Classici

Cacao

Amado Jorge

Descrizione: Negli anni '30 lo stato di Bahia, terra di cacao e di grandi latifondisti, diviene il miraggio per migliaia di diseredati che accorrono alla ricerca di un lavoro. Amado ha visto, ha studiato quella realtà con l'intelligenza di un etnologo o di un antropologo, e ha poi trasfuso in queste pagine tutta la sua capacità di raccontare, da autentico cantastorie della vita brasiliana. Mettendosi lui stesso nella parte di un bracciante, alfabetizzato ma incolto, nato da famiglia benestante però costretto da un rovescio finanziario a cercare lavoro, Amado racconta di fatiche disumane e di amori travolgenti e sensuali, di crudele violenza e di altruismo, di ingenuità e di fede, di morte e di sofferenza, di prepotenze dei fazendeiros e di spensierata allegria dei giovani, dipingendo con i suoi forti e coinvolgenti colori il quadro di un mondo e di tante vite.

Categoria: Classici

Editore: Einaudi

Collana: Tascabili

Anno: 1933

ISBN: 9788806177171

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

“L’oscurità avvolgeva tutto. Piangevano le chitarre, gli uccelli cinguettavano. I frutti d’oro del cacao e i serpenti. Le stelle brillavano in cielo. Le lanterne per strada sembravano anime in pena levate in volo. La notte in fazenda è triste, cupa, dolorosa. E’ di notte che la gente pensa…”

Amado ci racconta, in prima persona, il duro lavoro nelle fazendas di cacao. Il protagonista, un giovane di Sergipe in difficoltà economiche, decide di “farsi affittare” come lavoratore nelle piantagioni del coronel Misael, il padrone di quelle terre del sud in cui “si affittano anche le persone.”

La parola mi umiliava. Affittato…Ero ridotto a molto meno di un uomo.” La discesa agli inferi del giovane coincide con la presa di coscienza della propria posizione: “Io, a quel tempo, come tutti i braccianti, non sapevo niente di lotta di classe. Ma sospettavamo qualcosa.

Il duro lavoro mal pagato e un debito sempre aperto con il padrone rappresentano per i braccianti della fazenda la condanna a una vita in vinculis (per loro e le loro famiglie), una situazione di povertà estrema da cui umanamente è impossibile riscattarsi.

Il testo di Amado è violento, come violente e alienanti sono le esistenze dei lavoratori del cacao. Il frutto dorato è per i braccianti nient’altro che un seme pericoloso: nella sua lavorazione si alimenta e matura la rabbia dell’oppresso e il rancore per chi è causa di quella schiavitù senza possibilità di affrancazione.

Anche i rapporti tra gli uomini e le donne è brutale: il sesso è merce di scambio, magra consolazione, veicolo di amarezze e malattie.

Amado fa della personale esperienza – il lavoro in fazenda – l’oggetto del suo raccontare: ciò che si respira tra queste pagine e che viene da lontano è reale. La vita è lotta quotidiana per non soccombere: il nemico sono i ricchi sfruttatori. Per loro non c’è salvezza né giustificazione. Sono aberranti, aridi, crudeli.

Significativo il dialogo tra la Dona Arlinda – la moglie del coronel Misael – e la moglie di un lavorante: “- Come va tuo marito? –E’ malato padrona. […] Ma non ha i soldi per andare a Bahia e farsi curare […] – Pigrizia si chiama…Se lavoraste, diventereste ricchi. – Noialtri non facciamo questione di diventare ricchi, no, sinhà. Vogliamo solo salute e fagioli da mangiare. E si lavora molto, questo sì.” “Dona Arlinda si guardava le mani piccole con le unghie smaltate, molto eleganti: – Dài che il lavoro non è così duro…- La donna si guardava le mani grandi e callose con le unghie sporche e sorrideva il sorriso più triste del mondo. Non piangeva perché, come tutti gli altri, non sapeva piangere. Ma stava imparando a odiare.” 

La narrazione del giovane protagonista crea partecipazione: in lui – alfabetizzato ma incolto – si fa strada la consapevolezza di non essere un individuo, ma un pezzo di una collettività più vasta. Il senso di solidarietà per i compagni di lavoro (il carpentiere Colodino, il mulatto João Grilo, il mulattiere Antônio Barriguinha, il negro Honório) e il sentimento comune, che li unisce nella miseria, lo condurranno fuori dall’inferno.

Figure dannate e poetiche si susseguono nelle vita del ragazzo di Sergipe: le pagine del romanzo si fanno luogo di incontro e di racconto. Come la storia della piccola prostituta Zilda: ci commuove con la sua breve esistenza segnata dalla violenza del maschio e del padrone. Violentata e destinata a concludere i suoi giorni in strada, Zilda si innamora del suo aguzzino per poi essere nuovamente calpestata.

Chi scrive è un Amado giovanissimo: ma il suo romanzo –pubblicato nel 1933 – è già maturo nei suoi contenuti. In esso troviamo il germe del grande Amado: un libro che anticipa temi che ritroveremo in altri suoi romanzi e ci abitua già a quelle atmosfere popolari e, a tratti, ancestrali che anticipano e introducono il realismo magico di tanta letteratura sudamericana.

“Il giorno dopo salutai i compagni. Il vento accarezzava i campi e per la prima volta mi accorsi della bellezza del posto. Guardai senza rimpianto la casa-grande. L’amore per la mia classe, per i braccianti e gli operai, amore umano e grande, avrebbe cancellato l’amore meschino per la figlia del padrone. […] Partivo per la lotta con il cuore libero e felice.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jorge

Amado

Libri dallo stesso autore

Intervista a Amado Jorge


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Margherita Malventi si dedica a una cucina intima e riflessiva nel suo piccolo ristorante a Venezia, nel sestiere di Castello, ed è convinta che la luna le abbia salvato la vita più di una volta. Suo padre si chiama Achille, ha ottantasette anni, è alto un metro e cinquantaquattro, ed è stato uno dei più rinomati chef della città lagunare, finché non ha perso tutto a causa delle sue manie di grandezza. È un uomo rabbioso, in guerra contro il mondo, ma l'invito a partecipare come ospite d'onore a Chef Test, popolarissimo programma televisivo di cucina, sembra offrirgli la possibilità di una rivalsa pubblica. Margherita decide di accompagnarlo a Milano, dove il programma viene registrato, con la speranza assai poco realistica che il viaggio possa dischiudere tra loro una comunicazione che non c'è mai stata.

Una di Luna

De Carlo Andrea

È una primavera strana, indecisa, come l’umore di Guido Guerrieri. Messo all’angolo da una vicenda personale che lo spinge a riflettere sulla propria esistenza, Guido pare chiudersi in sé stesso. Come interlocutore preferito ha il sacco da boxe che pende dal soffitto del suo soggiorno. A smuovere la situazione arriva un cliente fuori del comune: un giudice nel pieno di una folgorante carriera, suo ex compagno di università, sempre primo negli studi e nei concorsi. Si rivolge a lui perché lo difenda dall’accusa di corruzione, la peggiore che possa ricadere su un magistrato. Quasi suo malgrado, Guerrieri si lascia coinvolgere dal caso e a poco a poco perde lucidità, lacerato dalla tensione fra regole formali e coscienza individuale. In un susseguirsi di accadimenti drammatici e squarci comici, ad aiutarlo saranno l’amico poliziotto, Carmelo Tancredi, e un investigatore privato, un personaggio difficile da decifrare: se non altro perché è donna, è bella, è ambigua, e gira con una mazza da baseball.

La regola dell’equilibrio

Carofiglio Gianrico

Un giovane prigioniero di guerra nordcoreano, ribattezzato Yohan dagli americani, viene mandato via mare in Brasile perché si ricostruisca una vita dopo gli orrori di un conflitto che ha finora poco interessato la letteratura. Grazie all'abilità manuale che ha dimostrato al campo, viene assegnato come aiutante nella bottega di un sarto giapponese, a sua volta emigrato, a sua volta spaesato nel nuovo continente. Unico legame con l'altro capo del mondo, uno dei marinai giapponesi della nave che fa scalo a intervalli regolari nel porto. E unico interlocutore l'uomo di mezza età che taglia e cuce pazientemente nella piccola, spartana bottega. Interlocutore silenzioso, e non solo per problemi linguistici, il sarto trasmette a Yohan, insieme alla sua arte, anche la malinconica serenità raggiunta negli anni. I due tacciono su un passato drammatico: il lettore viene a conoscere quello del ragazzo tramite una serie di flashback che rivelano con parole scarne le vicende spaventose della guerra, dello sradicamento e della prigionia mitigata solo dalla compagnia di un amico più sfortunato. Ed è grazie al silenzio leggero, colmo di gentilezza, saggezza ed empatia del sarto, e all'incontro con due straordinari ragazzi di strada brasiliani, che Yohan a poco a poco comincia a rinascere, a creare legami di affetto, e perfino a sognare.

La riva del silenzio

Yoon Paul

Lo chiamano Oltre. Alcuni sono appena arrivati in quel mondo così simile al nostro eppure così diverso. Altri invece sono lì da secoli e sono ormai indifferenti alla perenne coltre di nubi che nasconde il sole e all’atmosfera cupa che li circonda. Ma ognuno di loro condivide lo stesso destino: dopo essere morti, sono stati condannati per l’eternità. Sia che abbiano scritto a caratteri di fuoco il loro nome nel grande libro della Storia – tiranni sanguinari, sovrani spietati, criminali di guerra – sia che nel corso della loro oscura esistenza si siano macchiati di colpe incancellabili, adesso sono tutti relegati in quel luogo maledetto. Tutti, tranne John Camp. Lui è «vivo», ed è lì per sua scelta. Perché ha giurato di salvare la donna che ama. Durante un audace esperimento di fisica delle particelle, la dottoressa Emily Loughty è scomparsa nel nulla e, quando si è deciso di ripetere il procedimento per capire cosa fosse successo, John si è posizionato nel punto esatto in cui lei era sparita e... in un attimo è stato catapultato all’Inferno. E ora deve affrontare un mondo sconosciuto e ostile per ritrovare Emily e riportarla indietro. Ma il tempo a sua disposizione è poco, e tutti e due rischiano di rimanere per sempre prigionieri nella terra dei Dannati...

Dannati

Cooper Glenn