El, il brillante scienziato Jor-El e sua moglie, una storica, Lara. Insieme combattono per convincere una società stagnante e incredula che il loro mondo sta per scomparire. Il fratello di Jor-El, Zor-El, capo della leggendaria città di Argo, si unisce alla lotta, non solo per salvare il pianeta, ma anche per combattere contro la minaccia dello spietato e astuto Generale Zod. Il diabolico Zod si avvale di un'opportunità d'oro per impossessarsi del potere quando l'androide Brainiac cattura la capitale Kandor. Nel momento stesso in cui l'influenza di Zod sulla popolazione si rafforza e il suo potere cresce, anche lui diventa cieco a tutti i segnali che indicano la morte di quella stessa civiltà che sta cercando di governare. Attraverso tutto questo, l'amore reciproco di Jor-El e Lara, la loro storia e il loro figlio permettono a Krypton di continuare a vivere anche se il pianeta si sta consumando intorno a loro. Per questo, nella fuga del loro bambino giace il più grande dono di Kripton e il più grande eroe della Terra.

GLI ULTIMI GIORNI DI KRYPTON

Anderson Kevin J.

Cosa si mangiava nel Medioevo? E perché? Cosa è rimasto di tutto ciò nell'alimentazione di oggi? La storia del cibo è una storia affascinante perché, come quella del pensiero, ricca di scoperte e di imprese anonime, ma non per questo meno importanti. Dall'alimentazione romana alla corale conversione del mondo mediterraneo verso la carne, si rende in questo libro pian piano evidente come gli uomini si adattino spesso e con rapidità a cambiare i loro gusti. Una curiosa e interessante vicenda collettiva che ci trascina fino ad approdare al Medioevo,tra gusti, odori e aspetti del cibo e dell'umanità sempre diversi.

Alighieri passatemi il sale

Pischedda Anna

Giacomo Leopardi: Pensieri e parole