Narrativa

BETTY

Simenon Georges

Descrizione: Una bella donna dalla condotta scandalosa approda sullo sgabello di un bar degli Champs-Élysées, con la testa confusa dall’alcol. Che cosa c’è dietro? Per lo meno una magistrale indagine nelle zone più remote e più torbide della psiche femminile.

Categoria: Narrativa

Editore: Adelphi

Collana: Gli Adelphi

Anno: 1992

ISBN: 9788845909146

Trama

Le Vostre recensioni

 

Suscita rabbia e tenerezza, Betty.
È una donna soggiogata dalla propria complessità, confusa dai suoi stessi desideri. Un’anima fragile e crudele insieme che ricorda Emma Bovary.

Simenon ce la presenta in un’atmosfera densa di fumo e odorosa di alcol, seduta accanto a un uomo di cui sa ben poco, mentre beve whisky con la disperazione di chi vuol dimenticare.

Un sorso ancora e la sua vista comincia ad offuscarsi. I suoni sono come ovattati, i pensieri diventano ricordi, i ricordi si mescolano alla realtà e tutt’intorno è solo un magma di carni senza espressione.

Betty stramazza al suolo; gli sguardi degli avventori sono puntati su di lei. Poi qualcuno la soccorre e la porta via: “Date la 53 alla mia amica che non si sente bene.

È sporca, Betty.
Sono tre giorni che vaga, sono tre giorni che non le importa di vivere o morire.

La donna bruna che l’ha condotta in albergo, Laure, si prende cura di lei senza chiedere niente in cambio e con immensa discrezione. Sa che non occorre far domande: sarà Betty a parlare. 

Betty era una signora: aveva una casa, due bambine, un marito, un cognato, una cognata e, a Lione, una suocera che ogni settimana scriveva ai figli e, ogni due mesi circa, veniva a passare qualche giorno a Parigi.

Adesso però non sembra diversa dagli svitati che frequentano La buca, il locale di Mario, condannati dalle proprie scelte sbagliate e da una personalità distruttiva.

Si è inflitta il male con coscienza e volontà; tutto ciò che ha fatto l’ha desiderato.

Chi è dunque Betty? Una prostituta, un’ubriacona, una manipolatrice, una debole?

Con il buon Guy, il figlio del generale Étamble (che aveva avuto la disgrazia di incapricciarsi di una ragazza e di sposarla senza prendere informazioni come gli consigliava sua madre) Betty ha avuto la possibilità di condurre una vita dignitosa e ricca, un’esistenza “normale”. Solo che l’amore onesto e confortevole del marito non le bastava, sentiva il bisogno di mostrarsi per ciò che era veramente, una persona molto diversa da quella che gli altri credevano o volevano che fosse.

E infatti la catastrofe che l’ha portata a strisciare sul pavimento de La buca non è stata un evento inatteso e sfortunato: Betty l’ha cercata ossessivamente per fuggire dalla sua prigione dorata e tornare a rotolarsi nel fango.

Non sono una vittima. Non sono da compiangere”.

C’è il vuoto adesso, intorno a lei. Il manicomio o l’obitorio.
Questo pensa Betty, o meglio questo fa credere a noi: come un cane rabbioso, finirà per cercare una via d’uscita mordendo la mano che le aveva offerto una carezza.
Un romanzo intenso che va letto con grande attenzione. Pagina dopo pagina, Simenon riesce a evocare emozioni in continuo contrasto, grazie a un’analisi profonda e sincera. Terminata la lettura, sarete attraversati da un brivido di turbamento…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Georges

Simenon

Libri dallo stesso autore

Intervista a Simenon Georges

Presentazione dell'autore. La storia si ispira a un film cult della tensione in bianco e nero: “La scala a chiocciola”, una vicenda nella quale l’assassino elimina persone affette da difetti fisici. In questo romanzo l’omicida seriale uccide donne che soffrono di fobie, con una particolarità sorprendente: “firma” i delitti depositando una maschera sul viso della vittima. Secondo la criminologia, quando un assassino copre – generalmente con un lenzuolo – la sua vittima, nell’atto esprime pietà tardiva o un legame affettivo con il cadavere. Se l’omicida seriale de “Il carnevale dei delitti” nasconde i suoi misfatti non con un lenzuolo, ma con una maschera, cioè con un oggetto altamente simbolico, ecco che allora la Bautta, la maschera d’oro di Tutankhamon, il Quetzalcoatl azteco o Brighella costituiscono indizi da interpretare, all’interno di una follia criminale che serpeggia tra le fiabe e la psicanalisi. Gli omicidi vengono compiuti sullo sfondo di situazioni torbide o di manifestazioni evocative: una villa ove si pratica lo scambismo, il carnevale di Venezia, la spettacolare spiaggia delle uova di Ventimiglia … L’indagine si svolge nell’atmosfera magica del lago di Como

Il carnevale dei delitti

Elpis Bruno

Fino ad allora Hajime aveva vissuto in un universo abitato solo da lui: figlio unico quando, nel Giappone degli anni Cinquanta, era rarissimo non avere fratelli o sorelle, aveva fatto della propria eccezionalità una fortezza in cui nascondersi, un modo per zittire quella sensazione costante di non essere mai lí dove si vorrebbe veramente. Invece un giorno scopre che la solitudine è solo un'abitudine, non un destino: lo capisce quando, a dodici anni, stringe la mano di Shimamoto, una compagna di classe sola quanto lui, forse di piú: a distinguerla non c'è solo la condizione di figlia unica, ma anche il suo incedere zoppicante, come se in quel passo faticoso e incerto ci fosse tutta la sua difficoltà a essere una creatura di questo mondo. Quando capisci che non sei destinato alla solitudine, che il tuo posto nel mondo è solo là dove è lei, capisci anche un'altra cosa: che sei innamorato. Ma Hajime se ne rende conto troppo tardi - è uno di quegli insegnamenti che si imparano solo con l'esperienza - quando ormai la vita l'ha separato da lei. Come il dolore di un arto fantasma, come una leggera zoppía esistenziale, Hajime diventerà uomo e accumulerà amori, esperienze, dolori, errori, ma sempre con la consapevolezza che la vita, la vita vera, non è quella che sta dissipando, ma quell'altra, quella che sarebbe potuta essere con Shimamoto, quella in un altrove indefinito, a sud del confine, a ovest del sole. Una vita che forse, venticinque anni dopo, quando lei riappare dal nulla, diventerà realtà. Torna in libreria, in una traduzione completamente rivista, uno dei romanzi piú amati di Murakami Haruki: un'opera malinconica e romantica, una storia di raffinata delicatezza, in cui l'esplorazione dei piú diafani movimenti dell'anima riesce a descrivere l'universale, umanissimo conflitto tra necessità e desiderio, destino e libertà.

A sud del confine, a ovest del sole

Murakami Haruki

Sonetti reali di Jacopo Ricciardi, Iride, ed. Rubbettino

Sonetti reali di Jacopo Ricciardi

Ricciardi Jacopo

Con interventi di Valerio Galasso, biologo nutrizionista

Spizzichi e bocconi

De Luca Erri