Poesia

Canti di Pentecoste

Leino Eino

Descrizione: Testamento spirituale del maggiore poeta finlandese. i "Canti di Pentecoste", raccolta di ballate, leggende e miti, sono le tappe di un viaggio in un immaginario intimo e primitivo e un maestoso sforzo poetico di sintesi tra coscienza europea, tradizione balto-finnica e simbolo universale. Redatti in due tomi (1903 e 1916) ed ispirati alle "cerimonie liriche di Pentecoste" o helkajuhla di Ritvala, rito pagano della fertilità permeato da elementi del cristianesimo medioevale, i ventinove poemi sono riflessioni originali e profonde sulle questioni centrali del pensiero moderno: il superuomo e la volontà eroica di fronte alla morte, lo slancio faustiano e la magia come riscatto cosmico dell'io, l'identità nazionale, l'interpretazione romantica e la dimensione tragica, vero sigillo d'equilibrio tra forze apollinee e dionisiache.

Categoria: Poesia

Editore: Mimesis

Collana: Filosofie

Anno: 2013

ISBN: 9788857512150

Recensito da Ilaria Spes

Le Vostre recensioni

Canti di Pentecoste”  di Eino Leino

Eino Leino è lo pseudonimo dello scrittore finlandese Armas E. Leopold Lönnbohm (Paltamo 1878 – Tuusula 1926). Fu poeta lirico e drammatico, romanziere e critico. Tradusse la Divina Commedia (Jumalainen näytelmä, 1912-14) in endecasillabi non rimati, oltre a opere di Racine, Corneille, Goethe, ecc.

I “Canti di Pentecoste“, tradotti per la prima volta in italiano grazie a Marcello Ganassini, si articolano in due sezioni (la prima datata 1903, la seconda 1916).

Le poesie sono ballate nelle quali risultano fuse almeno quattro anime dell’autore: il lirismo personale, la matrice legata alla mitologia classica, le radici della tradizione nordica e finnica, lo spirito culturale europeo riconducibile anche a quanto brevemente sopra indicato nelle note biografiche.

Le diverse anime si fondono in un assolo: ossia nella rappresentazione simbolica che utilizza principi tanto cristiani quanto pagani e scolpisce in forma scritta le immagini attinte dalla tradizione orale e dal folklore. Come confermano le note critiche del traduttore, l’uralista e filologo Marcello Ganassini: “Fino a tempi recenti nel villaggio di Ritvala presso Sääksmäki (Pirkanmaa) la domenica di Pentecoste si snodava un corteo costituito da due file di vergini in processione che si riunivano su un’altura (helkavuori) per formare una figura che ricordava quella del sole. Le giovani intonavano i versi di tre ballate d’origine medievale … ricche di elementi storici e folkloristici frutto di un marcato sincretismo tra figure del paganesimo e del cristianesimo. Al termine della solenne cerimonia cui veniva attribuito un valore votivo le vergini rivolgevano un saluto a Gesù e alla Vergine Maria: si riteneva che la fertilità della terra e il successo del raccolto alla fine dell’estate dipendessero dalla buona riuscita di tale coreografia sacra.”

Le note critiche ai componimenti consentono di meglio comprendere una tradizione per molti di noi lontana. Meno lontana, forse, se pensiamo a questa raccolta nella sua connessione con alcune tematiche proposte dal filosofo (quasi contemporaneo rispetto al poeta finlandese) F. Nietzsche: l’eredità spirituale di un’antichità vitale e mitologica; la contrapposizione dell’apollineo e del dionisiaco; la dimensione tragica del superuomo. Magari rappresentata – per contrasto – in modo caricaturale come in “Folletto delle tenebre“:

come sfida dell’eroe di ghiaccio

odio dell’acciaio sfolgorante

E, ancora poco lontana dai nostri giorni, se pensiamo alla letteratura fantasy che si è ispirata al linguaggio e ai contenuti dei miti nordici. Come in “Sirene al bagno“, ove la leggenda di Atteone che sorprende il bagno di Artemide si fonde con quello della ninfe acquatiche della mitologia baltica:

Tre sono le fanciulle d’Hiisi,

si spogliaron delle penne,

se ne andarono a bagnarsi;

giunsero al calar del sole

per svanire in mare all’alba.

Stava Lippo uccellatore

Dietro un masso maculato,

prese le ali tanto belle.

Pregevole anche la scelta tecnica del traduttore di conservare il più possibile l’impostazione metrica originale (l’ottonario trocaico): la traduzione in ottonari e decasillabi consente di proporre l’opera rimanendo fedeli al testo originale.

Il mio giudizio sintetico sui “Canti di pentecoste“? Davvero una bella occasione per conoscere, nella poesia, un’altra Pentecoste, rispetto a quella degli “Inni sacri” di Manzoni!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Eino

Leino

Libri dallo stesso autore

Intervista a Leino Eino


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il commissario Ricciardi è il protagonista indiscutibile della scena criminale della Napoli anni Trenta. I casi che prende in consegna vengono risolti con abilità e precisione che lascia sconcertati i suoi colleghi e le istituzioni. A non tutti piace questa sua capacità che si dice sia innaturale, dettata addirittura dal demonio. Certo Ricciardi ha dalla sua un dono, quello di ascoltare le ultime parole del morto assassinato nel luogo del delitto. Un’abilità divinatoria che lo inserisce quasi in una categoria stregonesca. Eppure a volte neanche questi mezzi sembrano bastare di fronte ai misteri di certi crimini. Il Giorno dei Morti viene rinvenuto il cadavere di un bambino. Ricciardi è allertato e parte subito con la ricerca degli indizi. È un’indagine che però nasce in nefaste condizioni. Le autorità fermano ogni tipo di inchiesta perché sta per arrivare in città Benito Mussolini. Non è il caso di distogliere l’attenzione e a Ricciardi viene sottratta la pratica. Al giovane e coraggioso commissario toccherà indagare in modo clandestino, ma soprattutto dovrà indagare senza alcun indizio perché nel luogo del delitto, per la prima volta non viene avvertita alcuna voce. A questo punto un interrogativo: ha esaurito il suo dono oppure quel bambino non è stato ucciso lì? Maurizio De Giovanni torna con la sua voce inconfondibile e le atmosfere di una Napoli ipnotica e affascinante al quarto romanzo sul commissario che di storia in storia conquista e avvince sempre più lettori.

Il giorno dei morti

De Giovanni Maurizio

Case Rosse, minuscolo borgo nell'Appennino tosco-emiliano, ha un primato: è la sede del commissariato più piccolo d'Italia, diretto da Roberto Serra – che viene da Roma ed è considerato uno ed fòra – con l'aiuto dell'agente Manzini. Non succede mai nulla se non qualche rissa tra ubriachi il sabato sera. Ma la notte del Capodanno del 1995 una telefonata sveglia Manzini in piena notte. Ci sono tre cadaveri al Prà grand, uccisi senza pietà. I due poliziotti accorrono sul luogo del delitto e uno spettacolo raccapricciante si presenta ai loro occhi: un uomo, una donna e una bambina sono stati colpiti a morte da distanza ravvicinata con un fucile. È un'esecuzione, senza alcun dubbio. Ma non ci sono schizzi di sangue intorno alle vittime e la loro posizione non combacia con la traiettoria degli spari. A chi appartengono questi corpi straziati che chiedono giustizia? Chi ha violato la pace di quel piccolo paese perso tra le montagne, e per quale motivo? E perché così tanta violenza da sorprendere anche un uomo come Roberto Serra, abituato a omicidi ben più efferati? Per il commissario comincerà un'indagine che lo porterà a rivivere il passato del luogo in cui si è rifugiato, e ad affrontare i demoni che albergano nella sua anima e nel suo cuore. Un romanzo che affonda le radici nelle pagine più sanguinose della storia del Ventesimo secolo. Un nuovo autore italiano che lancia la sfida ai maestri del thriller internazionale.

VENTI CORPI NELLA NEVE

Pasini Giuliano

"In bilico. Storie di animali terrestri" contiene dodici racconti inediti. Questi nuovi racconti italiani, scritti da autori nati tra gli anni Settanta e gli anni Ottanta, descrivono la realtà del nostro paese, tra speranze, desideri, tra crisi del lavoro e volontà di cambiamento, in cerca di un nuovo possibile destino. Con racconti di: Paolo Colavero, Gianluca Conte, Luigi De Gregorio, Marco Goi, Belisario Laveneziana, Angela Leucci, Valentina Luberto, Paolo Merenda, Antonio Montefusco, Annarita Pavone, Marina Piconese.

In bilico. Storie di animali terrestri

Autori Vari

Harry Potter è un predestinato: ha una cicatrice a forma di saetta sulla fronte e provoca strani fenomeni, come quello di farsi ricrescere in una notte i capelli inesorabilemte tagliati dai perfidi zii. Ma solo in occasione del suo undicesimo compleanno gli si rivelano la sua natura e il suo destino, e il mondo misterioso cui di diritto appartiene. Un mondo dove regna la magia; un universo popolato da gufi portalettere, scope volanti, caramelle al gusto di cavolini di Bruxelles, ritratti che scappano. Età di lettura: da 8 anni.

HARRY POTTER

Rowling J. K.