Narrativa

Barbablù

Nothomb Amélie

Descrizione: Una rivisitazione in chiave femminile dell’antica fiaba che indaga il cannibalismo sentimentale per tentare una risposta originale e netta all’annoso quesito: che cos’è l’amore?

Categoria: Narrativa

Editore: Voland

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788862431354

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

“Mi sono innamorato di lei. Lei è la mia nona coinquilina. Lei non sostituisce le otto donne che l’hanno preceduta. Io continuo ad amarle. Ogni volta, l’amore è qualcosa di nuovo. Ci vorrebbe un verbo nuovo ogni volta. Eppure, il verbo amare è appropriato, perché c’è una tensione comune a tutti gli amori, e quel verbo è l’unico che riesce ad esprimerla”.

L’amore è il motore dell’intero romanzo e con esso l’anti-amore.

E’ l’amore, o meglio la ricerca di esso, che spinge l’eccentrico e misterioso nobile spagnolo in esilio a Parigi, don Elemirio Nibal y Milcar, il Grande di Spagna, ad affittare una stanza del suo lussuoso appartamento a delle donne dai nomi evocativi. Ne sono passate ben otto dalla sua dimora e di tutte si è innamorato.

La venticinquenne belga Saturnine è la nona a rispondere all’annuncio e a trasferirsi nella casa dei segreti, senza preoccuparsi dell’inquietante mistero che circonda la scomparsa delle precedenti inquiline.

La storia si snoda attraverso le conversazioni serali dei due protagonisti che, complice l’ottimo champagne, conducono lentamente il lettore verso la verità:  la presenza della stanza dei segreti e la scoperta dell’orrore che si cela dietro il manto dorato del luogo che li ospita.

Il breve romanzo della scrittrice belga ci conduce ad una necessaria riflessione sull’amore e sulle sue degenerazioni, attraverso un percorso inusuale fatto di immagini e metafore che spiazzano, seducono e rapiscono. Vi troviamo un’analisi puntuale sulla natura umana e sulle sue deviazioni, a partire dal sentimento che più profondamente unisce gli individui, ma che è anche capace di trasformarli, loro malgrado, in vittime e carnefici.

Il male come presenza necessaria dei romanzi della Nothomb torna anche nelle pagine di questo suo ultimo lavoro, come d’altronde lascia presagire il titolo fortemente evocativo del libro.

Una scelta questa ed una visione del mondo ben lontane da quelle di tanta letteratura di consumo a cui l’autrice rivolge, attraverso le parole della sua protagonista, un’aspra critica: “Volevo che lei non fosse un assassino. Sono di quell’idiozia che va di moda oggi. Recentemente, un best seller mondiale ha sostenuto che esistessero vampiri gentili e innocenti. La gente ormai è contenta soltanto quando gli si dichiara che il male non esiste. Ma no, i cattivi non sono dei veri cattivi, il bene seduce anche loro. Che razza di cretini rimbambiti siamo diventati per berci e apprezzare queste teorie balorde?”.

Gli estimatori della Nothomb potranno forse rimanere un po’ delusi dall’approssimazione e macchinosità di alcuni passaggi. Barbablù rimane comunque un lavoro nel complesso ben riuscito e  appassionante.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Amélie

Nothomb

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nothomb Amélie


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Andrea e Maria Bellomo, fratello e sorella, sono uniti da un legame fortissimo, che affonda le radici in un passato difficile. Antonella, la madre, li ha cresciuti da sola. Andrea vive a Lecce, dove è attore e regista di una piccola compagnia di teatro, la "PPP". Maria vive a Roma, ed è una delle promesse più interessanti nel panorama italiano del cinema e della televisione. Cosa accadrà quando Andrea, stanco della vita di provincia, raggiungerà sua sorella a Roma?

Beati i puri

Pagano Luciano

Un’auto lascia Roma di primo mattino. Durante tutto il viaggio, l’uomo al volante, un famoso regista, racconta la sua vita a chi gli siede accanto, il suo compagno, che ama di un amore sconfinato ormai da qualche anno. Sullo sfondo, il palazzo dove ogni cosa accade, crocevia di diverse solitudini, ma anche di incontri folgoranti e travolgenti passioni. E, soprattutto, Roma, come nessuno l’ha mai raccontata. Gli anni Ottanta e l’atmosfera di estrema libertà, la comunità gay e le lunghe estati nel segno della trasgressione, il flagello dell’Aids, la solidarietà che cementa grandi amicizie. Con uno stile irresistibile, lieve e toccante al tempo stesso, al suo secondo libro Ferzan Ozpetek, il regista che più di ogni altro sa parlare di sentimenti, ci guida in un viaggio avanti e indietro nel tempo, sospeso tra pianti e risate, fiction e realtà. Il suo è un mondo popolato da personaggi indimenticabili e bizzarri. Trans sul viale del tramonto, ballerini cleptomani, raffi nati intellettuali, inguaribili romantiche, madri degeneri e fi gli devoti. Le loro storie, esilaranti eppure commoventi, compongono “la Storia” di una vita che si annulla in un’altra, come estremo dono d’amore. Al centro, un sentimento assoluto, capace di resistere a qualsiasi prova della vita: l’Amore.

Sei la mia vita

Ozpetek Ferzan

Per il detesctive Harry Bosch della polizia di Los Angeles un caso irrisolto è una ferita aperta. Per questo, quando sulle colline intorno a Hollywood raffiorono le ossa di un bambino, ucciso brutalmente venti anni prima, Bosch sente di dover scoprire l'assassino a ogni costo. Con un'indagine difficile, che porta alla luce storie sepolte da tempo, Bosch riesce a scoprire l'identità del bambino e a ricostruire la vita spezzata. Sfidando l'indifferenza della polizia, già pronta ad archiviare il caso e lottando contro i fantasmi che quella vicenda suscita in lui, Bosch annaspa tra indizi contraddittori, finché, in un crescendo di colpi di scena, la verità viene a galla. In tutto il suo inimmaginabile orrore.

LA CITTA’ DELLE OSSA

Connelly Michael

"La giustizia degli uomini non mi tocca. Nessun tribunale della terra saprebbe giudicarmi", Così esordisce nel romanzo il protagonista Tullio Hermil. Costantemente infedele alla moglie Giuliana, in un tardivo tentativo dì riavvicinamento alla propria consorte egli scopre che questa porta in seno il frutto di un unico, irreparabile tradimento. Fra sé e la rinnovata passione verso Giuliana si frappone il piccolo intruso, e Tullio non esita a provocare la morte della creatura innocente. Influenzato da Tolstoij e Dostoevskij, pregno dell'incipiente decadentismo contemporaneo, intriso delle letture di neurologia e psichiatria, questo romanzo dannunziano conobbe alla sua uscita nel 1892 un grande successo in Francia (dove fu subito tradotto) e nel resto dell'Europa, prima ancora che in Italia.

L’innocente

D'Annunzio Gabriele