Scrittori

Cantico di borgata

Vergoni Gianfranco

Descrizione:

Categoria: Scrittori

Editore: IoScrittore

Collana:

Anno:

ISBN:

Recensito da Riccardo Melito

Le Vostre recensioni

Dario ed Enrico sono due giovani romani, l’uno sogna di diventare famoso grazie alla musica, l’altro lo segue mentre sbarca il lunario come meccanico, ogni tanto arrotondano cantando nell’osteria der Sor Guerino. Due tipici trentenni che si lasciano trasportare dalla vita, incapaci di reagire e di realizzarsi, imprigionati da quella borgata che li ha visti crescere. Sarà l’incontro con il bieco Capodajo, torbido manager, più calzante è il romano “ricottaro”, e la sua avvenente segretaria Gabriella, a dare una svolta al corso delle loro monotone vite. Solo attraverso una tragedia catartica, i due amici sapranno ritrovare se stessi e si faranno strada nel mondo riscoprendo l’importanza delle cose semplici e dell’amore.

La narrazione procede attraverso i pensieri dei singoli personaggi, che di capitolo in capitolo prendono la scena e raccontano il dispiegarsi degli eventi. La dimensione è esclusivamente introspettiva e l’assenza di dialoghi lascia intendere una solitudine di fondo, insuperabile. Tutto è visto con un certo distacco, non c’è più differenza tra narratore e personaggi, tanto che questi ultimi ne rivestono a turno il ruolo. A ciascuno è poi garantito il suo spazio di celebrità, così c’è almeno un capitolo per ognuno, Vergoni ci lascia assaggiare almeno un pizzico della psiche di ogni attore ed è solo la quantità di capitoli a dare il peso del suo contributo alla narrazione, non il modo in cui è affrontato e raccontato il personaggio.  

A farla da padrone non è tanto la città di Roma nella sua spazialità, nei suoi luoghi; quanto il suo ethos, quell’attitudine irriverente e ironica che è nel senso comune spesso attribuita ai romani. Ethos che è rappresentato da Enrico e da Dario, due facce della stessa medaglia, buono e taciturno, ingenuo e laboriosol’uno; iperattivo e sarcastico, sfaticato e inconcludente, ma altrettanto buono e credulone l’altro. Quasi a dire che i romani sono degli scansafatiche, ma non sono cattivi. Una sorta di Rugantino bifronte, privo della mano “sverta cor cortello”.

Vergoni traccia un “Pasticciaccio brutto ai tempi di Maria De Filippi”, un ritratto delle aspirazioni frustrate di chi nasce in borgata e vuole fuggire, passare a frequentare i “pariolini”, i quartieri bene di Roma Nord, emergere, diventare famoso e non capisce che la felicità si trova invece proprio in quella borgata che gli ha dato i natali, in quelle cose semplici che rendono la vita meravigliosa, nella bontà di un gesto delicato come una carezza. La prosa è ricca di metafore, similitudini, barocchismi di ogni genere, ha un tono che si confà al talk show televisivo e ben si adatta a descrivere i pensieri di questi “borgatari”. Vergoni, già autore teatrale, trasforma in romanzo una sua commedia musicale “Sotto il cielo di Roma – Trasteverini”, traccia una storia che si snoda da un muro dell’Anagnina e affronta con ironia e leggerezza il malessere contemporaneo, che parla di buoni sentimenti, verrebbe da dire cattolica visto il “cantico” del titolo, ma priva di quel perbenismo che spesso affligge il sentimento religioso.

 

Domande all’autore


vergoniCiao Gianfranco, questa non è la tua prima esperienza con la scrittura, perché hai voluto ridurre in forma di romanzo una tua commedia teatrale e perché hai voluto partecipare a questo concorso?

Dopo le repliche di SOTTO IL CIELO DI ROMA (TRASTEVERINI) presso il teatro della Cometa, a Roma,  avevo pensato che nell’ipotesi di una ripresa sarebbe stato utile per gli attori praticare delle scene supplementari, per approfondire i personaggi. Così ho iniziato a scrivere dei dialoghi in più, corrispondenti a quello che avveniva nella storia ma che non veniva rappresentato sulla scena… e i personaggi avevano così tanto da dire, che mi sono ritrovato in mano un romanzo. Ho partecipato a IoScrittore dopo aver spedito il manoscritto a una ventina di editori senza alcun risultato, e mi sembrava una buona occasione, se non altro per farlo leggere a qualcuno, e avere dei riscontri. Va detto che il romanzo inizialmente era molto difficile da leggere: scritto in romanesco, sgrammaticato, casuale, irto di tronche, apostrofi e accenti, con paragrafi lunghissimi, migliaia di virgole, a imitazione di un flusso di coscienza continuo. Infatti fu eliminato subito con voti bassissimi e commenti orrendi. L’anno dopo ho riscritto tutto in italiano, lasciandolo solo un po’ “sporco”, e ho incivilito la punteggiatura.

Cosa ti ha affascinato di più di Roma e cosa ti ha spinto veramente a farla protagonista delle tue opere?

Io vivo a Roma, la abito, la respiro, mi ci sveglio avvolto, la sua lingua è diventata la mia, la amo e la detesto come una sorella sciatta e rumorosa che sciupa la bellezza della sua gioventù.

Non credi che quelli rappresentati siano dei romani un po’ troppo stereotipati, più simili ad una maschera che ai veri abitanti della città?

Quando ci si muove nell’ambito della commedia, il rischio è sempre in agguato. Posso solo dire che alcuni dei personaggi sono totalmente ricalcati su persone esistenti. Va detto che il modo di pensare e di parlare di molti romani, strafottente, sempre pronto allo sberleffo e alla caciarata, non appena lo racconti, diventa subito stereotipo. Ma non è colpa di chi lo racconta! Io quando giro in metropolitana prendo sempre appunti: dai gruppi di ragazze che si muovono in gruppo verso il centro il sabato pomeriggio ho rubato una serie incredibile di spunti, che per quanto forzati possano sembrare, sono veri.

C’è qualcuno degli autori che hanno trattato Roma che pensi possa averti influenzato?

Io spero di essere influenzato il più possibile dallo straordinario lavoro drammaturgico di Gianni Clementi, di cui non perdo una commedia. Ma per la stesura del romanzo, tutta a monologhi, i miei riferimenti sono stati altri, e per pudore rinuncio a citarli.

Nel tuo romanzo l’amore vince su tutto, ma questa vittoria si raggiunge senza una critica vera e propria, piuttosto le cose vanno a posto quasi per magia, come mai questa concezione così fideistica per parlare di una borgata e dei suoi abitanti?

Esagerato! L’amore non vince per definizione, ma perché si accetta l’altro con i suoi limiti, le sue zone oscure, le sue debolezze, il suo passato, e all’altro ci si consegna senza mistificazione, faticando fianco a fianco. E le cose vanno a posto dopo che ci si rimbocca le maniche, si rinuncia alle velleità e alle scorciatoie, si fa pulizia, si ammettono gli sbagli, ci si dedica a un lavoro umile e pesante.  Però lo ammetto: volevo un finale di speranza e consolazione. Un lieto fine, come è d’obbligo appunto nelle commedie musicali. Tra l’altro sono single da sei anni… lasciatemi almeno sognare..! E non sono d’accordo sull’idea che tutto ciò che proviene dalla borgata debba necessariamente essere infetto, degradato, triste. Non è così. C’è anche vita, spontaneità, allegria.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gianfranco

Vergoni

Libri dallo stesso autore

Intervista a Vergoni Gianfranco

Ci sono scrittrici che hanno fatto della propria vita una storia irripetibile. Dacia Maraini è tra queste, come racconta Concita De Gregorio che, con sguardo tanto intimo quanto acuto, riporta alla luce istantanee senza tempo: i genitori ribelli e coraggiosi Fosco e Topazia, gli amici Pasolini, Callas, Visconti, Moravia e le passioni - il femminismo, il teatro, i viaggi - che hanno abitato l’esistenza di Dacia.

Non chiedermi quando

De Gregorio Concita

È la paura che gli dà la forza di correre. Il piccolo John Cameron non sente né la fame né il freddo e nemmeno si accorge di avere le braccia coperte di sangue. John sa soltanto che deve attraversare il bosco, nel buio. Solo così potrà chiedere aiuto per il suo amico James Sinclair. Solo così potrà salvare quello che rimane della sua innocenza… Seattle, oggi. Gli occhi bendati, le mani legate e una croce sulla fronte tracciata col sangue: è in questa macabra posa che il detective Alice Madison trova i cadaveri di James Sinclair e della sua famiglia, trucidati nella loro casa. Dalle prove rinvenute, sembra che il colpevole sia John Cameron, un criminale sospettato di numerosi altri delitti. Ma per Madison i conti non tornano: perché John Cameron avrebbe ucciso il suo amico d’infanzia? Perché avrebbe dovuto odiare proprio la persona con cui aveva condiviso un’esperienza devastante? C’è qualcosa di oscuro dietro quegli omicidi, qualcosa che affonda le radici nel buio di quella notte di venticinque anni prima, quando la polizia aveva salvato i due ragazzini, non riuscendo però ad arrestare i rapitori. E, per scoprire la verità, Madison dovrà entrare in sintonia con l’assassino, e accettare che, quando si volge lo sguardo verso un abisso di tenebra, anche la tenebra guarda dentro di noi.

Il dono del buio

Giambanco V. M.

C'è una piccola isola tra la Toscana e la Corsica, simile a una lancia di granito, che fora il Mediterraneo e punta minacciosa il cielo. Su quell'isola si sogna. Un uomo che ha perso l'amore e desidera solo lasciarsi morire. Un gruppo di persone che fanno della sopravvivenza il loro credo. Un clandestino cresciuto nelle fogne di Bucarest. Uno scienziato visionario e uno strano esperimento. Un delitto orribile, tra le rovine degli antichi Druidi. E la Fine del Mondo. Il libro di Morgan Perdinka, scritto nel 2003 - quattro anni prima del misterioso suicidio dell'autore -, pubblicato riscoperto e presentato dal maestro Danilo Arona.

MALAPUNTA

Perdinka Morgan

Si può sfuggire allo scorrere del tempo, come scrive l'autore di LA SCIENZA DI VIVERE PER SEMPRE? Esiste una connessione profonda tra la presenza di uno strano essere a Dartmoor, una nave in bottiglia, il tracciato di un ricamo all'uncinetto che rappresenta il mondo intero e le fate di Cottingley? Tra una recensione da consegnare e un libro da scrivere, Meg Carpenter non se la passava né troppo bene né troppo male. Aveva un ragazzo che era il classico inetto, certo. Arrivare alla fine del mese non era proprio una passeggiata, certo. E i libri erano tutta la sua vita, si potrebbe dire. Almeno fino a quando, tra le pagine di un testo di pseudoscienza, Meg non ha cominciato a guardare il suo tragico universo con occhi diversi. Tra psicologia e tarocchi, enigmi buddisti e teoremi di fisica, antiche cosmologie e leggende fatate, Meg si è messa alla ricerca delle risposte definitive a tutte le domande sul senso della vita e su come le relazioni nascano, crescano e poi, miseramente, muoiano. Mescolando filosofia e humour, ironia e colpi di genio, con IL NOSTRO TRAGICO UNIVERSO Scarlett Thomas ci regala un altro giro di giostra nella migliore letteratura: quella che fa sognare e riflettere senza soluzione di continuità.

IL NOSTRO TRAGICO UNIVERSO

Thomas Scarlett