Recensioni

Beati i puri

Pagano Luciano

Descrizione: Andrea e Maria Bellomo, fratello e sorella, sono uniti da un legame fortissimo, che affonda le radici in un passato difficile. Antonella, la madre, li ha cresciuti da sola. Andrea vive a Lecce, dove è attore e regista di una piccola compagnia di teatro, la "PPP". Maria vive a Roma, ed è una delle promesse più interessanti nel panorama italiano del cinema e della televisione. Cosa accadrà quando Andrea, stanco della vita di provincia, raggiungerà sua sorella a Roma?

Categoria: Recensioni

Editore: Musicaos Editore

Collana: Narrativa

Anno: 2016

ISBN: 9788899315450

Trama

Le Vostre recensioni

Il romanzo Beati i puri di Luciano Pagano si fonda sull’armonia dissonante degli opposti: il dualismo provincia/città fa da contraltare alla contrapposizione fratello/sorella, uomo/donna, insuccesso/fama.

Andrea ha davanti a sé una strada facile da percorrere, in fondo sua sorella è famosa e potrebbe aiutarlo a sfondare, a diventare un autore teatrale di fama nazionale. Potrebbe lasciare quella maledetta cittadina, la storia ormai consumata con Viviana e spiccare il facile volo. Ma la sua resistenza è forte, perché vorrebbe farcela da solo e perché ha una velleità intellettuale che gli fa guardare dall’alto in basso il successo televisivo commerciale di Maria.

Ecco qua – pensa il lettore – il solito “sfigato” che non capisce che spesso una scorciatoia non è nient’altro che un modo per arrivare più lontano e che il disprezzo può essere un pregiudizio: Maria è una famosa attrice televisiva, ma non ce l’ha fatta solo per il suo aspetto. Arrogarsi il diritto di sentirsi”puri” in un mondo di compromessi è una mera illusione, un desiderio forse: appare evidente quando finalmente l’uomo cede e decide di andare incontro al suo futuro, che si trasforma però in una resa dei conti con il passato, con un rapporto particolare, intenso e misterioso che lo attanaglia da sempre.

L’arrivo nella capitale non è che il primo di una serie di passi che porteranno il protagonista a una conclusione prevedibile nello sviluppo, ma originale nell’epilogo con un pathos degno della più classica delle tragedie greche. Perché la vita a volte diventa una lotta contro la storia che ereditiamo o ci portiamo addosso fin dall’infanzia con atti di coraggio e colpi di scena davvero inaspettati.

“Un giorno – quasi a dodici anni – indossai una maschera e un paio di pinne, trovai il coraggio di mettere la testa sotto, per la prima volta mi accorsi del mondo meraviglioso al quale avevo rinunciato, e quante gioie avevo perso fino al giorno in cui iniziai a conoscere davvero il mare. Quel momento sarà così? Avrò il terrore, lo stesso, di quel bambino che ha paura di affogare, o la felicità di chi scopre un velo dal mondo? Forse non me ne accorgerò. Non vorrò più uscire, sentirò di essere a casa, aprirò gli occhi e sentirò la vita vera.”

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Luciano

Pagano

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pagano Luciano


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Arthur Bramhall, un professore di letteratura dell’università del Maine, durante il suo anno sabatico lavora, in una fattoria, alla realizzazione di un libro. Ma quando la fattoria brucia il manoscritto segue la sua stessa fi ne. Con i soldi dell’assicurazione, Arthur si costruisce un rifugio dove comincia la seconda stesura del suo libro Destiny and Desire. Una volta fi nito il romanzo lo sotterra sotto un pino prima di andare a festeggiare in paese. Mentre Arthur se la spassa un orso affamato scopre la valigetta con il mascritto e dopo una veloce lettura decide che il libro può diventare un best seller. L’orso, Hal Jam, viaggia fino a New York dove viene acclamato come autore di successo e ospite d’eccezione per i party mondani, mentre la disperazione animalesca di Bramhall cresce sempre di più fino a portalo all’isolamento dai suoi vecchi amici.

L’ORSO CHE VENNE DALLA MONTAGNA

Kotzwinkle William

Chani sta per sposarsi con Baruch, che ha visto pochissime volte. È piena di dubbi, come del resto anche lui, perché entrambi sentono ‘qualcosa’, ma non sanno neanche da dove cominciare a costruire le basi della loro vita insieme. Perché nessuno racconta loro le cose importanti. Perché non si sono mai tenuti per mano, non hanno mai fatto niente insieme. Vivono una vita imposta dagli altri, consapevoli e, per questo, spaventati. Nel frattempo Rivka, la Rebbetzin (la moglie del rabbino), che dovrebbe guidare le giovani donne della comunità Charedi di cui fa parte, vive una profonda crisi con se stessa e suo marito, per il quale ha cambiato tutta la sua vita, sembra non capire. E Avromi, giovane rampollo della comunità, figlio di Rivka e del rabbino Chaim, scopre che fuori dal castello ‘dorato’ della religione ultraortodossa della loro comunità, c’è un mondo intero che lo chiama a pieni polmoni: c’è il sesso, l’amore, un’altra vita.

Il matrimonio di Chani Kaufman

Harris Eve

Lino Mastromarino dialoga con Lilly

In un elastico spettacolare di azzardi e tradimenti, di inseguimenti e azione, di disperazione e visionarietà, questo "romanzo criminale" scandinavo viene consegnato al lettore come un pacco che non si può mandare indietro, e la storia (realmente accaduta) dei tre ragazzi "uniti contro il mondo", il loro legame unico segnato dalla violenza, la loro reazione a un destino sfortunato ci rivela una volta per tutte quanto sia sottile la linea di demarcazione tra condanna e assoluzione. Scritto da Anders Roslund (autore, assieme a Börge Hellström, di bestseller mondiali come Tre secondi) e da Stefan Thunberg, sceneggiatore all'esordio narrativo e fratello di Carl, Johan Alin e Lennart Sumonja, i veri autori delle rapine sulla cui storia è basato il romanzo, Made in Sweden è stato salutato come una miracolosa sintesi tra Stieg Larsson e Romanzo criminale. Il libro è in via di traduzione in tutti i paesi del mondo, i diritti cinematografici sono stati acquistati dalla DreamWorks e, appena uscito, ha raggiunto in Svezia il primo posto in classifica.

Made in Sweden

Roslunf Anders, Thunberg Stefan