Narrativa

Cade la terra

Pellegrino Carmen

Descrizione: Premio Rapallo Carige Opera Prima per la donna scrittrice 2015. Alento è un borgo abbandonato che sembra rincorrere l'oblio, e che non vede l'ora di scomparire. Il paesaggio d'intorno frana ma, soprattutto, franano le anime dei fantasmi che Estella, la protagonista di questo intenso e struggente romanzo, cerca di tenere in vita con disperato accudimento. Voci, dialoghi, storie di un mondo chiuso dove la ricchezza e la miseria sono impastate con la stessa terra nera. Capricci, ferocie, crudeltà, memorie e colpe di un paese condannato a ritornare alla terra. Come tra le quinte di un teatro ecco aggirarsi un anarchico, un venditore di vasi da notte, una donna che non vuole sposarsi, un banditore cieco, una figlia che immagina favole, un padre abile nel distruggerle. Con Carmen Pellegrino l'abbandonologia diviene scienza poetica. E questo modo particolare di guardare le rovine, di cui molto si è parlato sui giornali e su internet, ha finalmente il suo romanzo.

Categoria: Narrativa

Editore: Giunti

Collana:

Anno: 2015

ISBN: 9788809792548

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Dal Campiello 2015

Cade la terra” di Carmen Pellegrino è un romanzo articolato in tre parti, ciascuna delle quali viene introdotta dalle intense rime di illustri poeti.

Parte prima – La casa dell’olmo

Estella (“Gli occhi fissi come quelli di una civetta erano azzurri, un vero spreco di colore turchino, accentuato dai capelli che le sbattevano biondi sulle spalle”) ritorna ad Alento (“Il paese, che aveva sempre camminato, ora sembrava aver camminato di più nella sua coperta di fango, con gli abitanti che si erano ritirati più a nord, sopra una porzione di terra meno tremolante”) dopo un’esperienza fallimentare di monaca (“Una disturbata che era entrata giovanissima in monastero e che se ne era scappata di notte, dopo appena due anni, con l’abito di monaca addosso. Vennero da Napoli a riprenderselo e lei se lo tolse davanti alla chiesa”). Trova ricovero come istitutrice nella villa del notaio de Paolis, ove le viene affidato il figlio Marcello, un ragazzo problematico e nosofobico.
Grazie alla filantropia dei de Paolis, la villa è il fulcro della vita (“In questa casa sono passati molti degli alentesi”) di un paesino agonizzante e instabile prevalentemente abitato da “bifolchi” (“Pastori, giumentieri, vaccari…”), nel quale perfino il culto (“La statua della Madonna della Frana”) sembra alludere al precario destino di morte che aleggia sul borgo fatiscente.
Nonostante le disposizioni cittadine (“L’ordine di lasciare il borgo è stato perentorio, si corre un rischio grave a restare”), Estella decide di continuare ad abitare nella casa pericolante (“Questa casa cominciò a diruparmi addosso – un frullio di calcinacci dietro l’altro…”), anche quando tutti gli abitanti si trasferiscono per scampare alla distruzione (“Ogni povera cosa a un certo punto ha cominciato a parlarmi, a fare clamore dentro il gioco della memoria…”).

Parte seconda – L’attesa

Relegata nella sua pertinace solitudine (“Questo piccolo mondo autistico dove rinasco e muoio ogni volta”), Estella dà spazio alle storie di personaggi la cui memoria riecheggia nell’atmosfera spettrale del paese fantasma: l’anarchico Cola Forti, sua figlia Libera costretta in sposa al Guercio, l’infelice Lucia Parisi, rea di aver rotto una lampadina, Consiglio e Custoda Parisi  con la figlioletta Mariuccia, Giacinto il guardio in attesa di un berretto che consacri il suo ruolo, il commerciante Maccabeo (“Gli industrianti… che conducevano i loro affari investendo e costruendo, malgrado la terra sotto i loro piedi digradasse come un fianco di monte”) che ha i figli Antonio e Luchino al fronte.
E sono storie di povera gente, di donne che vivono il sesso come costrizione, storie di superstizione (“Era una civetta”), tradizioni (“Ricordatevi che entrate nella purificazione”) e pratiche primitive (“Dopo la nascita di Michelino mi hanno fatto lo strappamento”), di malasanità (“Cadete tutti a pezzi in questo paese. Ho fatto un’iniezione per un’altra alla bambina”).

Parte terza – La cena

Anticipato sinistramente nel prologo (“Per l’occasione ho indossato il mio vestito della festa, un abito di velluto alla moda… va bene, va bene, la moda di cento anni fa”), l’epilogo celebra la cena metafisica (“La verità è che li tieni prigionieri perché ti senti sola e ne muori”) alla quale partecipano lo scetticismo di un vivo (Marcello), i fantasmi dei personaggi evocati nella seconda parte e, in posizione medianica (“Li guardo… i miei ospiti, tanto ben disposti nella morte, mentre calmi e gravi parlano e levano le coppe”), Estella, così sospesa tra passato e presente, così sprovvista di un futuro.

La prima parte viene introdotta dai versi di “Amore per la vita” di Alfonso Gatto, la seconda è abbinata a “Forse un mattino andando in un’aria di vetro” di Montale, la terza non può che accompagnarsi ad alcune rime de “Il giorno dei morti” di Pascoli.

Cade la terraè il riuscito esperimento di interpretare una storia personale anche attraverso poesie bellissime. Cade la terraè il refrain di un gioco elementare e un girotondo (nel romanzo sono citati il gioco della staccia e “Regina reginella… quanti passi mi vuoi dare per arrivare al tuo castello?”) danza Carmen Pellegrino, che rappresenta il problema fondamentale dell’esistenza – l’inesistenza della realtà, così ben visualizzato da Montale – senza rinunciare al sogno disperato di comunicare con persone e cose, contrapponendo la letteratura alla triste realtà italiana della deriva idrogeologica e dello spopolamento progressivo di nuclei atavici nei quali affondano le nostre radici soffocate dal meccanicismo anonimo (Chiedete ragione di singole esistenze che però erano parte di un luogo e di una comunità”)  e impersonale della storia (Subito mi chiedo quale sia la storia che raccontiamo. Una storia di esclusione, senza dubbio, ma anche di vite dissipate, trascorse senza gridi, senza gesti”). 

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Carmen

Pellegrino

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pellegrino Carmen


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

A Fercolo, piccolo centro dell’entroterra calabrese, vive l’umanità del romanzo. Un’umanità complessa e dolorosa, caratterizzata da situazioni irrisolte e trasversali nell’incertezza dei rapporti. Un professore precario, un politico navigato, una prostituta, un ragazzino alla ricerca del vero padre, due studenti dagli opposti destini, un maresciallo a caccia di un omicida. Un viaggio in pulmino, tra strade e paesi di Calabria, una terra con le sue smemoratezze, “i suoi caratteri, il rammarico profondo per tutto quello che potrebbe essere e non è.” Un viaggio che, seppur breve, rimescola le carte e i rapporti, rimette in discussione le singole vite, stravolgendole: dopo non sarà più come prima. Vicende umane, tra derive e riscatti, paesaggi del cuore e di una regione che, aspra e dura, cerca tenerezza. Prefazione di Pino Aprile.

L’assenza che volevo

Talarico Olimpio

In una Istanbul labirintica e malinconica, un giovane avvocato scopre improvvisamente che la moglie è svanita nel nulla. Anche il fratellastro di lei, un celebre giornalista, è introvabile. Inizia così un giallo filosofico che porterà l'improvvisato detective a scoprire ciò che non avrebbe mai voluto sapere.

IL LIBRO NERO

Pamuk Ohran

Buenos Aires, 2001. Perla Correa è sempre riuscita a ingannare tutti quelli che la circondano. Ogni mattina si sveglia e lucida la sua superficie di studentessa modello, bella ragazza radiosa, irreprensibile figlia di buona famiglia. Sua madre è avvolta di bellezza e foulard importati e suo padre è un uomo forte e fiero nella sua uniforme militare perfettamente stirata. Perla è sempre stata considerata molto fortunata ad averli come genitori. Eppure questa è solo una maschera che la ragazza indossa per nascondere il dubbio che le si agita dentro, e sul quale invano tenta di chiudere gli occhi. Un dubbio che si nutre di mezze frasi delle compagne di classe, sguardi impauriti dei vicini, libri di storia sui "desaparecidos" che suo padre le ha tassativamente proibito di leggere. Ma una notte, mentre è sola in casa, un uomo entra nel suo salotto. Sembra solo, disperato e affamato. È lì per raccontarle una storia. Una storia che narra di due ragazzi giovani che si amavano, di pesanti stivali neri che sfondano la porta di casa, di un carcere senza scampo e di un ultimo volo sul Rio de La Piata. E che incendia la vita perfetta di Perla riducendola in fumo. Inizia così un viaggio che la costringe a confrontarsi con la vera sé stessa e con la storia più dolorosa del suo paese. Dove solo il fuoco del coraggio che ha sempre nascosto tra le pieghe di una falsa tranquillità l'aiuterà a rinascere una seconda volta dalle sue ceneri.

LA RAGAZZA DAI CAPELLI DI FIAMMA

De Robertis Carolina

Ci sono onde che arrivano e travolgono per sempre la superficie calma della vita. Succede a Luna, bimba albina dagli occhi così chiari che per vedere ha bisogno dell'immaginazione, eppure ogni giorno sfida il sole della Versilia cercando le mille cose straordinarie che il mare porta a riva per lei. Succede a suo fratello Luca, che solca le onde con il surf rubando il cuore alle ragazze del paese. Succede a Serena, la loro mamma stupenda ma vestita come un soldato, che li ha cresciuti da sola perché la vita le ha insegnato che non è fatta per l'amore. E quando questo tsunami del destino li manda alla deriva, intorno a loro si raccolgono altri naufraghi, strambi e spersi e insieme pieni di vita: ecco Sandro, che ha quarant'anni ma vive ancora con i suoi, e insieme a Marino e Rambo vive di espedienti improvvisandosi supplente al liceo, cercando tesori in spiaggia col metal detector, raccogliendo funghi e pinoli da vendere ai ristoranti del centro. E poi c'è Zot, bimbo misterioso arrivato da Chernobyl con la sua fisarmonica stonata, che parla come un anziano e passa il tempo con Ferro, astioso bagnino in pensione sempre di guardia per respingere l'attacco dei miliardari russi che vogliono comprarsi la Versilia. Luna, Luca, Serena, Sandro, Ferro e Zot, da un lato il mare a perdita d'occhio, dall'altro il profilo aguzzo e boscoso delle Alpi Apuane. Quando il dolore arriva a schiacciarli lì in mezzo, sarà la vita stessa a scuoterli con i suoi prodigi, sarà proprio il mare che misteriosamente comincerà a parlare. E questa armata sbilenca si troverà buttata all'avventura, a stringersi e resistere in un on the road tra leggende antiche, fantasmi del passato, amori impossibili e fantasie a occhi aperti, diventando così una stranissima, splendida famiglia. _____________________________________ Fabio Genovesi ha scritto un romanzo traboccante di personaggi e di storie, sospeso come un sogno, amaro ed esilarante, commovente e scatenato come la vita vera. Un romanzo che parla la lingua calda e diretta dei suoi personaggi, che scava dentro esistenze minime e laterali per trovarci un disegno: spesso lo chiamiamo "caso", ma la sua magia è così scintillante che per non vederla bisogna proprio tenere gli occhi stretti.

Chi manda le onde

Genovesi Fabio