Narrativa

CAFFE’ BABILONIA

Mehran Marsha

Descrizione: Guidata dal vecchio giardiniere che curava in Persia le terre della sua casa d’infanzia, Marjan Aminpour ha imparato sin da bambina a coltivare le piante. A Ballinacroagh, il villaggio dell’Irlanda occidentale dove, dopo essere scappata dall’Iran khomeinista, si è stabilita assieme a Bahar e Layla, le sue sorelle più piccole, Marjan ha aperto il Caffè Babilonia, un locale ricavato dall’ex panetteria di Estelle Delmonico, la vedova di un fornaio italiano. Col cardamomo e l’acqua di rose, il basmati, il dragoncello e la santoreggia, Marjan prepara le sue speziate ricette persiane, e la gente di Ballinacroagh accorre ogni giorno numerosa al Caffè Babilonia, attratta dalle pareti vermiglie, dalle zuppe di melagrana e dal samovar del tè sempre pronto. Marjan potrebbe finalmente godere dei suoi meritati piccoli trionfi se un perfido scherzo del destino non si fosse preso la briga di turbarla profondamente: Layla, la sorellina che si è conquistata subito la simpatia dell’intera Ballinacroagh, si è innamorata, ricambiata, di Malachy McGuire, uno dei figli di Thomas McGuire, il boss del villaggio che possiede un’infinità di pub e ambirebbe volentieri a mettere le mani sul Caffè Babilonia...

Categoria: Narrativa

Editore: Beat

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788865591505

Trama

Le Vostre recensioni

Dolmeh, baklava, abgusht… Vi sembrerà di sentire l’odore delle spezie e dell’Oriente, vi verrà voglia di preparare un piatto a base di cardamomo, basmati e dragoncello e di lasciarvi trasportare in una terra di antichi deserti.

Marjan ha un grande talento per le piante, che coltiva sin da bambina seguendo gli insegnamenti di Baba Pirooz, il giardiniere che curava le terre della sua casa d’infanzia. Questa passione non l’ha abbandonata neanche dopo la partenza dall’Iran: persino a Londra, dove ha vissuto negli ultimi sette anni, ha trovato tempo e modo di “far crescere un arcobaleno di erbe aromatiche nei vasi di ceramica blu allineati sul davanzale della cucina”.

Marjan vive con le due sorelle minori, Bahar e Layla.

Se Layla ispirava concupiscenza nei ragazzi e sogni di gioventù negli adulti, Marjan aveva un effetto magico sia sugli uomini che sulle donne in un modo più pratico, ma non meno affascinante. Con le sue ricette spingeva le persone verso imprese che prima parevano impossibili (…)”.

Adesso le sorelle Aminpour si trovano nella cittadina di Ballinacroagh e stanno per inaugurare il Caffè Babilonia. Impresa non facile in un villaggio bigotto abituato solo al sapore dell’arrosto e all’aroma del caffè. Per di più, l’arcigno Thomas McGuire, il re degli alcolici, ha non poco da ridire sulla nuova apertura…

Una bella galleria di personaggi popola la storia di pettegolezzi e maldicenze, aggiungendo un pizzico di folklore e una manciata di buonumore; un segreto doloroso sa renderla amara quanto basta e naturalmente, tra gli ingredienti scelti da Marsha Mehran per condire la sua opera, non poteva mancare l’amore…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marsha

Mehran

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mehran Marsha

NIHAD SIREES: Stiamo combattendo contro la storia ufficiale di un regime

«Straordinario, questo romanzo di Roth; è stupefacente, sferzante, uno dei capolavori narrativi piú insoliti che mi sia capitato di leggere... Una vera delizia». James Wood, «New Republic» Il teatro di Sabbath è una creazione comica di proporzioni epiche, e Mickey Sabbath ne è lo smisurato eroe. Un tempo burattinaio scandalosamente creativo, a sessantaquattro anni Sabbath conserva il suo sprezzante antagonismo e la sua sfrenata libidine. Ma dopo la morte della sua amante di vecchia data - uno spirito libero in fatto di erotismo, la cui audacia nell'adulterio supera perfino quella dello stesso Sabbath - egli s'imbarca in un viaggio turbolento nel proprio passato. Nudo e dolente, perseguitato dai fantasmi di coloro che piú l'hanno amato e odiato, ordirà una sequela di disastri farseschi che lo condurranno sull'orlo della follia e dell'estinzione.

Il teatro di Sabbath

Roth Philip

"Vuoi sposarmi?" Abby non ha dubbi: è Travis l'uomo che vuole accanto a sé per tutta la vita. Lui è l'unico in grado di leggerle dentro, l'unico a conoscere cosa si nasconde nella sua anima. "Sì". La risposta di Travis arriva direttamente dal suo cuore. Quel cuore che ha cercato di proteggere dall'amore per tanto tempo costruendo intorno delle barriere. Fino all'arrivo di Abby a cui è bastato uno sguardo per sciogliere quella corazza. Qualcosa di speciale li unisce. Ma lei sa bene che i guai non sono mai troppo lontani con un ragazzo come Travis nei paraggi. Per questo hanno davanti una sola scelta per realizzare il loro sogno: volare a Las Vegas. Quando il fatidico momento si avvicina Abby e Travis inaspettatamente sono nervosi. I loro dubbi si risvegliano all'improvviso: hanno diciannove anni e si conoscono da pochi mesi. E soprattutto lui è il ragazzo sbagliato per eccellenza e lei una ragazza in fuga da sé stessa e da un segreto difficile da confessare. Eppure davanti all'altare, mano nella mano, occhi negli occhi, non c'è più nulla da temere. Ci sono solamente loro e tutto quello che li ha portati fin lì: quella scommessa da cui ogni cosa è cominciata, i tentativi di stare lontani l'uno dall'altro, il primo infinito bacio, le promesse disattese, la scoperta di essere perdutamente innamorati. Finalmente sono marito e moglie, per sempre. Sono una cosa sola. Ma ora che il passato tormentato di Travis arriva a chiedere il conto, insieme sanno come affrontarlo.

Un disastro è per sempre

McGuire Jamie

IL MAESTRO E MARGHERITA – di Michail Bulgakov