Narrativa

BENVENUTI IN CASA ESPOSITO

Imperatore Pino

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Giunti

Collana: A

Anno: 2012

ISBN: 9788809773691

Trama

Le Vostre recensioni

Nella sua semplicità l’idea che ha ispirato Pino Imperatore inducendolo a creare la famiglia Esposito, si rivela una trovata geniale. Una famiglia napoletana, classica, assortita in modo un po’ bislacco con una piccola peculiarità: il capofamiglia fa un lavoro che definirei “particolare”.

Tonino Esposito, così si chiama il protagonista, riscuote dai commercianti del quartiere Sanità, lo stesso che vide i natali del principe della risata Totò, i contributi per la sicurezza per conto del suo ‘Capo’, un boss conosciuto come o’ Tarramoto.

Tonino Esposito è figlio d’arte. Il padre è stato il boss del quartiere, rimpiazzato, dopo morte violenta, da o’ Tarramoto il quale, per rispetto al suo predecessore, elargisce a Tonino una rendita mensile che gli consentirebbe di vivere senza lavorare. Lui però è orgoglioso e insiste per ricalcare le orme paterne. C’è un solo problema: Tonino è il più imbranato, confusionario e sfortunato esattore che la malavita abbia mai ingaggiato. Non fa altro che mettersi nei guai e s’impegola in situazioni tragicomiche trascinandosi dietro il povero aiutante Enzuccio.

“Benvenuti in Casa Esposito” ci guida, attraverso la vita quotidiana dei protagonisti, in un viaggio tragicomico, realista e crudele. Ci presenta la Napoli più vera, ma anche la più meschina, con le sue difficoltà e il rocambolesco modo di vivere e arrangiarsi di alcuni suoi cittadini.

I personaggi sono dei veri affreschi neorealistici, che inteneriscono e a volte commuovono, ma che sono capaci di far ridere anche se con un velo d’amarezza.

“Benvenuti in casa Esposito” è un libro sulla camorra? No. Come sostiene lo stesso Pino Imperatore, è ‘un libro nella camorra’. Ce ne mostra la consuetudine offrendone una visione diversa da quella abituale.L’autore illustra, mediante l’ironia, la quotidianità comune di Napoli, l’unico posto, forse, dove la realtà supera la fantasia. La sola città che nonostante tutte le brutture, riesce sempre a sperare in un futuro migliore.

Pino imperatore con “Benvenuti in Casa Esposito” è al suo romanzo d’esordio, sebbene la sua attività letteraria sia più che collaudata. Imperatore ha infatti all’attivo diverse pubblicazioni tra cui “Manteniamo la salma”, “In principio era il verbo, poi vennero il soggetto e il complemento” e “Tutti a posto e niente in ordine”.

Fondatore a Napoli del “Laboratorio di scrittura  creativa Achille Campanile”, dal 2005 è responsabile della sezione Scrittura Comica del “Premio Massimo Troisi”. Come lo stesso autore dichiara delle pagine di ringraziamento alla fine del romanzo, “Benvenuti in casa Esposito” è frutto anche dell’esperienza che ha avuto come giornalista, attività questa che gli ha fatto toccare con mano la complessa realtà napoletana. E’ forse proprio grazie a questa esperienza sul campo che Imperatore riesce a trattare un argomento così delicato, evitando i soliti luoghi comuni e rendendolo tanto vero.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Pino

Imperatore

Libri dallo stesso autore

Intervista a Imperatore Pino

Una passione d'amore bruciante, un lungo viaggio nelle profondità del desiderio di una donna per un'altra donna.

SCRITTO SUL CORPO

Winterson Jeanette

C’è la misteriosa eredità di Tabitha Dyerson, la guaritrice – o maga – del paese, che sposò il Dr. Robert Morgan, un disertore della guerra civile. Gli infermi della città si radunavano attorno a Tabitha, i cui rimedi a base di erbe curavano molti più pazienti di quanto i metodi scientifici di suo marito avessero mai fatto. Si diceva che Tabitha avesse lasciato un ‘‘libro delle ombre’’, un libro da strega con le ricette di tutte le sue pozioni. Nonostante in molti lo avessero cercato, nessuno era mai riuscito a trovarlo... fino ad ora. Il lettore segue la vita di Truly, la figlia di Tabitha, i suoi tempi e le sue avventure. Le sottotrame abbondano, così come le risate, le lacrime, gli intrighi, le bugie e la magia.

LA RAGAZZA GIGANTE DELLA CONTEA DI ABERDEEN

Baker Tiffany

E se l'appello non fosse un semplice elenco? Se pronunciare un nome significasse far esistere un po' di più chi lo porta? Allora la risposta "presente!" conterrebbe il segreto per un'adesione coraggiosa alla vita. Questa è la scuola che Omero Romeo sogna. Quarantacinque anni, gli occhiali da sole sempre sul naso, Omero viene chiamato come supplente di Scienze in una classe che affronterà gli esami di maturità. Una classe-ghetto, in cui sono stati confinati i casi disperati della scuola. La sfida sembra impossibile per lui, che è diventato cieco e non sa se sarà mai più capace di insegnare, e forse persino di vivere. Non potendo vedere i volti degli alunni, inventa un nuovo modo di fare l'appello, convinto che per salvare il mondo occorra salvare ogni nome, anche se a portarlo sono una ragazza che nasconde una ferita inconfessabile, un rapper che vive in una casa famiglia, un nerd che entra in contatto con gli altri solo da dietro uno schermo, una figlia abbandonata, un aspirante pugile che sogna di diventare come Rocky... Nessuno li vedeva, eppure il professore che non ci vede ce la fa. A dieci anni da "Bianca come il latte, rossa come il sangue", Alessandro D'Avenia torna a raccontare la scuola come solo chi ci vive dentro può fare. E nella vicenda di Omero e dei suoi ragazzi distilla l'essenza del rapporto tra maestro e discepolo, una relazione dinamica in cui entrambi insegnano e imparano, disponibili a mettersi in gioco e a guardare il mondo con occhi nuovi. È l'inizio di una rivoluzione? "L'Appello" è un romanzo che, attingendo a forme letterarie e linguaggi diversi - dalla rappresentazione scenica alla meditazione filosofica, dal diario all'allegoria politico-sociale e alla storia di formazione -, racconta di una classe che da accozzaglia di strumenti isolati diventa un'orchestra diretta da un maestro cieco. Proprio lui, costretto ad accogliere le voci stonate del mondo, scoprirà che sono tutte legate da un unico respiro.

L’appello

D'Avenia Alessandro

malgama di slanci e ritrosie, il dubbio è il vero e imponderabile (abarico) motore di quella ricerca che rende possibili i nostri esigui brandelli di verità: a questi a volte ci arrocchiamo, spacciandoli con orgoglio per grandi certezze, incuranti o inconsapevoli della loro ossidante caligine che cela l’orma davanti alla nostra e la lunghezza della strada… «Per la nostra autrice la Poesia è predestinazione e salvezza, impegno vitale, ricerca ed esperimento: “tra ritrosi belati dell’io / continua a chiamarmi un canto”.» (dalla Prefazione di Anna Maria Bonfiglio) «Angela Caccia, in questa raccolta, lascia al lettore il compito di percepire le profonde scanalature che il fondale sommuove, inesorabilmente, nel giro dell’esistenza. Non siamo dentro le acque quiete del mare che conosciamo. Leggendo i versi compare la poeta che recita nel chiuso della nostra postazione un puzzle multicolore, un labirinto enigmatico delle ore, nel transito del quotidiano. Il nostro tempo si sospende. Il racconto poetico prende corpo. Poesia intimista che libera energia costruttiva e catartica. Un notturno alla Chopin. Un esercizio virtuoso delle mani, tumultuoso e cieco: “(…) e sono l’orma di passi nel vicolo cieco / un ammasso di venti senza scampo” (da Fantasie).» (Vincenzo D’Alessio)

Il tocco albarico del dubbio

Angela Caccia