Narrativa

Il bambino che cadde sulla terra

Lette Kathy

Descrizione: Da quando il padre di Merlin, Jeremy, se n'è andato, subito dopo la diagnosi di autismo, Lucy ha fatto del figlio il centro del suo mondo. Alle prese con le gioie e le difficoltà di crescere un bambino eccentricamente adorabile, ma impegnativo (se soltanto Merlin fosse arrivato con un manuale di istruzioni!), Lucy non ha tempo per altri uomini nella propria vita, perciò perché darsi la pena di cercarne uno? Quando Merlin compie dieci anni, Lucy comincia seriamente a preoccuparsi che il Papa possa contattarla per chiederle suggerimenti in materia di castità, perciò decide di rimettere piede (per quanto il pedicure lasci a desiderare) nel mondo degli uomini. Ma a causa della bizzarria di Merlin, le cose non vanno come aveva immaginato. Tuttavia, proprio quando Lucy sta per rassegnarsi a una vita da single, ecco che Archie - il più perfetto, per lei e per suo figlio, degli uomini imperfetti - bussa alla sua porta. E lo stesso fa Jeremy, pronto a implorare perdono e una seconda possibilità... Di cosa ha bisogno Lucy? Di un vero padre per Merlin o di un compagno affidabile per se stessa?

Categoria: Narrativa

Editore: Dalai

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788866208112

Recensito da Ivana Bagnardi

Le Vostre recensioni

“L’automobile travolge mio figlio sedicenne alla velocità di 50 km/h. Il corpo ripiegato su se stesso schizza verso l’alto, per poi ricadere con un tremendo tonfo sul tetto della vettura, prima di rimbalzare sull’asfalto. Le ultime parole che gli ho rivolto solo due minuti fa sono state: «Mi hai rovinato la vita! Vorrei che non fossi mai nato. Perché non puoi essere normale?”

Inizia così l’ultimo romanzo di Kathy Lette, columnist per diverse testate e scrittrice di sit-com televisive in America e Australia, approdata al successo internazionale con i suoi romanzi, tradotti in quattordici lingue. (Ha pubblicato per Baldini&Castoldi “Come uccidere il marito e altri utili consigli domestici” e “Finché divorzio non ci separi”).

Lucy, madre di Merlin e moglie del bello e ricco Jeremy, si trova, all’inizio del romanzo, a vivere una situazione drammatica. Dal reparto di terapia intensiva dove il figlio giace in coma in seguito a un incidente, Lucy racconta ad un’infermiera la sua storia di madre affaticata, di moglie tradita e di donna stanca. Il flashback ci riporta indietro di molti anni, quando Lucy, giovane insegnante di inglese, appartenente a una famiglia semplice e originale, conosce Jeremy durante un volo verso New York e resta affascinata dalla sua bellezza, intelligenza e dai suoi modi di fare gentili e raffinati. Dal loro amore nasce Merlin, che verso i due anni di età mostra evidenti segni di autismo.

Il dottore lo aveva ridotto a una definizione in bianco e nero: autismo. Ma il prisma del mio amore lo illuminava con sfumature brillanti e ammalianti. Dovevo salvarlo. Eravamo io e Merlin contro il mondo.”

Dalla diagnosi di autismo la vita di Lucy e Jeremy cambia drasticamente. Jeremy, incapace di affrontare la situazione, si butta sul lavoro fino ad abbandonare moglie e figlio, rifugiandosi tra le braccia di una giovane presentatrice televisiva

“Le uniche parti abbondanti del suo corpo erano i seni, che avrebbero potuto essere facilmente scambiati per una Repubblica separatista. Quella sgualdrina snob indossava pantaloni in cachemire – ovviamente per tenere al caldo le caviglie quando mio marito la possedeva animalescamente nell’aiuola delle piante perenni.”

Rimasta sola con Merlin, Lucy inizia una lunga battaglia quotidiana per tenere a bada le stranezze e le ansie del figlio, per assicurargli una buona educazione scolastica, per evitargli atti di bullismo e frustrazioni continue. La donna si scontra con una società completamente incapace di rispondere alle esigenze del piccolo Merlin, il quale, nonostante le molteplici difficoltà che si trova a vivere fuori dalla rassicurante casa materna, si trasforma, pagina dopo pagina, in un bellissimo e strampalato adolescente .
Sollecitata dalla propria famiglia, dopo i primi anni di solitudine, Lucy decide di mettersi alla ricerca di un uomo che possa fare da padre a Merlin, ma le stravaganze del figlio, oltre alla propria trasandatezza fisica e psicologica, mettono in fuga anche gli uomini più tolleranti.

Pensate negativo e non avrete niente da perdere era diventato il mio motto. Persino il mio amico immaginario mi trovò noiosa e mi piantò in asso per andare a giocare con qualcun altro.

Qualcosa cambia quando entra nella vita di Lucy e Merlin l’australiano Archie, ex marito della cugina, che Lucy si ritrova in casa come ospite per qualche mese.

Uscì dal taxi nello stesso modo in cui un cowboy sarebbe smontato da cavallo, con una raffinata aria spavalda. «Come butta?» Lo straniero parlò scivolando languidamente sulle vocali aperte, talmente lunghe e rilassate da sembrare sdraiate su un’amaca. Rimasi impalata a fissare a bocca aperta quella figura neandertaliana con la mascella prominente, la fronte bassa e il naso rotto. Delle cicatrici da acne gli butteravano le guance, ricoperte da una barba corta e ispida. Era vestito di nero da capo a piedi. L’aspetto satanico era intensificato dagli stivali consunti, dal tatuaggio di un pitone attorcigliato su un bicipite e dal cappello da cowboy portato con sfrontatezza.”

Archie si mostra volgare, maschilista, scansafatiche, ma riesce quasi subito ad accaparrarsi la fiducia di Marlin e, pian piano, anche di Lucy, che se ne innamora.
Quando finalmente le cose paiono andare per il meglio, ecco ricomparire nella vita di Lucy l’ex marito, il quale si mostra cambiato. Ha lasciato la giovane Audray ed è disposto a ricominciare tutto da capo, ad accettare la malattia del figlio e a riconquistare l’amore di Lucy.
La donna si troverà di nuovo in balìa del suo fascino e soprattutto del desiderio di Marlin di riavere suo padre e, per la seconda volta, ne pagherà le conseguenze.
L’happy end è però inevitabile e, in un certo senso, quasi scontato.

Il romanzo è indubbiamente ben scritto e affronta una tematica di non facile analisi, come l’autismo, senza cadere mai nel pietismo o nel sentimentalismo, anche grazie all’ironia che attraversa tutta la storia, ironia che però spesso diventa sarcasmo e che genera, a lungo andare, noia e irritazione. L’esigenza di infarcire ogni dialogo con freddure e battute, per la maggior parte dei casi a sfondo sessuale, infatti, rischia di trasformare il romanzo, dalla trama già abbastanza debole, in un buon prodotto per una sit-com televisiva (autismo a parte).
Nulla di nuovo, in fondo, per l’autrice.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Kathy

Lette

Libri dallo stesso autore

Intervista a Lette Kathy


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

In quel fine ottobre del 1929 sferzato dal vento e da una pioggerella fastidiosa e insistente, a Bellano non succede nulla di che. Ma se potessero, tra le contrade volerebbero sberle, eccome. Le stamperebbe volentieri il maresciallo dei carabinieri Ernesto Maccadò sul muso di tutti quelli che si credono indovini e vaticinano sul sesso del suo primogenito in arrivo, aumentando il tormento invece di sciogliere l'enigma, perché uno predice una cosa e l'altro l'esatto contrario. Se le sventolerebbero a vicenda, e di santa ragione, il brigadiere Efìsio Mannu, sardo, e l'appuntato Misfatti, siciliano, che non si possono sopportare e studiano notte e giorno il modo di rovinarsi la vita l'un l'altro. E forse c'è chi, pur col dovuto rispetto, ne mollerebbe almeno una al giovane don Sisto Secchia, coadiutore del parroco arrivato in paese l'anno prima. Mutacico, spento, sfuggente, con un naso ben più che aquilino, don Sisto sembra un pesce di mare aperto costretto a boccheggiare nell'acqua ristretta e insipida del lago. Malmostoso, è inviso all'intero paese, perfino al mite presidente dei Fabbriceri, Mistico Lepore, che tormenta il prevosto in continuazione perché, contro ogni buon senso, vorrebbe che lo mandasse via. E poi ci sono sberle più metaforiche, ma non meno sonore, che arrivano in caserma nero su bianco. Sono quelle che qualcuno ha deciso di mettere in rima e spedire in forma anonima ai carabinieri, forse per spingerli a indagare sul fatto...

Quattro sberle benedette

Vitali Andrea

Claude, giunto a Parigi, trova una vita diversa da quella che aveva sempre immaginato passeggiando con i suoi amici sotto il sole della Provenza. A fargli compagnia il freddo, la fame e un quaderno, su cui annota le proprie impressioni e sentimenti; e ad acuire il suo malessere la solitudine e la mancanza di qualcuno da amare e con cui condividere la sua miserabile esistenza. Ma ecco che Laurence, una ragazza precocemente invecchiata a causa di una vita di dissolutezze e di stenti, irrompe prepotentemente nella sua vita e Claude decide di salvarla dalla sua sciagurata esistenza. "La confessione di Claude" è un romanzo autobiografico, in cui Zola racconta i primi e difficili anni della sua vita parigina. Pubblicato nel 1865, il libro attirò le attenzioni della polizia francese per la sordida ambientazione delle vicende e per lo stesso motivo lo scrittore venne ripudiato dall'editore Hachette.

La confessione di Claude

Zola Emile

Pubblicato postumo dopo il precoce suicidio del suo autore e tradotto ora per la prima volta in Italia, “Lezioni di striptease” conferma il talento brillante e misconosciuto di John O'Brien, che con “Via da Las Vegas” aveva già creato uno dei romanzi di culto degli anni Novanta, portato al successo dal fortunato adattamento cinematografico con cui Nicolas Cage si aggiudicò un premio Oscar. In queste pagine O'Brien torna a indagare le esistenze di silenziosa disperazione che si annidano ai margini del sogno americano, regalandoci una storia d'amore e di solitudine che non è solo il ritratto toccante di un personaggio, ma anche un atto di accusa contro la società del benessere, del profitto, della performance. Il protagonista è Carroll, un uomo timido di mezza età, archivista in un ufficio legale dove accumula solo umiliazioni e nevrosi. Carroll è privo di fascino e di amici: a rischiarare il grigiore della sua esistenza ci sono solo gli scintillii di paillettes dello strip-club di second'ordine dove passa sempre più spesso le sue serate, in cerca non tanto di eccitazione sessuale, quanto - per improbabile che sia - di un contatto umano con le ragazze che ai suoi occhi rappresentano solo calore e bellezza. Quando nel locale arriva una nuova spogliarellista, Stevie, che per la prima volta sembra concedergli un briciolo di confidenza, la sua vita abituale comincia a sussultare e sgretolarsi: sarà un nuovo inizio, o solo l'inizio della fine?

LEZIONI DI STRIP-TEASE

O'Brien John

Bordeaux, anni Cinquanta. Una città che ha ancora addosso le stimmate della Seconda guerra mondiale e in cui si aggira la figura spaventosa del commissario Darlac, uno sbirro corrotto che ha fatto i soldi durante l’Occupazione collaborando con i nazisti. Intanto già si profila un nuovo conflitto e i giovani vengono richiamati per partire per l’Algeria. Daniel sa che questa è la sorte che lo attende. Ha perduto i genitori nei campi di sterminio nazisti e, adottato da una coppia, lavora come apprendista meccanico. Un giorno uno sconosciuto si presenta in officina per riparare la moto. L’uomo non è a Bordeaux per caso. La sua presenza scatenerà un’onda d’urto mortale in città. Dopo la guerra è la storia di una vendetta e di molti segreti. I percorsi di due uomini misteriosamente uniti, guidati rispettivamente dall’odio e dall’amore, si sviluppano in una Bordeaux grigia, piovosa, sporca, apparentemente tranquilla, ma in realtà agitata da vecchi rancori e contrasti tra ex partigiani, ex collaborazionisti e malavita locale. A tutto fa da sfondo la tragica guerra d’Algeria. Celebrato come capolavoro del genere poliziesco, Dopo la guerra è in realtà un capolavoro in senso assoluto, in cui l’azione si alterna all’introspezione, il cinismo si scontra col rimorso e la brutalità opprime, ma non riesce a sconfiggere del tutto, l’amore. Premio Le Point del romanzo noir europeo nel 2014.

Dopo la guerra di Hervé Le Corre

Le Corre Hervé