Narrativa

BORGO PROPIZIO

Limone Loredana

Descrizione: Tutto ruota attorno a una latteria, che la giovane Belinda vuole aprire nel centro di un delizioso paesino medievale. Certo, il paesino più che delizioso sembra sonnolento, a causa di una giunta comunale poco attiva; certo, nel negozio che Belinda sta ristrutturando si dice aleggi la presenza di un fantasma. Ma la ragazza vuol cambiar vita a tutti i costi, per superare il divorzio dei suoi, per riprendersi da una delusione amorosa, per rompere con tanti legami. La circonda una folla di personaggi divertenti e scombinati, sinceri e misteriosi... come la vita.

Categoria: Narrativa

Editore: Guanda

Collana: Narratori della Fenice

Anno: 2012

ISBN: 9788860886576

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

 

La strada che conduceva a Borgo Propizio girava intorno alla collina tra alberi e vigneti. In novembre era un tripudio delle stupende, calde tonalità autunnali: l’amaranto che andava a tuffarsi nel giallo che si nascondeva nel bruciato che ricompariva in pennellate vermiglie che si dissolvevano nel verde, qui chiaro, lì scuro. Arrivata quasi in cima, la strada si allargava portandosi dritta alla piazza centrale con il Municipio, la chiesa, la fontana, l’edicola e pochi negozietti, anzi botteghe: qualcuna ancora attiva, qualcuna irrimediabilmente chiusa. Da lì, guardando verso la sommità della collina, si vedeva il Castelluccio, rocca medievale incoronata da quattro torrette, costruita per volere di un signorotto con bianca pietra lavica che, secondo antichi racconti, nelle giornate di sole emanava un bagliore addirittura accecante”.

A Borgo Propizio il tempo pare essersi fermato: è difficile capitarci per caso, ma se succede hai l’impressione che in quella piazza del Municipio, qualcuno stia osservando silenzioso il tuo passaggio chiedendosi se, per caso, non stia succedendo davvero qualcosa di nuovo.

Belinda arriva nel Borgo per aprire una latteria, dopo che le tre attività che l’avevano preceduta – “una falegnameria, una tintoria e uno studio tecnico erano miseramente fallite”, a causa del verificarsi di alcuni eventi strani: una morte sospetta, un fantasma, una notte di cui nessuno osa parlare.

Belinda è forestiera e a certe cose non dà peso: il regalo di Cesare, suo padre, è la vera occasione per cambiare vita. E’ pronta ad abbandonare un lavoro mediocre per sporcarsi finalmente le mani con il latte, la sua passione, e creare per il paese un luogo di ritrovo in cui ritrovare i sapori autentici della natura.

Intorno a lei il tempo del borgo riprende a muoversi lentamente: ha il passo leggero di Mariolina, che scopre finalmente l’amore, dopo un’esistenza vissuta a metà; ha la consistenza del silenzio di Marietta che, spettatrice della vita, osserva la rinascita possibile del borgo e della sua amata sorella; ha la voce di Ornella che, dopo aver sopportato la prepotenza cieca di un marito inadeguato, trova le parole per raccontare; ha la tenacia di Cesare, un avvocato che ha avuto tutto ma che ha saputo perdere l’unica persona capace di amarlo, sua moglie Claudia, che imparerà a riconquistare.

Il tempo ha il ritmo di note conosciute ma lontane, di una canzone del passato che ritorna a riempire i vicoli del borgo, grazie ai ricordi ritrovati. Indossa un anello rosso rubino che nasconde un segreto: nella pietra, il volto di un uomo che parla di terre remote e di strade rubate.

Il tempo, a Borgo Propizio, non è più lo stesso.

Il romanzo d’esordio di Loredana Limone ha il lieto fine che vorresti. Non hai mai la sensazione che le cose possano andare male perché, anche se complicate, prima o poi si sistemano.

La vita a Borgo Propizio, forse proprio per il nome evocativo, è rassicurante perché anche i non detti hanno forma, fosse anche quella di un fantasma.

L’autrice sa raccontare e lo fa con la sicurezza di chi, nella vita, non abbia fatto altro: è una bella fiaba, ma si sa, le fiabe bisogna saperle raccontare. Leggendo queste pagine è facile immaginarsi seduti ad un tavolino in un ambiente familiare, al centro di un borgo ameno, lontano dalla frenesia della città, ascoltando – in un silenzio quasi irreale – una voce fuori campo che narra storie incredibili, di un luogo che non pensavamo potesse esistere, se non nella nostra fantasia.

Non è un caso che Loredana Limone sia già autrice di libri gastronomici e per bambini: mistero svelato.

Le atmosfere del romanzo ricordano quelle descritte da Joanne Harris in “Chocolat” ed abilmente trasposte nell’omonimo film di Lasse Hallstrom, con Juliette Binoche. Qui però l’ingrediente principale è il latte.

Insomma quello tra le pagine di questo romanzo è un viaggio che vi consiglio, ma solo se avete finalmente del tempo da dedicarvi.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Loredana

Limone

Libri dallo stesso autore

Intervista a Limone Loredana


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Dopo i sommovimenti del 1989 e la caduta del Muro di Berlino, l'esistenza di Imre Kertész subisce un'accelerazione e diventa una vita nomade. Proporzionalmente alla sua fama di scrittore, aumentano i suoi viaggi e, tra il 1991 e il 1995, non fa che prendere appunti, annotare osservazioni, fissare nel racconto le proprie impressioni. Il dialogo costante con se stesso e con gli autori amati si amplia nell'osservazione della vita oltre i confini dell'Ungheria, una patria avvertita sempre più in declino e percorsa da sentimenti xenofobi e antisemiti. I viaggi sono l'occasione per confrontarsi, ancora una volta, con la propria identità di ebreo, di ungherese, di europeo dell'Est, di intellettuale a contatto con la cultura tedesca. Ovviamente, la mente non può non tornare all'accadimento che ha marcato la sua esistenza e quella dell'intera umanità: Auschwitz.

IO, UN ALTRO

Kertész Imre

Tirannico e orgoglioso primo scalpellino d' America, il vecchio Nick Molise è di nuovo in crisi con la moglie. Nessuno dei figli ha voglia di intervenire; d'altronde Nick, che sarebbe stato un uomo più felice se non avesse avuto famiglia... i suoi quattro figli erano i chiodi che lo tenevano crocifisso a mia madre, non ha intenzione di chiedere nulla a nessuno, tanto più che se la spassa a meraviglia con i vecchi amici e, nonostante l'età, coltiva un mucchio di progetti. Può divertirsi, sbevazzare e gloriarsi quanto gli pare del suo grande passato (la città di San Elmo era il suo Louvre, il suo museo a cielo aperto offerto agli occhi del mondo). Il sogno, neppure troppo segreto, sarebbe una tribù di figli-muratori seguaci della sua arte, mentre gli tocca fare i conti con un frenatore di treni, un funzionarietto di banca e uno scrittore. In barba alla propria innata pigrizia, Henry - alias John Fante - lascia moglie e figli, si imbarca su un aereo e si tuffa alla volta dei genitori; giunto a San Elmo, il padre lo prende in contropiede, invitandolo a un'impresa assurda quanto inutile: costruire un essiccatoio per pelli di cervo, in una località impervia a duemila metri di altezza. Henry in un primo tempo esita, poi acconsente, attratto dalla banda di squinternati confratelli del babbo...

La confraternita del Chianti

Fante John

È il 1981, Ciccio lavora a Foggia in un negozio di dischi e vuole fare il deejey. Tonio è un genio dell'elettronica, intrappolato nell'officina del padre. Giovanni, bello come Alain Delon, è l'ala destra dell'Aquilana calcio, la grande promessa del calcio italiano. Teresa, la sua fidanzata, ha deciso, partirà, finirà gli studi e diventerà un medico. E poi Lorenzo, il prete che ama Jimi Hendrix, e irrompe in paese all'alba su una vecchia citroen. Tre ragazzi, una ragazza e un prete. Un luogo inghiottito nella valle, dove tutto sembra immobile e i segreti germogliano sotto i sassi. Un giorno Ciccio ha un'idea: fare una radio, dare una scossa a quella vita fatta di niente. In un paese dove il mondo arriva in ritardo, la musica si lancerà nell'etere per scorticare il silenzio. E la voce di Lupo Solitario, il mitico dj, si materializzerà in una notte di tregenda.

RADIOPIRATA

Carofiglio Francesco

All'era dei pirati della finanza e dell'industria, degli imperi economici costruiti sui campi di battaglia è succeduto lo scenario desolante degli anni Trenta: la borsa in caduta libera, la crisi, la disoccupazione, e "tutti quegli scandali ignobili, quei processi, quei tracolli privi di grandezza"... Come molti della sua generazione, Christophe Bohun non ha né ambizioni, né speranze, né desideri, né nostalgie. È un modesto impiegato nell'azienda che suo padre, il Bohun dell'acciaio, il Bohun del petrolio, è stato costretto, dopo un clamoroso fallimento, ad abbandonare nelle mani del socio. Si lascia svogliatamente amare da una moglie di irritante perfezione e da una cugina da sempre innamorata di lui. "È la pedina" annota la Némirovsky sulla minuta del romanzo "che viene manovrata sulla scacchiera, che per due o tremila franchi al mese sacrifica il suo tempo, la sua salute, la sua anima, la sua vita". Alla morte del padre, però, Christophe trova in un cassetto, bene in evidenza, una busta sigillata: dentro, un elenco di parlamentari, giornalisti, banchieri a cui, nel tentativo di evitare il crac, il vecchio Bohun aveva elargito somme ingenti affinché spingessero il governo ad accelerare i preparativi bellici. Riuscirà questo bruciante retaggio, questa potenziale arma di ricatto, e di riscatto, a scuotere Christophe dal suo "cupo torpore"? Difficile trovare un romanzo così puntualmente applicabile a temi e fatti di ottant'anni dopo.

Una pedina sulla scacchiera

Némirovsky Irène