Narrativa

Cacciatori nel buio

Osborne Lawrence

Descrizione: Una vincita insperata in un casinò sul confine cambogiano-thailandese, e Robert, giovane insegnante inglese in vacanza, decide di non tornare più al torpido grigiore del Sussex e restare invece in Cambogia, come «barang» a tempo indeterminato - uno dei tanti espatriati occidentali che «cacciano al buio», cercando a tentoni la felicità in un mondo che non potranno mai comprendere appieno, e finiscono per lasciarsi semplicemente trascinare alla deriva. Ma anziché la chiave d'accesso a una nuova vita, quella vincita si rivelerà l'innesco di una reazione a catena, destinata a coinvolgere un americano incongruamente elegante, un poliziotto locale dal lugubre passato e la rampolla di un ricco cambogiano.

Categoria: Narrativa

Editore: Adelphi

Collana: Fabula

Anno: 2017

ISBN: 9788845932007

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

Cacciatori nel buio dello scrittore inglese Lawrence Osborne è un eccellente cocktail di generi: l’autore mescola sapientemente lunghe e dettagliate descrizioni di paesaggi cambogiani, quasi si trattasse di una guida turistica (“I blocchi scuri color tè erano sparpagliati in ammassi che nessuno muoveva da mille anni”), al filone giallo più classico con risultati sicuramente apprezzabili. La Cambogia infatti, con il suo ambiente tropicale e il clima monsonico, i numerosi templi in rovina e il recente passato sanguinario segnato dalla rivoluzione comunista dei Khmer Rossi, emerge in tutta la sua fierezza. Diventa lo scenario in cui si muove il giovane inglese Robert, considerato un “Barang” secondo la terminologia locale, un occidentale in vacanza in questo lembo di Indocina. Egli è in realtà spaesato, alla ricerca di sé stesso, desideroso di dimenticare il lavoro da insegnante e la lontana Inghlterra. Robert aspettava “…che la vita cominciasse, eppure chissà perché non cominciava”, egli è uno dei tanti “cacciatori nel buio” di cui è disseminato il libro, un individuo alla ricerca della felicità in quanto “non c’è colpa nella spietata ricerca della felicità… È come andare verso la luce”. Robert è l’emblema di quel decadimento inglese che si contrappone al fermento di una nazione ancora troppo scossa dalle violenze della rivoluzione, da “… generazioni che avevano perso tutta la gioventù per niente e la cui unica via dì uscita era dimenticare”. La Cambogia viene inoltre rappresentata come un  paese indolente, sospeso e galleggiante sul sonnecchioso Mekong, che strizza l’occhio al periodo coloniale francese, ma che allo stesso tempo guarda con fiducia al capitalismo e all’afflusso di denaro che non viene più da Ovest bensì dalla nuova frontiera cinese. Un paese che, nella ricerca di modernità, mostra ancora un forte attaccamento ad ancestrali superstizioni e che crede fortemente nel Karma.

Osborne dimostra di conoscere perfettamente le dinamiche locali e riesce a consolidare nel lettore la piacevole sensazione di avvalersi del filone giallo-noir per tratteggiare le vicende di un mondo lontano che ci appare nel suo splendore.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Lawrence

Osborne

Libri dallo stesso autore

Intervista a Osborne Lawrence


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Scritto nel 1964 e pubblicato nel 1965 dalla Doubleday, "Le tre stimmate di Palmer Eldritch" è stato osannato come un grande romanzo psichedelico, una navigazione allucinata in un mondo surreale creato dalla droga e dominato dall'inquietante figura di un mostruoso imprenditore-spacciatore, non del tutto umano e forse strumento di un'oscura divinità. Ma dietro la storia di una delle più originali invasioni aliene mai raccontate si nascondono diversi livelli di lettura, dove la provocatoria meditazione teologica va a braccetto con la denuncia politica e sociale. Palmer Eldritch, produttore e spacciatore del Chew-Z, è forse un abominevole Cristo negativo, forse personificazione di una Tecnica che tutto vede, afferra e mastica; ma forse è solo una povera vittima, un uomo qualunque... Droghe illegali, stimmate divine, tesi gnostiche, Barbie Dolls: "Le tre stimmate di Palmer Eldritch" è tutto questo e in piú una grandiosa storia di invasione della Terra.

LE TRE STIMMATE DI PALMER ELDRITCH

Dick Philip K.

In un passaggio apparentemente marginale del racconto che da il titolo a questa raccolta disegnata dall'autore, la protagonista offre al suo professore di matematica, passato a trovarla, un bicchier d'acqua. Poi, mentre lo guarda bere, la ragazza è colpita dalla cosa più semplice, l'assoluta naturalezza del gesto, che l'uomo compie "come se in vita sua non avesse fatto altro che venire in cucina da me a bere acqua". È un tocco inconfondibile, che unisce in una riga tutta l'atmosfera di cui abbiamo bisogno e tutto l'intreccio che possiamo desiderare. Ma è anche di più. È la conferma che qualsiasi storia, anche minima, racconti - si tratti di un ragazzo che, come in Miss Little Sunshine, smette di parlare in casa, mentre intrattiene una fitta corrispondenza con i carcerati; di un adolescente che, alla morte del suo cane, si convince che nelle formule dell'algebra si annidi il segreto della felicità; o di una coppia gay di fronte a una scena topica, quella della presentazione ufficiale a due impettiti genitori -, Cameron sembra appunto non avere mai fatto altro.

Paura della matematica

Cameron Peter

Una tragedia si consuma al Solitude Creek, un piccolo disco-pub nella penisola di Monterrey. Qualcuno grida “al fuoco!” e gli avventori, in preda al panico, si precipitano alle uscite, trovandole sbarrate. Il bilancio è di sei morti e di diversi feriti gravi. Tuttavia, a causare il disastro è stata la calca, non un incendio. Kathryn Dance, ottimo agente dell’FBI, capisce che la disgrazia è stata provocata di proposito e che il colpevole, un uomo intenzionato a servirsi delle paure delle persone per seminare il panico, è pronto a sferrare altri attacchi. L’agente Dance e il suo team devono intraprendere una pericolosa corsa contro il tempo prima che altri innocenti ne paghino le conseguenze.

Solitude Creek

Deaver Jeffery

Roma, primi anni Novanta. Mentre i sogni del Novecento volgono a una fine inesorabile e Berlusconi si avvia a prendere il potere, uno scrittore trentenne cinico e ingenuo, sbadato e profondo assieme trova lavoro in un archivio, il Fondo Pier Paolo Pasolini. Su quel dedalo di carte racchiuso in un palazzone del quartiere Prati, regna una bisbetica Laura Betti sul viale del tramonto: ma l'incontro con la folle eroina di questo libro, sedicente eppure autentica erede spirituale del poeta friulano, equivale per il giovane a un incontro con Pasolini stesso, come se l'attrice di "Teorema" fosse plasmata, posseduta dalla sua presenza viva, dal suo itinerario privato di indefesso sperimentatore sessuale e dalla sua vicenda pubblica d'arte, eresia e provocazione. "Qualcosa di scritto" racconta la linea d'ombra di questo contagio e l'inevitabile congedo da esso - un congedo dall'adolescenza e da un'intera epoca; ma racconta anche un'altra vicenda, quella di un'iniziazione ai misteri, di un accesso ai più riposti ed eterni segreti della vita. Una storia nascosta in "Petrolio", il romanzo incompiuto di Pasolini che vide la luce nel 1992 e che rivive qui in un'interpretazione radicale e illuminante. Una storia che condurrà il lettore per due volte in Grecia, alla sacra Eleusi: come guida, prima il libro postumo di Pier Paolo Pasolini, poi il disincanto della nostra epoca - in cui può tuttavia brillare ancora il paradossale lampo del mistero.

Qualcosa di scritto

Trevi Emanuele