Esordienti

Bestiario di vite disgraziate

porcedda ambra

Descrizione: "Bestiario di vite disgraziate" è tutto quello che ci circonda e che a tratti ci spaventa, ma soprattutto ci fa ridere. Il bestiario è composto da storie allegramente disperate che, mano a mano, come in un percorso di smarrimento, si riempiono di personaggi disgraziati e sognatori, mentre l'occhio si sposta dall'interno all'esterno, dal personale al collettivo, e tutto diventa favolistico. Dalla risata amara di questi racconti nasce la convinzione di essere parte, assieme all'autrice, di questo affresco surreale e tragicomico dell'umanità. In definitiva il libro è un contenitore di bestie venute male, un po' storpie, eternamente tragiche, che serpeggiano fuori e dentro di noi, ma di cui, alla fine, non possiamo che innamorarci.

Categoria: Esordienti

Editore: Bebert edizioni

Collana: Gli illustrati

Anno: 2014

ISBN: 978-88-97967-15-6

Recensito da Valeria Martino

Le Vostre recensioni

Ambra Porcedda, Bestiario di vite disgraziate – ed. Bebert – Illustrazioni di Ciro Fanelli

“Storie allegramente disperate”: è così che è stata spesso definita questa raccolta di racconti e, oltre l’effetto immediato che l’ossimoro può suscitare, la definizione ben si addice a questo moderno bestiario.
La giovane scrittrice sarda Ambra Porcedda fa sfilare infatti, davanti agli occhi incuriositi del lettore, una serie di personaggi talmente surreali e tragicomici che, paradossalmente, diventano reali e riconducibili a ognuno di noi. Strano? No, per nulla. Chi non troverà, scavando nel proprio repertorio dei ricordi scolastici, una “Maestraantonella” a cui si era obbligati a fare il regalo di fine anno, nonostante ci avesse considerato sempre quasi deficienti??
Chi non si mai ritrovata a un’interminabile appuntamento con un “Signor Beige” o, alternativamente, con l’antropologo che ama i buskers – coltiva l’orto biologico – si fa le canne – ascolta Capossela? È  capitato, sì…
I racconti sono ricordi, sogni, vita vissuta e i protagonisti sono disgraziati, perché a volte le loro vite finiscono male, ma soprattutto perché spesso non hanno grazia, non sanno gestire le situazioni.
E allora queste “bestie” moderne siamo tutti noi e non si può non sorridere davanti a questo linguaggio provocatorio, a volte insolente oppure davanti all’ingenuità della signorina che colleziona Phun (esilarante e quanto mai diffuso!) o davanti a quel Benzi, che va in giro con il giubbetto di pelle dalla De Filippi, con quel vizietto…
Da leggere, con semplicità, leggerezza e ironia. E non sono da meno le illustrazioni oniriche di Ciro Fanelli, che scandiscono le visioni letterarie della giovane e promettente scrittrice.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ambra

Porcedda

Libri dallo stesso autore

Intervista a porcedda ambra


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Una scia grigio verde dagli occhi

John Wayne Cleaver è un ragazzo potenzialmente pericoloso. Molto pericoloso. Giudicate voi stessi: un bambino che passa il suo tempo dentro casa - a dirla tutta è un vero sociopatico-, che vive tra i cadaveri dell' obitorio locale, amministrato dalla madre e dalla zia, che ha una tendenza a uccidere gli animali e da quando è piccolo nutre un' autentica passione per gli assassini seriali. Visto così, il suo destino è segnato. Ma consapevole di questa sua propensione e non molto eccitato all'idea di diventare un serial killer, John ha deciso di parlare con uno psicologo e di seguire alcune regole precise: avere solo pensieri positivi verso le persone che lo circondano; non avvicinarsi agli animali; evitare le scene dei crimini. Ma quest'ultimo proposito diventa molto difficile da rispettare quando, proprio vicino casa, vengono ritrovati molti corpi atrocemente mutilati.

IO NON SONO UN SERIAL KILLER

Wells Dan

«I banchi di scuola a volte sembrano banchi di nebbia, oltre i quali è sempre più difficile per un insegnante indovinare la vita, le attese, le paure dei suoi allievi. Qualcosa si è rotto in questo incontroscontro generazionale, adulti e ragazzi fanno sempre più fatica a stare insieme per capirsi e anche per litigare, quando serve: eppure la dialettica vitale di una società dinamica deve passare per forza attraverso questa sintesi precaria che è un’aula di scuola. È il momento di far ripartire il dialogo: chiunque può aprire davanti ai nostri occhi una finestra e far entrare il vento e un paesaggio inaspettato: chiunque, anche lo studente dell’ultimo banco, anche l’insegnante più stanco.» In questa raccolta di riflessioni e aneddoti l’autore ci conduce nel mondo della scuola e della società contemporanea, rivelandone paradossi e vuoti ma anche colori e ricchezza. Nelle pagine di questo libro troveremo non solo un’arguta descrizione della realtà in cui ciascuno di noi è immerso, ma anche l’invito a ripensare la scuola come il luogo che — attraverso la discussione e la condivisione di valori tra generazioni — può fornire «gli strumenti per affrontare la vita, grande, complessa e meravigliosa che ci attende ogni giorno».

Vento forte tra i banchi

Lodoli Marco

Gira una voce: che Amundsen coltivi lo stesso proposito, ovvero raggiungere il Polo Sud, ma il norvegese nega. Sarà solo il 12 ottobre,a spedizione già lanciata, che Scott riceverà un laconico telegrammada Amundsen: vado a Sud. Che cos'hanno in comune Robert Falcon Scott e re Giovanni Senza Terra? O il principe Gionata e Ron, l'amico del cuore di Harry Potter? L'essere secondi, in maniere, epoche e pagine differenti. Un ruolo che hanno svolto anche tante donne, eroine nascoste oppure pioniere nella loro tenace esistenza. O ancora musicisti e, naturalmente, atleti. A volte persino intere discipline sportive che raramente brillano sotto i riflettori. Ma seconde sono pure le notizie che potrebbero salire sul podio e offrire una speranza, un coraggio diversi. In questo libro Marilena Lualdi esplora vicende di persone - a volte appunto di eroi - con le loro luci e le loro ombre, senza indossare i panni di storica, ma dedicando loro un'attenzione a volte calpestata, deviata o affievolita dal tempo. Un viaggio che attraversa nazioni e continenti, grazie all'esempio del capitano Scott, morto cento anni fa nell'epica gara per la conquista del Polo Sud.

L’importanza di essere secondi

Lualdi Marilena