Teatro

Benvenuti a teatro. Dove tutto è finto ma niente è falso…

Descrizione:

Categoria: Teatro

Editore:

Collana:

Anno:

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Analizzare il teatro attraverso il solo testo scritto è un po’ come osservare la luna riflessa nel mare senza alzare gli occhi per ammirarla in tutto il suo splendore.

Nonostante ciò, possiamo scorgere nel riflesso increspato dalle onde una nuova faccia della luna, più sfumata, ma anche più vera, tanto da spingerci ad alzare lo sguardo in alto.

Intento di questa sezione è proprio quello di invitare il lettore ad apprezzare un nuovo linguaggio letterario, fatto di dialoghi, monologhi, pause, silenzi, attraverso la viva voce dei personaggi dell’opera, i quali avranno l’ardito compito di smuovere il lettore dalla sua rassicurante poltrona di lettore, per trasportarlo in uno spazio nuovo, in un luogo magico, dove finalmente il teatro potrà esprimersi con tutta la sua forza e dove il lettore diverrà spettatore attivo e consapevole.


Progetto ardito, ma stimolante.


E ora… “Benvenuti a teatro. Dove tutto è finto ma niente è falso…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

merica, Stato di New York, fine anni sessanta. Un gruppo di giovani decide di fondare una comune basata sull'amicizia, la condivisione, l'amore e l'indipendenza dal denaro. La chiameranno Arcadia. Ed è qui che nasce Briciola, il primo dei molti figli che andranno a popolare un mondo bucolico e ricco solo di ideali, ben presto corrotti dalle difficoltà della convivenza. La fine della comune costringerà Briciola e il suo grande amore Helle, nati e cresciuti in un mondo popolato da sognatori, a misurarsi con il mondo reale, quello della New York degli anni ottanta.

Arcadia

Groff Lauren

In una Barcellona avvolta nella nebbia, l'architetto e restauratore Gabriel Grieg riceve la visita di una sconosciuta, che gli dà una notizia sconvolgente: entro ventiquattr'ore il suo destino cambierà radicalmente. E in effetti, la sua vita sarà rivoluzionata dalla scoperta dell'oscuro potere della Chartam, un oggetto misterioso che gli esperti definiscono "il segreto meglio custodito degli archivi vaticani". Sulla Chartam, infatti, si fonda da secoli l'ordine gerarchico della Curia, emblematicamente raffigurato nel dipinto "La Torre di Babele" di Pieter Bruegel il vecchio. Grieg e la sua nuova compagna d'avventure si lanceranno così in un'indagine senza sosta, seguendo un tortuoso percorso che li porterà sulle tracce di una setta religiosa e di uno spregiudicato cardinale, fino a perdersi nei vicoli bui della città - dal Barrio Gotico al Montjuïc - e nei misteri iniziatici contenuti nelle opere del massimo rappresentante dell'architettura catalana: Antoni Gaudí.

Il labirinto sepolto di Babele

De Lys Francisco J.

Arrivato da lontano, saggio, elegante, il Professore suscita rispetto e ammirazione in tutti. È una figura venerabile, un maestro, in un tempo che i maestri non li sa riconoscere. Di lui si sa poco, o forse tantissimo. Un giorno il Professore annuncia la sua scomparsa a tutti gli abitanti del paese, e quello che rimane di lui è un quaderno lasciato nelle mani del panettiere Matteo e da lui consegnato al narratore. Il taccuino contiene, in forma di dialogo semifilosofico, la summa della visione del mondo del Professore: di più, una vera e propria storia dell'universo fino ai nostri giorni...

Il professore di Viggiù

Nove Aldo

Una passione d'amore bruciante, un lungo viaggio nelle profondità del desiderio di una donna per un'altra donna.

Scritto sul corpo

Winterson Jeanette