Letteratura francese

Bel-Ami

De Maupassant Guy

Descrizione: Un maschio eterno, del tutto privo di moralità, molto avido, un po' vile, anche sentimentale (solo con se stesso). Sullo sfondo della Francia della Terza Repubblica, Bel-Ami è l'arrampicatore sociale per eccellenza con un'unico obiettivo: il successo e il profitto a qualunque costo

Categoria: Letteratura francese

Editore: Mondadori

Collana: Oscar grandi classici

Anno: 2001

ISBN: 9788804480563

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Dopo aver militato in Algeria, giunge nella Parigi della belle epoque ed incontra fortunosamente un vecchio amico, Forestier, che gli spalanca le porte della propria casa e lo introduce nel mondo del giornalismo e nei salotti della gente che conta.

Così Bel-Amì inizia la sua ascesa sociale senza scrupoli: usa le persone che lo hanno aiutato, umilia le donne che lo hanno amato ed i suoi obiettivi si fanno sempre più immodesti.

Intrigante e profondo, Bel-Amì è un romanzo così ben scritto da fare invidia…

Con George Duroy, Maupassant non crea un eroe, ma descrive una persona vera, viva, che certo non brilla per rettitudine e nobiltà d’animo. Una persona dalle origini umili che cerca il riscatto e persegue i propri obiettivi con un carisma ed un’energia fuori dal comune: tutte le donne cadono ai suoi piedi; i deboli gli cedono il passo.

Aveva sempre l’aria di sfidare qualcuno, i passanti, le case, le città intere per vezzo di bel soldato decaduto allo stato borghese”.

Molto bella l’immagine del Palais Bourbon e di Bel-Amì che lo guarda bramoso all’uscita della chiesa in cui ha mietuto l’ultima vittima, un’amabile ereditiera appena divenuta sua sposa.

Un epilogo che sembra preannunziare un secondo atto e lascia intendere che probabilmente Bel-Amì riuscirà a raggiungere altre mete…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Guy

Maupassant

De

Libri dallo stesso autore

Intervista a De Maupassant Guy

Marianna Scamardella giovanissima giallista

Anne, Hanna, Anny: tre ragazze, tre spiriti liberi che si scontrano con le chiusure dell'epoca in cui vivono. Anne, nelle Fiandre del XVI secolo, è una mistica che parla con gli animali come San Francesco, fa il bene perché non concepisce altra forma di agire, percepisce Dio nella natura e non comprende la necessità dei riti religiosi. Ma è fuori tempo rispetto al periodo della Controriforma e dell'Inquisizione: la sua estatica serenità viene presto tacciata di eresia. Hanna, nella Vienna inizio Novecento, è una giovane aristocratica alla ricerca di se stessa, insoddisfatta delle serate all'opera e delle convenzioni borghesi. Dopo molta infelicità riuscirà a individuare nella psicoanalisi, nuova strabiliante cura appena inventata dal dottor Freud, il modo per raggiungere le radici del suo malessere. Anny è una star di Hollywood dei nostri tempi, drogata di celebrità e di sostanze stupefacenti, che cerca con l'abbrutimento di dare un senso a una vita in cui l'unico valore è il denaro: ci riuscirà invece attraverso la recitazione, e nel suo travagliato percorso esistenziale troverà l'amore. Le storie delle tre giovani donne si intersecano nonostante i secoli che le dividono in un intreccio sempre più appassionante che in un crescendo di rivelazioni porta le tre vicende a una conclusione congiunta.

LA DONNA ALLO SPECCHIO

Schmitt Eric-Emmanuel

In un punto preciso dello spaziotempo Raffaele, satiro irrequieto, inciampa da una storia all'altra in cerca di successo e Fabio, misantropo nerd, insegue se stesso e la fortuna in un agone digitale di improbabili social. L'incrocio sbilenco delle loro vite innesca un romanzo selvaggio, labirintico, possente. Cometa è l'epopea disastrata, erotica e lisergica degli eroi senza motivo. Archetipi di una generazione fuori fuoco, il cui centro è dappertutto ma sempre altrove. L'odissea senza approdo di una stirpe di eletti a niente che cavalca il progresso come una pulce su un cavallo imbizzarrito, traghettata da sogni frenetici e deliri tecnologici. Gregorio Magini celebra il dispiegarsi incerto dell'epoca che viviamo e approda a una visione del futuro a cui tutti, volenti o impotenti, siamo destinati.

Cometa

Magini Gregorio

Dopo una vacanza di qualche secolo Dio è tornato in ufficio, in Paradiso, e per prima cosa chiede al suo staff un brief sugli ultimi avvenimenti. I suoi gli fanno un quadro talmente catastrofico - preti che molestano i bambini, enormità di cibo sprecato e popolazioni che muoiono di fame... - che Dio si vede costretto a rimandare giù il figlio per dare una sistemata. JC (Jesus Christ) gli dice: "Sei sicuro sia una buona idea? Non ti ricordi cosa è successo l'altra volta?" Ma Dio è irremovibile. Così JC piomba a NY, dove vive con alcuni drop-out e ha modo di rendersi conto in prima persona dell'assurdità del mondo degli uomini. E cerca, come può, di dare una mano. Il ragazzo non sa fare niente, eccetto suonare la chitarra. E riesce a finire in un programma di talenti alla tv. Un gran bel modo per fare arrivare il suo messaggio a un sacco di gente. Ma, come già in passato, anche oggi chi sta dalla parte dei marginali non è propriamente ben visto dalle autorità.

A volte ritorno

Niven John