Narrativa

BETTY

Simenon Georges

Descrizione: Una bella donna dalla condotta scandalosa approda sullo sgabello di un bar degli Champs-Élysées, con la testa confusa dall’alcol. Che cosa c’è dietro? Per lo meno una magistrale indagine nelle zone più remote e più torbide della psiche femminile.

Categoria: Narrativa

Editore: Adelphi

Collana: Gli Adelphi

Anno: 1992

ISBN: 9788845909146

Trama

Le Vostre recensioni

 

Suscita rabbia e tenerezza, Betty.
È una donna soggiogata dalla propria complessità, confusa dai suoi stessi desideri. Un’anima fragile e crudele insieme che ricorda Emma Bovary.

Simenon ce la presenta in un’atmosfera densa di fumo e odorosa di alcol, seduta accanto a un uomo di cui sa ben poco, mentre beve whisky con la disperazione di chi vuol dimenticare.

Un sorso ancora e la sua vista comincia ad offuscarsi. I suoni sono come ovattati, i pensieri diventano ricordi, i ricordi si mescolano alla realtà e tutt’intorno è solo un magma di carni senza espressione.

Betty stramazza al suolo; gli sguardi degli avventori sono puntati su di lei. Poi qualcuno la soccorre e la porta via: “Date la 53 alla mia amica che non si sente bene.

È sporca, Betty.
Sono tre giorni che vaga, sono tre giorni che non le importa di vivere o morire.

La donna bruna che l’ha condotta in albergo, Laure, si prende cura di lei senza chiedere niente in cambio e con immensa discrezione. Sa che non occorre far domande: sarà Betty a parlare. 

Betty era una signora: aveva una casa, due bambine, un marito, un cognato, una cognata e, a Lione, una suocera che ogni settimana scriveva ai figli e, ogni due mesi circa, veniva a passare qualche giorno a Parigi.

Adesso però non sembra diversa dagli svitati che frequentano La buca, il locale di Mario, condannati dalle proprie scelte sbagliate e da una personalità distruttiva.

Si è inflitta il male con coscienza e volontà; tutto ciò che ha fatto l’ha desiderato.

Chi è dunque Betty? Una prostituta, un’ubriacona, una manipolatrice, una debole?

Con il buon Guy, il figlio del generale Étamble (che aveva avuto la disgrazia di incapricciarsi di una ragazza e di sposarla senza prendere informazioni come gli consigliava sua madre) Betty ha avuto la possibilità di condurre una vita dignitosa e ricca, un’esistenza “normale”. Solo che l’amore onesto e confortevole del marito non le bastava, sentiva il bisogno di mostrarsi per ciò che era veramente, una persona molto diversa da quella che gli altri credevano o volevano che fosse.

E infatti la catastrofe che l’ha portata a strisciare sul pavimento de La buca non è stata un evento inatteso e sfortunato: Betty l’ha cercata ossessivamente per fuggire dalla sua prigione dorata e tornare a rotolarsi nel fango.

Non sono una vittima. Non sono da compiangere”.

C’è il vuoto adesso, intorno a lei. Il manicomio o l’obitorio.
Questo pensa Betty, o meglio questo fa credere a noi: come un cane rabbioso, finirà per cercare una via d’uscita mordendo la mano che le aveva offerto una carezza.
Un romanzo intenso che va letto con grande attenzione. Pagina dopo pagina, Simenon riesce a evocare emozioni in continuo contrasto, grazie a un’analisi profonda e sincera. Terminata la lettura, sarete attraversati da un brivido di turbamento…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Georges

Simenon

Libri dallo stesso autore

Intervista a Simenon Georges


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il tema del "sognatore romantico", dell'eroe solitario che trascorre i suoi giorni immerso nella dimensione del sogno, in un paradiso di illusioni, malinconicamente sofferente e lontano dall'incolore e consueta realtà dell'esistenza quotidiana, percorre come un filo d'Arianna questo racconto.

Le notti bianche

Dostoevskij Fëdor

Storia della seduzione del monaco Ambrosio ad opera della sensuale Matilde, che lo inizia ai segreti delle arti demoniache.

Il monaco

Lewis Matthew Gregory

Aloma ha vent'anni e l'amore le fa schifo. Quando Robert, il cognato che vive in Argentina, arriva a Barcellona, interrompe la monotonia dei suoi giorni e devia il corso dei suoi pensieri sulla vita e sull'amore. Sarà difficile per lei ammettere, anche a se stessa, di essere stata colpita da quell'uomo affascinante ed esotico, che alterna gentilezze a scontrosità, e di averlo a sua volta colpito. Ma diventerà impossibile, nell'intimità della vita domestica, sottrarsi alla passione. Con questo romanzo giovanile, poi ripreso nella maturità, Mercè Rodoreda ci parla, con la sua consueta profondità, dell'amore e dell'impossibilità dell'amore, dell'illusione e del disincanto.

ALOMA

Rodoreda Mercè

"Nonostante qualche critica iniziale e un certo scetticismo, alimentato dalla stessa autrice in lettere private, La virtù di Checchina è uno dei testi più riusciti di Matilde Serao, un racconto borghese gradevole e coinvolgente, in cui l'innata simpatia della sua protagonista, i suoi ostentati timori, i vorrei ma non posso che ne animano di continuo le azioni e le esitazioni, riescono a creare una naturale empatia con il lettore che pur lasciandosi scappare magari più d'un sorriso dinanzi all'esibita ingenuità della donna, non può che divertirsi a sospirare e cospirare con lei, nella ricercata realizzazione di desideri tanto comuni quanto umani." (dalla prefazione di Aldo Putignano).

La virtù di Checchina

Serao Matilde