Romanzo storico

Augustus

Williams John

Descrizione: Sono le Idi di marzo del 44 a.C. quando Gaio Ottavio, diciottenne gracile e malaticcio ma intelligente e ambizioso quanto basta, viene a sapere che suo zio, Giulio Cesare, è stato assassinato. Ottavio è l'erede designato, ma la sua scalata al potere sarà tutt'altro che lineare. John Williams ci racconta il principato di Ottaviano Augusto, i fasti e le ambizioni dell'Antica Roma attraverso un magistrale intreccio di lettere, atti, fatti storici e invenzioni letterarie. Molti sono i protagonisti e grande spazio è dedicato ai loro profili interiori, ai loro dissidi e alle loro debolezze: la libertà di Orazio, la saggezza di Marco Agrippa, la sensibilità di Mecenate, ma soprattutto l'inquietudine di Giulia, che accanto al padre è uno dei personaggi più importanti del romanzo.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Fazi

Collana: Le strade

Anno: 2017

ISBN: 9788893251402

Recensito da Luigi Bianco

Le Vostre recensioni

John E. Williams, Augustus

Quando tornai dai miei amici, capii che qualcosa era cambiato, che non ero più lo stesso di un tempo: avevo compreso il mio destino, e con loro non potevo parlarne. Malgrado fossero i miei amici. Forse allora non sarei riuscito a dirlo con chiarezza, ma sapevo che un solo destino mi attendeva: quello di cambiare il mondo.”

Perché leggere la Letteratura? È una domanda diretta e pretenziosa, spesso formulata con disprezzo fra corridoi scolastici, o ancora affiorata alla mente e subito coperta da altri pensieri pratici e tangibili. Posta da qualche rivoluzionario intento a generarsi inimicizie fra i giovani, oppure mai davvero sentita, tanto da credere che non esista davvero una risposta, o quantomeno sia irrilevante. In realtà la questione, contrariamente al suo effettivo svolgimento, è semplice: la Letteratura è l’unica, fra tutte le discipline, che si occupa dell’uomo, dell’umanità nella sua interezza e complessità. Ed è un uomo il protagonista del romanzo di John E. Williams, uscito in una nuova traduzione di Stefano Tummolini per Fazi Editore. Un uomo celato da un’eco millenaria, spogliato del divino, che d’improvviso si è trovato a vivere una storia straordinaria: è Gaius Iulius Caesar Octavianus, detto l’Augustus.

44 a.C., marzo, un servo di Azia, barcollante e stremato, raggiunge il giovane Ottaviano diciottenne in ritiro ad Apollonia. Porta con sé una lettera da consegnare, che il giovane prende, “Srotola adagio; la legge, senza tradire alcuna emozione. […] Poi dice con voce spenta, inespressiva: «mio zio è morto, […] Giulio Cesare è morto»”. È il caos, Roma diviene ingestibile. Sentori di guerra civile si spargono immediatamente fra il popolo. È in quell’istante che Ottaviano comprende, con quei suoi occhi azzurri che diverranno “vitrei”, con l’animo in rivolta ma fermo e lucido, quale sarà il suo destino: “Cambiare il mondo”. La Storia si svolge in sottofondo: la ricerca dei cesaricidi, le inimicizie, il triumvirato, la battaglia di Azio, le cospirazioni, i matrimoni. Sono i protagonisti a parlare, a confidarsi, a incitare o a invocare prudenza; lo scambio epistolare, di cui è interamente composta l’opera, è fitto e continuo: Marco Tullio Cicerone si confida con Bruto, preoccupato per le sorti di Roma; Mecenate mostra tutta la sua lealtà e fedeltà al suo amico Ottaviano; Marco Antonio si rivolge con prudenza a Lepido, poi a Ottaviano e infine al suo grande amore, Cleopatra; Giulia scrive incessantemente le sue memorie in un diario, tristemente confinata a Pandataria; Livia, dura e calcolatrice, non smette di tessere incessantemente la sua tela. E ancora scorgiamo e leggiamo le parole di Orazio, Agrippa, Ovidio, Virgilio, Cassio, Bruto, Cleopatra, tutti intenti a predire le sorti dello Stato, preoccupati per Roma o per le proprie sorti, eccitati dal potere o supini agli eventi. Solo Ottaviano tace. Un lungo silenzio fatto di azioni, scrutato e descritto, invalicabile nella sua corazza, nel suo animo schermato, tradito forse solo dagli occhi cerulei e stanchi e da un animo che permane schivo pur mostrando, a più riprese, la sua grandezza. Fino a quando, in un viaggio via mare, piegato dall’insonnia e febbricitante, dedicherà una lunga lettera al suo unico amico rimasto, Nicola di Damasco. Sono i giorni compresi fra il 9 e l’11 agosto del 14 d.C.; Cesare detto l’Augusto, Ottaviano, o ancora Tavio come lo chiamava la sua nutrice, non scriverà più.

Accingersi a leggere un romanzo, specialmente se storico, implica sempre la ricerca di una risposta: qual è l’intento dell’autore? Ma soprattutto, cosa sta cercando di comunicare? Nel prologo di Augustus troviamo già un elemento fondamentale: “Se vi sono delle verità in quest’opera, esse appartengono alla finzione più che alla storia. E sarò grato a quei lettori che accoglieranno il libro per ciò che intende essere: un’opera d’immaginazione”. Leggere questo romanzo ricercando una continua fedeltà con la storia è, dunque, già di per sé un atto di tradimento nei confronti del testo e dell’autore. Le vicende, seppur macroscopicamente fedeli alla tradizione storiografica, sono intessute di storie, accadimenti, lettere, pensieri e riflessioni che provengono direttamente dall’immaginazione dell’autore. La struttura è quella di un romanzo epistolare, composto da frammenti, memorie, diari, epistole dei personaggi, protagonisti o figure di minor rilievo, del principato di Cesare Augusto. Ed è proprio quest’ultimo a non scrivere per tutto il corso del romanzo; così come da un blocco di marmo a poco a poco, colpo dopo colpo, compare la sagoma dell’opera finale, la sua figura è finemente scolpita da chi gli è attorno: dagli amici, la loro fedeltà e le loro insicurezze, come Agrippa, Mecenate, Orazio; dai nemici, aspri e cinici, come Lepido, Bruto, Marco Antonio; dalla figlia Giulia, spietata nel suo egoismo filiale; dalla moglie Livia, costantemente presente e pungente. Tutti concorrono a formare una personalità inquieta, turbata, indurita dal peso del mondo piombato di colpo, senza preavviso. La scrittura è chiara, semplice, a più riprese magnetica malgrado le poco più di 400 pagine. Un libro per tutti, insomma, piacevole e gustoso, che sa divertire e far riflettere. È solo con la lunga lettera finale affidata, questa volta e finalmente, a Ottaviano che emerge l’intento dell’autore: il personaggio, denudato di fronte alla fine, si rivela, si mostra, comprende che “presto o tardi, giunge il momento in cui egli prende coscienza […] della terribile realtà della sua condizione; del fatto che è solo, e separato dagli altri; e che non può che essere la misera creatura che è”. Un uomo misero dinnanzi a una vita trascorsa, sacrificato sull’altare dinnanzi agli dèi, dinnanzi al popolo. La consapevolezza, rassegnata e serena, che “Roma non è eterna: non importa. Roma cadrà: non importa”; un princeps muore e un uomo, finalmente, si libera.

Luigi Bianco

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

John

Williams

Libri dallo stesso autore

Intervista a Williams John


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Renato Pappalardi, titolare di una importante azienda veneta, ha appena concluso un grosso affare con un cliente estero che potrebbe evitare la chiusura della fabbrica. L'incubo della cassa integrazione, già in essere per molti dei suoi dipendenti, sembra essere vicino alla fine. Eppure qualcosa non quadra. Nonostante la commessa in arrivo, Pappalardi non recede dalla politica di taglio dei costi. Franco Garritano, operaio esperto e dal carattere determinato, decide di giocarsi il tutto per tutto e avanzare richieste giuste, ma rischiose. Al destino della fabbrica sono legate molte cose: la carriera; la salvaguardia del lavoro e dell'unità delle famiglie, loro malgrado coinvolte; persino un amore appena nato e una relazione dai contorni imprevedibili. La vicenda si gonfia sempre più, con i media pronti come pescecani a imbastire il loro sensazionale scoop. Così ciascuno, pur di salvare il proprio angolo di felicità, è pronto anche a ordire inimmaginabili piani. Nessuno, però, ha fatto i conti con la carta degli imprevisti, pronta a saltar fuori come un asso dalla manica.

A galla

Toso Alessandro

“Abbiamo tutti almeno una volta guardato il mare aspettando che qualcosa da lì ritornasse”Edipo e Narciso sono due personaggi centrali del teatro freudiano. Il figlio-Edipo è quello che conosce il conflitto con il padre. Il figlio-Narciso resta invece fissato sterilmente alla sua immagine. Abbiamo visto cosa significa l’egemonia del figlio-Narciso: dopo il tramonto dell’autorità simbolica del Nome del Padre, il mito dell’espansione fine a se stessa ha prodotto la tremenda crisi economica ed etica che attraversa l’Occidente. Le nuove generazioni appaiono sperdute tanto quanto i loro genitori. Questi non vogliono smettere di essere giovani, mentre i loro figli annaspano in un tempo senza orizzonte, soli, privi di adulti credibili. Esiste un al di là del figlio-Edipo e del figlio-Narciso? Telemaco, il figlio di Ulisse, attende il ritorno del padre; prega affinché sia ristabilita nella sua casa invasa dai Proci la Legge della parola. In primo piano è qui una domanda inedita di padre, che mostri come si possa vivere con slancio e vitalità su questa terra. Nel nostro tempo nessuno sembra più tornare dal mare per riportare la Legge. Il processo dell’ereditare, della filiazione simbolica, sembra venire meno, e senza di esso non si dà possibilità di trasmissione del desiderio da una generazione all’altra. Telemaco ci indica la nuova direzione verso cui guardare, perché Telemaco è la figura del giusto erede. Il suo è il compito che attende anche i nostri figli: come si diventa eredi giusti? E cosa davvero si eredita se un’eredità non è fatta né di geni né di beni, se non si eredita un regno?

Il complesso di Telemaco

Recalcati Massimo

Una bella donna dalla condotta scandalosa approda sullo sgabello di un bar degli Champs-Élysées, con la testa confusa dall’alcol. Che cosa c’è dietro? Per lo meno una magistrale indagine nelle zone più remote e più torbide della psiche femminile.

BETTY

Simenon Georges

Igor Malev ha una sola cosa in mente: la sua ex moglie Ewa. Anche se è un uomo ricco, affascinante e di innato carisma, lei lo ha lasciato per uno stilista di grande successo, una ferita, questa, da cui non è mai riuscito a riprendersi. Così decide di riconquistarla. Nella cornice del Festival di Cannes, circondato dal lusso e dagli eccessi della nuova aristocrazia, i vincitori definitivi nella gara edonistica della vita moderna, inizia una battaglia lunga ventiquattro ore. Perché Igor è un uomo di rara forza e fredda intelligenza, e quella che vuole non sarà una riconciliazione ordinaria, pacifica. Perché ha fatto a se stesso la promessa di distruggere tutto ciò che si interpone tra lui e la sua amata. E lui mantiene sempre la parola. Con Il vincitore è solo Paulo Coelho torna ai grandi temi di Undici minuti e lo Zahir offrendoci un romanzo avvincente e ricco di tensione, specchio del mondo in cui viviamo, dove la ricerca del lusso e del successo a tutti i costi spesso impedisce di ascoltare quello che ci sussurra il nostro cuore.

Il vincitore è solo

Coelho Paulo