Narrativa

BETTY

Simenon Georges

Descrizione: Una bella donna dalla condotta scandalosa approda sullo sgabello di un bar degli Champs-Élysées, con la testa confusa dall’alcol. Che cosa c’è dietro? Per lo meno una magistrale indagine nelle zone più remote e più torbide della psiche femminile.

Categoria: Narrativa

Editore: Adelphi

Collana: Gli Adelphi

Anno: 1992

ISBN: 9788845909146

Trama

Le Vostre recensioni

 

Suscita rabbia e tenerezza, Betty.
È una donna soggiogata dalla propria complessità, confusa dai suoi stessi desideri. Un’anima fragile e crudele insieme che ricorda Emma Bovary.

Simenon ce la presenta in un’atmosfera densa di fumo e odorosa di alcol, seduta accanto a un uomo di cui sa ben poco, mentre beve whisky con la disperazione di chi vuol dimenticare.

Un sorso ancora e la sua vista comincia ad offuscarsi. I suoni sono come ovattati, i pensieri diventano ricordi, i ricordi si mescolano alla realtà e tutt’intorno è solo un magma di carni senza espressione.

Betty stramazza al suolo; gli sguardi degli avventori sono puntati su di lei. Poi qualcuno la soccorre e la porta via: “Date la 53 alla mia amica che non si sente bene.

È sporca, Betty.
Sono tre giorni che vaga, sono tre giorni che non le importa di vivere o morire.

La donna bruna che l’ha condotta in albergo, Laure, si prende cura di lei senza chiedere niente in cambio e con immensa discrezione. Sa che non occorre far domande: sarà Betty a parlare. 

Betty era una signora: aveva una casa, due bambine, un marito, un cognato, una cognata e, a Lione, una suocera che ogni settimana scriveva ai figli e, ogni due mesi circa, veniva a passare qualche giorno a Parigi.

Adesso però non sembra diversa dagli svitati che frequentano La buca, il locale di Mario, condannati dalle proprie scelte sbagliate e da una personalità distruttiva.

Si è inflitta il male con coscienza e volontà; tutto ciò che ha fatto l’ha desiderato.

Chi è dunque Betty? Una prostituta, un’ubriacona, una manipolatrice, una debole?

Con il buon Guy, il figlio del generale Étamble (che aveva avuto la disgrazia di incapricciarsi di una ragazza e di sposarla senza prendere informazioni come gli consigliava sua madre) Betty ha avuto la possibilità di condurre una vita dignitosa e ricca, un’esistenza “normale”. Solo che l’amore onesto e confortevole del marito non le bastava, sentiva il bisogno di mostrarsi per ciò che era veramente, una persona molto diversa da quella che gli altri credevano o volevano che fosse.

E infatti la catastrofe che l’ha portata a strisciare sul pavimento de La buca non è stata un evento inatteso e sfortunato: Betty l’ha cercata ossessivamente per fuggire dalla sua prigione dorata e tornare a rotolarsi nel fango.

Non sono una vittima. Non sono da compiangere”.

C’è il vuoto adesso, intorno a lei. Il manicomio o l’obitorio.
Questo pensa Betty, o meglio questo fa credere a noi: come un cane rabbioso, finirà per cercare una via d’uscita mordendo la mano che le aveva offerto una carezza.
Un romanzo intenso che va letto con grande attenzione. Pagina dopo pagina, Simenon riesce a evocare emozioni in continuo contrasto, grazie a un’analisi profonda e sincera. Terminata la lettura, sarete attraversati da un brivido di turbamento…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Georges

Simenon

Libri dallo stesso autore

Intervista a Simenon Georges


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Dettagli del prodotto Chi ha rapito l'ex cane poliziotto Ginko? È quasi Natale a Torino e Manuel, un ragazzo che frequenta le medie, con i compagni di scuola del Komitaten deve calarsi nei panni di un navigato detective alla ricerca del quattro zampe in pensione che vive con la nonna appena rimasta vedova. L'obiettivo è riportare Ginko a casa entro il venticinque dicembre. Tra vetrine natalizie e canti di Natale, i ragazzi indagano utilizzando ogni metodo per arrivare a scoprire un disegno malvagio perpetrato ai danni di esseri più deboli. False piste, colpi di scena che mettono Manuel e la sua amica Bea in serio pericolo, la nascita di nuove e profonde amicizie contribuiscono a costruire una storia avvincente dalle tinte fosche condita dalla sana ironia dei teenagers.

È Natale per tutti

Schembri Volpe Daniela

Per il bene dell'intero universo, il professor Martin deve essere eliminato. E con lui chiunque sia al corrente delle sue scoperte. Ma a causa di un contrattempo, l'alieno mandato sulla Terra si materializza ai bordi di un'autostrada, in una sera fredda e umida, completamente nudo, nonché privo delle più basilari nozioni della vita sociale. Inizia cosi una divertente commedia degli errori, in cui il finto professor Martin impara a vivere da terrestre. E ben presto, contro le previsioni aliene, la forzata vicinanza con la specie umana, soprattutto con i due esemplari (moglie e figlio) che compongono la famiglia del professore, lo costringe a rivedere il suo giudizio, passando dal più completo disgusto a un'inconfessabile simpatia. Certo, i terrestri sono tutt'altro che perfetti, eppure hanno inventato la poesia, la musica e persino il burro di arachidi...

Gli umani

Haig Matt

Siamo abituati a desiderare. A desiderare cose nuove che ancora non possediamo, rapporti sereni con le persone che abbiamo attorno, soluzioni efficaci per i problemi della vita di tutti i giorni. Siamo dunque convinti che la felicità, sulla terra, stia nel soddisfare questi desideri. Giulio Mozzi nei racconti del suo libro mostra invece una possibilità differente: che i nostri desideri crescano a tal punto da uscire fuori di noi e creare un mondo diverso da quello reale, che a quello reale si sovrappone e che quello reale nasconde. L’immaginazione non può certo prendere il potere e cambiare lo stato delle cose, ma costituire un nido entro cui ripararsi sì. La felicità che ne deriva è di questa vita e non riguarda solo i personaggi del libro, ma tutti noi lettori. Pubblicato originariamente nel 1996 da Einaudi, entrato nella cinquina di finalisti del Premio Strega di quell’anno, La felicità terrena è il libro più importante di Giulio Mozzi e torna disponibile in una nuova edizione con testi inediti e una nota finale d’autore.

LA FELICITA’ TERRENA

Mozzi Giulio

Un giallo-verità che l’autore racconta vent’anni dopo esserne venuto a conoscenza: questo è Il caso Piegari, coda imprevista di un vecchio libro che a suo tempo sollevò scandalo e indignazione, Mistero napoletano. Un omissis finalmente svelato? Proprio così, lungo soltanto sei brevi capitoli ma non meno drammatici e incalzanti di quelli relativi alla storia del suicidio di Francesca Spada. Raccontano la follia che colse il geniale fondatore del Gruppo Gramsci dopo la sua espulsione dal Partito comunista (1954) per volontà di Giorgio Amendola, accusato da Guido Piegari di essere l’ispiratore di un meridionalismo “perverso”. Una storia che sembra appartenere soltanto al passato e che in effetti si svolge in gran parte in un’Italia che non esiste più. Ma il presente, lo sappiamo, ha un cuore antico. Soprattutto in una città come Napoli dove il Gruppo Gramsci continua a sopravvivere, sia pure in forma traslata, attraverso l’Istituto italiano per gli studi filosofici fondato da Gerardo Marotta che fu, all’alba degli anni cinquanta, il braccio destro di Guido Piegari e magna pars del Gruppo stesso.

Il caso Piegari

Rea Ermanno