Narrativa

I colori della luna

Bujatti Eleonora

Descrizione: "Qui dentro troverete animali con nomi di persone, fili d'erba più grandi degli alberi, campi di grano dorati, pipe che non si possono fumare, cieli azzurri, bombette e molti bambini. Come in un quadro che si rispetti, qui dentro troverete tutto. E forse anche di più." (Dalla prefazione a cura di Neri Marcorè).

Categoria: Narrativa

Editore: La Gru

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788897092520

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Ma c’era una cosa su cui Joan aveva proprio ragione: nonostante tutte queste belle cose, la sensazione che quei colori mi trasmettevano, non era felice. Ecco, lo sapevo. Perché Joan mica dipingeva le cose. Lui dipingeva le emozioni“.

Joan è Mirò e a raccontarcelo è un pappagallo muto, Flaco. Un essere che sa ascoltare e con cui il pittore  condivide il suo mondo di forme, colori ed equilibrio.

Un’amicizia commovente che attraversa le loro vite e li sorprende vicini anche nella vecchiaia.

Il pittore trascorre le sue ore a dipingere sotto lo sguardo ammirato e amorevole dell’amico piumato, a cui spiega che la realtà non deve essere il fine dell’arte, ma il luogo in cui cercare i simboli e la struttura di una forma di espressione che è eliminazione del superfluo.

Quella di Mirò e Flaco è la prima delle tre storie narrate da Eleonora Bujatti in questo testo dedicato a tre artisti del passato: Van Gogh, Magritte e, appunto, Mirò.

Nel secondo racconto, i figli del dottor Paul Gachet, che ebbe in cura Van Gogh, rivivono i giorni della  presenza dell’artista e il ricordo dell’uomo cupo e generoso, silenzioso e attento che aveva attraversato la loro casa a Auvers-sur-Oise, dove i campi di grano hanno il colore dell’oro, come quello impresso sulla tela del pittore. “Nei momenti in cui la natura è così bella – aveva detto Vincent all’amico Gachet mentre dipingeva questo quadro, – sento di rivivere in una situazione di terribile lucidità. Non ho più coscienza di me stesso e i quadri nascono come in un sogno”.

Nel racconto “Questa non è una favola“, dentro una tela si nasconde il mondo di un pittore, quello raccontato da due fratellini alla ricerca della magia dell’artista René Magritte.

Dentro la casa di René c’erano tante cose, tutte le cose che c’erano anche nelle case di tutti gli altri, ma quelle del pittore erano diverse, magiche. Quelle cose erano tutte dipinte. C’erano pipe, mele, uova, finestre, persino donne, e anche se sembravano tutte vere, se le guardavi bene avevano tutte qualche cosa di strano“.

Dentro alle pagine di questo libro c’è la realtà vista attraverso gli occhi di tre artisti che l’hanno saputa trasformare, grazie alla loro pazzia, in colori. L’autrice si fa osservatrice di immagini e di emozioni su tela e lo fa con la delicatezza e l’onestà di chi è capace di vedere nell’arte la sua verità.

A volte la verità ha l’aspetto di un pappagallo variopinto che non parla, ma capisce tutto. E i  pazzi veri sono quelli che vedono solo un pappagallo” (dalla Prefazione al libro a cura di Neri Marcorè).

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Eleonora

Bujatti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bujatti Eleonora


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Anche nel commissariato di Pozzuoli arriva la primavera piovosa e fredda: il commissario Martusciello rimpiange la capacità di memoria degli anni passati, la sovrintendente Blanca vive una crisi amorosa con l’ispettore Liguori, l’agente scelto Carità è tornato nei suoi silenzi. Dovranno dimenticare le loro irrequietezze per occuparsi di due omicidi; le vittime lavoravano nello stesso ufficio postale di zona, ma pare l’unico legame, perché le morti si riferiscono a contesti diversi: spiriti e voyeurismo pseudo artistico da una parte e crimine di rapine e ricatti dall’altra. Intanto Gianni Russo, il padre di Ninì, la figlia adottiva di Blanca, in carcere per aver confessato l’omicidio della moglie, scappa dall’ospedale dove è ricoverato. Cerca Ninì e la fa sprofondare di nuovo nell’incertezza da cui la ragazza si sta liberando. Il rapporto tra Blanca e Ninì si incrina, Russo ferisce gravemente il commissario e le vite di tutti si frantumano. Martusciello ce la farà, i misteri saranno decifrati: gli spiriti sono solo tormento dato dai vivi ai vivi e le relazioni e gli irrisolti di tutti troveranno un nuovo ordine.

Rosso caldo

Rinaldi Patrizia

Di tasse parlano tutti. Le pagano in molti. Ne capiscono in pochi. Ne sorride nessuno. Questo libro è in debito con quel geniale (e anonimo) studente dell’Università di Torino che, con l’aggiunta di una sola elle, trasformò un burocratico divieto di affiggere campeggiante su un muro in un meraviglioso VIETATO AFFLIGGERE. Fu l’occasione giusta per capire che si possono affrontare cose serie e importanti nel modo meno sadico possibile. A tale ambizioso obiettivo mira il libro che hai tra le mani. E può essere letto sia come una reazione allergica sia come un vaccino contro il dilagare di dibattiti sui temi finanziari e fiscali che imperversano in ogni dove. In televisione e sull’autobus, sui giornali e dal barbiere. In forma ironica, disincantata e non di rado comica vengono affrontati temi che vanno dal debito pubblico alla lotta all’evasione fiscale, passando per “più Stato o più mercato?” e altro ancora. Perché il fisco ci riguarda tutti. Ma delle logiche perverse che ci stanno dietro non sappiamo quasi niente. E forse è arrivato il momento di scoprirle.

Fisco inferno

Marcheselli Andrea

Presentazione dell'autore. Argomento principe della storia, narrata in questo romanzo, è il tormento che Sofia e Marcello sono costretti a subire ad opera della sorella di lei, Viviana, che con l'aiuto dei genitori ostacola, con tutte le sue forze, l'unione dei due amanti fino ad ottenerne la separazione. Viviana va oltre… ma prima di raccontarlo bisogna fare un passo indietro. Sofia e Marcello si innamorano quando entrambi sono rispettivamente fidanzati da oltre dieci anni. Sarà proprio questa loro condizione a far scatenare Viviana che, attraverso il suo impianto accusatorio fondato su pregiudizi e retaggi culturali, oltre a separare i due amanti, costringerà Sofia a riconciliarsi con Roberto, il vecchio fidanzato. La forzata separazione porrà Sofia e Marcello in uno stato inverosimile, di totale disperazione, dal quale cercheranno con ogni forza di tirarsi fuori per rivendicare la loro vita… il loro amore.

Un incontro d’amore

Capolongo Antonio

"Cuore pensante" è il romanzo di una formazione spirituale di una bambina diversa dalle altre, che portava i pantaloni, che soffriva e amava la solitudine, che non seduceva i ragazzi scimmiottando modelli da rotocalco, che faceva molte domande, che coglieva il sacro nel dettaglio quotidiano, che sapeva sorprendersi della natura, delle sue leggi e delle sue meraviglie. Susanna Tamaro offre ai suoi lettori un personalissimo diario spirituale, un libro confessione che si legge come un romanzo e che mette a nudo, come mai aveva fatto sinora, la sua spiritualità concretissima, che non sacrifica la realtà al mistero ma coglie il mistero nella realtà.

Un cuore pensante

Tamaro Susanna