Narrativa

Bora

Mori Anna Maria Milani Nelida

Descrizione: Come vive, e cosa pensa, prova, soffre, anche senza raccontarlo neppure a se stesso, chi è stato sradicato dalla propria terra e allontanato dalla propria gente, dalla propria casa? Anna Maria Mori, istriana di Pola, ha lasciato con la famiglia i luoghi della sua infanzia al termine della seconda guerra mondiale, quando sono "passati" dall'Italia alla Jugoslavia: un esodo che ha coinvolto altri trentacinquemila italiani che, come lei, si sono trovati all'improvviso cittadini di un altro stato, per giunta pregiudizialmente ostile nei loro confronti. Nelida Milani, anche lei istriana, anche lei nata nella Pola italiana, è invece rimasta, rinunciando alla lingua, a molti degli affetti, alla consuetudine, con un mondo che, con brutale ferocia, veniva snaturato. Le due donne - accomunate da una sorte uguale e contemporaneamente diversa - si sono scambiate una fitta corrispondenza, tante lettere dove le riflessioni si intrecciano ai ricordi, gli aneddoti si sovrappongono alla cronaca degli eventi storici, la nostalgia si coniuga con il senso di privazione. Il loro epistolario è diventato questo libro, specchio di una condizione subita da migliaia di altri individui e testimonianza di due destini in cui la frontiera ha giocato un ruolo determinante.

Categoria: Narrativa

Editore: Sperling Paperback - Frassinelli

Collana: Frassinelli narrativa paperback

Anno: 2005

ISBN: 9788882749019

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Bora è un ‘quattro mani’ scritto da due autrici: Anna Maria Mori esule, Nelida Milani rimasta in terra d’Istria. Una terra da descrivere con le parole di Umberto Saba: “In fondo all’Adriatico selvaggio si apriva un porto alla tua infanzia. … Era un piccolo porto, era una porta aperta ai sogni.
O con le nostre autrici: “Gente di confine significa anche fragilità estrema. L’Istria ha il profumo di questa fragilità, di un luogo prenatale dove avversione e attrazione, ancora indistinguibili, sono una componente dell’aria stessa.”
Le posizioni delle due autrici sono dialettiche e si completano a dimostrare che la tragedia è una sola.

Il punto di vista di chi resta

In chi resta: “Noi che siamo rimasti abbiamo dovuto adattarci psicologicamente alla situazione reale, e in ognuno di noi si notano tracce di questo adattamento. La metamorfosi degli esseri non si procura: accade. Si sono venuti formando ‘gli italiani speciali’, esseri umani nel cui io più profondo sono avvenute strane fusioni fra ciò che sono stati e ciò che sono diventati nel luogo in cui sono nati, qualcosa di simile a una redistribuzione di molecole sconfinate in geometrie impreviste.”
Perché “Tanti non hanno mai potuto abbandonare l’Istria: sul documento che li riguardava c’era scritto che in casa loro parlavano slavo, e che erano slavi.”
Che ne sanno gli esuli del nostro ‘esilio interno’, garantito unicamente dallo spazio casalingo?”
Chi rimane ha uno spettacolo terribile: “La città è stranamente cava, un guscio vuoto, una muta abbandonata al sole dalla lucertola, piena di angoli risonanti …” E assiste alla trasformazione dei nomi: Gianni diventa Ivan, Pola diviene Pula.

La visuale di chi è partito

E di questo è consapevole chi è partito: “Perché i tuoi ricordi e i miei – che peraltro abbiamo in comune con due grandi eserciti di umanità diversamente e ugualmente vinta e disperata, l’umanità alla quale tu appartieni che viene definita dei ‘rimasti’, e la mia degli ‘andati’ … – sono … molto simili: ricordi che corrono paralleli …
Chi è partito partecipa a un triste evento: “Non so se fosse mai accaduto che un’intera città venisse trasportata via mare, ma è proprio ciò che accadde.”

L’orrore della guerra

L’orrore non è astratto. Ha riferimenti ben concreti.
Si chiamino foibe: “Nella nostra terra scorrono fiumi sotterranei che aprono, qua e là nella roccia, voragini profonde talvolta fino a cento, centocinquanta metri… Gli ‘uomini dei boschi’ ci buttano dentro quelli che ritengono loro nemici … colpevoli solo di essere italiani.” “I luoghi della sparizione saranno rivelati alcuni decenni più tardi, dopo il crollo del Muro. … I contadini li avevano individuati subito, uno per uno, a causa dei lamenti che provenivano dalle fenditure rocciose.”
Si chiamino mine: “Quelle mine hanno deflagrato in tutta l’Istria e hanno straziato le sue carni, i cavalli dell’apocalisse hanno attraversato le sue contrade, il terrore ha percorso le strade …”
Si chiamino lager – per mistificazione, luoghi di rieducazione – come Goli Otok o Isola Calva, ove “furono massacrate migliaia di persone”. Con la tecnica del bojkot, “il boicottaggio cui si veniva sottoposti dopo l’arrivo al lager, nel processo improvvisato dentro la baracca.” Con relativo pestaggio a opera degli altri prigionieri. O l’infame “stroj”: “un corridoio formato dai prigionieri che, armati di bastone, picchiavano sodo, sputavano addosso al malcapitato di turno e l’insultavano.” Tecniche messe a punto “in uno scambio di ruoli che risvegliava il fondo bestiale che sempre sonnecchia nell’uomo.”

Bora” è un libro che non può mancare a chi è assetato di verità storica. Anche perché è frutto di una duplice, speculare testimonianza.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Maria milani

Anna

Mori

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mori Anna Maria Milani Nelida

Tra il 1978 e il 1990, mentre in Unione Sovietica il potere si scopriva fragile e una certa visione del mondo si avviava al tramonto, Andrej Cikatilo, marito e padre di famiglia, comunista convinto e lavoratore, mutilava e uccideva nei modi più orrendi almeno cinquantasei persone. Le sue vittime bambini e ragazzi di entrambi i sessi, ma anche donne - avevano tutte una caratteristica comune: vivevano ai margini della società o non si sapevano adattare alle sue regole. Erano insomma simboli del fallimento dell'Idea comunista, sintomi dell'imminente crollo del Socialismo reale. Questo libro, sospeso tra romanzo e biografia, narra la storia di uno dei più feroci assassini del Novecento attraverso la visionaria, a tratti metafisica ricostruzione della confessione che egli rese in seguito all'arresto. E fa di più. Osa raccontare l'orrore e il fallimento in prima persona: Cikatilo, infatti, in questo libro dice "io". È lui stesso a farci entrare nella propria vita e nella propria testa, a svelarci le sue pulsioni più segrete, le sue umiliazioni e ossessioni. "Il giardino delle mosche" è un libro lirico e crudele allo stesso tempo: la storia di un'anima sbagliata, una meditazione sul potere e la sconfitta e, soprattutto, una discesa impietosa fino alle radici del Male.

Il giardino delle mosche. Vita di Andrej Cikatilo

Tarabbia Andrea

Un romanzo costruito di racconti concentrici, un puzzle le cui tessere sono sguardi diversi sulla stessa storia. Una donna ancora giovane, con una figlia bambina e una adolescente, una donna ancora bella e baciata dalla grazia di una eccezionale sensibilità creativa, si ritrova prigioniera della stessa prigione che si è chiusa attorno al corpo di suo marito, Pietro, anche lui giovane ancora bello, ancora forte, ridotto dalle conseguenze di un incidente a vegetare muto e inconsapevole, paralizzato e totalmente dipendente, senza potere vivere, senza poter morire. Si chiama Miriam, la donna. Corteggiata, amata. A quattro anni dalla tragedia si trova in bilico fra la voglia di ribellarsi al dolore e il bisogno di sacrificargli tutte le sue possibilità, tutto il suo possibile futuro, come a un Dio Minore da placare. Certa che non riceverà niente in cambio. Attorno a Miriam e alle sue oscillazioni “gli altri”: ciascuno a suo modo colpito e modificato, colpito e atterrito, colpito e affondato. Da lei, Miriam, da lui, Pietro. Gli altri: la bambina, la ragazza, l’uomo ancora giovane, l’uomo più vecchio. tutti a confrontarsi con se stessi e con Miriam, con Miriam e con Pietro, come ci si confronta, consapevoli o no, continuamente, con la morte e con l’amore.

MIRIAM E LA GEOMETRIA

Grosso Luisa

Tra megalopoli ipertecnologiche e intrighi internazionali, una nuova indagine per il vicequestore Luca Wu. Dopo l'ultima, sfiancante inchiesta, il vicequestore Luca Wu ha bisogno di riposo e di ritrovare se stesso: lo deve a sua moglie, Anna, che lo ha cacciato di casa dopo l'ennesimo tradimento, e soprattutto a suo figlio Giacomo. L'occasione per allontanarsi da Roma e dal commissariato di Torpignattara si presenta quando i nonni di Wu decidono di tornare un'ultima volta al loro villaggio di origine, Caoping. Ma a pochi giorni dall'arrivo, l'ufficio sicurezza dell'ambasciata italiana in Cina lo contatta per chiedere il suo aiuto su un caso molto delicato: un importante imprenditore italiano è morto precipitando dal diciassettesimo piano di un parcheggio a Wenzhou. Il sospetto è che si tratti di un incidente, ma qualcosa nella ricostruzione delle autorità cinesi non torna. Insieme alla poliziotta Yien Bao Yi, quello che sembrava un semplice contrattempo si trasforma in una corsa impazzita tra i locali controllati dalle Triadi, le stanze della politica e le fabbriche dei colossi mondiali della tecnologia. Un intrigo internazionale fatto di affari miliardari, depistaggi, omertà e lotte di potere nei territori più oscuri dell'Impero di Mezzo. Dopo la Roma multietnica de Il cinese, Andrea Cotti spedisce Luca Wu alla scoperta delle sue origini, e dipinge un affresco della Cina sospesa tra tradizioni millenarie e futuro accelerato, dove spesso il confine tra legge e crimine, tra colpevoli e innocenti è troppo sottile per essere individuato.

L’impero di mezzo

Cotti Andrea

Un amore che scompare, silenzioso come la nebbia sul lago di Léman, un'avventura umana che si accende come il sole che albeggia sul deserto del Wadi Rum. Un ingegnere nucleare che perde la strada e una guida giordana che la ritrova. Un protagonista che si muove fra le diverse latitudini del sentimento umano, alla ricerca di qualcosa che ha perso e forse vale la pena ritrovare. Sul filo teso tra prologo ed epilogo - due storie di devozione che non potrebbero essere più diverse - un intrico di sante, vergini, serpi e cani. Sogni, ricordi e racconti evocano le tragedie del secolo passato e di quello presente, tragedie che né un lago né un deserto possono davvero contenere.

La sabbia di Léman

Sorrentino Carmine