Esordienti

Bestiario di vite disgraziate

porcedda ambra

Descrizione: "Bestiario di vite disgraziate" è tutto quello che ci circonda e che a tratti ci spaventa, ma soprattutto ci fa ridere. Il bestiario è composto da storie allegramente disperate che, mano a mano, come in un percorso di smarrimento, si riempiono di personaggi disgraziati e sognatori, mentre l'occhio si sposta dall'interno all'esterno, dal personale al collettivo, e tutto diventa favolistico. Dalla risata amara di questi racconti nasce la convinzione di essere parte, assieme all'autrice, di questo affresco surreale e tragicomico dell'umanità. In definitiva il libro è un contenitore di bestie venute male, un po' storpie, eternamente tragiche, che serpeggiano fuori e dentro di noi, ma di cui, alla fine, non possiamo che innamorarci.

Categoria: Esordienti

Editore: Bebert edizioni

Collana: Gli illustrati

Anno: 2014

ISBN: 978-88-97967-15-6

Recensito da Valeria Martino

Le Vostre recensioni

Ambra Porcedda, Bestiario di vite disgraziate – ed. Bebert – Illustrazioni di Ciro Fanelli

“Storie allegramente disperate”: è così che è stata spesso definita questa raccolta di racconti e, oltre l’effetto immediato che l’ossimoro può suscitare, la definizione ben si addice a questo moderno bestiario.
La giovane scrittrice sarda Ambra Porcedda fa sfilare infatti, davanti agli occhi incuriositi del lettore, una serie di personaggi talmente surreali e tragicomici che, paradossalmente, diventano reali e riconducibili a ognuno di noi. Strano? No, per nulla. Chi non troverà, scavando nel proprio repertorio dei ricordi scolastici, una “Maestraantonella” a cui si era obbligati a fare il regalo di fine anno, nonostante ci avesse considerato sempre quasi deficienti??
Chi non si mai ritrovata a un’interminabile appuntamento con un “Signor Beige” o, alternativamente, con l’antropologo che ama i buskers – coltiva l’orto biologico – si fa le canne – ascolta Capossela? È  capitato, sì…
I racconti sono ricordi, sogni, vita vissuta e i protagonisti sono disgraziati, perché a volte le loro vite finiscono male, ma soprattutto perché spesso non hanno grazia, non sanno gestire le situazioni.
E allora queste “bestie” moderne siamo tutti noi e non si può non sorridere davanti a questo linguaggio provocatorio, a volte insolente oppure davanti all’ingenuità della signorina che colleziona Phun (esilarante e quanto mai diffuso!) o davanti a quel Benzi, che va in giro con il giubbetto di pelle dalla De Filippi, con quel vizietto…
Da leggere, con semplicità, leggerezza e ironia. E non sono da meno le illustrazioni oniriche di Ciro Fanelli, che scandiscono le visioni letterarie della giovane e promettente scrittrice.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ambra

Porcedda

Libri dallo stesso autore

Intervista a porcedda ambra


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Costellazioni di Ilaria Spes

Per Isabella Bossi Fedrigotti la scrittura è sempre stata una «scorciatoia segreta» per indagare a fondo i legami familiari, svelando le tensioni e i veleni ipocritamente nascosti in molti inferni domestici. In questo libro, la sua scorciatoia segreta l’ha condotta ancora più in fondo, lì dove abitualmente regna il silenzio dell’incomprensione e del dolore. L’ha portata a raccontare storie di figli dimenticati e lasciati soli da genitori fragili, frustrati o semplicemente egoisti. La sua attenta compassione ci inchioda commossi al racconto di queste piccole vite difficili segnate dalla solitudine: Lorenzo – con i suoi «non voglio» gridati e le sue instancabili domande – che, sconfitto e domato, finisce con lo spegnere la sua energia e la sua curiosità diventando un adolescente silenzioso, assente e indifferente. Annalisa, intoccabile e irraggiungibile, innamorata del suo corpo senza carne. Paolina, bambina soave che finisce a vivere per strada, infagottata, sporca e arrabbiata. Pietro, che scappa continuamente di casa per sottrarsi alla triste giostra della famiglia allargata. Francesco e la sua trascinante vitalità prosciugata da videogiochi e film porno. Dopo aver letto queste storie sarà davvero difficile farsi cogliere impreparati dalla solitudine dei nostri figli.

Se la casa è vuota

Fedrigotti Bossi Isabella

Charlotte Simmons, bella e intelligente, ha vinto una borsa di studio e si ritrova catapultata dal paesino nelle montagne del North Carolina dove ha sempre vissuto nella prestigiosa Dupont University. Scoprirà presto che dietro la facciata di eccellenza culturale si agita un mondo corroso da una feroce competizione per il predominio, accademico, razziale, sociale, sessuale. La ragazza si sente lusingata quando scopre di essere stata "adottata" dai principali esponenti dell'élite studentesca. Entrare nelle loro grazie è per Charlotte una meravigliosa sorpresa, qualcosa che dà alla testa e rischia di farle tradire completamente i valori in cui è cresciuta, prima di arrivare a capire la grandezza del suo essere diversa e la forza che le dà la sua innocenza.

Io sono Charlotte Simmons

Wolfe Tom

Lavorare in un ospedale psichiatrico è difficile. Ogni giorno la dottoressa Ellen Roth si scontra con un’umanità reietta, con la sofferenza più indicibile, con il buio della mente. Tuttavia, a questo caso non era preparata: la stanza numero 7 è satura di terrore, la paziente rannicchiata ai suoi piedi è stata picchiata, seviziata. È chiusa in se stessa, mugola parole senza senso. Dice che l’Uomo Nero la sta cercando. La sua voce è raccapricciante, è la voce di una bambina in un corpo di donna: le sussurra che adesso prenderà anche lei, Ellen, perché nessuno può sfuggire all’Uomo Nero. E quando il giorno dopo la paziente scompare all’ospedale senza lasciare traccia, per Ellen incomincia l’incubo. Nessuno l’ha vista uscire, nessuno l’aveva vista entrare. Ellen la vuole rintracciare a tutti i costi ma viene coinvolta in un macabro gioco da cui non sa come uscire. Chi è quella donna? Cosa le è successo? E chi è veramente l’Uomo Nero? Ellen non può far altro che tentare di mettere insieme le tessere di un puzzle diabolico, mentre precipita in un abisso di violenza, paranoia e angoscia. Eppure sa che, alla fine, tutti i nodi verranno al pettine...

LA PSICHIATRA

Dorn Wulf