Recensioni

Beati i puri

Pagano Luciano

Descrizione: Andrea e Maria Bellomo, fratello e sorella, sono uniti da un legame fortissimo, che affonda le radici in un passato difficile. Antonella, la madre, li ha cresciuti da sola. Andrea vive a Lecce, dove è attore e regista di una piccola compagnia di teatro, la "PPP". Maria vive a Roma, ed è una delle promesse più interessanti nel panorama italiano del cinema e della televisione. Cosa accadrà quando Andrea, stanco della vita di provincia, raggiungerà sua sorella a Roma?

Categoria: Recensioni

Editore: Musicaos Editore

Collana: Narrativa

Anno: 2016

ISBN: 9788899315450

Trama

Le Vostre recensioni

Il romanzo Beati i puri di Luciano Pagano si fonda sull’armonia dissonante degli opposti: il dualismo provincia/città fa da contraltare alla contrapposizione fratello/sorella, uomo/donna, insuccesso/fama.

Andrea ha davanti a sé una strada facile da percorrere, in fondo sua sorella è famosa e potrebbe aiutarlo a sfondare, a diventare un autore teatrale di fama nazionale. Potrebbe lasciare quella maledetta cittadina, la storia ormai consumata con Viviana e spiccare il facile volo. Ma la sua resistenza è forte, perché vorrebbe farcela da solo e perché ha una velleità intellettuale che gli fa guardare dall’alto in basso il successo televisivo commerciale di Maria.

Ecco qua – pensa il lettore – il solito “sfigato” che non capisce che spesso una scorciatoia non è nient’altro che un modo per arrivare più lontano e che il disprezzo può essere un pregiudizio: Maria è una famosa attrice televisiva, ma non ce l’ha fatta solo per il suo aspetto. Arrogarsi il diritto di sentirsi”puri” in un mondo di compromessi è una mera illusione, un desiderio forse: appare evidente quando finalmente l’uomo cede e decide di andare incontro al suo futuro, che si trasforma però in una resa dei conti con il passato, con un rapporto particolare, intenso e misterioso che lo attanaglia da sempre.

L’arrivo nella capitale non è che il primo di una serie di passi che porteranno il protagonista a una conclusione prevedibile nello sviluppo, ma originale nell’epilogo con un pathos degno della più classica delle tragedie greche. Perché la vita a volte diventa una lotta contro la storia che ereditiamo o ci portiamo addosso fin dall’infanzia con atti di coraggio e colpi di scena davvero inaspettati.

“Un giorno – quasi a dodici anni – indossai una maschera e un paio di pinne, trovai il coraggio di mettere la testa sotto, per la prima volta mi accorsi del mondo meraviglioso al quale avevo rinunciato, e quante gioie avevo perso fino al giorno in cui iniziai a conoscere davvero il mare. Quel momento sarà così? Avrò il terrore, lo stesso, di quel bambino che ha paura di affogare, o la felicità di chi scopre un velo dal mondo? Forse non me ne accorgerò. Non vorrò più uscire, sentirò di essere a casa, aprirò gli occhi e sentirò la vita vera.”

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Luciano

Pagano

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pagano Luciano

Lynda e Robert Graham possono dirsi soddisfatti della vita che si sono costruiti. Una bella casa in un quartiere benestante di Dublino, la sicurezza economica, due figli invidiabili, Katie e Ciaràn. Nonostante qualche nuvola passeggera e qualche preoccupazione legata al comportamento un po' aggressivo del figlio adolescente, i Graham vedono scorrere la loro esistenza placidamente, riflessa nel giardino giapponese che ogni mattina all'alba Lynda si ferma qualche attimo a contemplare con l'orgoglio dell'artista. C'è solo un neo in questo perfetto quadro famigliare: si tratta di Danny, il fratello minore di Robert, uno scapestrato che periodicamente sconvolge la loro routine con le sue pretese e i suoi modi prepotenti. Per fortuna, nella casa dei Graham arriva una persona che porta un po' di serenità. Ciaràn infatti presenta ai suoi Jon, un amico bello, educato e sensibile, che presto diventa una presenza fissa al punto da trasferirsi da loro. Agli occhi di tutti Jon sembra l'ospite perfetto, forse troppo: l'istinto di Lynda le suggerisce che qualcosa non va... Chi è veramente il dolce e disponibile Jon?

DONNA ALLA FINESTRA

Dunne Catherine

Con interventi di Valerio Galasso, biologo nutrizionista

Spizzichi e bocconi

De Luca Erri

Storia del nuovo cognome è il seguito dell’amica geniale, pubblicato nel 2011. L’amica geniale racconta l’infanzia e l’adolescenza di due ragazze napoletane, Lila e Lenù, seguite nelle intense peripezie della loro amicizia, in un quartiere povero e feroce negli anni del passaggio a un benessere conquistato con ogni mezzo. Al cuore del romanzo c’è il rapporto tra le due amiche, un rapporto di affetto, di gelosia, di competizione, di emulazione, di rifiuto e di attrazione vertiginosa. Ritroviamo le due protagoniste e la loro straordinaria amicizia nelle nuove prove che la vita mette loro davanti. Lila si sposa a soli diciassette anni con un giovane del quartiere arricchitosi con commerci e traffici non sempre limpidi, e diventa la signora Carracci in una nuova esistenza dove agio e violenza, frustrazione e potere si mischiano. Lenù continua invece a studiare, suscitando l’ammirazione e l’invidia dell’amica. È una gara a chi delle due riuscirà a uscire dal quartiere che le imprigiona, a liberarsi da un ambiente che entrambe odiano. Ameranno anche lo stesso uomo.

Storia del nuovo cognome

Ferrante Elena

Questa è la quarta avventura per l'investigatrice Stella Spada, apparsa sulla scena con "L'Ombra della Stella", ritrovata poi in "Terra alla Terra" e nel più recente "Grigio come il Sangue". Stella chiude alcuni casi sul territorio bolognese e per la prima volta esce dalla sua città. Non va molto lontano ma per lei è come emigrare. Si reca a Duemondi, un paese dell'entroterra Comacchiese, dove il sindaco Elisa Onofri la ingaggia per cercare il figlio che a otto anni, mentre stava giocando a nascondino con alcuni amici nei pressi di un rudere, è sparito senza lasciare traccia. Sono passati due anni da allora e la Polizia sta ancora indagando, il Sindaco però spera che Stella abbia qualche intuizione in più rispetto quelle degli inquirenti. E Stella come sempre finirà per avere l'intuizione giusta, investigando con il suo sistema così personale. Nel romanzo ritroviamo personaggi vecchi e nuovi, tutti però contribuiscono a creare l'atmosfera, sempre un po' surreale e grottesca, in cui si muove Stella Spada.

L’orecchio del diavolo

Lusetti Lorena