Narrativa

I colori della luna

Bujatti Eleonora

Descrizione: "Qui dentro troverete animali con nomi di persone, fili d'erba più grandi degli alberi, campi di grano dorati, pipe che non si possono fumare, cieli azzurri, bombette e molti bambini. Come in un quadro che si rispetti, qui dentro troverete tutto. E forse anche di più." (Dalla prefazione a cura di Neri Marcorè).

Categoria: Narrativa

Editore: La Gru

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788897092520

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Ma c’era una cosa su cui Joan aveva proprio ragione: nonostante tutte queste belle cose, la sensazione che quei colori mi trasmettevano, non era felice. Ecco, lo sapevo. Perché Joan mica dipingeva le cose. Lui dipingeva le emozioni“.

Joan è Mirò e a raccontarcelo è un pappagallo muto, Flaco. Un essere che sa ascoltare e con cui il pittore  condivide il suo mondo di forme, colori ed equilibrio.

Un’amicizia commovente che attraversa le loro vite e li sorprende vicini anche nella vecchiaia.

Il pittore trascorre le sue ore a dipingere sotto lo sguardo ammirato e amorevole dell’amico piumato, a cui spiega che la realtà non deve essere il fine dell’arte, ma il luogo in cui cercare i simboli e la struttura di una forma di espressione che è eliminazione del superfluo.

Quella di Mirò e Flaco è la prima delle tre storie narrate da Eleonora Bujatti in questo testo dedicato a tre artisti del passato: Van Gogh, Magritte e, appunto, Mirò.

Nel secondo racconto, i figli del dottor Paul Gachet, che ebbe in cura Van Gogh, rivivono i giorni della  presenza dell’artista e il ricordo dell’uomo cupo e generoso, silenzioso e attento che aveva attraversato la loro casa a Auvers-sur-Oise, dove i campi di grano hanno il colore dell’oro, come quello impresso sulla tela del pittore. “Nei momenti in cui la natura è così bella – aveva detto Vincent all’amico Gachet mentre dipingeva questo quadro, – sento di rivivere in una situazione di terribile lucidità. Non ho più coscienza di me stesso e i quadri nascono come in un sogno”.

Nel racconto “Questa non è una favola“, dentro una tela si nasconde il mondo di un pittore, quello raccontato da due fratellini alla ricerca della magia dell’artista René Magritte.

Dentro la casa di René c’erano tante cose, tutte le cose che c’erano anche nelle case di tutti gli altri, ma quelle del pittore erano diverse, magiche. Quelle cose erano tutte dipinte. C’erano pipe, mele, uova, finestre, persino donne, e anche se sembravano tutte vere, se le guardavi bene avevano tutte qualche cosa di strano“.

Dentro alle pagine di questo libro c’è la realtà vista attraverso gli occhi di tre artisti che l’hanno saputa trasformare, grazie alla loro pazzia, in colori. L’autrice si fa osservatrice di immagini e di emozioni su tela e lo fa con la delicatezza e l’onestà di chi è capace di vedere nell’arte la sua verità.

A volte la verità ha l’aspetto di un pappagallo variopinto che non parla, ma capisce tutto. E i  pazzi veri sono quelli che vedono solo un pappagallo” (dalla Prefazione al libro a cura di Neri Marcorè).

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Eleonora

Bujatti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bujatti Eleonora

Arriva la sposa giovane e lo sposo non c'è. Comincia un'attesa che coincide con la magia dell'educazione alla bellezza, all'erotismo, all'intelligenza dei sensi. La sposa giovane, la ragazza che ha fatto la solenne promessa di unirsi in matrimonio con il figlio. Il figlio però non c'è. È in Inghilterra, a visitare opifici tessili. Il maggiordomo modesto si aggira, esatto e cristallino come la sua lingua non verbale, a garantire i ritmi della comunità. Lo zio agisce e delibera dentro la nebbia di un sonno che non lo abbandona neppure durante le partite di tennis. La figlia porta la sua bellezza dentro un corpo di storpia.

La Sposa giovane

Baricco Alessandro

Federico Rampini ha vissuto nella Silicon Valley nei primi tempi della new economy e ha sempre seguito con attenzione i temi del digitale e della rete. Ma quello che una volta sembrava contenere in sé i semi di una nuova economia, più favorevole al consumatore e più competitiva, e di una nuova società, più aperta e informata, oggi si presenta ai suoi occhi in modo molto diverso. Ormai siamo tutti connessi, sempre, e la nostra attenzione è diventata sempre più superficiale, la nostra vita sempre più multitasking, la nostra privacy sempre più esposta allo sguardo virtuale di amici e non solo. Intanto i cosiddetti "nativi digitali" vivono in un mondo dominato da "app" che sembrano poter colonizzare ogni aspetto della loro vita. I giganti del web sembrano non porsi limiti nella loro corsa alla supremmazia: vogliono mappare tutte le informazioni del mondo, connettere tutte le persone del mondo, essere il negozio unico per tutto il mondo, occupare il tempo libero di tutti. Ma possiamo permettere che tutto sia nelle mani di pochissimi? Che le nostre vite intime, professionali, politiche siano affidate alle grandi aziende digitali? E che succederebbe se dovessimo scoprire che alcune di loro sono diventate davvero cattive?

Rete padrona

Rampini Federico

Nadia Motta ha ventiquattro anni, nessun sogno e un'unica ambizione: il denaro. La sua vita da studentessa è solo una farsa, e i lavori occasionali piú disparati le permettono di tirare avanti. Perché preoccuparsi? Il futuro prima o poi le «verrà incontro da solo». E per quanto riguarda gli uomini? Faccende di poco conto. Se sua madre Stefi si definisce una «femminista storica» e crede di poterne fare a meno, lei è una «postfemminista»: inutile prenderli troppo sul serio, meglio puntare su un fidanzato con un bel lato «b» (babbeo), come Eros, che pensa di essere un grand'uomo ma gliela dà sempre vinta. Solo una cosa conta davvero, su questo Nadia non ha dubbi: i soldi, quella corrente che nasce chissà dove e spinge le nostre vicende in una direzione o nell'altra. E i soldi arrivano: Nadia vince ventuno milioni a una super lotteria, ritrovandosi da un giorno all'altro a dover maneggiare una cifra a sei zeri che solleverà le sue certezze come palloncini, fino a farle scoppiare in un mondo di traffici e avvocati, conti all'estero, misteri della finanza e amici dal lato «i» (quello intelligente) e dal lato «s» (quello stronzo) fin troppo sviluppati. Sola, e abbandonata a se stessa, Nadia sogna una città metafisica dove tutto è in svendita, piena di manichini sorridenti, castelli in aria e ruote panoramiche, e dove il Signore dei Saldi e dei Soldi sta in agguato appeso a un'enorme ragnatela... Comprare il sole è una commedia sul denaro crudele e attualissima, un balletto vertiginoso sul nostro mondo fatto di apparenze, su una «società di poveri ricchi» che ha perso il senso delle cose.

COMPRARE IL SOLE

Vassalli Sebastiano

Una saga familiare che si intreccia a un capitolo poco conosciuto del nostro Novecento. Una vicenda tutta al femminile che emoziona e sorprende: inattesa, profonda, viva. "Non avevo mai pensato di scrivere della mia famiglia. Cosa c'era da raccontare? Finché non ho trovato il diario di Rosa, la mia bisnonna. E ho capito che tra quelle pagine c'era anche la storia di un popolo e di una regione, quella in cui sono nata. Una storia che in Italia conoscono in pochi e che potrebbe, invece, insegnarci molto. Rosa comincia il suo diario ai primi del Novecento, quando il Sudtirolo è territorio austriaco. È l'8 aprile 1902, il giorno del suo matrimonio con Jakob Rizzolli. Lungo la linea dei secoli e di due altre generazioni di donne ­ mia nonna Elsa, mia madre Herlinde ­ la sua eredità è arrivata fino a me".

EREDITA’

Gruber Lilli