Racconti

In bilico. Storie di animali terrestri

Autori Vari

Descrizione: "In bilico. Storie di animali terrestri" contiene dodici racconti inediti. Questi nuovi racconti italiani, scritti da autori nati tra gli anni Settanta e gli anni Ottanta, descrivono la realtà del nostro paese, tra speranze, desideri, tra crisi del lavoro e volontà di cambiamento, in cerca di un nuovo possibile destino. Con racconti di: Paolo Colavero, Gianluca Conte, Luigi De Gregorio, Marco Goi, Belisario Laveneziana, Angela Leucci, Valentina Luberto, Paolo Merenda, Antonio Montefusco, Annarita Pavone, Marina Piconese.

Categoria: Racconti

Editore: Musicaos Editore

Collana: Fablet 01

Anno: 2015

ISBN: 9788899315016

Recensito da Alessandra Allegretti

Le Vostre recensioni

In bilico. Storie di animali terrestri è un perfetto spaccato della precarietà delle ultime generazioni, raccontato da dodici giovani autori italiani. I trentenni e i quarantenni hanno imparato a camminare sul filo della loro esistenza e fanno i conti con l’equilibrio tutti i giorni: nel lavoro, nella consapevolezza del futuro, nel rapporto con la morte e l’incerto. Leggere questo libro aiuta a ritrovarsi nelle loro difficoltà e a voler bene al proprio senso di precarietà, che sia dovuto a una situazione reale o a uno stato d’animo.

La prefazione di Angela Leucci insiste sulla particolarità del moderno funambolismo, perché ora il rischio di cadere nel baratro, tra le pagine e nella vita, ha invaso la quotidianità. Ogni autore ha messo in evidenza il buco più profondo sul quale si affaccia sempre e questa profondità a volte non è poi così metaforica, come nel trascinante racconto di Belisario Laveneziana. Anche la natura sembra sovvertire le sue regole, addentrandosi in un territorio pericoloso in Prede di Paolo Merenda. L’incertezza è una sensazione cromatica per Valentina Luberto e riguarda tutti, anche una “brava donnina” di una certa età, Olga La Lagna, nel racconto Altro Sud di Gianluca Conte.

“Ma se Olga è pazza lo sono anch’io. Se lei vive alla giornata, lo faccio anch’io, seppur per motivi ben diversi: lei per le sue angosce esistenziali, io perché non ho mai un euro in tasca. Entrambi precari in questo mondo.”

In questo clima catastrofico quale potrebbe essere allora la via di salvezza? Forse il folle e tremulo equilibrio dei personaggi, perché una soluzione dall’esterno potrebbe non arrivare mai.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Vari

Autori

Libri dallo stesso autore

Intervista a Autori Vari


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La biografia, la carriera, il mito di Humphrey Bogart attraverso la scrittura innamorata di un grande romanziere. Jonathan Coe cinefilo è ben noto ai suoi lettori. In ogni suo romanzo il cinema è ampiamente presente. Qui lo vediamo al suo meglio scandagliare la profondità di un volto, di un uomo, di un attore che ha lasciato un'eredità incalcolabile nell'arte e nell'immaginario.

Caro Bogart

Coe Jonathan

La testimonianza storica di un'esperienza unica e devastante, quale fu per l'esercito italiano la campagna di Russia, e insieme la storia autobiografica di un uomo che in quella prova lotta per non perdere la propria dignità.

Il sergente nella neve

Stern Mario Rigoni

Al Verdi di Pordenone L’Histoire du soldat

«Lui non aveva paura della morte, non aveva paura di niente.» Lui è Willy l’Olandese, un vecchio killer implacabile. Un gigante silenzioso e in apparenza indifferente a tutto come un dio nordico. Quando arriva nella valle presso il grande lago del Norditalia che ogni anno è la sua meta estiva, in una pensione dove fa da cameriera la bella Adriana, non sa di avere appuntamento con il destino. Il telefono ha squillato in una casa a pochi chilometri da lì e un altro killer, un trentenne sfigurato al volto da un remoto incidente d’auto, ha ricevuto l’incarico di ucciderlo. Tutta la storia si svolge nell’arco di 24 ore, ma la tensione monta capitolo dopo capitolo nell’attesa del momento fatale: lo scontro fra due killer professionisti, due terribili macchine di morte. E tra loro l’inquietudine di Adriana, che senza saperlo ne deciderà le sorti. Tutt’intorno uno scenario affascinante: un piccolo paese rivierasco, le acque buie del grande lago, e una valle profonda, percorsa da un torrente gelido. Un paesaggio che sta per essere contaminato dall’approssimarsi del Male. Con rara potenza, Montanari ci restituisce il clima feroce e geometrico di Durrenmatt e del grande noir americano immergendoli nel contesto della provincia italiana, fino a creare un contrasto sorprendente e irresistibile.

La perfezione

Montanari Raul