Narrativa

Bianca come il latte rossa come il sangue

D'Avenia Alessandro

Descrizione: Leo è un sedicenne come tanti: ama le chiacchiere con gli amici, il calcetto, le scorribande in motorino e vive in perfetta simbiosi con il suo iPod. Le ore passate a scuola sono uno strazio, i professori "una specie protetta che speri si estingua definitivamente". Così, quando arriva un nuovo supplente di storia e filosofia, lui si prepara ad accoglierlo con cinismo e palline inzuppate di saliva. Ma questo giovane insegnante è diverso: una luce gli brilla negli occhi quando spiega, quando sprona gli studenti a vivere intensamente, a cercare il proprio sogno. Leo sente in sé la forza di un leone, ma c'è un nemico che lo atterrisce: il bianco. Il bianco è l'assenza, tutto ciò che nella sua vita riguarda la privazione e la perdita è bianco. Il rosso invece è il colore dell'amore, della passione, del sangue; rosso è il colore dei capelli di Beatrice. Perché un sogno Leo ce l'ha e si chiama Beatrice, anche se lei ancora non lo sa. Leo ha anche una realtà, più vicina, e, come tutte le presenze vicine, più difficile da vedere: Silvia è la sua realtà affidabile e serena. Quando scopre che Beatrice è ammalata e che la malattia ha a che fare con quel bianco che tanto lo spaventa, Leo dovrà scavare a fondo dentro di sé, sanguinare e rinascere, per capire che i sogni non possono morire e trovare il coraggio di credere in qualcosa di più grande.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Scrittori Italiani e Stranieri

Anno: 2010

ISBN: 9788804595182

Recensito da Ivana Bagnardi

Le Vostre recensioni

Ogni cosa è colore. Ogni emozione è un colore. Il silenzio è bianco.

Beatrice è rosso. Come l’amore è rosso. Tempesta. Uragano che ti spazza via.

Silvia è azzurra, come tutti gli amici veri.

Il colore o l’assenza di colore rappresenta il tema trasversale di questo romanzo di formazione, che racconta in prima persona, attraverso la voce di Leo, giovane liceale alle prese con i primi amori e le prime sofferenze dell’adolescenza, un anno di vita denso di cambiamenti.

Leo ha sedici anni, ama il calcetto, la musica, il suo motorino e come tutti i ragazzi di questa età detesta la scuola. Solo l’arrivo di un supplente giovane e “sognatore” riesce a infondere in Leo l’idea che la scuola possa diventare qualcosa di interessante e utile anche nella vita reale.

Innamorato di Beatrice, fanciulla dagli occhi verdi e i capelli rossi, Leo si scontra con la paura adolescenziale di non essere all’altezza di quest’amore e trova in Silvia, amica di sempre, l’àncora di salvezza per ogni volo pindarico che il suo cuore si scopre a fare.

Il bianco, però, infetta il sangue rosso di Beatrice, costringendola a trasfusioni e lunghi periodi in ospedale. Leo vive la sofferenza della malattia attraverso conflitti profondi, con se stesso e che con Dio, verso il quale nutre rancore e benevolenza.

Saranno la presenza di una famiglia comprensiva, l’appoggio di Silvia e i consigli del professore sognatore ad aiutare Leo nella sua crescita esistenziale.

La malattia di Beatrice costringerà il giovane Leo a dedicarsi al suo sogno d’amore con delicatezza ed estrema cura, fino ad arrivare ad accettare la morte della fanciulla come rinascita di se stesso, anche attraverso la scoperta di un nuovo amore, non più rosso, ma azzurro, come gli occhi dell’amica di sempre, Silvia.

Il romanzo, seppur ben scritto attraverso un linguaggio semplice e vicino al mondo giovanile, fatica ad appassionare un lettore più maturo, a causa di alcune ingenuità stilistiche e di contenuto.

L’originalità nell’utilizzo della metafora del colore come fil rouge di tutto il romanzo, inciampa nella descrizione di personaggi poco caratterizzati e funzionali solo all’evoluzione del giovane Leo; personaggi che assomigliano ai protagonisti di film o romanzi già visti e letti, che seppur esprimano sentimenti archetipici, non riescono ad uscire dalla forma in cui sono ingabbiati, divenendo in alcuni casi poco credibili. Ecco allora il professore sognatore stile Attimo Fuggente, la bella Beatrice che assume nella malattia sfumature quasi spirituali e Silvia, l’amica innamorata da sempre del giovane protagonista, che tace e offre solo amicizia pur di stargli vicino.

Bianca come il latte, rossa come il sangue è un romanzo di formazione, ancora immaturo sotto diversi aspetti; tuttavia cela al suo interno angoli di bellezza e originalità da non sottovalutare.

Lo scrittore Alessandro D’Avenia insegna lettere al liceo.

Questo è il suo primo romanzo.

 

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alessandro

D'avenia

Libri dallo stesso autore

Intervista a D'Avenia Alessandro

Il corpo senza vita di Chiara viene ritrovato nel greto di un torrente che scorre tra i boschi delle dorsali lariane. La zona del ritrovamento ha uno specifico interesse archeologico: lì si trovano i “massi avelli“, antiche tombe dall’origine incerta e misteriosa. E proprio in prossimità di uno di questi monumenti funerari, le piogge alluvionali hanno dissepolto uno scheletro umano. Si tratta di un reperto che consentirà di progredire negli studi storici sulle civiltà lariane o di un altro delitto? Il commissario Giordàn torna, pungolato dall’impazienza e dall’esuberanza della nipote Gabriella, in un’indagine che dovrà svolgersi tra sedute spiritiche e allusioni demoniache, con lo scopo di individuare – oltre all’omicida – le cause profonde che inducono i comportamenti criminali. Per riportare a galla, tra le sponde innevate del lago di Como e nella magica atmosfera prenatalizia, pratiche estreme e complessi di colpa che pesano più dei massi avelli.

Il mistero dei massi avelli

Elpis Bruno

Domenico Boschis è nato nelle Langhe, ma da molti anni ormai la sua vita è a Roma, dove ha raggiunto il successo come attore di fiction TV. Una notizia inaspettata, però, lo costringe a tornare tra le sue colline: il padre, col quale ha da tempo interrotto ogni contatto, è malato e gli resta poco da vivere. All'hospice, infatti, Domenico trova un'ombra pallida dell'uomo autoritario che il padre è stato: il vecchio non riesce quasi più a parlare, ma c'è una cosa che sembra voler dire al figlio con urgenza disperata. «La ragazza, Domenico, la ragazza!» grida, per scoppiare poi in un pianto muto. Dentro quel pianto Domenico riconosce un dolore che viene da lontano. Chi è la ragazza che sembra turbarlo fino all'ossessione? Mentre Domenico riprende confidenza con la terra in cui è cresciuto e cerca di addomesticare i fantasmi che popolano i suoi ricordi d'infanzia, si imbatte in un fatto di cronaca avvenuto cinquant'anni prima a una manciata di chilometri da lì. La protagonista è proprio una ragazza: ha tredici anni quando, una notte di dicembre del 1968, viene "rubata" da casa sua. Di lei non si sa nulla per otto mesi, poi la verità emerge con tutta la sua forza. È possibile che sia il ricordo della tredicenne a perseguitare il padre di Domenico? E se così fosse, significa che il vecchio ha avuto un ruolo nella vicenda della ragazza? Lui l'ha sempre considerato un cattivo padre; deve forse cominciare a pensare che sia stato anche un cattivo uomo? Domenico ha bisogno di trovare una risposta prima che il vecchio chiuda gli occhi per sempre.

Il silenzio della collina

Perissinotto Alessandro

Milva canta Merini

Nulla sembra muoversi nell’assolata Minervino, patria della medium Eusapia Palladino. Finché in paese arriva il romanziere Guido Galliano, ingaggiato dal conte Ferdinando Canosa perché aiuti la volitiva moglie, Finizia, a finire il romanzo, proprio sulla vita della Palladino, cui invano lavora da anni. La cosa dovrà però accadere in segreto. Soprattutto senza che niente ne sappia Maddalena Nortano. E' infatti per contendere il primato a costei, sua rivale da quando le soffiò lo sposo sull’altare e ora, grazie ai suoi libri di storia locale, figura di spicco del Circolo “La Scesciola”, che Finizia coltiva il sogno di diventare scrittrice pur senza averne la benché minima capacità.

Una medium, due bovary e il mistero di Bocca di Lupo

Cappelli Gaetano