Poesia

Canti di Pentecoste

Leino Eino

Descrizione: Testamento spirituale del maggiore poeta finlandese. i "Canti di Pentecoste", raccolta di ballate, leggende e miti, sono le tappe di un viaggio in un immaginario intimo e primitivo e un maestoso sforzo poetico di sintesi tra coscienza europea, tradizione balto-finnica e simbolo universale. Redatti in due tomi (1903 e 1916) ed ispirati alle "cerimonie liriche di Pentecoste" o helkajuhla di Ritvala, rito pagano della fertilità permeato da elementi del cristianesimo medioevale, i ventinove poemi sono riflessioni originali e profonde sulle questioni centrali del pensiero moderno: il superuomo e la volontà eroica di fronte alla morte, lo slancio faustiano e la magia come riscatto cosmico dell'io, l'identità nazionale, l'interpretazione romantica e la dimensione tragica, vero sigillo d'equilibrio tra forze apollinee e dionisiache.

Categoria: Poesia

Editore: Mimesis

Collana: Filosofie

Anno: 2013

ISBN: 9788857512150

Recensito da Ilaria Spes

Le Vostre recensioni

Canti di Pentecoste”  di Eino Leino

Eino Leino è lo pseudonimo dello scrittore finlandese Armas E. Leopold Lönnbohm (Paltamo 1878 – Tuusula 1926). Fu poeta lirico e drammatico, romanziere e critico. Tradusse la Divina Commedia (Jumalainen näytelmä, 1912-14) in endecasillabi non rimati, oltre a opere di Racine, Corneille, Goethe, ecc.

I “Canti di Pentecoste“, tradotti per la prima volta in italiano grazie a Marcello Ganassini, si articolano in due sezioni (la prima datata 1903, la seconda 1916).

Le poesie sono ballate nelle quali risultano fuse almeno quattro anime dell’autore: il lirismo personale, la matrice legata alla mitologia classica, le radici della tradizione nordica e finnica, lo spirito culturale europeo riconducibile anche a quanto brevemente sopra indicato nelle note biografiche.

Le diverse anime si fondono in un assolo: ossia nella rappresentazione simbolica che utilizza principi tanto cristiani quanto pagani e scolpisce in forma scritta le immagini attinte dalla tradizione orale e dal folklore. Come confermano le note critiche del traduttore, l’uralista e filologo Marcello Ganassini: “Fino a tempi recenti nel villaggio di Ritvala presso Sääksmäki (Pirkanmaa) la domenica di Pentecoste si snodava un corteo costituito da due file di vergini in processione che si riunivano su un’altura (helkavuori) per formare una figura che ricordava quella del sole. Le giovani intonavano i versi di tre ballate d’origine medievale … ricche di elementi storici e folkloristici frutto di un marcato sincretismo tra figure del paganesimo e del cristianesimo. Al termine della solenne cerimonia cui veniva attribuito un valore votivo le vergini rivolgevano un saluto a Gesù e alla Vergine Maria: si riteneva che la fertilità della terra e il successo del raccolto alla fine dell’estate dipendessero dalla buona riuscita di tale coreografia sacra.”

Le note critiche ai componimenti consentono di meglio comprendere una tradizione per molti di noi lontana. Meno lontana, forse, se pensiamo a questa raccolta nella sua connessione con alcune tematiche proposte dal filosofo (quasi contemporaneo rispetto al poeta finlandese) F. Nietzsche: l’eredità spirituale di un’antichità vitale e mitologica; la contrapposizione dell’apollineo e del dionisiaco; la dimensione tragica del superuomo. Magari rappresentata – per contrasto – in modo caricaturale come in “Folletto delle tenebre“:

come sfida dell’eroe di ghiaccio

odio dell’acciaio sfolgorante

E, ancora poco lontana dai nostri giorni, se pensiamo alla letteratura fantasy che si è ispirata al linguaggio e ai contenuti dei miti nordici. Come in “Sirene al bagno“, ove la leggenda di Atteone che sorprende il bagno di Artemide si fonde con quello della ninfe acquatiche della mitologia baltica:

Tre sono le fanciulle d’Hiisi,

si spogliaron delle penne,

se ne andarono a bagnarsi;

giunsero al calar del sole

per svanire in mare all’alba.

Stava Lippo uccellatore

Dietro un masso maculato,

prese le ali tanto belle.

Pregevole anche la scelta tecnica del traduttore di conservare il più possibile l’impostazione metrica originale (l’ottonario trocaico): la traduzione in ottonari e decasillabi consente di proporre l’opera rimanendo fedeli al testo originale.

Il mio giudizio sintetico sui “Canti di pentecoste“? Davvero una bella occasione per conoscere, nella poesia, un’altra Pentecoste, rispetto a quella degli “Inni sacri” di Manzoni!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Eino

Leino

Libri dallo stesso autore

Intervista a Leino Eino

Rebecca è una donna dai molti segreti. Mentre si sposta lungo l'America tenendo stretto per mano il figlio Niley, lascia dietro di sé pezzi enormi del suo passato. Una famiglia giunta dall'Europa carica degli orrori della Seconda guerra Mondiale, un marito che trova sfogo alla durezza della vita quotidiana nella violenza sulla propria moglie, una lettera da un lontano cugino, sopravvissuto all'Olocausto, che le rivela dei suoi genitori più di quanto essi avrebbero mai voluto confessare. L'unica soluzione, per Rebecca e Niley, sembra dunque quella di partire. Partire e reinventarsi. In fondo l'America, è anche questo. Ma riuscirà quel giovane, immenso e violento paese a proteggere una madre e un figlio?

La figlia dello straniero

Oates Joyce Carol

"Piove merda dal cielo. Gocce pesanti che, cariche di sabbia proveniente dalle sponde africane del Mediterraneo, esplodono sul parabrezza. La notte è incazzata. Fredda e buia. Il ritmo dei tergicristalli eccessivo e fastidioso". Fosco vive a Ibiza, ha reciso ogni legame con il passato. "La vocina che ti parla da dentro, che ti consiglia di muoverti con cautela, si fa più insistente. Se avesse anche un volto, ti lancerebbe un'occhiata colma di disapprovazione. Resta fiori dai guai, dice. Troppo tardi, rispondi". Uno sparo sordo nella notte. Fosco oggi non è più un poliziotto, convive con un proiettile incastrato nella testa, con i flash back dei ricordi e poche certezze. Tornerà a Milano dopo una sconvolgente telefonata e sarà costretto a indagare sulla morte sospetta di uno dei suoi migliori amici. Interpretando suo malgrado il ruolo dello sfidante in un gioco perverso e pericoloso.

L’ultimo respiro della notte

Pastori Ferdinando

Una nuova avventura per Stella Spada. Diventata responsabile dell’agenzia investigativa SS, in questo romanzo dovrà indagare, con il suo metodo molto personale, sul caso di una ragazza scomparsa da quindici anni.

Terra alla terra

Lusetti Lorena

Natalia, bellezza prorompente, ribelle per natura ma madre giovanissima. Suo marito, chiuso "per indole naturale o per disperazione nei confronti di quella moglie bambina troppo bella e altrettanto indomabile, dedito al gioco e al bere". Loro figlio Renzo, sempre serio ma felice, con il privilegio di avere una madre tutta per sé quando i genitori si separano. Cominciamo a conoscerli dall'album di famiglia, quando ancora abitavano in Istria, immortalati in tanti istanti di vita felice. Poi, per tutti, viene l'esilio, che porta i loro corpi a trasferirsi in un luogo alieno, mentre la vita non vuole saperne di staccarsi dall'Istria, angolo incantato di Adriatico. Ecco, quindi, che Natalia, Renzo e gli altri personaggi si ritrovano muti nell'animo e paralizzati nei sentimenti. La voce narrante passa così prima alle case testimoni di vita ormai lontana e di desolazione presente -, poi addirittura agli oggetti - una credenza, un pettine, un orologio... -, divenuti unici depositari della memoria. Perché le anime sono rimaste altrove.

L’anima altrove

Mori Anna Maria