Narrativa

I colori della luna

Bujatti Eleonora

Descrizione: "Qui dentro troverete animali con nomi di persone, fili d'erba più grandi degli alberi, campi di grano dorati, pipe che non si possono fumare, cieli azzurri, bombette e molti bambini. Come in un quadro che si rispetti, qui dentro troverete tutto. E forse anche di più." (Dalla prefazione a cura di Neri Marcorè).

Categoria: Narrativa

Editore: La Gru

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788897092520

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Ma c’era una cosa su cui Joan aveva proprio ragione: nonostante tutte queste belle cose, la sensazione che quei colori mi trasmettevano, non era felice. Ecco, lo sapevo. Perché Joan mica dipingeva le cose. Lui dipingeva le emozioni“.

Joan è Mirò e a raccontarcelo è un pappagallo muto, Flaco. Un essere che sa ascoltare e con cui il pittore  condivide il suo mondo di forme, colori ed equilibrio.

Un’amicizia commovente che attraversa le loro vite e li sorprende vicini anche nella vecchiaia.

Il pittore trascorre le sue ore a dipingere sotto lo sguardo ammirato e amorevole dell’amico piumato, a cui spiega che la realtà non deve essere il fine dell’arte, ma il luogo in cui cercare i simboli e la struttura di una forma di espressione che è eliminazione del superfluo.

Quella di Mirò e Flaco è la prima delle tre storie narrate da Eleonora Bujatti in questo testo dedicato a tre artisti del passato: Van Gogh, Magritte e, appunto, Mirò.

Nel secondo racconto, i figli del dottor Paul Gachet, che ebbe in cura Van Gogh, rivivono i giorni della  presenza dell’artista e il ricordo dell’uomo cupo e generoso, silenzioso e attento che aveva attraversato la loro casa a Auvers-sur-Oise, dove i campi di grano hanno il colore dell’oro, come quello impresso sulla tela del pittore. “Nei momenti in cui la natura è così bella – aveva detto Vincent all’amico Gachet mentre dipingeva questo quadro, – sento di rivivere in una situazione di terribile lucidità. Non ho più coscienza di me stesso e i quadri nascono come in un sogno”.

Nel racconto “Questa non è una favola“, dentro una tela si nasconde il mondo di un pittore, quello raccontato da due fratellini alla ricerca della magia dell’artista René Magritte.

Dentro la casa di René c’erano tante cose, tutte le cose che c’erano anche nelle case di tutti gli altri, ma quelle del pittore erano diverse, magiche. Quelle cose erano tutte dipinte. C’erano pipe, mele, uova, finestre, persino donne, e anche se sembravano tutte vere, se le guardavi bene avevano tutte qualche cosa di strano“.

Dentro alle pagine di questo libro c’è la realtà vista attraverso gli occhi di tre artisti che l’hanno saputa trasformare, grazie alla loro pazzia, in colori. L’autrice si fa osservatrice di immagini e di emozioni su tela e lo fa con la delicatezza e l’onestà di chi è capace di vedere nell’arte la sua verità.

A volte la verità ha l’aspetto di un pappagallo variopinto che non parla, ma capisce tutto. E i  pazzi veri sono quelli che vedono solo un pappagallo” (dalla Prefazione al libro a cura di Neri Marcorè).

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Eleonora

Bujatti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bujatti Eleonora


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Sulle spiagge dell'Adriatico un uomo giace sulla sabbia con la gola squarciata. Segue a breve un altro omicidio. L'assassino attende con pazienza che passi la tempesta ma non sa che il proprio nome è stato scritto sulla sabbia.

LA SABBIA NON RICORDA

Scerbanenco Giorgio

L'uomo senza qualita, il romanzo al quale Musil lavoro per gran parte della vita, e una delle massime costruzioni letterarie del Novecento e un'insuperabile rappresentazione delle grandi crisi del nostro secolo. Nella Vienna alle soglie del primo conflitto mondiale, il protagonista Ulrich, per una sorta di malattia dell'anima o del carattere, non sa ne vuole dare corpo e forme alle proprie inclinazioni. Preda di un'intelligenza affascinata dall'esattezza scientifica e dall'infinita indeterminatezza del reale, Ulrich si presta con lucida ironia a quell'infinito gioco di simulazioni e dissoluzioni che Musil orchestra con vertiginosa intelligenza.La presente edizione dell'Uomo senza qualita, prototipo dell'opera di immense ambizioni destinata per sua stessa natura a restare idealmente inconclusa, riordina e seleziona sulla scorta dell'ultima edizione critica tedesca a cura di Adolf Frise (1978) una vastissima mole di materiali inediti, chiarendo le linee di sviluppo della complesa architettura del progetto musiliano.

L’uomo senza qualità

Musil Robert

CHE MUSICA ASCOLTI

Vitagliano Giancarlo

“Le Chat curieux” è una rinomata pasticceria nel centro di Montpellier gestita da Juliette e dalla figlia, Florence. La loro vita è scandita dalle visite dei clienti affezionati come Monsieur Girard, che tutti i giorni fa colazione lì da vent’anni, Claire, compagna di giochi dai tempi dell’infanzia, e Madame Marie, la proprietaria della pensione dove si è sistemato Alain, giovane architetto parigino che ha abbandonato lavoro, famiglia, amici per girare il mondo. E poi c’è Didier, scapestrato senza futuro e senza affetti, sempre in bilico tra l’onestà e i piccoli reati, che abita le pagine di un romanzo di cui Florance è l’autrice.

FLORENCE

Becco Monica