Narrativa

IL BACIO DEL PANE

Abate Carmine

Descrizione: Il mare che si allontana, scintillante nella calura. La fiumara da risalire, gonfia di pietre luminose, i ruderi dei mulini, il bosco di lecci chiazzato del giallo delle ginestre e infine lo scroscio sempre più intenso: è così che Francesco e i suoi amici scoprono un'oasi di pace presso la cascata refrigerante del Giglietto, sopra il paese di Spillace, in Calabria. Il luglio è afoso, e i bagni nel laghetto, seguiti dai saporitissimi pranzi, sono il diversivo ideale per la piccola comitiva di ragazzi e ragazze nemmeno diciottenni, affamati di vita e di emozioni. Ma quel luogo incantevole cela un mistero: in uno dei mulini abbandonati Francesco e Marta - la bellissima compaesana che vive a Firenze e scende al mare per le vacanze - incrociano gli occhi atterriti e insieme fieri di un vagabondo, che si comporta come un uomo braccato, cerca di allontanarli ed è addirittura armato. Ma la curiosità buona dei due ragazzi, gli sguardi leali scambiati nell'ombra, hanno la meglio: e presto l'uomo misterioso rivela qualcosa di sé, della ferita che lo ha condotto a nascondersi... Luglio, agosto, giorni in cui la vampa dell'estate si accompagna ai sapori dei fichi maturi, delle olive in salamoia, del pane preparato in casa con un rito affascinante, sul far del mattino. Giorni in cui nemmeno la calura spegne il desiderio d'amore, che vibra tra i ragazzi e accende gli animi come peperoncino vivo sulle labbra. E poi settembre, l'estate che si va spegnendo, il ritorno alla scuola e alla vita usata, la maggiore età che si avvicina: e con essa la consapevolezza che l'incanto non è nulla senza il coraggio, senza l'impegno che ogni vita adulta richiede. Con freschezza e passione, Carmine Abate dà vita a un intenso romanzo di formazione che si svolge nel tempo di pochi mesi e insieme racconta il senso racchiuso in una vita intera. L'uomo "selvatico" del Giglietto sarà per i protagonisti il testimone più alto della dignità, del rifiuto della prepotenza, della solidarietà che rendono grande ogni esistenza, e restituiscono a ogni luogo la sua bellezza. Valori che si incarnano nel gesto antico e attuale di baciare il pane, per celebrarne il dono e il mistero.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Libellule

Anno: 2013

ISBN: 9788804629276

Trama

Le Vostre recensioni

L’11 settembre, presso la Mondadori di piazza del Duomo a Milano, Carmine Abate presenta “Il bacio del pane”, romanzo assai atteso dopo che, lo scorso anno, l’autore di origini calabresi ha vinto il premio Campiello con “La collina del vento”.

Anche il nuovo romanzo è ambientato nel paese di Spillace e, per certi versi, ripropone alcuni temi già presenti ne “La collina del vento”: soprattutto quello del contrasto tra l’amore per tradizioni e radici e la critica a una mentalità a volte omertosa e violenta, in seno a uno natura sorprendente, profumata e abbacinante.

Una storia di gioventù

Ma il romanzo è principalmente la storia del passaggio dall’adolescenza all’età adulta – con i rimpianti che ne conseguono – di Francesco (“Avevo diciassette anni compiuti da un pezzo e frequentavo la penultima classe del liceo…”). Il quasi diciottenne scopre, inventa e vive l’amore per Marta (“la voglia accesa da quel primo bacio fresco dal sapore di cascata”) in un’estate indimenticabile trascorsa con un gruppo di amici che nei due mesi estivi scorrazzano “sulle vecchie Vespe, appartenute ai … padri”.

Tra bagni (“la spiaggia di Torrenova pullulava di ombrelloni e di bagnanti”), tempo libero (“al bar del Lido a sentire musica e a bere una bibita fresca”) e incursioni al rudere del vecchio mulino, Francesco entra in contatto con una storia crudele e comprende che nulla potrà essere più come prima (“l’esperienza di quei giorni d’estate mi aveva maturato all’improvviso, come succede ai fichi che la sera sono acerbi e al mattino diventano maturi al punto giusto”).

Mentre sfilano alcuni momenti indimenticabili: la pioggia di Perseidi e stelle cadenti nella notte di San Lorenzo, il pernottamento fuori casa (e dove, se non al vecchio mulino!) nella notte di Ferragosto e la “notte bianca dell’arrivederci”, quella del 31 agosto, che sembra fuoriuscita da una canzone di Baglioni, consumata tra falò e bagni notturni “al mare, in un caparbio tentativo di fermare l’estate che precipitava inesorabile nel vuoto del paese”.

L’incontro

Francesco e Marta s’imbattono in un incontro determinante.

Durante la prima escursione con la compagnia degli amici alla “cascata del Giglietto” sentono “un rumore più inquieto del vento che frusciava nel bosco di lecci, alle mie spalle. Proveniva dal vecchio mulino…

Credono si tratti di un animale (“Poteva essere un cinghiale o una volpe o una faina, comunque un animale braccato”). E invece no, non è un essere selvatico, bensì una creatura umana (“A muoversi fu invece quella specie di spaventapasseri travestito da brigante o viceversa…”)!

Scopriranno che l’eremita si chiama Lorenzo: “L’uomo dallo sguardo di animale braccato”, un “uomo non farebbe male a una mosca, ha uno sguardo buono, spaventato ma buono”, ma che “sarà pure buono, ma non scordarti che ci ha minacciati con la pistola”.

Baciare il pane e scoprire che il pane ci bacia!

Il pane è nei versi di Pablo Neruda prima del prologo. Bellissimi. Fondamentali.

Il pane fa venire in mente un autore essenziale e italianissimo, come Ignazio Silone (“Vino e pane”, la sua seconda opera).

Il pane è negli insegnamenti del nonno (“Il pane non si butta così, come una pietra senza valore. Il pane è vita, ci vuole troppa fatica per farlo”), è tradizione (la mamma di Francesco “ancora cuoceva il pane nel forno a legna come ai vecchi tempi e per questa sua passione veniva criticata pure dalle amiche…”), il pane è essenza delle cose.

Per questo è da baciare.

Per questo, lui, il pane, sa ricambiare con amore il bacio che riceve (“Annusai il mio profumo preferito, lo seguii e giunsi in cucina. Sul tavolo la mamma stava appoggiando una cesta piena di pani fragranti”).

Carmine Abate propone ai suoi lettori un romanzo tanto breve quanto intenso. Fragrante come il pane appena sfornato nella tradizione più mediterranea che possiamo immaginare. In un linguaggio che, esso stesso, riecheggia la nostalgia per la Calabria: il padre di Francesco è “un varrancàro nato”, gli amici sono “ciòti” o “capatoste” e fanno “battute ciotische” . E sono “pacci”, pacci proprio come la cicala “paccia”: il suo frinire è colonna sonora ossessiva e dolce al tempo stesso…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Carmine

Abate

Libri dallo stesso autore

Intervista a Abate Carmine


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Per una breve stagione, seguita al crollo del Muro di Berlino, in Italia le forze politiche si sono scoperte "liberali": la sinistra intestandosi alcune riforme (modernizzazione del welfare e del diritto del lavoro, privatizzazioni, liberalizzazioni), la destra adottando un vocabolario debitore alla stagione di Reagan e Thatcher. Questo libro restituisce al libero mercato la sua dimensione originaria e più appropriata: un sistema di idee, naturalmente alternativo e in concorrenza con altri, ma autonomo e coerente di per sé.

L’intelligenza del denaro

Mingardi Alberto

"Io vi maledico" c'è scritto sulla lapide di marmo che un operaio dell'Ilva di Taranto ha voluto mettere per strada, sotto casa sua. "Io vi maledico", dice la figlia dell'imprenditore che si è ucciso strozzato dall'usura bancaria, la studentessa venuta dalla Puglia e mantenuta da genitori operai che trova chiuse le stanze dei baroni romani, il minatore del Sulcis che voleva fare politica per la sua gente ma non ha trovato posto, la sindaca della Locride minacciata di morte, che vede andare milioni di euro in fumo. Sale dalle manifestazioni di piazza, dall'indifferenza offesa degli italiani assenti, una rabbia che è insieme fragilità, impotenza. La rabbia giusta dei giovani indignati che contagia le città di tutto il mondo e quella cieca di chi lancia sassi.

Io vi maledico

De Gregorio Concita

Pubblicato nel 1957 nella collana einaudiana "I Gettoni", sotto la direzione di Elio Vittorini, torna in libreria "Gymkhana-Cross", di Luigi Davì: racconti sulla quotidianità di piccoli eroi, ragazzi di ieri divisi tra fabbrica, ragazze, compagni, in una città, Torino, che con la Fiat marciava a grandi passi verso la modernità. Con una scrittura vivace, gergale, asciutta, Gymkhana-Cross descrive un tempo e un mondo in cui gli operai avevano ancora un paradiso, e qualche santo a cui rivolgersi: Davì narra ciò che vede e sperimenta, nell'orizzonte circoscritto di giornate umili e banali, alla periferia di tutto, spesso anche dei cambiamenti. Per portare fino a noi il sapore di gesti semplici (un bicchiere di vino, una partita a bocce), declinati, oggi, con il sentimento dolce della malinconia.

GYMKHANA – CROSS

Davì Luigi

THE TWILIGHT SAGA

Meyer Stephenie