Narrativa

Atti osceni in luogo privato

Missiroli Marco

Descrizione: Questa è una storia che comincia una sera a cena, quando Libero Marsell, dodicenne, intuisce come si può imparare ad amare. La famiglia si è da poco trasferita a Parigi. La madre ha iniziato a tradire il padre. Questa è la storia, raccontata in prima persona, di quel dodicenne che da allora si affaccia nel mondo guidato dalla luce cristallina del suo nome. Si muove come una sonda dentro la separazione dei genitori, dentro il grande teatro dell’immaginazione onanistica, dentro il misterioso mondo degli adulti. Misura il fascino della madre, gli orizzonti sognatori del padre, il labirinto magico della città. Avverte prima con le antenne dell’infanzia, poi con le urgenze della maturità, il generoso e confidente mondo delle donne. Le Grand Liberò – così lo chiama Marie, bibliotecaria del IV arrondissement, dispensatrice di saggezza, innamorata dei libri e della sua solitudine – è pronto a conoscere la perdita di sé nel sesso e nell’amore. Lunette lo porta sin dove arrivano, insieme alla dedizione, la gelosia e lo strazio. Quando quella passione si strappa, per Libero è tempo di cambiare. Da Parigi a Milano, dallo Straniero di Camus al Deserto dei Tartari di Buzzati, dai Deux Magots, caffè esistenzialista, all’osteria di Giorgio sui Navigli, da Lunette alle “trentun tacche” delle nuove avventure che lo conducono, come un destino di libertà, al sentimento per Anna. Libero Marsell, le Grand Liberò, LiberoSpirito, è un personaggio “totale” che cresce con noi, pagina dopo pagina, leggero come la giovinezza nei film di Truffaut, sensibile come sono sensibili i poeti, guidato dai suoi maestri di vita a scoprire l’oscenità che lo libera dalla dipendenza di ogni frase fatta, di ogni atto dovuto, in nome dello stupore di esistere.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: I Narratori

Anno: 2015

ISBN: 9788807031250

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Atti osceni in luogo privato di Marco Missiroli è la storia dell’educazione erotico-sentimentale di Libero Marsell: esperienza svolta da autodidatta o tutt’al più con il supporto di una bella bibliotecaria (“Vienimi a trovare in città, lavoro all’Hotel de Lamoignon, la biblioteca nel IV”) conosciuta durante la vacanza trascorsa a Deauville con i genitori e con Emmanuel, l’amante della mamma. Il processo è scandito in fasi del ciclo vitale che costituiscono sezioni del romanzo: infanzia, adolescenza, gioventù, maturità, adultità e nascita.

Già nell’infanzia, a dodici anni (“Ero un bambino a un passo dall’adolescenza che stentava ad abbandonare la sua infanzia”), Libero si affeziona a una pratica che – al pari di certi giochi (“Accanirmi con i puzzle avrebbe rimesso a posto la mia infanzia?”) lo accompagnerà per molti anni (“Avevo scoperto che l’autoerotismo sfiatava la mia ansia atavica”).

L’adolescenza (“Mi irrobustii fisiologicamente e ottenni la completa dignità di fecondare”) consolida la ricerca del piacere solitario (“Anche il piacere era mutato, più solido e capriccioso”), rafforza il rapporto con un padre travolto dalla separazione coniugale (“Decisi di proteggerlo. Feci un piano anti-isolamento per mio padre e di boicottaggio per Emmanuel. Mamma rimase al centro…”), pone i soliti problemi di autoaffermazione (“L’invisibilità restava il mio segno. Suscitavo simpatie e confidenze, slanci amichevoli, ammirazione, mai attrazione”) esasperati dall’idea che gli amici Antoine e Mario siano in vantaggio nel percorso delle esperienze sessuali (“Chiamami che ti racconto. Se ti dico adesso no significa che ho i miei che ascoltano”). Spetta alla bibliotecaria il compito d’incoraggiare (“La tua forza è nella chimica, Libero – e mi spiegò che esisteva qualcosa di molto più succulento dell’estetica”). Intanto Libero si dedica ad alcune importanti letture (“Il deserto dei Tartari… I libri spostavano la mia gravità, e attuavano una legge: avevano iniziato a mettermi al mondo”), come Lo straniero di Camus, e l’interesse per la letteratura – culminante nell’incontro con Sartre al Deux Magots –  comincia a costituire una costante nella vita del protagonista.

La circoncisione incide il passaggio alla giovinezza (“Anche la migliore letteratura apparteneva ai circoncisi: Singer, Primo Levi, Kafka”), età segnata dalla morte del padre (“Papà morì in autunno”) con il quale tuttavia il rapporto anche fisico non s’interromperà mai (“Indossai uno dei vestiti di papà…”). E finalmente giunge anche l’iniziazione sessuale ad opera della bella e disinibita Lunette (“C’era ancora la leggerezza da farfalla e qualcosa di più greve negli occhi. C’era la sua negritudine”).

La decisione di studiare legge a Milano proietta Libero dall’atmosfera esistenzialista di Parigi a quella più anarchica di Milano. Il praticantato in uno studio legale (“Ero diventato un galoppino per colletti bianchi, un oste esausto”), ove Libero intesse una relazione non convincente con Frida, è fiancheggiato dal lavoro notturno in un’osteria. La maturità fluisce nel clima gipsy e rock dei Navigli e all’insegna dell’espansionismo sentimentale (“la sessualità come estuario di vitalità”): a ogni nuova conquista corrisponde una tacca sul bancone…

L’adultità vede il coronamento di un percorso sentimentale che trova compimento nell’amore vero, nel definitivo abbandono di ogni complesso edipico, nella ricomposizione della figura materna attraverso il dolore (“Il dolore… per aggirarlo usavo il sesso, il cinema, il cibo. A volte la letteratura. E lei come lo aggirava? Con il sesso, con il nuoto, e con l’insegnamento”) e nel definitivo superamento della visione infantile che aveva scatenato tanta instabilità erotica (“Anche io adesso guardavo lo spiraglio del mio trauma”).

Le fasi vitali vengono scandite da letture e filmografia (“Le rivelai la mia crisi di lettore e la mia bulimia cinematografica”) che rappresentano simbolicamente l’evoluzione e il motore di scelte nel parallelo affrancamento erotico e culturale. La morbosità tematica del romanzo e di alcune situazioni viene mitigata (o piuttosto: enfatizzata?) da echi suggestivi (“Ci sono notti che non accadono mai”), da istinti estetici (“Conatus sese conservandi. Puro istinto di sopravvivenza”), dall’intellettualismo e da un retroterra letterario che aggancia la narrazione ai libri che scorrono insieme agli anni e alle pagine del romanzo.

Bruno Elpis

Leggi il nostro commento a Fedeltà, romanzo vincitore del Premio Strega Giovani 2019, cliccando su questo link

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marco

Missiroli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Missiroli Marco


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Inghilterra, 1915. Come ogni mattina, Julia compie i rituali dell’attesa: lucida la casa alla perfezione, indossa l’abito più elegante che possiede e si acconcia i capelli, accorda il violoncello e poi si siede alla finestra. E aspetta. Aspetta che la promessa venga mantenuta, che suo marito Peter torni dal fronte. Anche Nadine aspetta, ripensando a quell’amore tenero e spensierato sbocciato a Londra, sotto la neve d’inverno. Quello che prova per Riley è un amore impossibile, contrastato aspramente dai genitori di Nadine. Ed è proprio per conquistarli che Riley è partito per il fronte, quella guerra lampo che, dicevano tutti, sarebbe durata soltanto un inverno. Ma l’inverno si era sbagliato. Rose non ha tempo di aspettare. Infermiera in prima linea nel conflitto, ha visto troppi uomini feriti nel corpo quanto nell’anima aspettare soltanto una cosa, la morte. E c’è un filo sottile, fragile e capriccioso, fatto di messaggi dalla trincea, che Rosa ha visto troppe volte spezzarsi. Julia, Nadine e Rosa sanno che questa maledetta guerra è una lunga attesa, ma unite dalla medesima determinazione e dall’imprevedibilità del destino scopriranno che quest’attesa può essere interrotta solo in un modo: con il coraggio dei loro cuori.

L’INVERNO SI ERA SBAGLIATO

Louisa Young

In Confini di Pelle, attraverso otto storie, ci conduce in una estraniante realtà quotidiana, dove appare evidente come l'umanità abbia perso totalmente la sua unità di specie. Sono famiglie in fuga dalla guerra, folli in conflitto con meschine personalità latenti, mariti con segreti, ragazzi in lotta con i loro coetanei e donne che hanno riposto la propria fiducia in uomini sbagliati. Sono terribilmente umani i personaggi, fatti persone nell'accezione etimologica del termine, ovvero maschere, che escono dall'immaginazione di Valtieri, pur nulla conservando di immaginario.

Confini di pelle

Valtieri Maurizio

Il volume "Alberto Moravia e La ciociara. Letteratura. Storia. Cinema", raccoglie le relazioni pronunciate nel corso del II Convegno Internazionale svoltosi a Fondi, nei luoghi del romanzo, il 13 aprile 2012, e con alcuni interventi di rilievo, oltre alla prefazione di Rino Caputo, al saggio introduttivo di Angelo Fàvaro, alle conclusioni di Dante Della Terza e all'indirizzo di saluto di Dacia Maraini. Pubblicato dalle Edizioni Sinestesie, con il patrocinio dell'Associazione Fondo Alberto Moravia, è passato al vaglio di numerosi comitati scientifici e ha ottenuto il plauso per i contenuti e per la forma editoriale. Da non tacere alcuni interventi di insigni storici della letteratura, intellettuali, italianisti, esperti dell'Opera di Alberto Moravia, non senza alcune inedite riflessioni e dimostrazioni.

Alberto Moravia e La ciociara – Atti del secondo convegno internazionale a Fondi (Edizioni Sinestesie)

Autori vari

Pedro Páramo è un'opera al meno. È il lavoro della sottrazione continua.Una narrazione senza le astuzie del romanzo.Un brano di Storia senza date e senza eroi.Un tempo immobile.Una metafisica senza mondo. E anche per questo sta, come un sentiero di crinale, alla svolta della narrativa ispanoamericana del Novecento.

PEDRO PARAMO

Rulfo Juan