Narrativa

Atti osceni in luogo privato

Missiroli Marco

Descrizione: Questa è una storia che comincia una sera a cena, quando Libero Marsell, dodicenne, intuisce come si può imparare ad amare. La famiglia si è da poco trasferita a Parigi. La madre ha iniziato a tradire il padre. Questa è la storia, raccontata in prima persona, di quel dodicenne che da allora si affaccia nel mondo guidato dalla luce cristallina del suo nome. Si muove come una sonda dentro la separazione dei genitori, dentro il grande teatro dell’immaginazione onanistica, dentro il misterioso mondo degli adulti. Misura il fascino della madre, gli orizzonti sognatori del padre, il labirinto magico della città. Avverte prima con le antenne dell’infanzia, poi con le urgenze della maturità, il generoso e confidente mondo delle donne. Le Grand Liberò – così lo chiama Marie, bibliotecaria del IV arrondissement, dispensatrice di saggezza, innamorata dei libri e della sua solitudine – è pronto a conoscere la perdita di sé nel sesso e nell’amore. Lunette lo porta sin dove arrivano, insieme alla dedizione, la gelosia e lo strazio. Quando quella passione si strappa, per Libero è tempo di cambiare. Da Parigi a Milano, dallo Straniero di Camus al Deserto dei Tartari di Buzzati, dai Deux Magots, caffè esistenzialista, all’osteria di Giorgio sui Navigli, da Lunette alle “trentun tacche” delle nuove avventure che lo conducono, come un destino di libertà, al sentimento per Anna. Libero Marsell, le Grand Liberò, LiberoSpirito, è un personaggio “totale” che cresce con noi, pagina dopo pagina, leggero come la giovinezza nei film di Truffaut, sensibile come sono sensibili i poeti, guidato dai suoi maestri di vita a scoprire l’oscenità che lo libera dalla dipendenza di ogni frase fatta, di ogni atto dovuto, in nome dello stupore di esistere.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: I Narratori

Anno: 2015

ISBN: 9788807031250

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Atti osceni in luogo privato di Marco Missiroli è la storia dell’educazione erotico-sentimentale di Libero Marsell: esperienza svolta da autodidatta o tutt’al più con il supporto di una bella bibliotecaria (“Vienimi a trovare in città, lavoro all’Hotel de Lamoignon, la biblioteca nel IV”) conosciuta durante la vacanza trascorsa a Deauville con i genitori e con Emmanuel, l’amante della mamma. Il processo è scandito in fasi del ciclo vitale che costituiscono sezioni del romanzo: infanzia, adolescenza, gioventù, maturità, adultità e nascita.

Già nell’infanzia, a dodici anni (“Ero un bambino a un passo dall’adolescenza che stentava ad abbandonare la sua infanzia”), Libero si affeziona a una pratica che – al pari di certi giochi (“Accanirmi con i puzzle avrebbe rimesso a posto la mia infanzia?”) lo accompagnerà per molti anni (“Avevo scoperto che l’autoerotismo sfiatava la mia ansia atavica”).

L’adolescenza (“Mi irrobustii fisiologicamente e ottenni la completa dignità di fecondare”) consolida la ricerca del piacere solitario (“Anche il piacere era mutato, più solido e capriccioso”), rafforza il rapporto con un padre travolto dalla separazione coniugale (“Decisi di proteggerlo. Feci un piano anti-isolamento per mio padre e di boicottaggio per Emmanuel. Mamma rimase al centro…”), pone i soliti problemi di autoaffermazione (“L’invisibilità restava il mio segno. Suscitavo simpatie e confidenze, slanci amichevoli, ammirazione, mai attrazione”) esasperati dall’idea che gli amici Antoine e Mario siano in vantaggio nel percorso delle esperienze sessuali (“Chiamami che ti racconto. Se ti dico adesso no significa che ho i miei che ascoltano”). Spetta alla bibliotecaria il compito d’incoraggiare (“La tua forza è nella chimica, Libero – e mi spiegò che esisteva qualcosa di molto più succulento dell’estetica”). Intanto Libero si dedica ad alcune importanti letture (“Il deserto dei Tartari… I libri spostavano la mia gravità, e attuavano una legge: avevano iniziato a mettermi al mondo”), come Lo straniero di Camus, e l’interesse per la letteratura – culminante nell’incontro con Sartre al Deux Magots –  comincia a costituire una costante nella vita del protagonista.

La circoncisione incide il passaggio alla giovinezza (“Anche la migliore letteratura apparteneva ai circoncisi: Singer, Primo Levi, Kafka”), età segnata dalla morte del padre (“Papà morì in autunno”) con il quale tuttavia il rapporto anche fisico non s’interromperà mai (“Indossai uno dei vestiti di papà…”). E finalmente giunge anche l’iniziazione sessuale ad opera della bella e disinibita Lunette (“C’era ancora la leggerezza da farfalla e qualcosa di più greve negli occhi. C’era la sua negritudine”).

La decisione di studiare legge a Milano proietta Libero dall’atmosfera esistenzialista di Parigi a quella più anarchica di Milano. Il praticantato in uno studio legale (“Ero diventato un galoppino per colletti bianchi, un oste esausto”), ove Libero intesse una relazione non convincente con Frida, è fiancheggiato dal lavoro notturno in un’osteria. La maturità fluisce nel clima gipsy e rock dei Navigli e all’insegna dell’espansionismo sentimentale (“la sessualità come estuario di vitalità”): a ogni nuova conquista corrisponde una tacca sul bancone…

L’adultità vede il coronamento di un percorso sentimentale che trova compimento nell’amore vero, nel definitivo abbandono di ogni complesso edipico, nella ricomposizione della figura materna attraverso il dolore (“Il dolore… per aggirarlo usavo il sesso, il cinema, il cibo. A volte la letteratura. E lei come lo aggirava? Con il sesso, con il nuoto, e con l’insegnamento”) e nel definitivo superamento della visione infantile che aveva scatenato tanta instabilità erotica (“Anche io adesso guardavo lo spiraglio del mio trauma”).

Le fasi vitali vengono scandite da letture e filmografia (“Le rivelai la mia crisi di lettore e la mia bulimia cinematografica”) che rappresentano simbolicamente l’evoluzione e il motore di scelte nel parallelo affrancamento erotico e culturale. La morbosità tematica del romanzo e di alcune situazioni viene mitigata (o piuttosto: enfatizzata?) da echi suggestivi (“Ci sono notti che non accadono mai”), da istinti estetici (“Conatus sese conservandi. Puro istinto di sopravvivenza”), dall’intellettualismo e da un retroterra letterario che aggancia la narrazione ai libri che scorrono insieme agli anni e alle pagine del romanzo.

Bruno Elpis

Leggi il nostro commento a Fedeltà, romanzo vincitore del Premio Strega Giovani 2019, cliccando su questo link

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marco

Missiroli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Missiroli Marco


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

In un meraviglioso borgo di mare, dove la bellezza della natura e delle atmosfere del passato non è spenta dalla modernità, giunge Emma. Eva F Dewalker, un’amica di famiglia recentemente scomparsa, le ha lasciato ogni suo avere, a una condizione: che Emma esegua alcune sue volontà. Seguendo le istruzioni contenute negli scritti di Eva e le rivelazioni di un manoscritto ancora inedito, Emma comprenderà il proprio bisogno di cambiamento e scoprirà il seducente mistero che rende magica la spiaggia, sulle tracce del Comandante, leggendario uomo di mare e pittore, che “sapeva dipingere il colore degli istanti” e che ha lasciato al mondo qualcosa di eterno. In un villaggio di riviera in cui ognuno può rivedere il suo mare del cuore, sulla veranda dello stabilimento balneare di Gian e sulla spiaggia, si incontrano la videomaker Emma, la sua ospite Deiva, la bionda traduttrice Aileen, il nuovo medico del paese Radu, il documentarista giramondo Sandro e altri ancora. Una commedia sentimentale romantica, briosa e toccante, sulla magia e sulla forza implacabile dei desideri e dell’amore, al di là del tempo e dello spazio, e persino oltre i confini della vita terrena. Even in English.

Sabbia

Dewalker F Eva

Presentazione dell'Autore È la storia di una donna che con ironia e spirito di osservazione mette in pratica gli insegnamenti di un filosofo, un maestro che le ha insegnato a rinascere. Dal rischio di sprofondare nell'anoressia si eleva, mettendo le ali, a filosofa lei stessa, e nella frenesia di aiutare gli altri si salva iniziando una nuova vita. Impara a non soccombere più alle prevaricazione e lo insegna a tutti quelli che incontra. Non mancano nel racconto episodi esilaranti al limite del paradosso e varie storie di sesso raccontate con eleganza, come quella del diritto all'orgasmo. Francesca, la protagonista, diventa il simbolo del riscatto femminile, una donna che non accetta più di auto-infliggersi punizioni, ma rivendica il suo ruolo paritario accanto all'uomo. Dietro la maschera di Francesca si nasconde una storia vera e un mondo di relazioni tra donne e uomini elaborate sulla panchina del dialogo. Un libro scritto per le donne e utile anche agli uomini. Dalla quarta di Alberoni: "un libro divertente e delizioso che vi darà di certo molti spunti per cavarvela nelle piccole e grandi difficoltà della vita". Informazioni sull'autrice: Maria Giovanna Farina, nata a Milano nel '62, si è laureata in Filosofia all'Università Statale di Milano e svolge la professione di consulente filosofico nella stessa città. Pioniera nel campo delle pratiche filosofiche, sempre a Milano fonda lo studio professionale Heuristic Institution prima e l'associazione culturale L'accento di Socrate poi. Collabora con varie riviste e ha una rubrica su www.siamodonne.it dove videointervista personaggi della cultura e dello spettacolo. Sul suo sito si trovano tutte le sue attività www.mariagiovannafarina.it

Ho messo le ali

Farina Maria Giovanna

Le donne sono come farfalle che un giorno, nonostante tutto, spiccheranno il volo. Alcune tacciono e accettano quel che la società impone loro, come la madre di Nadia, la protagonista del romanzo, o come Aisha, che tace e obbedisce ai fratelli, ma alla fine si suicida. Nadia invece non tace, non vuole tacere. Figlia di un kuwaitiano e di una siriana, per un breve periodo sembra subire anche lei la volontà altrui, ma sarà per poco. La famiglia la obbliga a sposarsi con un uomo molto più vecchio, un kuwaitiano con un matrimonio alle spalle e dei figli a carico, che le rovina i giorni migliori della vita. Ma Nadia non vuole soccombere al dolore e alle sofferenze, anzi, vuole liberarsene. Alla morte del vecchio eredita le sue ricchezze e riprende possesso della sua vita. Si iscrive all'università e conosce il professor Gawad, sposato con un'americana che continua a vivere negli Stati Uniti. Lui la corteggia, ma Nadia rifiuta di avere una relazione segreta...

Il messaggio segreto delle farfalle

Al-'Uthman Layla

In Una lama di luce avevamo lasciato Montalbano e Livia sconvolti per la fine di François, il protagonista del Ladro di merendine, il bambino che Livia avrebbe voluto adottare. Livia non si è mossa da Boccadasse e nelle lunghe telefonate con Salvo mostra tutta la sua prostrazione, ma in un’alba livida la telefonata di Fazio interrompe il sogno angoscioso di Montalbano per trascinarlo in una nuova indagine. Sono giorni di pioggia a Vigàta, quegli acquazzoni violenti e persistenti che non danno requie, fiumane d’acqua scatenata che travolgono case e terreni lasciando dietro di sé un mare di fango. È in una di queste giornate che un uomo, Giugiù Nicotra, viene trovato morto in un cantiere, mezzo nudo, colpito da un proiettile alle spalle. Aveva cercato scampo in una specie di galleria formata da grossi tubi per la costruzione di condotte d’acqua. L’indagine parte lenta e scivolosa, ma ben presto ogni indizio, ogni personaggio, conduce al mondo dei cantieri e degli appalti pubblici. Un mondo non meno viscido e fangoso della melma di cui ogni cantiere è ricoperto. Districandosi tra tutto quel fango nel quale «sguazzariano» costruttori, ditte, funzionari pubblici, una cosa Montalbano non riesce a togliersi dalla testa: che Nicotra, il morto, andando a morire dentro alla galleria, avesse voluto comunicare qualche cosa. «Lei poco fa ha detto una parola, piramide. E a me è tornato in mente… Sa che dentro alla piramide di Cheope nessuno per lungo tempo ci è potuto entrare perché non si riusciva a scoprire l’accesso? Poi qualcuno ha rotto gli indugi e ha praticato un foro nella parete, foro non autorizzato dai custodi della piramide. Ma così anche i custodi, che fino a quel momento erano stati costretti a starsene fuori, poterono penetrare all’interno».

La piramide di fango

Camilleri Andrea