Narrativa

Cacciatori nel buio

Osborne Lawrence

Descrizione: Una vincita insperata in un casinò sul confine cambogiano-thailandese, e Robert, giovane insegnante inglese in vacanza, decide di non tornare più al torpido grigiore del Sussex e restare invece in Cambogia, come «barang» a tempo indeterminato - uno dei tanti espatriati occidentali che «cacciano al buio», cercando a tentoni la felicità in un mondo che non potranno mai comprendere appieno, e finiscono per lasciarsi semplicemente trascinare alla deriva. Ma anziché la chiave d'accesso a una nuova vita, quella vincita si rivelerà l'innesco di una reazione a catena, destinata a coinvolgere un americano incongruamente elegante, un poliziotto locale dal lugubre passato e la rampolla di un ricco cambogiano.

Categoria: Narrativa

Editore: Adelphi

Collana: Fabula

Anno: 2017

ISBN: 9788845932007

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

Cacciatori nel buio dello scrittore inglese Lawrence Osborne è un eccellente cocktail di generi: l’autore mescola sapientemente lunghe e dettagliate descrizioni di paesaggi cambogiani, quasi si trattasse di una guida turistica (“I blocchi scuri color tè erano sparpagliati in ammassi che nessuno muoveva da mille anni”), al filone giallo più classico con risultati sicuramente apprezzabili. La Cambogia infatti, con il suo ambiente tropicale e il clima monsonico, i numerosi templi in rovina e il recente passato sanguinario segnato dalla rivoluzione comunista dei Khmer Rossi, emerge in tutta la sua fierezza. Diventa lo scenario in cui si muove il giovane inglese Robert, considerato un “Barang” secondo la terminologia locale, un occidentale in vacanza in questo lembo di Indocina. Egli è in realtà spaesato, alla ricerca di sé stesso, desideroso di dimenticare il lavoro da insegnante e la lontana Inghlterra. Robert aspettava “…che la vita cominciasse, eppure chissà perché non cominciava”, egli è uno dei tanti “cacciatori nel buio” di cui è disseminato il libro, un individuo alla ricerca della felicità in quanto “non c’è colpa nella spietata ricerca della felicità… È come andare verso la luce”. Robert è l’emblema di quel decadimento inglese che si contrappone al fermento di una nazione ancora troppo scossa dalle violenze della rivoluzione, da “… generazioni che avevano perso tutta la gioventù per niente e la cui unica via dì uscita era dimenticare”. La Cambogia viene inoltre rappresentata come un  paese indolente, sospeso e galleggiante sul sonnecchioso Mekong, che strizza l’occhio al periodo coloniale francese, ma che allo stesso tempo guarda con fiducia al capitalismo e all’afflusso di denaro che non viene più da Ovest bensì dalla nuova frontiera cinese. Un paese che, nella ricerca di modernità, mostra ancora un forte attaccamento ad ancestrali superstizioni e che crede fortemente nel Karma.

Osborne dimostra di conoscere perfettamente le dinamiche locali e riesce a consolidare nel lettore la piacevole sensazione di avvalersi del filone giallo-noir per tratteggiare le vicende di un mondo lontano che ci appare nel suo splendore.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Lawrence

Osborne

Libri dallo stesso autore

Intervista a Osborne Lawrence

De divinatione

Cicerone Marco Tullio

Che cos’è la vita? Una scalata verso la salvezza da se stessa, risponde Silvia, trentacinquenne più che carina, ragazza che non si sente né donna né bimba, scrittrice o forse scrittora, crisalide che magari, un giorno, sarà farfalla, ma con i suoi tempi e i suoi modi. Vi riuscirà? Non è detto, forse non è così importante il risultato finale, ma la ricerca di sé che Silvia conduce tra amiche e presunti uomini della vita, fra situazioni ai limiti del grottesco e lo scodinzolio del suo pelosissimo cane, riempie il libro di una fresca essenza vitale, questa sì irrinunciabile. Una Bridget Jones all’italiana? Solo in parte, anche se non mancano ossessioni personali, manie e stranezze della vita, e una buona dose di sarcasmo nell’osservarle. Più di Bridget, Silvia rappresenta le eterne ragazze di oggi, dà spessore ai loro pensieri, mette in piazza le ansie e i propositi. In fondo, si può restare crisalidi per tutta la vita, se non si ha la sicurezza di diventare una farfalla speciale.

CRISALIDE ROSA

Pivari Cristiana

Le quarantanove prose di questo libro raccontano la graduale maturazione spirituale di un giovane uomo che, giorno dopo giorno, cerca di chiarire il proprio legame con se stesso, ma anche con la figura della madre e del padre, con la propria fidanzata, la città, il paese e lo Stato. In un periodo assai breve, ma come in un'illuminazione prolungata, egli tenta di radicarsi nella realtà in cui vive cercando di acquisire una solidità che nei tempi consumistici ed egotici di oggi sembra negata. È possibile rafforzare se stessi da se stessi? L'autore ci racconta quarantanove giorni della sua vita tentando di raggiungere ciò che il poeta Giorgio Caproni chiamava "quello stato profondo di sé che è di tutti", cercando di riportarlo alla realtà quotidiana, spingendo la poesia oltre il libro che la contiene.

Quarantanove giorni

Ricciardi Jacopo

Basato sulla sceneggiatura originale di Mario Puzo, La famiglia Corleone è il prequel de Il Padrino, con tutti i personaggi della saga della famiglia Corleone. New York, 1933. Le gang criminali della città hanno prosperato all’epoca della Grande Depressione, ma con la fine del proibizionismo una guerra infuria tra i vari clan per il controllo degli affari. Per Vito Corleone nulla è più importante del futuro della propria famiglia. In particolare ha a cuore il maggiore sei suoi sei figli, Sonny. Vito vorrebbe che diventasse un onesto uomo d’affari, ma Sonny - 17 anni, irrequieto e impaziente - vuole altro: seguire le orme del padre e diventare parte del vero business di famiglia.

LA FAMIGLIA CORLEONE

Falco Ed