Narrativa

Cade la terra

Pellegrino Carmen

Descrizione: Premio Rapallo Carige Opera Prima per la donna scrittrice 2015. Alento è un borgo abbandonato che sembra rincorrere l'oblio, e che non vede l'ora di scomparire. Il paesaggio d'intorno frana ma, soprattutto, franano le anime dei fantasmi che Estella, la protagonista di questo intenso e struggente romanzo, cerca di tenere in vita con disperato accudimento. Voci, dialoghi, storie di un mondo chiuso dove la ricchezza e la miseria sono impastate con la stessa terra nera. Capricci, ferocie, crudeltà, memorie e colpe di un paese condannato a ritornare alla terra. Come tra le quinte di un teatro ecco aggirarsi un anarchico, un venditore di vasi da notte, una donna che non vuole sposarsi, un banditore cieco, una figlia che immagina favole, un padre abile nel distruggerle. Con Carmen Pellegrino l'abbandonologia diviene scienza poetica. E questo modo particolare di guardare le rovine, di cui molto si è parlato sui giornali e su internet, ha finalmente il suo romanzo.

Categoria: Narrativa

Editore: Giunti

Collana:

Anno: 2015

ISBN: 9788809792548

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Dal Campiello 2015

Cade la terra” di Carmen Pellegrino è un romanzo articolato in tre parti, ciascuna delle quali viene introdotta dalle intense rime di illustri poeti.

Parte prima – La casa dell’olmo

Estella (“Gli occhi fissi come quelli di una civetta erano azzurri, un vero spreco di colore turchino, accentuato dai capelli che le sbattevano biondi sulle spalle”) ritorna ad Alento (“Il paese, che aveva sempre camminato, ora sembrava aver camminato di più nella sua coperta di fango, con gli abitanti che si erano ritirati più a nord, sopra una porzione di terra meno tremolante”) dopo un’esperienza fallimentare di monaca (“Una disturbata che era entrata giovanissima in monastero e che se ne era scappata di notte, dopo appena due anni, con l’abito di monaca addosso. Vennero da Napoli a riprenderselo e lei se lo tolse davanti alla chiesa”). Trova ricovero come istitutrice nella villa del notaio de Paolis, ove le viene affidato il figlio Marcello, un ragazzo problematico e nosofobico.
Grazie alla filantropia dei de Paolis, la villa è il fulcro della vita (“In questa casa sono passati molti degli alentesi”) di un paesino agonizzante e instabile prevalentemente abitato da “bifolchi” (“Pastori, giumentieri, vaccari…”), nel quale perfino il culto (“La statua della Madonna della Frana”) sembra alludere al precario destino di morte che aleggia sul borgo fatiscente.
Nonostante le disposizioni cittadine (“L’ordine di lasciare il borgo è stato perentorio, si corre un rischio grave a restare”), Estella decide di continuare ad abitare nella casa pericolante (“Questa casa cominciò a diruparmi addosso – un frullio di calcinacci dietro l’altro…”), anche quando tutti gli abitanti si trasferiscono per scampare alla distruzione (“Ogni povera cosa a un certo punto ha cominciato a parlarmi, a fare clamore dentro il gioco della memoria…”).

Parte seconda – L’attesa

Relegata nella sua pertinace solitudine (“Questo piccolo mondo autistico dove rinasco e muoio ogni volta”), Estella dà spazio alle storie di personaggi la cui memoria riecheggia nell’atmosfera spettrale del paese fantasma: l’anarchico Cola Forti, sua figlia Libera costretta in sposa al Guercio, l’infelice Lucia Parisi, rea di aver rotto una lampadina, Consiglio e Custoda Parisi  con la figlioletta Mariuccia, Giacinto il guardio in attesa di un berretto che consacri il suo ruolo, il commerciante Maccabeo (“Gli industrianti… che conducevano i loro affari investendo e costruendo, malgrado la terra sotto i loro piedi digradasse come un fianco di monte”) che ha i figli Antonio e Luchino al fronte.
E sono storie di povera gente, di donne che vivono il sesso come costrizione, storie di superstizione (“Era una civetta”), tradizioni (“Ricordatevi che entrate nella purificazione”) e pratiche primitive (“Dopo la nascita di Michelino mi hanno fatto lo strappamento”), di malasanità (“Cadete tutti a pezzi in questo paese. Ho fatto un’iniezione per un’altra alla bambina”).

Parte terza – La cena

Anticipato sinistramente nel prologo (“Per l’occasione ho indossato il mio vestito della festa, un abito di velluto alla moda… va bene, va bene, la moda di cento anni fa”), l’epilogo celebra la cena metafisica (“La verità è che li tieni prigionieri perché ti senti sola e ne muori”) alla quale partecipano lo scetticismo di un vivo (Marcello), i fantasmi dei personaggi evocati nella seconda parte e, in posizione medianica (“Li guardo… i miei ospiti, tanto ben disposti nella morte, mentre calmi e gravi parlano e levano le coppe”), Estella, così sospesa tra passato e presente, così sprovvista di un futuro.

La prima parte viene introdotta dai versi di “Amore per la vita” di Alfonso Gatto, la seconda è abbinata a “Forse un mattino andando in un’aria di vetro” di Montale, la terza non può che accompagnarsi ad alcune rime de “Il giorno dei morti” di Pascoli.

Cade la terraè il riuscito esperimento di interpretare una storia personale anche attraverso poesie bellissime. Cade la terraè il refrain di un gioco elementare e un girotondo (nel romanzo sono citati il gioco della staccia e “Regina reginella… quanti passi mi vuoi dare per arrivare al tuo castello?”) danza Carmen Pellegrino, che rappresenta il problema fondamentale dell’esistenza – l’inesistenza della realtà, così ben visualizzato da Montale – senza rinunciare al sogno disperato di comunicare con persone e cose, contrapponendo la letteratura alla triste realtà italiana della deriva idrogeologica e dello spopolamento progressivo di nuclei atavici nei quali affondano le nostre radici soffocate dal meccanicismo anonimo (Chiedete ragione di singole esistenze che però erano parte di un luogo e di una comunità”)  e impersonale della storia (Subito mi chiedo quale sia la storia che raccontiamo. Una storia di esclusione, senza dubbio, ma anche di vite dissipate, trascorse senza gridi, senza gesti”). 

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Carmen

Pellegrino

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pellegrino Carmen


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Scritto nel 1940, "Don Giovanni in Sicilia" è la storia di Giovanni Percolla, scapolo impenitente logorato, come tutti i suoi concittadini, da un'inestinguibile sete sessuale. Decide però di imprimere una svolta alla propria vita quando sposa la giovane Maria Antonietta, che lo convince a trasferirsi a Milano. Il viaggio risulta un fallimento, e i due sposi decidono di tornare alle radici, dove Percolla riprecipita nella stessa inerzia fatta di gesti sterili e ripetitivi.

Don Giovanni in Sicilia

Brancati Vitaliano

Una passione d'amore bruciante, un lungo viaggio nelle profondità del desiderio di una donna per un'altra donna.

Scritto sul corpo

Winterson Jeanette

Gaia, 38 anni, porta la taglia 38, vive nel centro di Milano e in equilibrio perfetto sul suo tacco dodici si muove disinvolta tra sfilate e locali alla moda: del resto ha un marito che le garantisce una grande agiatezza, un amante il cui profilo su Facebook dice sempre "innamorato", una figlia che va alla scuola steineriana, due amiche di nome Ilaria e Solaria, un iPhone, un iPod, un iPad e una psicanalista che a ogni seduta pronuncia queste parole: "Sono trecento euro". Madre in carriera, può vantare l'invenzione dell'apericena, rito che ha ormai contagiato l'intera penisola, e la soddisfazione di non avere fatto mancare nulla alla figlia Elettra senza per questo trascurare il lavoro. Nessuna sbavatura, insomma. Eppure il passato bussa, implacabile, nel sonno. Un incubo ricorrente, che sembra voler riportare a galla qualcosa... Prima o poi Gaia dovrà decidersi a parlare di suo padre. E dei suoi tre anni di black-out. Anche perché a un tratto nel suo presente si è aperta una piccola crepa, destinata ad allargarsi come la tela di un ragno e a mandare in pezzi le sue sicurezze: il licenziamento dall'agenzia di comunicazione dove lavora, un'impasse sentimentale inattesa, la carta di credito bloccata, Elettra che lancia segnali di un disagio sempre più ineludibile... Con irresistibile vena satirica, unita qui però a uno sguardo profondamente partecipe, Giuseppe Culicchia dà vita a un personaggio femminile tragico e grottesco, risucchiato in una spirale di menzogne e forzature che mostrano il volto più fasullo della borghesia d'inizio millennio, celebrandone i riti e insieme il declino; e al tempo stesso scrive un libro civile, capace di svelare il bene nascosto sotto la patina del nostro vivere quotidiano come le radici di un albero frondoso che spezzino la crosta dell'asfalto per dare ossigeno alla città. Attraverso una vertiginosa capacità di scavare nei cliché linguistici e umani, Culicchia procede insinuando variazioni minime nell'infinito gioco di specchi nel quale nostro malgrado ci muoviamo. E - in bilico tra il dolore e il sorriso - libera sulla pagina quelle piccole rivelazioni che sono il nucleo di un cambiamento possibile. Perché, toccato il fondo della crisi, si può ricominciare a vivere, spogli di tutto ma ricchi come mai prima.

VENERE IN METRO’

Culicchia Giuseppe

Una mattina d'aprile del 1941 Virginia Woolf usciva di casa e si dirigeva come per una passeggiata verso il vicino fiume Ouse. A cinquantanove anni, la più grande scrittrice del Novecento aveva scelto di spegnere nel silenzioso fluire delle acque la tensione ormai insostenibile della sua esistenza. Sulla scrivania, due lettere di congedo e l'ultimo romanzo, "Tra un atto e l'altro", il più rarefatto e insieme il più struggente dei suoi capolavori. Tra un atto e l'altro di un'ingenua rappresentazione dilettantesca in un paese della campagna d'Inghilterra, si liberano i "momenti dell'essere" più squisitamente woolfiani: gli uomini, gli spettatori della vita, sono colti nel loro stato di protagonisti. Rigurgiti ansiosi, voluttuose fantasticherie, accensioni di desiderio, guizzi di rivolta, sottomissioni, monologanti lirismi percorrono un tempo neutro, un'ora zero della vita, e confluiscono in un unico stream che si oppone con fluida, magnetica tenacia alla tragica, banale fissità degli avvenimenti rappresentati. "Tra un atto e l'altro" è il romanzo del presente, del mobile, del fuggevole, del frammentario che anela a comporsi in unità, in una compiuta polifonia.

Tra un atto e l’altro

Woolf Virginia