Classici

Bonjour tristesse

Sagan Francoise

Descrizione: Come ogni anno Cècile passa le vacanze estive in Costa Azzurra. I primi giorni, vissuti all'insegna della spensieratezza in compagnia del padre givanile e della sua attuale amante Elsa, bella ma ingenua, vengono interrotti dall'arrivo di Anne, un'amica della madre di Cècile, morta anni prima. Il padre ne è attratto a tal punto che in pochi giorni decide di sposarla, a costo di abbandonare uno stile di vita lussurioso e libero. La simpatia che Cècile prova per Anne non le impedisce di vederla come una rivale, come una minaccia per la propria libertà e così mette in scena un gioco sottile per dividere i due nuovi amanti. Un piano perfetto, ma con esiti inaspettati e ben più tragici del previsto.

Categoria: Classici

Editore: Longanesi

Collana:

Anno: 2009

ISBN: 9788830426672

Trama

Le Vostre recensioni

La diciassettene Cécile è morbosamente legata al padre Raymond (“Sembrava un fauno. Scoppiai a ridere con lui, come facevo tutte le volte che si cacciava in qualche guaio”), quarantenne dongiovanni. Con lui spartisce uno stile di vita leggero, scanzonato e disimpegnato (“Pur senza condividere l’avversione di mio padre per la bruttezza, che ci faceva spesso frequentare gente stupida, provavo una sorta di disagio, di distanza, verso le persone prive di attrattive fisiche”).

Durante la vacanza in Costa Azzurra (“Il cielo era cosparso di stelle. Le guardavo sperando vagamente che anticipassero i tempi e cominciassero a cadere solcando l’aria. Ma eravamo ai primi di luglio e le stelle non si muovevano”), l’affascinante Anne (“Perché lei ci avrebbe reso felici…”) scalza Elsa, l’amante fatua del momento, e propone a Raymond la prospettiva nuziale.

Cécile reagisce alla tenace presenza di Anne e, sfruttando l’amore di Cyril, organizza  un piano per disinnescare il rischio incombente, perché non intende rinunciare alla vita superficiale di sempre. Implicitamente, Raymond collabora a questo progetto (“La mia vecchia complice! – disse – Come farei senza di te?”). La conseguenza sarà tragica, ma edulcorata dal potere emostatico dell’indifferenza.

Françoise Sagan con “Bonjour tristesse” saluta il disagio esistenziale che si traveste di evanescenza mondana e di fatuità modaiola, confezionando un romanzo breve che è un capolavoro di stile: “Non so se dare il bel nome solenne di tristezza al sentimento sconosciuto che mi tormenta con i suoi affanni e con la sua dolcezza. È un sentimento così assoluto ed egoistico che quasi me ne vergogno, mentre la tristezza mi è sempre parsa onorevole.” A dimostrare che la composizione di un’opera d’arte non è questione di numero di pagine…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

Il decimo anniversario della morte di Françoise Sagan e “Aimez-vous Brahms” – i-LIBRI

[…] di Françoise Sagan, irrequieta scrittrice francese divenuta celebre fin dal suo primo romanzo, “Bonjour tristesse”. Noi ricordiamo questo triste anniversario idealmente dedicando alla scrittrice la musica di […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Francoise

Sagan

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sagan Francoise


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Le voci di Nike

Silvia M. Damiani

"Correte. Mio padre sta uccidendo mia madre". La telefonata arriva alla stazione di polizia alle due del mattino. A farla è un bambino biondo con due grandi occhi blu che fissano il vuoto. Ma la mamma gli toglie la cornetta dalle mani: non è vero, non è accaduto niente, suo figlio urla nel sonno, si aggira per la città nel cuore della notte, suo figlio è sonnambulo. È un bambino che, notte dopo notte, sogna la fine del mondo. Trenta anni più tardi, un terribile sospetto scuote una città del Nord Italia: i bambini di una scuola materna accusano gli adulti di azioni orribili. Ben presto, propagato da giornali e televisioni come una pestilenza del nuovo millennio, il contagio della paura si allarga all'intero Paese. Tutta l'Italia si sente minacciata dal Male. In molti cominciano a sussurrare il nome del Diavolo. È in atto una cospirazione diabolica o si sta scatenando una caccia alle streghe?

Il bambino che sognava la fine del mondo

Scurati Antonio

Queste pagine sono state trattate con sostanze psicotrope in grado di generare dipendenza. Si consiglia di portare questo libro sempre con sé, per evitare pericolosi attacchi di astinenza. Le pagine 73, 110 e 121 possono essere rollate, nel rispetto delle vigenti normative in tema di fumo in luoghi chiusi. Massimiliano Zulli, in arte Uomo Morde, Cane, ripercorre gli anni della sua generazione, dalla nascita nel 1970 fino ai giorni nostri con racconti divertenti e pungenti che non fanno sconti a nessuno. Da leggere con animo leggero. Per lamentele e cagnare di ogni genere, l’autore scrive a tutt’oggi sul suo blog www.uomomordecane.it

IL VATICANO SMENTISCE OGNI COINVOLGIMENTO

Zulli Massimiliano

«Nell’anno 2000. Un giorno di aprile». Siamo sull’East River. Il giovane miliardario Eric Packer sale sulla limousine per andare a tagliarsi i capelli a Hell’s Kitchen, il quartiere dove è nato e cresciuto. È l’inizio di un viaggio che lo porterà ad attraversare Manhattan per andare incontro al proprio destino. Eric Packer non pare intenzionato a uscire dal proprio mondo e, blindato nella limousine su cui viaggia, controlla i mercati finanziari globali da cui è ossessionato, racchiuso nella sua bolla di lusso. Ma il mondo esterno è più forte di ogni suo tentativo di starne alla larga. In un solo giorno, perciò, incontrerà gli uomini e le donne della sua vita, si troverà a partecipare al funerale di un famoso rapper, a un rave party all’interno di un teatro abbandonato, a una protesta no-global repressa con violenza dalla polizia, in una spirale di autodistruzione che sembra non giungere mai alla fine. A nove anni dall’uscita del libro, David Cronenberg porta in concorso a Cannes 2012 Cosmopolis con Robert Pattinson che interpreta il giovane miliardario Eric Packer.

Cosmopolis

DeLillo Don