Romanzo storico

Augustus

Williams John

Descrizione: Sono le Idi di marzo del 44 a.C. quando Gaio Ottavio, diciottenne gracile e malaticcio ma intelligente e ambizioso quanto basta, viene a sapere che suo zio, Giulio Cesare, è stato assassinato. Ottavio è l'erede designato, ma la sua scalata al potere sarà tutt'altro che lineare. John Williams ci racconta il principato di Ottaviano Augusto, i fasti e le ambizioni dell'Antica Roma attraverso un magistrale intreccio di lettere, atti, fatti storici e invenzioni letterarie. Molti sono i protagonisti e grande spazio è dedicato ai loro profili interiori, ai loro dissidi e alle loro debolezze: la libertà di Orazio, la saggezza di Marco Agrippa, la sensibilità di Mecenate, ma soprattutto l'inquietudine di Giulia, che accanto al padre è uno dei personaggi più importanti del romanzo.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Fazi

Collana: Le strade

Anno: 2017

ISBN: 9788893251402

Recensito da Luigi Bianco

Le Vostre recensioni

John E. Williams, Augustus

Quando tornai dai miei amici, capii che qualcosa era cambiato, che non ero più lo stesso di un tempo: avevo compreso il mio destino, e con loro non potevo parlarne. Malgrado fossero i miei amici. Forse allora non sarei riuscito a dirlo con chiarezza, ma sapevo che un solo destino mi attendeva: quello di cambiare il mondo.”

Perché leggere la Letteratura? È una domanda diretta e pretenziosa, spesso formulata con disprezzo fra corridoi scolastici, o ancora affiorata alla mente e subito coperta da altri pensieri pratici e tangibili. Posta da qualche rivoluzionario intento a generarsi inimicizie fra i giovani, oppure mai davvero sentita, tanto da credere che non esista davvero una risposta, o quantomeno sia irrilevante. In realtà la questione, contrariamente al suo effettivo svolgimento, è semplice: la Letteratura è l’unica, fra tutte le discipline, che si occupa dell’uomo, dell’umanità nella sua interezza e complessità. Ed è un uomo il protagonista del romanzo di John E. Williams, uscito in una nuova traduzione di Stefano Tummolini per Fazi Editore. Un uomo celato da un’eco millenaria, spogliato del divino, che d’improvviso si è trovato a vivere una storia straordinaria: è Gaius Iulius Caesar Octavianus, detto l’Augustus.

44 a.C., marzo, un servo di Azia, barcollante e stremato, raggiunge il giovane Ottaviano diciottenne in ritiro ad Apollonia. Porta con sé una lettera da consegnare, che il giovane prende, “Srotola adagio; la legge, senza tradire alcuna emozione. […] Poi dice con voce spenta, inespressiva: «mio zio è morto, […] Giulio Cesare è morto»”. È il caos, Roma diviene ingestibile. Sentori di guerra civile si spargono immediatamente fra il popolo. È in quell’istante che Ottaviano comprende, con quei suoi occhi azzurri che diverranno “vitrei”, con l’animo in rivolta ma fermo e lucido, quale sarà il suo destino: “Cambiare il mondo”. La Storia si svolge in sottofondo: la ricerca dei cesaricidi, le inimicizie, il triumvirato, la battaglia di Azio, le cospirazioni, i matrimoni. Sono i protagonisti a parlare, a confidarsi, a incitare o a invocare prudenza; lo scambio epistolare, di cui è interamente composta l’opera, è fitto e continuo: Marco Tullio Cicerone si confida con Bruto, preoccupato per le sorti di Roma; Mecenate mostra tutta la sua lealtà e fedeltà al suo amico Ottaviano; Marco Antonio si rivolge con prudenza a Lepido, poi a Ottaviano e infine al suo grande amore, Cleopatra; Giulia scrive incessantemente le sue memorie in un diario, tristemente confinata a Pandataria; Livia, dura e calcolatrice, non smette di tessere incessantemente la sua tela. E ancora scorgiamo e leggiamo le parole di Orazio, Agrippa, Ovidio, Virgilio, Cassio, Bruto, Cleopatra, tutti intenti a predire le sorti dello Stato, preoccupati per Roma o per le proprie sorti, eccitati dal potere o supini agli eventi. Solo Ottaviano tace. Un lungo silenzio fatto di azioni, scrutato e descritto, invalicabile nella sua corazza, nel suo animo schermato, tradito forse solo dagli occhi cerulei e stanchi e da un animo che permane schivo pur mostrando, a più riprese, la sua grandezza. Fino a quando, in un viaggio via mare, piegato dall’insonnia e febbricitante, dedicherà una lunga lettera al suo unico amico rimasto, Nicola di Damasco. Sono i giorni compresi fra il 9 e l’11 agosto del 14 d.C.; Cesare detto l’Augusto, Ottaviano, o ancora Tavio come lo chiamava la sua nutrice, non scriverà più.

Accingersi a leggere un romanzo, specialmente se storico, implica sempre la ricerca di una risposta: qual è l’intento dell’autore? Ma soprattutto, cosa sta cercando di comunicare? Nel prologo di Augustus troviamo già un elemento fondamentale: “Se vi sono delle verità in quest’opera, esse appartengono alla finzione più che alla storia. E sarò grato a quei lettori che accoglieranno il libro per ciò che intende essere: un’opera d’immaginazione”. Leggere questo romanzo ricercando una continua fedeltà con la storia è, dunque, già di per sé un atto di tradimento nei confronti del testo e dell’autore. Le vicende, seppur macroscopicamente fedeli alla tradizione storiografica, sono intessute di storie, accadimenti, lettere, pensieri e riflessioni che provengono direttamente dall’immaginazione dell’autore. La struttura è quella di un romanzo epistolare, composto da frammenti, memorie, diari, epistole dei personaggi, protagonisti o figure di minor rilievo, del principato di Cesare Augusto. Ed è proprio quest’ultimo a non scrivere per tutto il corso del romanzo; così come da un blocco di marmo a poco a poco, colpo dopo colpo, compare la sagoma dell’opera finale, la sua figura è finemente scolpita da chi gli è attorno: dagli amici, la loro fedeltà e le loro insicurezze, come Agrippa, Mecenate, Orazio; dai nemici, aspri e cinici, come Lepido, Bruto, Marco Antonio; dalla figlia Giulia, spietata nel suo egoismo filiale; dalla moglie Livia, costantemente presente e pungente. Tutti concorrono a formare una personalità inquieta, turbata, indurita dal peso del mondo piombato di colpo, senza preavviso. La scrittura è chiara, semplice, a più riprese magnetica malgrado le poco più di 400 pagine. Un libro per tutti, insomma, piacevole e gustoso, che sa divertire e far riflettere. È solo con la lunga lettera finale affidata, questa volta e finalmente, a Ottaviano che emerge l’intento dell’autore: il personaggio, denudato di fronte alla fine, si rivela, si mostra, comprende che “presto o tardi, giunge il momento in cui egli prende coscienza […] della terribile realtà della sua condizione; del fatto che è solo, e separato dagli altri; e che non può che essere la misera creatura che è”. Un uomo misero dinnanzi a una vita trascorsa, sacrificato sull’altare dinnanzi agli dèi, dinnanzi al popolo. La consapevolezza, rassegnata e serena, che “Roma non è eterna: non importa. Roma cadrà: non importa”; un princeps muore e un uomo, finalmente, si libera.

Luigi Bianco

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

John

Williams

Libri dallo stesso autore

Intervista a Williams John


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un misantropo appassionato di Stendhal, nascosto in un villaggio della Savoia, viene misteriosamente rapito e abbandonato in una foresta. Una bella signora bionda, esperta guidatrice, perde il controllo dell’auto e finisce fuori strada. Intanto in Bretagna un uomo che ogni giorno faceva la sua passeggiata in riva al mare incontra due sconosciuti che lo terrorizzano. Ma il lettore capisce presto che questo non è un classico romanzo poliziesco. Gli aggressori non sono né agenti segreti né trafficanti. Non aggrediscono dei duri ma delle persone miti. Ce l’hanno in particolare con un libraio ribelle, con una malinconica ereditiera e con la libreria che i due hanno creato senza mai pensare che potesse suscitare tanto odio. Chi, tra gli appassionati della letteratura, non ha mai sognato di aprire una libreria ideale dove si vendessero solo i libri più amati? Lanciandosi nell’avventura, Francesca e Ivan, i due librai, sapevano che non sarebbe stato facile. Come scegliere i libri? Come far quadrare i conti? Ma ciò che non avevano previsto era il successo. Un successo che però scatena una sorprendente sfilza di invidie e aggressioni.

LA LIBRERIA DEL BUON ROMANZO

Cossé Laurence

Una giovane donna va in anni recenti alla ricerca del misterioso passato dei reclusi di un enorme lager in un'isola greca dove il regime dei colonnelli confinò insieme folli, poeti e oppositori politici. E sprofonda, come il coniglio di Alice, seguendo tracce semicancellate archivi polverosi e segni magici, in una catena imprevista di orrori e segreti dove la pazzia sempre più si mostra come eterno segno dell'opposizione e della ribellione e il passato rivive in storie miracolose, in una festa del linguaggio e della parola. Nella seconda parte del romanzo la detection su follia, normalità e violenza della giovane donna si allarga al mondo contemporaneo e finisce col diventare inevitabile, sconvolgente autobiografia dell'autrice, dove il nodo del rapporto con la madre e la scoperta del fantasma della propria follia (e di quella materna) si aprono in immagini di rara forza. Unica salvezza è la parola poetica, la passione di dire e raccontare che unisce i mondi nel gesto individuale di chi ha il coraggio di cercare ancora "la prima verità".

La prima verità

Vinci Simona

Paura di volare è la storia di Isadora Wing, una delle più spregiudicate antieroine della letteratura contemporanea. Isadora è bella, appassionata e sessualmente infiammabile, ma ha una terribile paura di volare, paura della sua forza e della sua libertà. Ingabbia la sua esuberanza in matrimoni che esplodono mandando in frantumi speranze di protezione e di sicurezza, con un primo marito che finisce col credersi Cristo e minaccia una passeggiata sulle acque del lago di Central Park, un secondo che non smette di essere un freddo analista neppure nel letto matrimoniale. La terra promessa della libertà non arriva neppure con la folle passione per Adrian Goodlove, anticonvenzionale psichiatra lainghiano sostenitore della autonomia e della poligamia. Il viaggio attraverso l'Europa che Isadora intraprende con lui, dopo mille incertezze venate di desiderio del volo e paura delle conseguenze, si rivela fallimentare. La famiglia, gli amori del passato, i sogni dell'adolescenza riprendono il sopravvento in un processo di acuta autoanalisi.

Paura di volare

Jong Erica

Impetuoso, lieve, sconvolgente: è il vento che soffia senza requie sulle pendici del Rossarco, leggendaria, enigmatica altura a pochi chilometri dal mar Jonio. Il vento scuote gli olivi secolari e gli arbusti odorosi, ulula nel buio, canta di un antico segreto sepolto e fa danzare le foglie come ricordi dimenticati. Proprio i ricordi condivisi sulla "collina del vento" costituiscono le radici profonde della famiglia Arcuri, che da generazioni considera il Rossarco non solo luogo sacro delle origini, ma anche simbolo di una terra vitale che non si arrende e tempio all'aria aperta di una dirittura etica forte quanto una fede. Così, quando il celebre archeologo trentino Paolo Orsi sale sulla collina alla ricerca della mitica città di Krimisa e la campagna di scavi si tinge di giallo, gli Arcuri cominciano a scontrarsi con l'invidia violenta degli uomini, la prepotenza del latifondista locale e le intimidazioni mafiose. Testimone fin da bambino di questa straordinaria resistenza ai soprusi è Michelangelo Arcuri, che molti anni dopo diventerà il custode della collina e dei suoi inconfessabili segreti. Ma spetterà a Rino, il più giovane degli Arcuri, di onorare una promessa fatta al padre e ricostruire pezzo per pezzo un secolo di storia familiare che s'intreccia con la grande storia d'Italia, dal primo conflitto mondiale agli anni cupi del fascismo, dalla liberazione alla rinascita di un'intera nazione nel sogno di un benessere illusorio. Carmine Abate dà vita a un romanzo dal ritmo serrato e dal linguaggio seducente, che parte da Alberto, il tenace patriarca, agli inizi del Novecento, passa per i suoi tre figli soldati nella Grande Guerra e per tutte le sue donne forti e sensuali, e giunge fino a Umberto Zanotti-Bianco, all'affascinante Torinèsia e all'ultimo degli Arcuri, uomo dei nostri giorni che sceglie di andare lontano. La collina del vento è la saga appassionata e coinvolgente, epica ed eroica di una famiglia che nessuna avversità riesce a piegare, che nessun vento potrà mai domare.

LA COLLINA DEL VENTO

Abate Carmine